it.lutums.net / Come migliorare il sistema fiscale federale statunitense per garantire l'equità

Come migliorare il sistema fiscale federale statunitense per garantire l'equità


"Congresso, Congresso! Non mi tassare, tassare quell'uomo dietro l'albero ". Questa canzoncina degli anni '30 riflette i sentimenti della maggior parte degli americani oggi, mentre il Congresso cerca ancora una volta di semplificare e riformare il Codice Fiscale Federale di 74.608 pagine e le tasse federali. Il loro compito è particolarmente impegnativo dal momento che circa il 40% dei cittadini ritiene di pagare più della loro giusta quota, secondo Pew Research. I gruppi che non pagano abbastanza includono le aziende (l'80% è d'accordo), le persone benestanti (il 78% d'accordo) e le persone povere (il 40% d'accordo).

Complessivamente, il 56% degli americani ritiene che il sistema esistente non sia né giusto né equo. Ma come funziona esattamente il sistema fiscale federale? È veramente ingiusto?

Ecco tutto quello che devi sapere su tasse e equità

Per rispondere alla domanda "Il sistema fiscale degli Stati Uniti è giusto?" Dobbiamo prima esplorare:

  • La necessità delle tasse . La denuncia dei coloni americani di "nessuna tassazione senza rappresentanza" era fuorviante. Secondo lo storico Richard T. Ely, "Una delle cose contro cui i nostri antenati in Inghilterra e le colonie americane si contendevano non era contro la tassazione opprimente, ma contro il pagamento delle tasse". Per decenni, il governo americano si basava sulle accise, tariffe, dazi doganali e vendite di terreni pubblici. Le tasse sul reddito sono necessarie?
  • Il nostro sistema fiscale attuale . Quali tasse pagano gli americani? Secondo un blog, gli americani pagano 97 diverse tasse ogni anno. Paghiamo le tasse sul reddito che guadagniamo, sulla proprietà che possediamo e sui beni e servizi che acquistiamo. Il governo tassa i doni che rendiamo agli altri, i beni che lasciamo alle nostre famiglie, le cattive abitudini in cui indulgiamo e gli illeciti guadagni criminali. Chi sono i vincitori e i perdenti del sistema fiscale esistente in America?
  • La differenza tra le aliquote fiscali statutarie ed effettive . Le percezioni errate complicano la comprensione e l'accordo, specialmente quelli che circondano il sistema fiscale federale. Un sondaggio del 2017 ha rilevato che circa un terzo degli americani dichiara di comprendere un "giusto" o un "grosso" sulle politiche fiscali statunitensi, ma non è in grado di raggiungere un accordo su fatti di base, come se l'aliquota media del reddito federale sia superiore o inferiore a altre democrazie occidentali. Questa mancanza di comprensione favorisce il disaccordo sulle politiche e complica gli sforzi di riforma.
  • La definizione di equità . John Stuart Mill, nei suoi "Principi di economia politica", scrisse: "Se qualcuno porta meno della sua giusta parte del peso, un'altra persona deve soffrire più della sua parte, e l'alleviamento all'una non è, in media un bene così grande per lui come l'aumento della pressione sull'altro è un male. L'uguaglianza di tassazione, quindi, come massima della politica, significa uguaglianza di sacrificio. "Le tasse dovrebbero essere proporzionali o progressive? Sono solo una fonte di entrate o un metodo di giustizia sociale e redistribuzione del reddito?

La complessità del codice fiscale, le macchinazioni di coloro che hanno interessi particolari e il semplice scopo di amministrare, pagare e riscuotere tasse promuove equivoci, miti e persino malvagità sul ruolo delle tasse nella società e sul carattere dei responsabili delle loro amministrazione.

Le tasse federali sono necessarie?

Mentre molti si lamentano delle tasse e della speranza per un futuro in cui le tasse sono inesistenti, trascurano le conseguenze se i servizi pubblici essenziali - forze dell'ordine, raccolta rifiuti, protezione antincendio - fossero volontari e se opere pubbliche, come strade, reti elettriche e sistemi idrici e fognari, fatto affidamento su donazioni private. Strade cittadine, autostrade interstatali e ferrovie non esisterebbero; non ci sarebbero scuole, ospedali o aeroporti. In breve, una società senza mezzi per finanziare progetti comunitari e rafforzare i valori sociali degenererebbe rapidamente in anarchia.

Le tasse e la civiltà sono state inestricabilmente legate dal fatto che i re delle città-stato di Sumer intorno al 4000 aC riscossero imposte "in natura" - una mucca, pecore, staia di grano o lavoro forzato - per costruire opere pubbliche, fornire difesa e combattere guerre . I faraoni dell'antico Egitto usavano le tasse per costruire le piramidi, i Cesari di Roma per finanziare guerre straniere, e il re inglese Aethelred II, gli Unready, per rendere omaggio ai razziatori danesi.

Mentre i padri fondatori americani erano diffidenti nei confronti del governo, hanno riconosciuto il bisogno di tasse:

  • Robert Morris, Jr., un firmatario della Dichiarazione di Indipendenza, gli Articoli della Confederazione e la Costituzione degli Stati Uniti, scrisse al suo amico Alexander Martin nel 1782: "In ogni società ci devono essere anche alcune tasse, perché la necessità di sostenere Il governo e la difesa dello Stato esistono sempre. "
  • Alexander Hamilton, uno degli autori dei Federalist Papers, ha riconosciuto: "Una nazione non può esistere a lungo senza entrate. Detestato da questo supporto essenziale, deve rassegnare le dimissioni all'indipendenza e sprofondare nella condizione degradata di una provincia. Questa è un'estremità alla quale nessun governo vorrà scegliere. Le entrate, quindi, devono essere possedute in ogni caso. "
  • Benjamin Franklin ha riconosciuto la relazione critica tra tasse e governo. In una lettera a Jean-Baptiste Le Roy, ha confermato che la nuova Costituzione è stata istituita e ha sperato nella sua permanenza. Ha anche coniato la frase "Nulla al mondo si può dire di essere certi, tranne la morte e le tasse".

Negli ultimi duecento anni, i cittadini statunitensi hanno regolarmente protestato, a volte violentemente, l'imposizione di tasse. Fino al 15 aprile 2009, più di 700 feste del tè Tax Day si sono verificate in tutta la nazione. Nonostante l'opposizione pubblica, i leader del paese hanno costantemente riconosciuto che le tasse sono necessarie per pagare i benefici della comunità, come l'istruzione, le infrastrutture e le forze dell'ordine:

  • Nel 1848, un comitato del Senato dello stato dell'Ohio notò che "la tassazione legittima è il prezzo dell'ordine sociale ... quella parte della proprietà del cittadino che egli cede al governo per provvedere alla protezione di tutto il resto".
  • Un comitato della Camera dei rappresentanti dello Stato del Vermont ha rilevato che "la tassazione è il prezzo che paghiamo per la civiltà, per le nostre istituzioni sociali, civili e politiche, per la sicurezza della vita e della proprietà, e senza la quale, dobbiamo ricorrere alla legge di forza. "
  • Il giudice della Corte Suprema Oliver Wendell Holmes, Jr. ha osservato in un parere dissenziente del 1927 che "le tasse sono ciò che paghiamo per una società civile ..."

La risposta alla domanda "Le tasse sono necessarie?" È intuitiva e pragmatica. A parte gli anarchici e gli asceti, la maggior parte dei cittadini concorda con l'affermazione dell'ex sindaco di New York Michael Bloomberg secondo cui "le tasse non sono buone, ma se vuoi servizi, qualcuno deve pagare per loro, quindi sono un male necessario".

Quali tasse vengono riscosse dal governo federale?

"La cosa più difficile da capire al mondo sono le imposte sul reddito", si lamentò Albert Einstein in un incontro con il suo CPA e preparatore fiscale Leo Mattersdorf a metà degli anni '50. Secondo la Tax Foundation, l'Internal Revenue Code è passato da 1, 4 milioni di parole nel 1955 a oltre 10 milioni nel 2015. Di conseguenza, il Commissario IRS John Koskinen ha riferito che i redattori fiscali professionali preparano il 56% dei rendimenti individuali ogni anno mentre un altro 34% dei contribuenti utilizzano uno speciale software di preparazione fiscale.

Le leggi fiscali federali e la loro applicazione sono state ripetutamente estese, modificate e abrogate nel secolo scorso. Di conseguenza, la legge attuale è gonfia, confusa e eccessivamente complessa. Il presidente Ronald Reagan si è lamentato che le tasse erano "troppo alte, troppo complicate e assolutamente ingiuste". Jimmy Carter, il suo predecessore, ha definito il sistema "una vergogna per la razza umana".

Imposte progressive, proporzionali e regressive

La maggior parte dei paesi, compresi gli Stati Uniti, utilizza una combinazione di tipi di imposta basati sul reddito, sul patrimonio o sull'attività dei propri cittadini.

Tasse progressive

Le tasse che aumentano con l'aumentare del reddito sono progressive, con un tasso maggiore che si applica ai contribuenti con redditi più elevati rispetto a quelli che guadagnano meno. Di conseguenza, il tasso medio di un contribuente è sempre inferiore alla loro aliquota marginale (la fascia più alta di imposta a cui è soggetto il loro reddito). Le tasse progressiste federali includono le imposte sul reddito delle società, le imposte sul reddito delle persone fisiche, le imposte sulle plusvalenze, le tasse sui regali e le tasse sulla proprietà.

Imposte sul reddito delle società
L'imposta sul reddito delle società è una tassa applicata agli utili aziendali. L'aliquota fiscale varia dal 15% del reddito imponibile al 35% per i redditi superiori a $ 18, 333, 333. Le imposte societarie rappresentano l'11% delle entrate federali e oltre 7 milioni di rendimenti sono depositati annualmente.

Imposte sul reddito personale
Le imposte sul reddito personale sono la più grande fonte di entrate federali, con una stima di 245 milioni di rendimenti depositati ogni anno. Le imposte sul reddito delle persone fisiche rappresentano quasi la metà (47%) dei fondi federali. Il reddito imponibile (dopo esenzioni e detrazioni) varia dal 15% per le persone che guadagnano $ 9, 325, al 39, 6% per un reddito oltre $ 418, 000. Le stesse tariffe si applicano a coloro che presentano i rendimenti congiunti, così come i capifamiglia, e hanno sposato filer separati.

Imposte sulle plusvalenze
Le plusvalenze non sono state distinte dal reddito ordinario ai fini fiscali fino al 1921. Tra le sue numerose modifiche, il Revenue Act del 1921 ha stabilito un aliquota fiscale più bassa per gli utili su attività detenute per un periodo distinto. Sebbene i periodi di detenzione e i tassi siano cambiati nel corso degli anni, il Congresso ha generalmente privilegiato i guadagni sulle attività rispetto al reddito ordinario.

L'ammontare delle imposte dovute per gli utili su attività detenute per un anno o più dipende dall'aliquota fiscale marginale del filer. Per quelli con un tasso marginale del 15% o inferiore, nessuna tassa è dovuta. I filer tra le fasce di tassazione dal 25% al ​​35% sono tassati ad un tasso del 15%, mentre quelli nella fascia più alta (39, 6%) pagano un tasso del 20%.

Tasse regalo
Originariamente promulgato nel 1924 e abrogato nel 1926, le tasse sui regali sono diventate permanenti nel 1932. Oggi le donazioni a terzi sono tassate fino al 40% dopo un'annullamento annuale di $ 14.000 per destinatario e doni totali superiori a $ 5.490.000 durante la vita del donatore.

Imposte immobiliari
Comunemente denominata "Tasse mortali", le proprietà con attivi netti superiori a $ 5.490.000 sono tassate a tassi crescenti fino al 40%. Le tasse federali sono state eliminate nel 2010, ma sono state ripristinate nel 2011 con un tasso massimo del 35% sulle proprietà oltre $ 5 milioni. Questo tasso è stato aumentato al 40% nel 2013.

Tasse proporzionali

Le tasse che mantengono la stessa aliquota indipendentemente dal reddito sono proporzionali. Conta circa un terzo delle entrate federali, i premi delle assicurazioni sociali, comunemente denominate "imposte sui salari", sono pagati dallo stesso datore di lavoro e dai dipendenti. I programmi finanziati da questi premi - Old Age, Survivors, Disability Insurance e Medicare - sono stati istituiti per essere autosufficienti, ma i costi medici più elevati del previsto, la longevità prolungata e una forza lavoro invecchiante hanno messo a repentaglio la redditività a lungo termine di i programmi.

Tasse di sicurezza sociale
Il governo federale iniziò a tassare i datori di lavoro ei loro lavoratori nel 1937. Mentre c'è molta confusione sul programma di assicurazione sociale, oltre 62 milioni di americani riceveranno benefici per 955 miliardi di dollari nel 2017. L'aliquota attuale è del 12, 4% (diviso 50/50 dal datore di lavoro e impiegato) su redditi fino a $ 127.500.

Tasse di assistenza sanitaria statale
Creato nel 1966, il programma Medicare fornisce l'assicurazione infermieristica ospedaliera e specializzata (Parte A) per quasi 60 milioni di persone di età pari o superiore a 65 anni. Medicare è finanziato da un'imposta sui salari del 2, 9% a tutti i livelli di reddito (pagata in egual misura da dipendente e datore di lavoro). Le cure mediche e le coperture farmaceutiche sono volontarie e pagate tramite premi aggiuntivi. Nel 2013, il Congresso ha imposto un'ulteriore imposta dello 0, 9% sui redditi superiori a $ 200.000 per i filanatori delle imposte individuali e $ 250.000 per quelli che hanno presentato dichiarazioni congiunte.

Tasse per il lavoro autonomo
Il Congresso approvò la Legge sui contributi per il lavoro autonomo nel 1954, estendendo la previdenza sociale, seguita da Medicare, a proprietari unici e proprietari di piccole imprese. L'imposta del 15, 3% è prelevata sui guadagni d'affari netti (poiché il datore di lavoro e il dipendente sono gli stessi), sebbene la metà dell'imposta (la parte teorica del "datore di lavoro") sia una spesa aziendale deducibile. I lavoratori autonomi sono anche responsabili per l'imposta addizionale di Medicare dello 0, 9% se i loro guadagni di affari netti superano i $ 200.000.

Tasse regressive

Una tassa che colpisce quelli con redditi più bassi più avversi rispetto a quelli con redditi più alti è considerata regressiva. Questa potrebbe essere una tassa sulle vendite o sulle accise che richiede una maggiore quota di reddito personale in caso di calo degli utili.

Le accise
Il governo federale si è basato principalmente su accise e dazi doganali - accise e doveri raccolti da un intermediario, poi pagati al governo - fino al passaggio del sedicesimo emendamento del 1913. Conosciuto anche come tasse di consumo, le accise sono imposte su una varietà di merci, come alcol, tabacco, armi da fuoco, trasporto aereo e benzina. Sono anche considerati volontari, poiché l'imposta è pagata solo da coloro che utilizzano prodotti o servizi soggetti a tassazione. Le accise di solito rientrano in una delle tre categorie:

  • Sin tax : le tasse su alcol e sigarette sono giustificate sulla base del bene comune o per scoraggiare attività dannose o socialmente indesiderabili.
  • Tasse di lusso : la logica per tassare prodotti e attività considerate un lusso sembra essere simile al motivo del rapinatore di banche Willie Sutton. Quando gli è stato chiesto perché ha rapinato le banche, ha risposto: "Perché è lì che si trovano i soldi".
  • Usa le tasse : le tasse raccolte da determinati utenti di un prodotto (benzina) o servizi (viaggi aerei) dovrebbero beneficiare di un'attività specifica, come la costruzione di autostrade o le strutture aeroportuali.

Qual è la differenza tra le aliquote fiscali statutarie ed efficaci?

Otto von Bismarck, il cancelliere tedesco alla fine del XIX secolo, paragonava la creazione di leggi alla produzione di salsicce - nessuna delle quali dovrebbe essere vista a causa dei loro processi grezzi, spesso sgradevoli. Cento anni dopo, un articolo del New York Times lamentava che i produttori di salsicce dovevano essere insultati.

Le leggi fiscali sono particolarmente complicate a causa dell'influenza di coloro che hanno interessi particolari, della necessità di un compromesso e delle interpretazioni normative della legislazione promulgata. Il processo legislativo incoraggia la costante reinterpretazione delle leggi fiscali in un contesto mutevole di esenzioni, detrazioni e crediti. Il senatore Rob Portman (R-Ohio) si è lamentato: "Ci sono state letteralmente centinaia di nuove preferenze fiscali e scappatoie aggiunte al codice dal 1986." In effetti, un comitato presidenziale ha trovato più di 15.000 cambiamenti nel periodo 1986-2010. Di conseguenza, vi è una differenza sostanziale tra il reddito reale di un individuo (o di una società) e il reddito su cui vengono applicate le imposte.

Singoli contribuenti

Una famiglia di quattro persone riceve un'esenzione dalle imposte sul reddito pari a $ 16.200 ($ 4, 050 per ogni persona) e una detrazione standard di $ 12, 700. In altre parole, la famiglia può ridurre il proprio reddito imponibile di quasi $ 29.000 prima di essere soggetta a tasse. Inoltre, ci sono una varietà di altre detrazioni per conti di pensionamento, assistenza sanitaria e assistenza all'infanzia disponibili - e diversi crediti d'imposta che compensano l'imposta reale dovuta.

Secondo Matthew Frankel del Motley Fool, un individuo con un reddito lordo rettificato di $ 100.000 (AGI) potrebbe ridurre il proprio reddito imponibile con detrazioni e esenzioni per avere un debito fiscale medio di $ 6.250. In altre parole, la loro aliquota effettiva è inferiore del 6, 2% rispetto a un presunto tasso marginale del 28%. Nel 2014, l'aliquota d'imposta sul reddito complessivo effettiva per tutti i contribuenti era del 13, 9%, compresi 36 milioni di filer che non avevano pagato imposte sul reddito. Per coloro che hanno pagato le tasse, il tasso medio è stato del 14, 9%.

Pagatori dell'imposta societaria

Le società godono di detrazioni simili: ammortamento accelerato, assistenza sanitaria per i dipendenti e piani pensionistici, ricerca e sviluppo e crediti d'imposta. Le multinazionali possono anche rinviare le tasse pagabili indefinitamente sui profitti esteri. Citizens for Tax Justice ha riferito che 15 grandi aziende hanno ricevuto benefici straordinari, pagando solo $ 1.724 miliardi di tasse sugli utili di $ 107 miliardi tra gli anni 2010-2014.

Mentre le aliquote legali delle società sono tra le più alte del mondo al 39, 1%, il tasso effettivo è del 27, 9%, secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Esistono proposte per ridurre l'aliquota massima legale al 25% o inferiore; tuttavia, il passaggio è incerto.

Comprendere le aliquote fiscali statutarie ed efficaci

Il fraintendimento della differenza tra l'aliquota fiscale legale e il tasso effettivo spesso porta le persone a confrontare le mele con le arance negli sforzi partigiani di revisione del codice fiscale. I sostenitori della riduzione delle aliquote fiscali usano i tassi legali nei loro argomenti, concentrandosi sulla fascia marginale più alta. Ad esempio, Martin Sullivan, capo economista per la pubblicazione di Tax Analysts, ha scritto nella rivista Forbes: "E 'un dato di fatto che l'aliquota fiscale statutaria statunitense è la più alta tra le nazioni sviluppate e notevolmente superiore alla media".

Al contrario, coloro che vogliono aumentare o mantenere le aliquote fiscali esistenti puntano spesso a aliquote fiscali effettive - il rapporto tra le imposte raccolte dopo tutte le detrazioni e i crediti al reddito netto - nelle loro argomentazioni. Uno studio dell'Ufficio del Bilancio del Congresso del 2017 ha riportato che l'aliquota dell'imposta sulle società negli Stati Uniti è circa la metà del più alto tasso legale del 35%. A credito del signor Sullivan, ha osservato che "in media, l'aliquota fiscale effettiva straniera [sulle multinazionali] non è molto inferiore alle aliquote fiscali statunitensi" e che gli studi spesso esagerano le differenze.

Che cos'è giusto?

Quando si tratta di tasse, la definizione di "equo" è sia personale che relativa. La maggior parte della gente sarebbe d'accordo con il fumettista Bill Watterson, creatore del fumetto Calvin e Hobbes: "So che il mondo non è giusto, ma perché non è mai ingiusto a mio favore?"

La gente ha affermato che le tasse sono discriminatorie fintanto che re e governi le hanno imposte. I veri e fittizi manifestanti fiscali di tutta la storia - da Boadicea delle isole britanniche a Lady Godiva - sono idolatrati, mentre quelli impiegati per riscuotere le tasse soffrono di ostilità e rifiuto sociale. La Bibbia equipara gli esattori delle tasse con prostitute, adulteri e peccatori, e l'Internal Revenue Service è spesso paragonato alla Gestapo o alla mafia. I politici spesso caratterizzano la tassazione come "rapina legalizzata".

In realtà, le tasse sono ciò che paghiamo per la società civile, e per la sicurezza, la modernità e la prosperità. Sono essenziali per ogni governo, ma dovrebbero essere il più equi possibile. Sebbene sia dubbio che tutti possano essere d'accordo sulla definizione di "equità" quando si tratta di tasse, un panel di Urban Institute nel 2012 ha proposto diversi standard in base ai quali misurare l'equità:

  • Equity orizzontale : le persone con pari capacità hanno oneri fiscali simili.
  • Equity verticale : coloro che stanno meglio pagano più tasse di quelli che sono meno ricchi.
  • Equità generazionale : le generazioni future non dovrebbero essere gravate dal costo del mantenimento dello standard di vita per la generazione di oggi.

In che modo l'attuale sistema fiscale federale misura fino a questi standard proposti?

Equity orizzontale

Mentre le imposte sui salari e sulle accise riguardano tutti i cittadini allo stesso modo, le imposte sul reddito sono progressive, progettate in modo tale che coloro che guadagnano di più paghino una percentuale più alta dei loro guadagni in termini di imposte mentre aumentano le loro entrate. Pertanto, quelli con redditi simili dovrebbero pagare importi fiscali simili; Tuttavia, questo non è il caso.

Warren Buffett, uno degli uomini più ricchi del mondo, ha scritto in un editoriale del New York Times del 2011 che pagava una percentuale inferiore delle tasse federali sul suo reddito rispetto alle altre persone nel suo ufficio. L'aliquota d'imposta effettiva può essere diversa per ciascun contribuente, a seconda della fonte dei suoi guadagni e della sua capacità di utilizzare scappatoie e trattamenti speciali nel codice fiscale.

Mentre la stragrande maggioranza degli americani che non pagano alcuna imposta sul reddito lo fanno a causa del basso reddito, un numero significativo di percettori di reddito elevato evita anche il pagamento. (Secondo il Tax Policy Center, 491.000 americani che hanno guadagnato $ 100.000 o più non hanno tasse nel 2011.)

D'altra parte, una visione macroscopica della popolazione dei contribuenti suggerisce che i gruppi di contribuenti classificati in base alla loro quota di reddito totale paghino una proporzione analoga di tasse federali. Le cifre compilate dal Citizens for Tax Justice dei documenti fiscali del 2015 mostrano:

  • Il 20% più basso guadagna il 3, 3% del reddito totale della nazione e paga il 2, 1% delle tasse.
  • Il 60% più basso guadagna il 21, 2% del reddito totale della nazione e paga il 17, 2% delle tasse.
  • Il 90% inferiore guadagna il 54% del reddito totale della nazione e paga il 49, 9% delle tasse.
  • Il 10% superiore guadagna il 45, 9% del reddito totale della nazione e paga il 49, 4% delle tasse.
  • L'1% superiore guadagna il 21, 6% del reddito totale della nazione e paga il 23, 6% delle tasse.

Conclusione
Sebbene non perfettamente allineato, sembra che il sistema fiscale federale statunitense abbia un alto grado di equità orizzontale. Ciononostante, le opportunità di ridurre le tasse con detrazioni e crediti non sono condivise equamente tra la popolazione; i più alti guadagni e quelli il cui reddito primario proviene da investimenti ricevono i maggiori benefici. I riformatori propongono spesso di ridurre il numero e le dimensioni delle detrazioni e dei crediti nel codice fiscale, ma sono contrari a quelli con interessi particolari che sono riluttanti a perdere i loro vantaggi.

Equità verticale

Raggiungere un equilibrio accettabile tra equità verticale (l'idea che coloro che beneficiano di più dovrebbe pagare di più in tasse) e l'equità individuale (l'idea che uno dovrebbe essere in grado di mantenere i frutti dello sforzo) è incredibilmente difficile e solleva invariabilmente richieste di "classe" guerra. "La sfida per il governo è quella di catturare il maggior reddito possibile senza scoraggiare il continuo sforzo e rischio da parte di coloro da cui viene presa la ricchezza. Jean-Baptiste Colbert, un ministro delle finanze francese alla fine del 1600, descrisse meglio il processo: "L'arte della tassazione consiste nel raccogliere l'oca per ottenere la più grande quantità di piume con il più piccolo possibile sibilo".

La tassazione progressiva in America ha accompagnato la legalizzazione delle imposte sul reddito nel 1913. Da allora, l'aliquota massima dell'imposta sul reddito legale varia dal 7% (1913) al 94% (1944). L'attuale fascia alta è pari al 39, 6% dei redditi imponibili di $ 418, 400 e oltre.

Nonostante affermi il contrario, gli americani non pagano le tasse più alte del mondo. Secondo le statistiche dell'OCSE, l'aliquota marginale più elevata (compresi i contributi di previdenza sociale) negli Stati Uniti era del 48, 6%, collocandosi a metà strada nell'elenco dei 34 paesi industrializzati. Il tasso degli Stati Uniti è leggermente superiore alla Germania (47, 5%) e al Regno Unito (47%) e al di sotto di paesi come la Svezia (60, 1%), la Francia (55, 1%) e il Canada (53, 5%).

La cultura americana si basa sulla storia del paese di enfatizzare lo sforzo individuale, i liberi mercati e la fattibilità del sogno americano. Di conseguenza, la popolazione ha storicamente resistito alle tasse punitive sui cittadini più ricchi. Tuttavia, due terzi degli americani credono che l'attuale sistema economico sia truccato per favorire gli interessi dei ricchi e dei potenti.

L'1% superiore ha beneficiato in modo sproporzionato negli ultimi 30 anni. Dal 1980, il reddito al netto delle tasse per l'1% delle famiglie è cresciuto del 192%. Per lo 0, 01% superiore, questo importo è aumentato del 322%. Secondo un articolo degli economisti Thomas Piketty, Emmanuel Saez e Gabriel Zucman, il reddito per il 90% inferiore è aumentato appena dello 0, 03% e il 60% medio è aumentato solo del 41% durante lo stesso periodo.

La concentrazione di reddito e ricchezza è simile ai livelli di 80 anni fa (l'età dei baroni ladri) quando il 90% degli americani in basso deteneva il 16% della ricchezza del paese e il primo 0, 1% possedeva circa il 25%. Oggi i super-ricchi - il primo 0, 01% - controllano l'11, 2% della ricchezza americana - un rapporto non visto dal 1916, il più alto mai registrato.

Mentre le aliquote d'imposta per il 99% dei contribuenti sono progressive, le aliquote d'imposta per l'aumento dei livelli di reddito nell'1% superiore effettivamente diminuiscono, secondo le cifre raccolte dai dati IRS dal Washington Post. Il tasso effettivo dell'1% superiore è del 22, 83%, mentre i tassi dello 0, 1% superiore, dello 0, 01% e dello 0, 001% scendono rispettivamente al 21, 67%, 19, 53% e 17, 60%. In altre parole, una famiglia che guadagna $ 250.000 (la soglia dell'1%) paga un tasso più alto di una famiglia che guadagna più di $ 30 milioni all'anno (soglia dello 0, 01%).

Mentre alcuni hanno sostenuto che la riduzione delle aliquote fiscali marginali superiori per gli individui stimolerà la crescita economica, la ricerca suggerisce che vi è poca correlazione tra le variazioni delle aliquote fiscali e la crescita economica. Secondo uno studio del 2016, l'occupazione e la crescita del PIL erano significativamente più elevate nel sessennio successivo all'aumento delle imposte sul reddito nel 1993 di quanto non seguissero la riduzione delle imposte nel 2001.

Conclusione
L'equità verticale del sistema fiscale federale è sostanzialmente diminuita negli ultimi due decenni. L'1% superiore, in particolare lo 0, 1% superiore o superiore, ha beneficiato in modo sproporzionato rispetto agli altri gruppi di reddito, principalmente a causa di politiche fiscali discriminatorie. Questa eccessiva distribuzione soffoca lo spirito imprenditoriale e acuisce la disparità di reddito.

Mentre l'1% superiore paga circa la metà dell'imposta sul reddito riscossa, ha anche ricevuto una quota crescente delle entrate della nazione negli ultimi 20 anni. Aumentando significativamente le aliquote d'imposta marginali per i redditi superiori a $ 1 milione, eliminando le detrazioni e i crediti, si migliorerebbe l'equità verticale all'interno del sistema fiscale senza ritardare la crescita del PIL.

Equità generazionale

Negli ultimi 14 anni, il Congresso non è stato in grado di bilanciare il bilancio annuale, spendendo più delle sue entrate ed esplodendo debito nazionale da $ 5, 8 miliardi nel 2003 a $ 19, 6 miliardi nel 2016. In altre parole, le tasse ricevute dal governo federale sono insufficienti per pagare le bollette della nazione su base regolare.

Di conseguenza, le future generazioni di contribuenti saranno tenute a soddisfare i debiti creati da questa generazione. Se i coloni americani si sono ribellati sull'ingiustizia della tassazione senza rappresentanza, si può solo immaginare lo sconvolgimento sociale che si verificherà quando i nostri discendenti sono tenuti a rimborsare i nostri prestiti.

Dal 2000, i proventi delle entrate e delle assicurazioni sociali sono cresciuti del 2, 94% all'anno, mentre le spese sono aumentate del 4, 99% durante lo stesso periodo. Il governo spende regolarmente $ 500 milioni in eccesso di collezioni ogni anno, e non è disposto ad aumentare le tasse o a tagliare programmi governativi popolari. Quindi, il peso per i nostri figli e nipoti continua a crescere.

Conclusione
In ogni caso, l'attuale sistema fiscale federale è gravemente ingiusto per le generazioni future. Una combinazione di premi fiscali e di assicurazione sociale aumenta, oltre a limitare la crescita dei programmi governativi, sarà necessaria per ridurre il debito federale a livelli gestibili. Tuttavia, tale riforma è improbabile.

L'antipatia verso le tasse è diffusa tra la popolazione lavoratrice americana; quindi, la popolarità di un impegno a "opporsi a qualsiasi e tutti gli sforzi per aumentare le aliquote marginali dell'imposta sul reddito per gli individui e / o le imprese" promosso da Grover Norquist per l'organizzazione di riforma fiscale degli americani. L'impegno è diventato di rigore per i candidati del GOP che corrono per cariche politiche.

Parola finale

Che ci piacciano o no, le tasse sono essenziali per il funzionamento del governo e dei servizi alla comunità. Poiché eliminare le tasse non è possibile, la nostra sfida in quanto cittadini è renderli il più equi possibile. L'insurrezione è il risultato di iniquità nell'applicazione e nella riscossione delle imposte - non nella tassazione stessa.

Secondo gli standard più oggettivi, il sistema fiscale federale è ingiusto. I contribuenti con lo stesso reddito pagano a tassi diversi, e coloro che ricevono i maggiori benefici dell'economia non pagano una quota equa del suo costo. Inoltre, l'attuale livello di tassazione non copre le spese ordinarie in corso, il che significa che i futuri contribuenti dovranno recuperare il deficit.

Il sistema esistente può essere riformato per essere più giusto? Forse, se accettiamo la premessa che "tassare i ricchi" effettivamente aiuta la democrazia, suggerisce la professoressa Deborah Boucoyannis dell'Università della Virginia. Propone che quando un governo è abbastanza forte da imporre un obbligo sostanziale ai suoi cittadini più ricchi, essi (i ricchi) sono inclini a fare pressione sul governo per garantire che i fondi siano ben spesi.

Le tasse dovrebbero essere sollevate sull'1% superiore dei contribuenti americani? Il primo 0, 1% o 0, 01%? Dovrebbero essere eliminati i programmi governativi o ridotti i benefici dei nostri programmi di assicurazione sociale?


IRS Tax Evasion Fraud Definition & Penalties - Cosa succede se non archivi o paghi le tasse?

IRS Tax Evasion Fraud Definition & Penalties - Cosa succede se non archivi o paghi le tasse?

Ammettilo. Ad un certo punto durante la preparazione delle tasse, un pensiero pericoloso potrebbe attraversare la tua mente: cosa succede se non registro semplicemente? E anche se probabilmente depositi le tue tasse in ogni caso, potresti chiederti, cosa succede se non puoi pagare le tasse, o se non fai proprio niente

(Soldi e affari)

Perché i dividendi sono importanti per il portafoglio di ogni investitore

Perché i dividendi sono importanti per il portafoglio di ogni investitore

Parliamo di dividendi. Il reddito fisso e gli investitori della vecchia scuola amano tutti i dividendi. I dividendi sono una parte degli utili della società che vengono pagati agli azionisti. Molte azioni, obbligazioni e fondi comuni di investimento offrono dividendi agli investitori. I dividendi forniscono un flusso di reddito stabile che aiuta a migliorare i rendimenti degli investimenti.

(Soldi e affari)