it.lutums.net / I 10 migliori amministratori delegati femminili e le donne influenti delle imprese americane

I 10 migliori amministratori delegati femminili e le donne influenti delle imprese americane


Una volta Margaret Thatcher disse: "Se vuoi dire qualcosa, chiedi a un uomo. Se vuoi fare qualcosa, chiedi a una donna. "I neuroscienziati hanno riferito che ci sono differenze innate nel modo in cui pensano gli uomini e le donne, ma ciò non significa che gli uomini diventino leader migliori, nonostante il fatto che più uomini si siano assicurati posizioni di leadership.

Attualmente, ci sono circa 22 presidenti donne o primi ministri nel mondo, e circa una dozzina di dirigenti donne al timone delle aziende di Fortune 500. Arrivare al vertice non è stato facile, soprattutto per questi top 10 donne CEO:

1. Irene Rosenfeld

Presidente e CEO di Kraft Foods

  • Industria: cibo e bevande
  • Compensazione annuale: $ 19, 3 milioni

In qualità di CEO della seconda più grande azienda alimentare del mondo, Irene è stata una voce di primo piano nel settore per decenni. È stata CEO di Frito-Lay, dove ha contribuito a sottolineare le scelte salutari dei prodotti prima di essere nominata CEO di Kraft Foods (NYSE: KFT) nel 2006.

Sotto la sua guida, la compagnia si è lentamente rivitalizzata. In primo luogo, Kraft sostituì AIG con la Dow Jones Industrial, e nel 2009, la società acquistò il marchio britannico di lunga data Cadbury per oltre 10 miliardi di sterline.

Irene è stata classificata al sesto posto nell'elenco "50 Women to Watch" del Wall Street Journal nel 2008 e decima nella lista "Most Potent Women" di Forbes nel 2011.

2. Carol M. Meyrowitz

Presidente e CEO di The TJX Companies

  • Industria: vendita al dettaglio
  • Compensazione annuale: $ 17, 4 milioni

Se stai cercando un affare, Carol Meyrowitz può aiutarti. Il CEO di TJX (NYSE: TJX) ha costruito l'azienda offrendo opzioni a basso costo agli acquirenti che cercano di tutto, dall'abbigliamento ai casalinghi.

Meyrowitz ha rilevato nel 2007 e ha sviluppato marchi di vendita al dettaglio tra cui TJ Maxx, Home Goods e Marshall in un business da 21 miliardi di dollari. Meyrowitz potrebbe aver iniziato come assistente acquirente presso Saks, ma da allora ha dimostrato cosa può accadere quando lavori duro per scalare la scala aziendale.

3. Indra Nooyi

Presidente e CEO di PepsiCo

  • Industria: cibo e bevande
  • Compensazione annuale: $ 16, 2 milioni

Indra Nooyi è entrata a far parte di PepsiCo (NYSE: PEP) nel 1994 ed è stata nominata CFO e presidente nel 2001. Ha aiutato ad acquisire Tropicana nel 1998 e Quaker Oats Company nel 2001, e ha aggiunto Gatorade e altri alimenti salutari all'arsenale della compagnia.

Pepsi ha visto un aumento delle entrate del 72% dal 2001, e la capacità di Nooyi di ristrutturare l'azienda ha permesso ai profitti di raddoppiare nello stesso periodo di tempo. È stata nominata CEO nel 2007 e il suo vivo interesse per la strategia globale ha posizionato Pepsi tra le più grandi aziende internazionali, superando la Coca-Cola nel valore di mercato per la prima volta in 112 anni.

Nooyi è stata nominata la quarta donna più potente del mondo da Forbes nel 2011. Inoltre, Nooyi è presidente del consiglio economico USA-India e membro del Consiglio di fondazione del World Economic Forum.

4. Ellen Kullman

Presidente e CEO di EI du Pont de Nemours and Company

  • Industria: chimica
  • Compensazione annuale: $ 14, 8 milioni

DuPont (NYSE: DD) è il più grande produttore di ingredienti alimentari al mondo e la terza più grande compagnia chimica negli Stati Uniti Anche se esiste da più di 200 anni, l'amministratore delegato Ellen Kullman non ha evitato di fare grandi cambiamenti in un breve quantità di tempo.

Dopo aver iniziato la sua carriera commerciale con General Electric, Kullman è entrato in DuPoint nel 1988 come direttore marketing. È stata eletta presidente nel 2008 e CEO nel 2009 dal consiglio di amministrazione e ha rapidamente rivoluzionato la società, spostando l'attenzione dai prodotti chimici a base di petrolio a settori più tecnologici come l'energia verde e la biotecnologia.

Kullman ha investito miliardi di dollari nello sviluppo di nuovi biocarburanti e semi ad alto rendimento, e ha visto enormi ritorni su agricoltura e celle solari. Sotto la sua guida, DuPont ha registrato un profitto di $ 1, 75 miliardi su $ 26 miliardi di fatturato, e ha iniziato ad assumere lavoratori dopo aver citato una domanda più elevata da parte dei consumatori. Kullman fa anche parte del Board of Trustees per la Tufts University.

5. Angela Braly

Presidente, Presidente e CEO di WellPoint

  • Industria: assistenza sanitaria
  • Compensazione annuale: $ 13, 5 milioni

Potresti conoscere WellPoint (NYSE: WLP) meglio del suo marchio di consumo: BlueCross BlueShield. Infatti, uno su nove americani porta una carta BlueCross nel proprio portafoglio.

Le entrate di Wellpoint nel 2010 sono arrivate a $ 60 miliardi e l'azienda impiega circa 37.500 persone. Secondo WellPoint.com, da quando è diventato CEO nel 2007, Braly si è concentrata sulla "creazione del miglior valore sanitario, rendendo la sanità fondamentalmente più accessibile, fornendo accesso e guida alle cure giuste e sostenendo una vita sana".

Braly è una moglie e madre di tre figli: due figli e una figlia. Ha detto a USA Today in un'intervista del 2007 che avrebbe dovuto lavorare sodo per bilanciare lavoro e famiglia. "L'equilibrio non viene ogni giorno, ma lo fai nel tempo", ha detto.

6. Ursula M. Burns

Presidente e CEO di Xerox

  • Industria: gestione dei processi e dei documenti
  • Compensazione annuale: $ 13, 2 milioni

Ursula Burns ha un'incredibile storia da stracci a ricchi. È cresciuta in un progetto di edilizia residenziale a New York in una famiglia madre single. Ha iniziato a Xerox (NYSE: XRX) nel 1980 come stagista di ingegneria meccanica, facendosi strada tra i ranghi. Aiutò a impedire alla società di dichiarare bancarotta nel 2001, e otto anni dopo divenne CEO, la prima donna afro-americana a prendere una posizione simile in una società di Fortune 500.

In una lettera agli azionisti, Burns ha illustrato i progressi compiuti, in particolare acquisendo Affiliated Computer Services e i suoi 77.000 dipendenti. Ha lavorato duramente per rendere Xerox un'azienda sostenibile e redditizia.

7. Lynn L. Elsenhans

Presidente, CEO e Presidente di Sunoco

  • Industria: petrolio e gas
  • Compensazione annuale: $ 11, 7 milioni

Lynn Elsenhans ha assunto il ruolo di CEO di Sunoco Inc. (NYSE: SUN) nel 2008 e ha compiuto incredibili progressi in termini di redditività dell'azienda.

"La partnership ha avuto un anno record nel 2011", ha detto Elsenhans in un comunicato stampa della compagnia. "Il mercato del petrolio del West Texas e lo sviluppo delle aree di produzione dello shale ci hanno fornito molte opportunità per ottimizzare le nostre attività per generare ulteriore flusso di cassa. Inoltre, continuiamo a far crescere la nostra attività ratificabile, che è cresciuta del 14% su base annua. "

Elsenhans si è dimesso come CEO all'inizio del 2012 dopo aver prosperato in un'industria dominata dagli uomini. Era l'unica donna nell'elenco di Fortune 500 a capo di una compagnia energetica.

8. Patricia Woertz

CEO di Archer Daniels Midland

  • Industria: agroindustria
  • Compensazione annuale: $ 11, 4 milioni

Di tutte le donne in questa lista, Patricia Woertz gestisce la più grande azienda pubblica, Archer Daniels Midland (NYSE: ADM). Laureatosi alla Penn State University, Woertz ha sempre puntato l'attenzione, finendo per raggiungere una posizione di vertice in un'industria dominata dagli uomini. Anche dopo aver saputo che avere figli avrebbe rovinato la sua carriera, ha trovato un equilibrio tra lavoro e vita privata, crescendo tre bambini nelle settimane lavorative di 80 ore e richiedendo orari di viaggio.

Secondo Business Week, Woertz ha iniziato a lavorare con il suo secondo figlio durante una riunione, quindi ha proseguito con l'auto in ospedale. Il sito web della sua azienda, ADM.com, afferma che Woertz ha portato la società a registrare risultati finanziari migliorando al tempo stesso l'approvvigionamento, il trasporto e l'elaborazione delle reti. Ha anche posto la sicurezza e la sostenibilità al centro dell'attenzione.

9. Laura J. Sen

Presidente e CEO di BJ's Wholesale Club

  • Industria: vendita al dettaglio
  • Compensazione annuale: $ 4 milioni

Nel 1989, Laura J. Sen divenne vice presidente vicario di BJ's dopo molti anni in Zayre, una catena di discount con sede nel Massachusetts che fondò la BJ's Wholesale. Nel 1991, ha ricevuto una promozione in Vicepresidente e Direttore della logistica. Le sue promozioni continuarono ogni due anni fino al 2003, quando lasciò la compagnia per lavorare come consulente indipendente.

Tuttavia, il suo congedo fu breve. Nel 2007, Sen è tornato da BJ's e due anni dopo è diventato CEO dell'azienda. È molto attiva nel settore della vendita al dettaglio e nel 2011 è stata nominata membro del Consiglio di amministrazione della National Retail Federation.

10. Beth E. Mooney

Presidente e CEO di KeyCorp

  • Industria: bancaria
  • Compensazione annuale: $ 2, 4 milioni

Beth Mooney sa che essendo la prima donna CEO di una delle più grandi compagnie bancarie in America, KeyCorp (NYSE: KEY) ha più responsabilità di quanto possa pretendere la descrizione del lavoro.

In un recente intervento all'evento "Most Powerful Women in Banking" di American Banker, Mooney ha dichiarato: "Quando ho iniziato a lavorare nel business, ci siamo comportati come se fossimo parte - e ora lo facciamo. Mi viene chiesto, come ci si sente ad essere la prima donna CEO di una delle 20 maggiori banche degli Stati Uniti? Ho una grandissima notorietà e francamente mi ha sorpreso. Ma ha anche un enorme obbligo. Sono grato a coloro che hanno aperto la strada davanti a me, ma sono anche consapevole di servire da esempio per coloro che vogliono venire dopo di me - e lo prendo sul serio ".

Parola finale

Leader come queste 10 donne hanno fatto del loro meglio per aprire la strada alle donne nel mondo degli affari. Sia che tu sia d'accordo o meno con le loro pratiche commerciali, possiamo essere d'accordo sul fatto che hanno fatto molta strada e il loro viaggio è stimolante. Imposta i tuoi obiettivi in ​​alto, segui i consigli di business di coloro che hanno trovato il successo e potresti diventare la prossima donna a finire in un posto di vertice.

Pensi che le donne continueranno ad aumentare la loro presenza come amministratori delegati di grandi aziende? Perché pensi che ci sia voluto così tanto tempo prima che le donne vengano assunte per guidare le aziende?

[credito fotografico: Mays Communications (Indra Nooyi), World Economic Forum (Irene Rosenfeld, Ellen Kullman, Patricia Woertz), United Way of Greater St. Louis (Angela Braly), American Energy Innovation Council (Ursula M. Burns)]


5 motivi per annullare il cavo e smettere di guardare la TV

5 motivi per annullare il cavo e smettere di guardare la TV

Lo sapevi che secondo lo studio più recente di Nielson, l'americano medio guarda ogni giorno 4 ore e 49 minuti di TV?Pensaci. Sono quasi 5 ore di televisione . Ogni giorno. È stato questo pensiero che mi ha fatto cambiare il mio punto di vista in TV. Quindi cosa ho fatto?Non sono pazzo, ma sì, ho abbandonato la mia TV ...

(Soldi e affari)

4 motivi per cui dovresti controllare il tuo rapporto di credito

4 motivi per cui dovresti controllare il tuo rapporto di credito

Il tuo rapporto di credito fornisce informazioni dettagliate sulla tua storia creditizia e, quando fai domanda per un prestito, il contenuto del tuo rapporto può creare o distruggere l'affare. Molte persone riconoscono l'importanza di un buon punteggio di credito, ma trascurano di monitorare le proprie.

(Soldi e affari)