it.lutums.net / Disparità di reddito in America - Definizione, cause e statistiche

Disparità di reddito in America - Definizione, cause e statistiche


Warren Buffett, numero due della lista di Forbes 400 delle persone più ricche d'America, disse: "C'è una guerra di classe, va bene - ma è la mia classe, la classe ricca, che sta facendo la guerra, e stiamo vincendo." Certamente, la la disparità tra la minoranza ricca e il resto degli americani si è considerevolmente ampliata negli ultimi 40 anni. Nel 1973, il primo 1% dei percettori guadagnava il 7, 7% di tutti i redditi degli Stati Uniti; entro il 2013, la loro quota era cresciuta di due volte e mezzo al 19, 3%. Ancora più sbalorditivo, il 10% dei percettori di reddito superiore ha raccolto quasi la metà del reddito totale della nazione (48, 2%), la più grande disparità tra i ricchi e il resto della popolazione americana dai ruggenti anni Venti.

Quel decennio, dopo la fine della prima guerra mondiale, finì nella Grande Depressione mondiale. Ha anche visto i confini dell'immigrazione con il passaggio dell'Immigration Act del 1924, l'ascesa di movimenti politici radicali tra cui il comunismo e il fascismo, e il riemergere e la diffusione nazionale del Ku Klux Klan.

Chiaramente, il contratto sociale tra governati e governatori è stato teso ora, come allora, in molte parti del mondo, così come negli Stati Uniti. Harlan Green, editore ed editore di PopularEconomics.com, ha scritto in un articolo di Huffington Post che crede, a causa della crescente disparità di reddito oggi, che "stiamo tornando ad una società di violenza e privazione e di disuguaglianza record che sono le marchi di un contratto sociale rotto. "

La grande divergenza

Un termine coniato dall'economista e cronista del New York Times Paul Krugman per descrivere il crescente divario di reddito tra la piccola minoranza e la stragrande maggioranza, la "grande divergenza" è ampiamente riconosciuta dagli americani come fonte di conflitti tra ricchi e poveri, secondo un sondaggio Pew Research del 2012. Nonostante la loro pretesa di comprendere il problema, l'economista premio Nobel Joseph Stigletz afferma che gli americani sottovalutano generalmente quanto segue:

  • La grandezza della disuguaglianza che esiste
  • La velocità con cui si è verificato
  • I suoi effetti economici sulla società
  • La capacità del governo di influenzarlo

Inoltre, il cittadino medio ritiene che la mobilità sociale sia più possibile di quanto non sia in realtà e sovrastima il costo finanziario dell'azione correttiva. Queste errate percezioni esistono perché, nonostante il fatto che la disuguaglianza sia così diffusa negli Stati Uniti, è diventata meno evidente, probabilmente perché gli "abbienti" ei "non abbienti" non si mescolano regolarmente. Un recente studio dell'OCSE ha rilevato che gli Stati Uniti avevano la più grande disuguaglianza di reddito nei paesi sviluppati, trascinando solo Cile, Messico e Turchia.

La mancanza di consapevolezza e gli sforzi per ridurre la disparità sono ulteriormente complicati dall'adepto del super-ricco per modellare la percezione pubblica a loro favore. Ad esempio, c'è una convinzione generale che i mercati liberi siano sempre efficienti (che i mercati non possano fare il male) e che il governo interferisca solo con tale efficienza (il governo non può fare nulla di buono). Questa percezione ha portato alla convinzione che il tracollo finanziario globale del 2009 fosse dovuto esclusivamente al governo degli Stati Uniti che cercava di mettere le persone povere in alloggi che non potevano permettersi, piuttosto che la deregolamentazione dei mercati finanziari, le speculazioni diffuse e l'avidità di Wall Street .

Alcuni osservatori ritengono che l'America sia già sulla strada del non ritorno, e l'ingiustizia diventerà solo più comune, non meno. Scrivendo a Salon il 14 giugno 2012, Stiglitz ha concluso che l'America è un Paese "troppo costretto a fornire beni pubblici - investimenti in infrastrutture, tecnologia e istruzione - che farebbe diventare un'economia vivace e troppo debole per impegnarsi nella ridistribuzione è necessario per creare una società equa ".

Un credo in equità e giustizia

Dal 1985, i sondaggi di Gallup hanno costantemente dimostrato che circa 6 americani su 10 credono che la distribuzione di denaro e ricchezza sia ingiusta in America. Contrariamente alle affermazioni politiche popolari, tuttavia, quasi la metà degli intervistati ritiene che il governo non dovrebbe ridistribuire la ricchezza con pesanti tasse sui ricchi. Ma mentre il divario tra i ricchi e la maggioranza continua ad espandersi, una percentuale crescente di americani ha iniziato a favorire tasse più alte come ultima risorsa. Va anche notato che le tipiche differenze americane tra ricchezza (il primo 1% della popolazione possiede il 35% delle proprie attività mentre il 90% inferiore possiede il 23%) e reddito - la disparità nella ricchezza non provoca la stessa reazione forte di quella di reddito.

Anche gli americani più ricchi sono preoccupati per l'equità della disparità di reddito negli USA Un sondaggio del 2012 di "un percento" - quelli con almeno 8 milioni di dollari in valore netto - ha mostrato che il 62% degli intervistati pensava che le "differenze di reddito" in America sono troppo grandi ". Tuttavia, piuttosto che aumentare le tasse, hanno favorito la riduzione delle retribuzioni dei gestori di fondi comuni e degli amministratori delegati, aumentando al contempo gli stipendi per gli operai qualificati e non qualificati.

Cause della disuguaglianza

Le cause fondamentali del divario non sono principalmente politiche, ma tecnologiche ed economiche. Tuttavia, le politiche governative hanno accentuato ed esagerato le conseguenze delle sottostanti fonti di disparità di reddito.

1. Tecnologia

L'informatizzazione e l'automazione hanno eliminato molti dei lavori sui quali gli americani hanno fatto storicamente affidamento. I maggiori datori di lavoro negli anni '60 erano produttori come le compagnie automobilistiche, US Steel, General Electric e Firestone. Entro il 2010, dettaglianti come Walmart, Target e Kroger avevano sostituito le aziende manifatturiere come leader dell'occupazione - Walmart da sola impiega quanti più americani dei 20 maggiori produttori messi insieme.

La percentuale di lavoratori americani impegnati nella produzione ha raggiunto il picco a metà degli anni '40 e si è costantemente ridotta, mentre l'occupazione nel terziario è esplosa. Allo stesso tempo, c'è stato un attacco costante contro l'appartenenza sindacale, una forza importante per proteggere e aumentare i salari dei lavoratori. Questo spostamento ha drasticamente ridotto i redditi personali dei lavoratori e ridotto il mandato dei dipendenti.

Secondo uno studio della Ross of Business School dell'Università del Michigan, il salario orario medio medio per la produzione di veicoli nel maggio 2008 era di $ 27, 14, mentre il salario orario medio per una posizione al dettaglio era di $ 9, 33. In breve, più persone stanno guadagnando meno.

Percentuale di forza lavoro statunitense impiegata in Manufacturing & Services, 1938-2008, Fonte: Ross School of Business

2. Globalizzazione

La tecnologia ha anche stimolato l'esportazione di posti di lavoro in altri paesi, con la caduta delle barriere commerciali e il mondo è diventato un mercato generale. La crescita delle multinazionali con la fedeltà a nessun governo particolare e il loro trasferimento di beni immateriali come la conoscenza del business, le pratiche di gestione e la formazione hanno portato centinaia di migliaia di posti di lavoro a trasferirsi dall'America ai lavoratori in paesi a basso costo. Offshoring è diventato una pratica comune abilitata dalla tecnologia che elimina le barriere di esperienza e competenza, così come da governi concorrenti che impongono normative minime e offrono stravaganti vantaggi fiscali.

Secondo il Bureau of Labor Statistics, non esiste una base di dati affidabile per determinare quanti lavoratori americani hanno perso il posto di lavoro per offshoring. In un articolo del numero di aprile-giugno 2009 di "World Economics", l'economista di Princeton Alan Binder ha stimato che fino a 30 milioni di posti di lavoro erano "offsorabili" all'epoca, compresi lavori altamente tecnici come programmatori di computer, analisti di sistemi, operatori di macchine, e ingegneri del software. Certamente, la minaccia dell'offshoring è un deterrente per gli aumenti salariali e salariali per i lavoratori americani.

3. Politica governativa

Una delle più grandi falsità promosse sul popolo americano è che l'abbassamento delle aliquote fiscali personali stimola gli investimenti e la crescita dell'economia. Ad esempio, Peter Sperry, scrivendo per The Heritage Foundation, nel 2001 sosteneva che i "profondi tagli fiscali generalizzati, la deregolamentazione del mercato e le solide politiche monetarie" di Reagan portarono al "più grande boom economico del tempo di pace nella storia americana".

Il suo punto di vista è stato ripreso da Peter Ferrara, che ha prestato servizio nell'ufficio per lo sviluppo politico della Casa Bianca sotto Ronald Reagan e come vice procuratore generale associato sotto George HW Bush. Scrivendo a Forbes, Ferrara ha affermato che i tagli fiscali di Reagan hanno ripristinato gli incentivi per la crescita economica.

Tuttavia, per quanto influente sia la loro opinione, non è condivisa dagli economisti in generale - nemmeno da Martin Feldstein, che era il principale consigliere economico di Reagan quando furono avviate le riduzioni delle tasse. Un rapporto del 1989 (successivamente aggiornato in un rapporto del Servizio di ricerca del Congresso del 2012) di Feldstein e Douglas W. Elmendorf (attuale direttore dell'Ufficio del Congresso del Congresso sotto la presidenza di John Boehner), afferma che non ci sono prove conclusive a sostegno di una chiara relazione tra la riduzione costante di 65 anni delle principali aliquote fiscali e la crescita economica. Gli autori affermano inoltre che "la riduzione delle aliquote più elevate ha avuto poca associazione con il risparmio, gli investimenti o la crescita della produttività. Tuttavia, le maggiori riduzioni delle aliquote sembrano essere associate alla crescente concentrazione di reddito nella parte superiore della distribuzione del reddito. "

Quello che il senatore Russ Feingold ha definito "l'empia alleanza di Wall Street e Washington" ha creato un ciclo in cui tagli alle tasse e deregolamentazione aiutano i ricchi; i ricchi, a loro volta, usano i loro soldi per comprare più tagli alle tasse e la deregolamentazione, e il divario nella distribuzione del reddito continua quindi ad allargarsi.

4. Polarizzazione e disfunzione politica

A causa degli anni di gerrymandering in cui i repubblicani sono stati molto più efficaci a livello statale rispetto ai democratici, e la bassa affluenza negli anni delle elezioni non presidenziali, i rappresentanti eletti alla Camera non riflettono sempre la maggioranza dei loro elettori. Ad esempio, il presidente Obama ha vinto il 51% dei voti in Ohio nel 2012, ma la sua delegazione della Camera è al 75% repubblicana e al 25% democratica.

Scrivendo nella New York Review of Books, l'autore e osservatore politico Elizabeth Drew afferma che le legislature statali controllate dai repubblicani hanno "tagliato le tasse per i ricchi e le società e si sono mossi verso una più ampia tassa sulle vendite; riduzione dei sussidi di disoccupazione; tagliare i soldi per l'istruzione e vari servizi pubblici; e ha cercato di rompere il potere rimanente dei sindacati. "Questi sforzi aggravano ulteriormente la disparità di reddito tra i ricchi e la maggioranza, favorendo la disillusione sia nei confronti del governo sia nel valore del voto. Infatti, secondo uno studio del 2008, con l'aumentare della disparità di reddito, diminuisce il coinvolgimento politico democratico.

Possibili azioni per ridurre la disparità di reddito

La disparità di reddito è sempre esistita e continuerà in futuro. Mentre gli americani sono generalmente d'accordo sul fatto che persone e sforzi eccezionali debbano essere ricompensati, la tendenza attuale deve essere fermata e invertita per il bene di tutti i cittadini, ricchi e poveri allo stesso modo. Come ha fatto in passato, continuare sullo stesso percorso finirà per finire nei disordini sociali. Produrrà inoltre livelli inaccettabili di disavanzo pubblico, dato che sempre più persone sono costrette a fare affidamento su reti di sicurezza.

I passaggi per ridurre le disparità includono quanto segue:

  • Espansione dei cittadini non partigiani Commissioni di distrittore . I distretti congressuali sono prevalentemente disegnati dal partito politico al potere in ogni stato, risultando in distretti "sicuri" per il partito politico in carica. Di conseguenza, i candidati alla carica dipendono dal partito di maggioranza nel loro distretto per le elezioni, piuttosto che dagli interessi della maggioranza dei cittadini nel loro insieme. Questa conseguenza è ampiamente citata come la ragione dell'eccessiva partigianeria, delle posizioni estreme e dello stallo politico che esistono oggi. Eliminare il pregiudizio politico quando si ridisegnano le linee del distretto congressuale può creare candidati più reattivi e meno partigiani. Questo è stato fatto con successo in California attraverso il First Act dei Voters nel 2008. Eric McGhee dell'Istituto di politica pubblica della California afferma che la commissione indipendente ha tracciato nuove linee in un processo che "era molto più aperto al pubblico di quando il lavoro era fatto da legislatori “.
  • Riforma fiscale completa . Le imposte sul reddito personale dovrebbero continuare ad essere progressiste, con maggiori imposte sui redditi oltre $ 1 milione. Le scappatoie sotto forma di esenzioni e detrazioni come la deduzione degli interessi dei mutui immobiliari o l'aliquota dell'imposta sulle plusvalenze devono essere eliminate o limitate per porre fine ai benefici straordinari per i redditi più alti. Secondo uno studio del 2012 condotto da USA Today, circa uno su quattro approfitta della detrazione dagli interessi ipotecari, in particolare quelli che guadagnano più di $ 100.000 all'anno. Piuttosto che un impulso a comprare una casa, è un incentivo per comprare case più grandi. La discrepanza tra l'aliquota dell'imposta sul reddito guadagnata fino al 35% e il tasso di plusvalenze del 15% beneficia prevalentemente dei più ricchi.
  • Aumento dell'investimento in infrastrutture . Mentre le persone che guadagnano di più si sono riprese dalla crisi finanziaria del 2008-2009, il paese continua a soffrire di disoccupazione elevata e sottooccupazione. La ricostruzione di infrastrutture come strade, ponti, aeroporti e Internet può creare posti di lavoro e incoraggiare nuovi investimenti. Il Federal-Aid Highway Act del 1956 ha creato il sistema autostradale nazionale interstatale in atto oggi. Come predisse il presidente Eisenhower nel suo libro "Mandate for Change 1953-1956", quell'unica azione cambiò il volto dell'America e ebbe un impatto incalcolabile sull'economia della nazione. Molti credono che un massiccio progetto infrastrutturale non sia solo necessario oggi, ma garantirebbe la competitività dell'America nel XXI secolo.
  • Nuove politiche educative . L'istruzione, in particolare la formazione tecnica, è stata a lungo il veicolo della mobilità ascendente. Il governo federale dovrebbe rivedere i suoi programmi educativi - con adeguate salvaguardie - per garantire che ogni americano abbia un'istruzione di qualità e accessibile e le competenze lavorative per competere ed eccellere nella nuova economia piatta e tecnologicamente intensa, in cui posti di lavoro e prodotti si muovono senza ostacoli oltre i confini nazionali . Secondo un rapporto del 2013 di Pearson, il sistema educativo degli Stati Uniti si colloca dietro a paesi come Finlandia, Corea del Sud e Germania quando si confrontano le prestazioni degli studenti su matematica, scienze e lettura. Il rapporto collega anche punteggi più alti con la futura crescita economica.
  • Rafforzamento della rete di sicurezza sociale . Social Security, Medicare e Medicaid dovrebbero essere modificati per assicurare che siano disponibili per tutti gli americani in futuro. Ciò includerebbe tali cambiamenti come test per i pagamenti, maggiori contributi durante gli anni lavorativi eliminando i limiti di reddito futuri (il limite è $ 113.700 per il 2013) e continue modifiche dei sistemi sanitari Medicare e Medicaid per aiutare a ridurre i costi e migliorare i risultati. Alcuni cambiamenti da considerare includono la negoziazione del programma con i produttori di farmaci farmaceutici, i co-paga più alti e le franchigie per garantire ai partecipanti il ​​valore dei loro benefici e la consulenza per la fine del ciclo di vita - secondo l'Atlante della salute di Dartmouth, "pazienti con malattia cronica nel gli ultimi due anni di vita rappresentano circa il 32% della spesa totale di Medicare, in gran parte destinata a spese mediche e ospedaliere per ricoveri ripetuti. "

Parola finale

Secondo uno studio recente, i ricchi americani esercitano un'ulteriore misura di influenza sul processo decisionale. Credono che "i programmi di posti di lavoro governativi non funzionano, che l'istruzione è più probabile che sia migliorata da riforme orientate al mercato che da maggiori aumenti nella spesa per scuole pubbliche o borse di studio universitarie, che i cittadini possano provvedere alla propria assistenza sanitaria, che i mercati economici possono in gran parte regolarsi efficientemente, e che i deficit di bilancio attualmente rappresentano un pericolo maggiore per gli Stati Uniti di quanto non facciano la disoccupazione. "Sono queste convinzioni e il loro impatto sulle politiche governative che hanno portato alla disparità storica di reddito che abbiamo oggi. Resta da vedere se queste credenze possano essere modificate.

Ciò che non è in discussione sono gli effetti negativi di una disparità di reddito ampia. Secondo Richard Wilkinson, professore emerito di epidemiologia sociale presso l'Università dell'Inghilterra di Nottingham, tali malattie sociali come il crimine, le gravidanze adolescenziali, i tassi di abbandono scolastico e le malattie mentali sono direttamente correlate con l'ampia disparità di reddito. Sir Michael Marmot, a seguito dei suoi studi sulla disuguaglianza e sulla salute, sostiene che una maggiore disparità determina l'incidenza della malattia.

Inoltre, il Dr. Jong-Sung You dell'Università della California, a San Diego, ha correlato la disparità di reddito con l'accresciuta corruzione politica. E Steven Pressman, professore di economia all'Università di Monmouth nel New Jersey, afferma che la disparità di reddito abbassa la produzione e riduce l'efficienza: "Se uno stipendio del CEO sta attraversando i tetti e gli operai stanno subendo tagli salariali, cosa succederà? I lavoratori non possono rifiutare apertamente l'offerta - devono lavorare - ma possono rifiutarla lavorando con meno impegno e senza preoccuparsi della qualità di ciò che producono. Quindi l'intera efficienza dell'azienda è influenzata ".

Si spera che i ricchi possano riconoscere che la filosofia del "vincitore prende tutto" alla fine minaccia la società nel suo complesso - incluso il loro status favorito - e adotta i provvedimenti necessari per ridurre il divario tra ricchi e poveri.

Quale pensi rappresenti la più grande minaccia alla vita americana come la conosciamo: disparità di reddito o deficit fiscale? Cosa faresti?


Come aiutare un genitore anziano a trattare con la morte di un coniuge

Come aiutare un genitore anziano a trattare con la morte di un coniuge

Velta Lewis è morta la mattina del 15 maggio tra le braccia di suo marito nella casa che avevano acquistato dopo essersi ritirati tre anni prima. La sua morte, nove mesi dopo la diagnosi di cancro ai polmoni, avvenne poco prima che la coppia si aspettasse di celebrare il suo 52 ° anniversario di matrimonio durante un viaggio di due settimane a Parigi.

(Soldi e affari)

Sistemi telefonici aziendali basati su cloud (PBX) - Pro e contro, Perché cambiare

Sistemi telefonici aziendali basati su cloud (PBX) - Pro e contro, Perché cambiare

I fan di "Saturday Night Live" di lunga data ricordano con affetto la "Ernestine" di Lily Tomlin, un personaggio ricorrente negli anni formativi dello show. Ernestine era una impiegata compiaciuta di compagnie telefoniche che si divertiva con la sfortuna dei clienti e si dilettava nell'incompetenza del proprio datore di lavoro

(Soldi e affari)