it.lutums.net / 6 consigli per diventare un buon genitore allenatore di sport giovanile

6 consigli per diventare un buon genitore allenatore di sport giovanile


Quando la neve si scioglie, gli alberi riacquistano baldorie verdi e la luce del giorno prolunga le serate, milioni di ragazzi e ragazze invadono cortili scolastici, campi da calcio e diamanti da baseball per iniziare una nuova stagione di sport giovanili. I sondaggi indicano che quasi il 70% dei bambini di età compresa tra 6 e 12 anni partecipa a sport organizzati. Questa migrazione annuale ai campi sportivi è una buona cosa perché, secondo l'American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, gli sport aiutano i bambini a esercitarsi, fare amicizia, divertirsi, imparare a giocare come membri di una squadra, imparare a giocare alla fiera e migliorare autostima.

"Lo sport è uno dei pochi luoghi nella vita di un bambino in cui un genitore può dire: 'Questa è la tua cosa'", dice Rob Miller di Proactive Coaching LLC. "L'atletica è uno dei modi migliori per i giovani di assumersi dei rischi e affrontare il fallimento perché le conseguenze non sono fatali e non sono permanenti. Stiamo parlando di un gioco. Quindi di solito non vogliono o hanno bisogno di un genitore per salvarli quando qualcosa va storto. "

Ruolo dei genitori negli sport giovanili

La grande maggioranza (90%) delle squadre sportive giovanili è allenata da uno o più genitori che hanno figli nella squadra, un accordo necessario per mantenere a galla lo sport giovanile; poche squadre amatoriali o non scolastiche possono permettersi il costo di allenatori professionisti. Gli studi hanno dimostrato che insegnare a tuo figlio può essere un'esperienza meravigliosa sia per i genitori che per i bambini. L'attenzione extra aiuta il bambino a "prosperare come un fiore di serra nel calore dello sguardo dei genitori", dice l'esperto genitoriale e psicologo infantile Dr. Wendy Mogel. Sfortunatamente, esistono casi ben pubblicizzati in cui i conflitti sul campo tra allenatore e figlio vengono portati a casa e influenzano negativamente la relazione genitore-figlio.

"Solo perché sei un buon genitore non significa che diventerai un buon [genitore]", afferma il dott. Frank Smoll, professore di psicologia dell'Università di Washington specializzato in sport giovanili. Molti genitori allenatori hanno difficoltà a separare i loro ruoli di genitore e allenatore, portando a casa i problemi della pratica e dei giochi. Il tuo bambino potrebbe provare una pressione extra per compiacerti, soprattutto se sei troppo investito nel successo. Alcuni bambini non vogliono che i loro genitori allenino a causa della paura della reazione degli altri membri del team.

Nonostante tutti i vantaggi delle attività sportive, quasi il 75% dei bambini smette di praticare sport all'età di 13 anni principalmente perché il gioco non è più divertente. Perché? Forse a causa di un allenamento dei genitori troppo competitivo. Durante un sondaggio informale per un periodo di 30 anni, a centinaia di atleti del college è stato chiesto di ripensare: "Qual è il tuo peggior ricordo nel giocare ai giovani e agli sport delle scuole superiori?" La loro risposta travolgente: "Il ritorno a casa dai giochi con i miei genitori. ”

Come essere un buon genitore

Se puoi prendere una mentalità di coaching ed essere realista riguardo alle abilità del tuo bambino, insegnare a tuo figlio può essere un impegno positivo per entrambi. Prima di tutto, puoi passare più tempo insieme - dentro e fuori dal campo - poiché avrai qualcosa in comune, un legame dovuto a interessi condivisi nello sport e nella squadra. Inoltre, avrai un certo controllo sui tipi di cose che il bambino impara, su come viene insegnato e su eventuali problemi che si incontrano, che si tratti di apprendere, prendere lezioni, praticare sport o interagire con gli altri. Infine, il tuo bambino adorerà il tuo coinvolgimento - l'attenzione speciale, la lode e i benefici - anche se non lo dicono.

Se decidi di allenare la squadra di tuo figlio, tieni presente quanto segue:

1. Comprendi il tuo ruolo come allenatore

Un allenatore è principalmente un insegnante delle regole del gioco e le abilità fondamentali necessarie per svolgere uno sport, così come un costruttore di personaggi. L'obiettivo di un allenatore della gioventù è quello di insegnare ai bambini il divertimento dell'attività fisica, in particolare in relazione a uno sport particolare - non si tratta di vittorie o sconfitte o competizione tra giocatori.

I bambini piccoli si sviluppano fisicamente ed emotivamente a ritmi diversi, con ampie variazioni di dimensioni e coordinazione durante la preadolescenza. Due bambini di 10 anni possono avere solo la loro età in comune - uno può avere la costruzione e il coordinamento di un quattordicenne, mentre l'altro ha le dimensioni e gli attributi di un bambino di 8 anni. Il tuo lavoro come allenatore è quello di fornire un'atmosfera in cui ogni bambino ha l'opportunità di raggiungere e migliorare in base alle sue abilità uniche, mentre si diverte a praticare questo sport. Non sei né Joe Torre a guidare i New York Yankees in campionato, né Mike Krzyzewski a guidare la Duke University Blue Devils in un campionato nazionale. Il tuo ruolo è più importante per tuo figlio e per i suoi compagni di squadra rispetto a qualsiasi altro allenatore che potrebbero avere, perché la decisione di un bambino di continuare lo sport dipende spesso dalle loro esperienze durante i primi anni di apprendimento e gioco.

2. Sii un modello di ruolo positivo

Ricorda sempre che qualsiasi sport è solo un gioco, non un riflesso del proprio valore o potenziale. È facile perdere la prospettiva se vieni coinvolto negli aspetti competitivi. Giocare uno sport è un'opportunità per imparare le lezioni sulla vita, le sue sfide e opportunità, e che la vera competizione è con se stessi.

Il tuo team ti guarderà per decidere quale atteggiamento e azioni sono appropriati sul campo e nella vita, quindi tieni presente quanto segue:

  • Non demonizzare gli avversari . La squadra avversaria non è il "nemico" o qualcuno da odiare o distruggere. Senza degni avversari, lo sport non è così divertente. Le buone prestazioni dovrebbero essere applaudite, indipendentemente dalla loro affiliazione alla squadra.
  • Non incolpare gli arbitri o gli arbitri . Errori, omissioni e sfortune si verificano nella vita e durante le partite sportive e dovrebbero essere trattati come ostacoli da superare, non come alibi per il fallimento. Il successo nello sport e nella vita è sempre preceduto dal fallimento. Se trattate il fallimento come qualcosa di diverso da un'opportunità di apprendimento, insegnate ai bambini a non provare per evitare imbarazzo o umiliazione.
  • Mantieni la prospettiva sul gioco, i giocatori e i loro ruoli . Il miglioramento individuale di ogni membro della squadra e il godimento dell'esperienza sportiva completa sono gli obiettivi più importanti per un allenatore genitore di una squadra sportiva giovanile. Quando un gioco o uno sport diventa troppo serio, i bambini hanno la tendenza a bruciare, cessare di migliorare o smettere. Le prestazioni al vertice sono sempre divertenti, che tu sia un giocatore di calcio di terza elementare o il vincitore della medaglia d'oro olimpica, Michael Phelps.

Esempi di comportamento inappropriato sono comuni. Ad esempio, nel 2006, mentre allenava una squadra di football della scuola media, l'ex giocatore di Oakland Raiders e il linebacker di San Francisco 49ers, Bill Romanowski, ha caricato il campo per sfidare un liceale che giocava nella squadra avversaria. In un incidente del 2009, un altro ex giocatore di Oakland Raiders e allenatore della gioventù, Jeremy Brigham, ha attaccato il suo ex assistente dopo una pratica. Mentre i record delle squadre sono stati da tempo dimenticati, tutti i giocatori delle squadre coinvolte in questi incidenti ricordano sicuramente le azioni dei due allenatori, senza dubbio per il dispiacere dei bambini degli allenatori.

3. Separare allenatore e ruoli genitore

La maggior parte dei conflitti tra gli allenatori dei genitori e i loro figli deriva dall'incapacità dei genitori di distinguere i loro ruoli nella vita di tutti i giorni. Gli allenatori genitore di successo lasciano il loro coaching sul campo, arrivando addirittura al punto che i loro figli li chiamano "coach" in allenamento o ai giochi, e "mamma" o "papà" altrove. Il coaching dovrebbe iniziare e finire sul campo di gioco, mai in macchina da o per la pratica, a tavola o durante riunioni di famiglia.

Sei un genitore per primo e lo sarai per il resto della vita di tuo figlio; è il ruolo e la responsabilità più importanti che tu abbia mai avuto. Il tuo stint di coaching è temporaneo. Il tuo bambino ha bisogno di sapere che, come genitore, hai un amore incondizionato per loro, indipendentemente dal fatto che vinca o perda.

4. Tratta tutti i giocatori allo stesso modo

I genitori allenatori spesso sbagliano favorendo i propri figli al di sopra degli altri membri della squadra o, al contrario, essendo troppo duri per evitare un'impressione di favoritismo. È difficile trovare un equilibrio, così molti allenatori genitori finiscono per ignorare il proprio bambino, in effetti costringendolo a lottare con il gioco senza il coach fornito ai propri compagni di squadra.

"Mio padre non voleva che altri bambini o genitori pensassero che stava mostrando favoritismo nei miei confronti, quindi ho sempre dovuto mettermi alla prova da solo", ricorda Chipper Jones, un veterano di 19 anni della Major League Baseball e sette volte All -Star con gli Atlanta Braves. Il lanciatore di New York Yankees Phil Hughes dice che suo padre era più duro su di lui che sui membri della sua squadra giovanile, e lo chiama ancora oggi con "mail vocali lunghe un'ora su tutto ciò che ho bisogno di ricordare".

Se sei preoccupato per il trattamento del tuo bambino, chiedi a un altro allenatore o genitore un parere obiettivo - se stai mostrando favoritismo o sei troppo duro - e considera di lasciare un assistente allenatore a lavorare più personalmente con tuo figlio mentre lavori con il suo o i suoi compagni di squadra.

5. Teach Fundamentals and Sportsmanship

Ogni sport comporta abilità fisiche specifiche che possono essere apprese e praticate, sia che si tratti di colpire una palla lanciata, di gettare un pallone da basket o di passare un pallone da calcio a un compagno di squadra aperto. I giochi di squadra generalmente comportano strategie, sia offensive che difensive, e il coordinamento di più giocatori per ottenere un risultato specifico. Praticamente ogni sport viene eseguito nel contesto di regole specifiche che definiscono il campo di gioco e come i giocatori agiscono sul campo. Conoscere i fondamenti e le regole è essenziale per giocare e divertirsi.

Lo sviluppo del personaggio, in particolare la sportività, è una qualità immateriale dello sport e uno dei valori più importanti che un bambino dovrebbe imparare. Il rispetto per i propri allenatori, compagni di squadra e avversari, così come imparare a vincere e perdere con grazia sul campo atletico, sono lezioni che andranno a beneficio di un bambino per tutta la sua vita.

Jack Nicklaus, il più prolifico vincitore nella storia del golf tour professionale, ha dichiarato: "Mio padre mi ha insegnato la cosa più difficile che un atleta professionista deve imparare, che è come perdere con grazia ... per quanto faccia male dentro, sorridi e mantenere un labbro superiore rigido; che tu stringi la mano dell'uomo che ti ha picchiato, e digli congratulazioni e intendi ".

6. Tratta le vittorie e le perdite allo stesso modo

Molti campionati giovanili non mantengono il punteggio per mantenere l'attenzione sul divertimento, non sulla vittoria. I giochi di calcio per i nuovi giocatori spesso eliminano i portieri per facilitare il punteggio, mentre la palla t facilita la difficoltà di imparare a muovere una mazza per colpire una palla - ci sarà un sacco di tempo negli anni successivi per introdurre la complessità.

Incoraggia i bambini a essere il meglio che possono essere, non rispetto a nessun altro. Se apprezzano il gioco, continueranno a giocare, migliorando i loro fondamentali e diventando migliori partecipanti e persone. Se hai bisogno di un esempio su come allenare tuo figlio o essere uno spettatore in uno dei giochi di tuo figlio, dai un'occhiata ai nonni che guardano il gioco. Avendo cresciuto i propri figli, spesso hanno una prospettiva a volte dispersa nei genitori: capiscono che chi vince o perde non è importante e verrà dimenticato nelle ore, nei giorni o nelle settimane successive alla partita. Si divertono semplicemente a guardare i loro nipoti suonare.

Parola finale

Tiger Woods, forse l'atleta più pubblicizzato d'America, ha detto di suo padre e del suo primo allenatore, Earl Woods, "Mio padre era il mio migliore amico e il più grande modello di comportamento. Era un padre straordinario, allenatore, mentore, soldato, marito e amico. "Come allenatore genitore, dovresti sapere e comunicare a tuo figlio e ai suoi compagni di squadra che il successo non è la stessa cosa della vittoria, e il fallimento non è la stessa cosa di perdere. Il successo, secondo Vince Lombardi, è "il duro lavoro, la dedizione al lavoro a portata di mano e la determinazione che se vinciamo o perdiamo, ci siamo applicati al compito a portata di mano." Se puoi insegnare ai tuoi figli quella singola lezione, la tua esperienza di coaching varrà la pena.

Sei stato un allenatore della gioventù? Qual è stata la tua esperienza?


5 benefici per la salute di nuoto e acqua esercizio - Come iniziare

5 benefici per la salute di nuoto e acqua esercizio - Come iniziare

Secondo SwimToday, l'80% dei genitori non considera mai l'iscrizione dei propri figli nella squadra di nuoto dopo aver completato le lezioni di nuoto. Eppure il nuoto è uno degli sport a vita più incredibili in cui una persona può essere coinvolta, poiché le persone di tutte le età - da 4 a 94 anni - possono trarre vantaggio dagli incredibili benefici di fitness che impartisce. Chi

(Soldi e affari)

Cinque modi per divertirsi gratuitamente questa primavera

Cinque modi per divertirsi gratuitamente questa primavera

Per molti, la primavera è il periodo migliore dell'anno. Dopo essere stato rinchiuso all'interno durante i mesi invernali, stai aspettando di uscire e goderti l'aria fresca. Mentre ci sono molte attività alle quali puoi partecipare durante i mesi primaverili, non tutte sono gratuite. In effetti, alcuni sono molto costosi.

(Soldi e affari)