it.lutums.net / 10 miti legali sul diritto penale - quando si viene arrestati

10 miti legali sul diritto penale - quando si viene arrestati


Quando si parla di legge, forse non c'è altra area che è così ampiamente fraintesa, travisata e mitizzata nella cultura popolare, proprio come la legge penale. I crimini, le punizioni e le procedure relative al processo di giustizia penale sono argomenti popolari nei film, nella televisione e nei libri, e i casi criminali sono costantemente nelle notizie. Il crimine vende e il fascino del pubblico non sembra mai finire.

Sfortunatamente, la rappresentazione popolare delle procedure di polizia, dei processi e di altri aspetti del processo di giustizia criminale ha dato luogo a miti legali persistenti. Mentre molti di questi malintesi popolari sono benigni, alcuni sono lontani da esso. Se invocato, questi miti possono danneggiare in modo significativo la tua capacità di proteggere te stesso e i tuoi diritti.

Come con qualsiasi discussione di questioni legali, è necessario consultare un avvocato se avete bisogno di assistenza in materia di diritto penale. Una buona conoscenza dei concetti giuridici di base ti avvantaggerà sempre, ma applicare i concetti alla tua situazione e ai tuoi bisogni individuali è qualcosa che puoi fare solo se ricevi una guida da un avvocato.

Miti legali in America che non conoscevi

1. La polizia deve leggerti i tuoi diritti

L'immagine di un poliziotto che legge un criminale sospetta i suoi diritti è uno dei tropi più visti nei film e in televisione. Se non sai nient'altro sulla legge penale, sai che la polizia deve leggerti i tuoi diritti. Se non lo fanno, un tribunale cancellerà il tuo caso.

Sfortunatamente, mentre l'idea che la polizia debba leggerti i tuoi diritti ogni volta che ti parlano o ti domanda è comune, è tristemente inaccurato. I diritti che la polizia legge (o gli avvertimenti che danno) sono noti come avvertimento Miranda perché sorsero dopo che la Corte Suprema emise la sua sentenza in Miranda v. Arizona. In quel caso, il tribunale ha dichiarato che la polizia deve consentire a un imputato criminale di sapere quali sono i suoi diritti, ma solo dopo che la polizia ha preso in custodia quella persona e se vuole porre domande ai detenuti. Se la polizia viola il requisito di Miranda, non possono utilizzare le informazioni che apprendono contro di te in un procedimento penale.

Tuttavia, la maggior parte delle interazioni che la polizia ha con le persone non è di custodia, il che significa che la polizia non ti ha preso in custodia e non ti impedisce di andartene. In queste situazioni sei libero di andare, quindi anche se la polizia ti fa delle domande, non sono obbligati a darti un avvertimento Miranda. Ad esempio, se un poliziotto si avvicina a te mentre sei seduto in un bar e inizia a chattare, l'ufficiale non ha alcun obbligo di leggerti i tuoi diritti. Sebbene qualsiasi cosa tu dica all'ufficiale possa ancora essere usata contro di te, non sei sotto custodia e non hai diritto a leggere i tuoi diritti prima che l'ufficiale conduca un interrogatorio.

2. Devi parlare con la polizia

Se scegli di rilasciare una dichiarazione alla polizia o di rispondere alle loro domande, devi essere onesto e non mentire o indurlo in errore, per timore di essere perseguito per ostruzione o reati simili. Tuttavia, il rifiuto di rispondere alle domande o il rifiuto di collaborare con un'indagine non equivale a mentire o fuorviare un'indagine criminale e non al livello dell'ostruzione.

Come regola generale, non hai l'obbligo legale di rispondere alle domande poste dalla polizia o dai pubblici ministeri, né devi mai parlare con la polizia se vogliono parlarti. Inoltre, se la polizia ti prende in custodia e ti interroga, hai il diritto di parlare con il tuo avvocato prima di rispondere a qualsiasi domanda e il diritto di rifiutare di rispondere a tutte le domande che chiedono.

Tuttavia, mentre generalmente non sei obbligato a rispondere alle domande o aiutare gli investigatori a raccogliere prove che possano essere usate contro di te, ci sono alcune situazioni limitate in cui potresti essere legalmente obbligato a fornire alla polizia certi tipi di informazioni quando richiesto. Ad esempio, circa la metà di tutti gli stati ha leggi di "stop and identify" che richiedono di fornire alla polizia alcune informazioni identificative, come il nome e l'indirizzo, quando viene richiesto di farlo. Mentre la polizia deve avere il ragionevole sospetto che tu abbia commesso, stia commettendo o commettendo un crimine per richiedere tali informazioni di identificazione da te, rifiutare di fornire tali informazioni quando richiesto può essere un crimine. Allo stesso modo, se stai guidando un veicolo e vieni fermato, le leggi statali consentono agli agenti di richiedere che tu mostri la patente di guida e la prova dell'assicurazione.

Oltre a ciò, tutti gli stati hanno leggi di segnalazione obbligatorie che richiedono che alcune persone (come insegnanti, fornitori di assistenza all'infanzia e professionisti medici) segnalino casi sospetti di abuso o maltrattamento sui minori alla polizia o ai funzionari statali. Se sei obbligato a segnalare un sospetto abuso e non riesci a farlo, puoi essere accusato di un crimine.

Inoltre, alcuni stati, come il Texas e l'Ohio, hanno leggi che richiedono la segnalazione di crimini. Ad esempio, in Texas, è reato un reato di omissione di non denunciare un crimine che ha provocato gravi lesioni fisiche, mentre in Ohio è un'offesa reato per non segnalare alcun crimine.

3. Hai diritto a una telefonata

In generale, se sei arrestato, non hai riconosciuto il diritto costituzionale di fare una telefonata. Mentre la polizia è obbligata a intraprendere determinate azioni, permettendoti una telefonata non è sempre una di queste. Ad esempio, se sei arrestato, la polizia deve dirti per che cosa sei stato arrestato, mostrarti qualsiasi mandato di arresto emesso contro di te e portarti davanti a un tribunale non appena ragionevolmente possibile. Nessuno di questi requisiti impone alla polizia l'obbligo di consentire all'utente di utilizzare un telefono o effettuare altre comunicazioni con altri al di fuori del carcere.

Tuttavia, ci sono diversi stati - tra cui Alaska, California, Colorado, Illinois, Massachusetts, Nevada, New Mexico, New York, North Carolina, Ohio e Rhode Island - che hanno leggi che concedono specificamente a un arrestato il diritto di fare una telefonata, o almeno il diritto di comunicare con i consulenti o gli amici dopo un arresto. In altri stati, le procedure o le regole adottate dalla contea o dalle forze dell'ordine municipali possono permettere agli arrestati di fare telefonate, anche se non ci sono leggi statali che richiedano loro di farlo.

4. Non puoi essere condannato se la polizia ti mente

La gente spesso assume erroneamente che le forze dell'ordine debbano essere oneste. Mentire alla polizia o agli investigatori criminali è un crimine, eppure la polizia che ti sta mentendo non lo è. Mentre la polizia e tutti i testimoni hanno giurato di dire la verità quando testimoniano o presentano le prove, non sono obbligati a tale obbligo quando indagano su crimini, conducono interrogatori o svolgono le loro funzioni in altro modo.

La Corte Suprema ha sostenuto a lungo il diritto del governo di usare gli inganni e fare false affermazioni mentre impongono la legge. Mentre la polizia non può minacciare te o gli altri o fare promesse per indurti a confessare, sono in gran parte liberi di dire quello che vogliono se credono che li aiuterà a raccogliere prove.

Ad esempio, diciamo che un detective si avvicina a te e ti dice che vuole farti delle domande su un tuo amico. Chiede informazioni su un potenziale crimine che il tuo amico potrebbe aver commesso, ciò che sai sull'amico e dove eri quando il crimine ha avuto luogo. In uno scenario del genere, è del tutto possibile che il detective non sia affatto interessato al tuo amico, ma in realtà ti sta facendo delle domande perché sospetta che tu abbia commesso un crimine. Se lei mente e ti dice che sta solo chiedendo del tuo amico, non ha fatto nulla di illegale.

Qualunque cosa tu dica alla polizia può essere usata come prova contro di te per accusarti di un crimine - anche se la polizia ti sta mentendo per farti rispondere alle domande. Questo è vero anche se la polizia ti dice che in realtà non sono poliziotti (come agenti sotto copertura che negano di essere poliziotti), ti dicono che la tua conversazione è "off the record" o affermi che non ti metteresti nei guai se confessi e ammettere di aver commesso un crimine

Ancora una volta, non hai alcun obbligo legale di parlare con la polizia, aiutarli a raccogliere prove che possono essere utilizzate contro di te, o di rilasciare dichiarazioni di qualsiasi tipo. La Costituzione degli Stati Uniti garantisce di avere il diritto di rimanere in silenzio. Mentre la Corte Suprema ha stabilito che, in alcune situazioni, devi invocare il tuo diritto a rimanere in silenzio se vuoi essere sicuro che il tuo silenzio non è tenuto contro di te, ti è ancora permesso di rimanere in silenzio prima, durante e dopo un arresto, anche se non hai un avvocato.

5. Tutta l'inganno da parte della polizia è l'intrappolamento

L'intrappolamento è una difesa legale affermativa riconosciuta. Ciò significa che se puoi provare a intrappolarti, non puoi essere condannato per un crimine - nonostante il fatto che lo stato abbia dimostrato di aver commesso il crimine per il quale sei stato accusato. In una difesa di intrappolamento, tu in effetti dici che, sì, hai commesso il crimine, ma sei stato costretto o costretto a farlo dallo stato, e non lo avresti commesso altrimenti. Pertanto, non si può essere ritenuti responsabili.

L'intrappolamento è molto difficile da dimostrare e, sebbene sia ampiamente noto, non è spesso usato come difesa legale. Spesso è anche frainteso nel senso che non si può essere condannati per un crimine se la polizia ti mentisce, ti inganna o cerca di ingannarti in qualche modo. Questo non è il caso.

Ad esempio, dite che prendete antidolorifici da prescrizione. Un amico viene da te e ti chiede di vendergli delle pillole. Sei d'accordo e sei rapidamente arrestato perché l'amico lavorava come informatore per la polizia. Questo non è intrappolamento, perché hai scelto di commettere un crimine semplicemente perché è sorto l'opportunità. Non sei stato costretto o costretto a commettere il crimine, e lo hai fatto di tua spontanea volontà.

Tuttavia, se invece dell'amico ti chiedesse semplicemente di vendergli le pillole, afferma di averne bisogno per la sua madre malata che soffre di cancro. Dice che non può permettersi il farmaco da sola, e se non lo capisce, il tuo amico teme di soffrire terribilmente. Rifiutate inizialmente, ma l'amico persiste. Alla fine sei d'accordo e sei stato arrestato. Questo è un classico esempio di intrappolamento: se il tuo amico non avesse fatto di tutto per convincerti a commettere il crimine, non lo avresti mai fatto. Hai fatto la vendita illegale esclusivamente a causa di ricorsi emotivi coercitivi.

Gli alti standard che devi soddisfare per mostrare intrappolamento significano che la polizia può fare molto senza che le loro azioni vengano considerate come intrappolamento. Ad esempio, la polizia può chiederti di commettere un crimine (come vendere birra a un ufficiale che posa come un adolescente sotto copertura), aiutarti a commettere un crimine (come venderti parti per fare una bomba) e lasciarti commettere un crimine o non riescono a impedirti di commettere un crimine (ad esempio guardarti fumare una canna senza dirti che è illegale) senza intrappolarti.

6. Non puoi essere accusato di un crimine se nessuno preme addebiti

L'idea di "accuse urgenti" è forse il concetto più incompreso quando si tratta di diritto penale. Il concetto sembra semplice: un cittadino medio o una persona normale può scegliere - o rifiutare - di avere qualcuno accusato di un crimine.

Anche se è vero che i pubblici ministeri potrebbero essere meno propensi a sporgere denuncia se un testimone non è disposto a collaborare con un'indagine, ciò non significa in alcun modo che le persone medie possano determinare quando i pubblici ministeri fanno o non fanno causa. La determinazione se qualcuno viene accusato di un crimine è sempre di competenza di un pubblico ministero.

I pubblici ministeri hanno discrezione nei tipi di accuse che essi presentano, quando depositano tali accuse e chi vogliono incriminare con un reato - ma la decisione finale è sempre la loro. I cittadini medi non hanno quasi alcun controllo sulla decisione di un accusatore di incriminare qualcuno con un crimine. Inoltre, i cittadini in genere non possono sporgere denuncia penale da soli, né possono impedire ai pubblici ministeri di sporgere denuncia penale.

7. La prova non può essere utilizzata se la polizia non ha un mandato di ricerca

Sotto il Quarto Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti, il popolo è libero da ricerche e sequestri irragionevoli. L'emendamento prevede, in parte, che lo stato non possa ottenere un mandato di perquisizione se non è in grado di mostrare una causa probabile. In termini pratici, questo significa che se la polizia vuole perquisire te, la tua casa o la tua proprietà, deve prima andare davanti a un giudice, dimostrare di avere ragione di credere che hai commesso un crimine e chiedere al giudice di emettere un mandato di perquisizione.

Tuttavia, questi requisiti dei warrant sono soggetti ad alcune eccezioni chiave e in molte situazioni la polizia può perquisirti senza un mandato e non violare i tuoi diritti. Esistono numerose eccezioni ai requisiti del mandato di ricerca, ma alcuni sono più comunemente riscontrati di altri. Questi includono, ad esempio, il consenso alla ricerca, visualizzazione semplice o aperta, stop-and-frisk (o "Terry" fermate), ricerca di trasporto automobilistico o mobile, circostanze urgenti o di emergenza e ricerche a seguito di un arresto. Ogni eccezione ha i propri standard e requisiti legali, e se lo stato non è in grado di dimostrare che ha soddisfatto i requisiti prima di condurre la ricerca, un tribunale non consentirà l'uso di prove da tale ricerca.

Ad esempio, la semplice dottrina della visione consente alla polizia di usare le prove che incontrano nella loro routine quotidiana. Quindi, se un agente di polizia viene a casa tua per farti alcune domande e, mentre lì, nota droghe illegali all'interno della tua casa, l'ufficiale non ha bisogno di ottenere un mandato di perquisizione per sequestrare quelle prove e arrestarti. In una ricerca di trasporto automobilistico o mobile, la polizia può eseguire una ricerca del veicolo se hanno probabili motivi per ritenere che il veicolo contenga prove di un crimine. Ad esempio, se vieni fermato e l'ufficiale nota che il fumo proviene da sotto il tuo sedile e odori la marijuana, l'ufficiale può cercare il tuo veicolo senza prima ottenere un mandato di perquisizione.

Un'altra eccezione comunemente riscontrata nei requisiti del mandato di perquisizione è il stop-and-frisk, noto anche come stop di Terry. Con uno stop-and-frisk, se la polizia ha il ragionevole sospetto che sei impegnato in una sorta di attività criminale, possono fermarti e farti frustare te ei tuoi vestiti per la prova di armi o qualsiasi cosa illegale.

Oltre alle eccezioni in cui un ufficiale può condurre una ricerca in base alle circostanze dell'interazione, concedere a un ufficiale il proprio consenso alla ricerca rimuove anche il requisito del mandato. Quindi, per esempio, se vieni fermato e l'ufficiale non ha alcuna prova per sospettare che tu abbia commesso un crimine o che il tuo veicolo contenga prove di un crimine, non saranno ammesse prove raccolte da una ricerca del tuo veicolo da un tribunale. Tuttavia, se concedi il permesso all'ufficiale di cercare il tuo veicolo e l'ufficiale successivamente trova prove di un crimine, tale prova è ammissibile perché hai concesso il consenso.

Pertanto, mentre è una regola generale che la polizia deve avere un mandato di perquisizione se desidera effettuare una ricerca, vi sono significative eccezioni a questa regola che rende completamente legali molte ricerche senza giustificazione.

8. Non puoi essere condannato senza impronte digitali, DNA o prove video

L'immagine del moderno laboratorio del crimine illuminato con strumenti scientifici scientifici, tecnici di laboratorio in camice bianco e metodi tecnologicamente avanzati di lotta al crimine e investigativi è il pane e il burro di molte rappresentazioni popolari del sistema di giustizia penale. L'idea che gli investigatori possano risolvere i crimini usando l'analisi delle impronte digitali, il riconoscimento vocale o il DNA può far sorgere la convinzione che, senza la presenza di tali prove, non si possa essere condannati. Ma questo mito è completamente sbagliato.

Molti casi non comportano prove scientifiche o scientifiche di alcun tipo e si basano esclusivamente sulla testimonianza di testimoni e investigatori criminali. In realtà, la testimonianza di un singolo poliziotto che ha indagato sul caso o la vittima di un crimine che può identificare l'autore del reato è in genere sufficiente per l'accusa per ottenere una condanna. La rappresentazione popolare di esperti scientifici che forniscono testimonianze sulla validità di prove o tecnici che eseguono analisi complicate delle scene del crimine è una parte di alcuni casi - ma questi casi sono un'eccezione, non la norma.

9. Il tuo coniuge non può testimoniare contro di te

L'immunità sponsale è una protezione che impedisce ai pubblici ministeri di forzare il coniuge di un imputato sposato a testimoniare contro tale imputato in qualsiasi procedimento penale. Allo stesso modo, lo stato non può obbligare i coniugi a divulgare comunicazioni confidenziali condivise tra i due, un concetto noto come privilegio di comunicazione coniugale.

Tuttavia, mentre l'immunità sponsale è un principio legale riconosciuto e importante, non è una protezione generale. Come altri principi legali, ha limiti ed eccezioni.

Innanzitutto, e forse la cosa più importante, i diritti di immunità sponsale possono essere cancellati. Se il coniuge di un imputato criminale sceglie di farlo, lui o lei può apparire volentieri e fornire una testimonianza che può essere utilizzata contro il coniuge dell'imputato. Il difensore non può, da solo, impedire al coniuge di testimoniare se il coniuge sceglie di farlo, né obbligare il coniuge a tacere.

Inoltre, l'immunità sponsale si applica solo alle coppie attualmente sposate al momento dell'accusa. Se una coppia divorzia prima che uno dei coniugi sia accusato, l'ex-coniuge non ha la possibilità di usufruire dei privilegi di immunità sponsale e può essere costretto a testimoniare contro il suo ex coniuge. Oltre a ciò, e in base alla legge statale, il privilegio dell'immunità sponsale non può essere applicato quando un coniuge è accusato di aver commesso un crimine contro l'altro, quando un coniuge è accusato di un crimine contro uno dei loro figli, o quando le comunicazioni tra i due ha avuto luogo prima che la coppia entrasse in matrimonio.

10. I casi vanno sempre in prova

Le prove criminali sono argomenti drammatici, coinvolgenti e incredibilmente popolari sia per scopi di intrattenimento che di notizie. Tuttavia, le prove che si svolgono all'occhio del pubblico e nell'intrattenimento popolare possono dare l'impressione che la maggior parte, se non tutti, i casi criminali vengano processati e che tutte le prove siano affari lunghi e complicati. La realtà è così diversa da rendere praticamente inutile la rappresentazione popolare.

La stragrande maggioranza dei casi penali negli Stati Uniti sono risolti attraverso accordi di patteggiamento tra l'accusa e la difesa. Inoltre, alcuni casi criminali che non vengono processati vengono licenziati, mentre altri coinvolgono imputati che muoiono. Secondo l'ufficio amministrativo della Corte degli Stati Uniti, oltre il 90% dei casi penali federali non raggiunge la fase di prova. Per casi statali, la percentuale potrebbe essere anche più alta.

Il piccolo numero di casi che effettivamente lo rendono in prova rappresenta solo una frazione del numero totale di casi in corso in qualsiasi momento. Di questi, solo una minima parte riceve mai media significativi o attenzione popolare.

Parola finale

Soprattutto, il mito più grande e più pericoloso riguardante la legge penale è che tu sai cosa devi fare per proteggerti, vincere il tuo caso e assicurarti di non metterti nei guai. La legge penale può essere un campo incredibilmente complicato e ciò che potrebbe sembrare ragionevole o logico per te potrebbe essere completamente sbagliato.

Senza nemmeno considerare le significative differenze giuridiche tra i singoli stati, così come tra gli stati e il sistema criminale federale, la tua capacità di difendere i tuoi diritti e proteggere te stesso è limitata perché la tua conoscenza è limitata. Se ti affidi alla rappresentazione popolare della legge e del sistema di giustizia penale, potresti trovarti in uno svantaggio ancora maggiore.

Conoscere i tuoi diritti e doveri prima di prendere qualsiasi decisione (o qualsiasi affermazione potenzialmente incriminante) è sempre nel tuo miglior interesse. Pertanto, se di fronte a una situazione di diritto penale, consultare sempre un avvocato.

Quali miti legali aggiuntivi conosci?


I 9 suggerimenti per l'intervista di lavoro che devi conoscere

I 9 suggerimenti per l'intervista di lavoro che devi conoscere

Dopo innumerevoli ore di ricerche attraverso elenchi di lavoro, compilando moduli di domanda e inviando lettere di copertura e riprendi, finalmente riceverai la chiamata: hai un colloquio di lavoro. La parte difficile è finita, giusto? Non proprio.Hai mai sentito di aver avuto una grande intervista ma non hai ancora ottenuto il lavoro?

(Soldi e affari)

16 suggerimenti per una migliore chat video online - Migliora la qualità e l'aspetto

16 suggerimenti per una migliore chat video online - Migliora la qualità e l'aspetto

Come matricola all'università nel 2000, ricordo di aver faticato a pagare la mia bolletta mensile di cellulare di 400 minuti. Stavo cercando di mantenere una relazione a distanza con il mio ragazzo, ma il nostro tempo per parlare era limitato a causa del suo programma di baseball, i miei due lavori e, soprattutto, il fatto che eravamo usciti solo un mese prima voce per separare le scuole.

(Soldi e affari)