it.lutums.net / 6 motivi per investire in Exchange Traded Funds (ETF) su fondi comuni di investimento

6 motivi per investire in Exchange Traded Funds (ETF) su fondi comuni di investimento


Cosa significa il sogno americano per te? Per molti, significa avere sicurezza finanziaria, e avere la capacità di fornire un'istruzione ai bambini, prendersi cura dei genitori, andare in pensione comodamente o rimanere indipendente mentre invecchia.

Ma raggiungere la sicurezza finanziaria non è facile. Un sondaggio del Pew Research del 2015 suggerisce che più della metà degli americani non sono finanziariamente preparati per l'imprevisto, o altrimenti spendono più di quanto guadagnino ogni mese. 8 americani su 10 si preoccupano della loro mancanza di risparmi. Allo stesso tempo, la maggior parte degli americani riconosce che il risparmio e l'investimento regolari di una parte del proprio reddito costituiscono il fondamento della sicurezza finanziaria. Mentre i conti di risparmio sono una componente fondamentale in un piano di investimento con il loro basso rischio e alta liquidità, la maggior parte degli investitori ha bisogno dei maggiori rendimenti potenziali di partecipazione azionaria.

L'evoluzione dei veicoli di investimento azionario

Portafogli di singoli titoli

Dopo la seconda guerra mondiale, Merrill, Lynch, Pierce, Fenner & Beane (il predecessore di Merrill, Lynch, Pierce, Fenner & Smith, Inc.) iniziarono una campagna per "portare Wall Street a Main Street" che includeva opuscoli e seminari che insegnavano pubblico come investire nelle azioni ordinarie delle società americane. Nel 1947, la società era responsabile del 10% delle transazioni sulla Borsa di New York; tre anni dopo, era diventata la più grande società di brokeraggio al mondo. Le aziende di Wall Street hanno incoraggiato gli investitori a possedere azioni di singole società, promuovendo club di investimento e piani di investimento mensili. Il pubblico ha risposto con entusiasmo al nuovo investimento, portando il volume annuale sul NYSE da 377, 6 milioni di azioni nel 1945 a oltre un miliardo di azioni nel 1961, secondo NYSE Market Data.

Nonostante il successo, molti potenziali investitori disponevano di capitale limitato o mancavano il tempo o le competenze per analizzare o monitorare con successo il mercato azionario. Queste carenze hanno portato a una domanda di portafogli gestiti professionalmente che potrebbero essere condivisi da centinaia di investitori per ridurre i costi, il rischio di investimento e la volatilità: il fondo comune di investimento.

Portafogli gestiti professionalmente - fondi comuni

Nel 1928 apparve il fondo Wellington, il primo fondo comune di investimento per azioni e obbligazioni. Nel giro di un anno, c'erano 19 fondi aperti e circa 700 fondi chiusi, la maggior parte dei quali furono spazzati via nel Wall Street Crash del 1929. Quando l'economia americana esplose negli anni '50, l'interesse per la gestione combinata e professionale delle scorte portafogli - fondi comuni di investimento - riemersi. Un fondo comune è spesso definito come un paniere di azioni, obbligazioni o altri beni. È gestito da una società di investimento per investitori che non dispongono altrimenti delle risorse per acquistare o gestire autonomamente una raccolta di singoli titoli.

La domanda per il nuovo veicolo di investimento è esplosa. Gene Smith, che scriveva per il New York Times il 6 ottobre 1958, affermava: "Il macellaio, il fornaio, il fabbricante di candelabri, il poliziotto a tempo, la massaia - tutti hanno una cosa in comune oggi: stanno versando di più e più dollari in fondi comuni di investimento ".

Secondo il Fact Book della Investment Company, gli acquisti netti delle famiglie di quote di fondi comuni hanno superato per la prima volta l'acquisto di azioni delle azioni societarie nel 1954. Entro la fine del 2014, le famiglie detenevano quasi $ 12, 5 trilioni di fondi comuni di vario tipo ( equità, obbligazioni ed equilibrio).

Indice che tiene traccia dei fondi comuni

Tuttavia, anche con l'aumento degli investimenti in fondi comuni di investimento, alcuni hanno iniziato a chiedersi se la performance giustificasse le alte commissioni di gestione. Le affermazioni di molti gestori di fondi comuni di investimento che i loro risultati hanno superato i rendimenti generali del mercato sono state esagerate, in particolare per diversi cicli di mercato. Secondo l'indice S & P Dow Jones Indices 2014 Scorecard, l'86% dei gestori di fondi large cap ha sottoperformato lo S & P 500 di quell'anno. E Morningstar ha scoperto che gli investitori hanno incassato $ 92 miliardi da fondi a gestione attiva e aggiunto altri $ 160 miliardi per investire in fondi indicizzati nel solo 2015.

I fondi indicizzati - un fondo comune che detiene tutti gli stock costituenti una particolare misura del mercato azionario - sono divenuti disponibili al pubblico nel 1974 quando John Bogle ha creato il fondo dell'indice Vanguard 500, progettato per tracciare l'indice azionario Standard & Poors 500. Bogle, riconoscendo la difficoltà di cercare di superare costantemente il mercato, ha sostenuto un nuovo approccio per investire nel suo "The Little Book of Common Sense Investing: l'unico modo per garantire la giusta quota di ritorni azionari" con il consiglio, " Non cercare l'ago nel pagliaio. Basta comprare il pagliaio. "

I fondi dell'indice sono simili ad altri fondi comuni di investimento aperti. Ad esempio, vengono acquistati e riscattati direttamente dalla società di gestione e non vengono scambiati in una borsa. Tuttavia, le commissioni di gestione dei fondi indicizzati sono significativamente ridotte a causa di una minore necessità di ricerche costose (la maggior parte delle decisioni di acquisto e vendita sono dettate dal computer). Mentre i fondi indicizzati soddisfano le esigenze di alcuni investitori, la ricerca di costi inferiori, maggiore liquidità e maggiore flessibilità degli investimenti hanno portato molti investitori a preferire i fondi negoziati in borsa o gli ETF.

Exchange Traded Funds (ETF)

Un ETF è simile a un fondo comune di investimento indicizzato in quanto segue anche un indice (non è gestito attivamente). Tuttavia, a differenza di un fondo indicizzato, un ETF opera come azioni ordinarie in borsa e può essere acquistato o venduto nell'arco della giornata. Di conseguenza, gli ETF hanno un numero di opzioni non presenti nei fondi comuni di investimento, inclusa la possibilità di acquistare azioni a margine o effettuare vendite allo scoperto, sia per speculazione che per copertura.

Creato nel gennaio 1993 da State Street Global Advisors, lo SPDR S & P 500 (SPY) è stato il primo ETF negli Stati Uniti. Il fondo è progettato per tracciare l'indice Standard & Poor 500, una combinazione delle capitalizzazioni di mercato di 500 grandi società quotate alla Borsa di New York (NYSE) o al Nasdaq. Secondo ETFdb.com, SPY ha più risorse in gestione rispetto ai prossimi tre ETF più grandi insieme.

Come un fondo comune di investimento indicizzato, la composizione di un ETF è progettata per tracciare specifici indici di sicurezza o benchmark come l'S & P 500, il Russell 2000 o l'indice Morningstar Small Value. I fondi negoziati in borsa sono disponibili in più categorie, tra cui:

  • Indici di mercato degli Stati Uniti . Questi ETF tengono traccia di tali indici come S & P 500, Dow Jones, Nasdaq-100 o CRSP US Total Market.
  • Indici del mercato estero . Alcuni ETF seguono gli indici azionari di altri paesi come l'indice giapponese Nikkei o l'indice MSCI Germany.
  • Settori e industrie . Sono disponibili ETF che tracciano una particolare industria o settore dell'economia come i farmaci (PowerShares Dynamic Pharmaceuticals ETF - PJP) o la biotecnologia (iShares NASDAQ Biotechnology Index ETF - IBB). Altri settori includono beni di consumo, servizi pubblici e alta tecnologia.
  • Materie prime Questi ETF tracciano il prezzo di materie prime specifiche come l'oro (GLD) o il petrolio (USO).
  • Valute estere Alcuni ETF seguono una valuta specifica rispetto al dollaro USA, come lo yen giapponese (FXY), o un paniere di valute contro il dollaro, come gli otto mercati valutari dell'Asia (AYT).
  • Capitalizzazione di mercato . Questi ETF includono indici basati su capitalizzazioni di grandi, medie e piccole dimensioni, come il Vanguard Total Stock Market ETF (VTI), lo SPDR MidCap Trust Series I (MDY) e il PowerShares Fundamental Pure Small Growth Portfolio (PXSG).
  • Obbligazioni Le scelte includono ETF internazionali, governativi o basati su obbligazioni societarie e includono fondi come l'ETF SPDR Capital Long Credit Bond (LWC).

Questo tipo di investimento ha dimostrato di essere molto popolare tra investitori istituzionali e privati; pertanto, l'Investment Company Institute (ICI) ha elencato oltre 1.400 ETF con un patrimonio di quasi $ 2 trilioni entro il 2015. Il 5, 2% delle famiglie americane deteneva quote di ETF a metà 2014, con oltre un quarto di ETF concentrato nelle scorte di società nazionali a grande capitalizzazione. Secondo l'ICI, gli ETF hanno attratto quasi il doppio dei flussi come fondi comuni indicizzati dal 2007, in quanto gli investitori hanno venduto i fondi comuni tradizionali e reinvestiti in alternative indicizzate.

Performance di mercato superiore dei fondi indicizzati e degli ETF

Mentre l'obiettivo di ogni investitore e gestore di portafoglio è stato quello di battere il mercato (in altre parole, avere rendimenti degli investimenti superiori alle medie di mercato), la realtà è che pochi, se non nessuno, possono offrire risultati eccezionali. Economisti e professionisti degli investimenti riconoscono l'inutilità di tali sforzi e raccomandano l'acquisto e la detenzione di fondi indicizzati.

Secondo Warren Buffett, "La maggior parte degli investitori istituzionali e individuali troveranno il modo migliore per possedere azioni ordinarie tramite un fondo indicizzato che addebita commissioni minime. Chi segue questa strada è sicuro di battere il risultato netto [dopo tasse e spese] consegnato dalla grande maggioranza dei professionisti degli investimenti. "Charles Ellis, Ph.D., autore di" Winning the Loser's Game "e un ex presidente dell'Istituto di Chartered Financial Analysts, concorda, scrivendo: "I dati a lungo termine ripetutamente documentano che gli investitori trarrebbero beneficio passando dall'investimento a rendimento attivo all'indicizzazione a basso costo [fondi]".

La futilità del tentativo di battere il mercato è descritta al meglio da Burton Milkier, economista e direttore del Vanguard Group per 28 anni, che ha scritto nel suo libro "A Random Walk Down Wall Street" che "una scimmia bendata che lancia le freccette a un giornale La pagina finanziaria potrebbe selezionare un portafoglio che farebbe altrettanto bene di uno selezionato accuratamente dagli esperti. "A giudicare dal flusso di dollari in ETF, è evidente che molti investitori concordano con la filosofia:" Se non puoi batterli, unisciti a loro. "

Ragioni per investire in ETF su fondi comuni di investimento

1. Flessibilità dell'investimento

Gli ETF sono disponibili in un'ampia varietà di categorie, che vanno dall'ampio mercato statunitense o mercato azionario globale, a una singola categoria di attività, come singole materie prime (oro, energia, agricoltura) o settori industriali (energia a piccola capitalizzazione, metalli e miniere, homebuilder, energia alternativa). Gli investitori possono persino acquistare ETF che rappresentano l'economia di un singolo paese (come Brasile, Germania, Canada o Russia).

La disponibilità di diverse categorie di ETF (sebbene correlate) consente agli investitori di "coprire" - utilizzando un investimento per compensare i rischi di un altro. Ad esempio, un investitore che detiene una posizione in Apple, Google o altri titoli ad alta tecnologia che non vogliono vendere la sua posizione - ma è preoccupato per un abbandono a breve termine - potrebbe vendere a breve un ETF del settore tecnologico per ridurre il suo rischio. Quando lo stock diminuisce, l'ETF diminuirà proporzionalmente, compensando la perdita dello stock. Di conseguenza, anche se il titolo perde valore, la vendita allo scoperto diventa redditizia, coprendo così il rischio di un calo del mercato dello stock. Secondo ETFdb.com, gli ETF possono domare la volatilità, difendersi dall'inflazione e ridurre i rischi di cambio.

2. Flessibilità delle transazioni

Poiché gli ETF operano come azioni, le azioni possono essere acquistate in qualsiasi momento. Gli ordini limite e stop possono essere utilizzati per ridurre il rischio di volatilità intra-day. Sono disponibili vendite allo scoperto e acquisti a margine.

A differenza dei fondi comuni d'investimento indicizzati, gli ETF consentono a un investitore di negoziare a Chicago Board Options Exchange (CBOE) o opzioni NYSE per acquistare o vendere l'ETF. Secondo Bloomberg Business, gli ETF rappresentano circa il 70% di tutto il volume delle opzioni azionarie, ovvero $ 77 miliardi al giorno. Bloomberg attribuisce il volume ai gestori di fondi professionali che coprono i loro portafogli in quanto il mercato può "assorbire operazioni in miliardi di dollari senza perdere un colpo".

3. Rapporti di spesa inferiori

Gli ETF in genere hanno costi di proprietà inferiori rispetto a un fondo comune su indici. Tali costi comprendono i costi amministrativi della gestione del fondo (comunemente denominati "expense ratio") e comprendono la gestione del portafoglio, l'amministrazione del fondo, la contabilità e i prezzi giornalieri del fondo, i servizi agli azionisti, le commissioni 12b-1 e altri costi operativi. Uno studio Morningstar ha rilevato che gli ETF presentavano indici di spesa inferiori rispetto ai fondi comuni di investimento in quasi tutte le categorie, sebbene il vantaggio fosse solitamente inferiore a un quarto dell'1%.

Alcuni sostenitori dei fondi comuni d'investimento dichiarano che il costo delle commissioni di transazione e l'entità del differenziale bid-ask (la differenza tra il prezzo offerto per acquistare un titolo e il prezzo offerto per vendere un titolo) in un ETF compensano il vantaggio di un minore rapporto spese. Un acquirente di fondi comuni di investimento indicizzato non è soggetto ad alcun costo.

4. Vantaggi fiscali

Ogni volta che un proprietario di un fondo di investimento riscatta azioni, il fondo deve vendere titoli per finanziare il rimborso, innescando un guadagno o una perdita in conto capitale. I titolari di fondi comuni, compresi i detentori di fondi comuni di investimento indicizzati, devono pagare le imposte sui dividendi e sulle plusvalenze per le transazioni che si verificano all'interno del fondo. Per legge, se un fondo accumula plusvalenze, deve distribuirle agli azionisti alla fine di ogni anno. Di conseguenza, i titolari di un fondo comune di investimento possono incorrere in un debito d'imposta anche quando il fondo ha perso valore durante l'anno.

A causa della composizione unica degli ETF, essi non sono tenuti a vendere nessuna delle loro partecipazioni per riscattare le azioni, innescando un evento imponibile. Le azioni di un ETF sono create e liquidate attraverso transazioni con un partecipante autorizzato (AP). Un AP è un grande investitore istituzionale che ha stipulato un contratto con l'ETF per fornire panieri dei titoli desiderati o contante all'ETF in cambio delle azioni dell'ETF, che vengono quindi conservate o vendute in una borsa valori.

Come conseguenza della struttura, un investitore in ETF pagherà solo le imposte sulle plusvalenze basate su due fattori:

  • Il costo dell'acquisto iniziale dell'ETF e i proventi di una vendita quando lui o lei cessa la sua posizione
  • La durata del periodo di detenzione

5. Esposizione totale agli investimenti

Le azioni dell'ETF sono acquistate e vendute sul mercato secondario attraverso un broker-dealer come qualsiasi altro titolo, piuttosto che attraverso uno sponsor di fondi comuni come per un fondo indicizzato. Di conseguenza, gli attivi dell'ETF sono interamente investiti in ogni momento. Al contrario, uno sponsor di fondi comuni deve detenere liquidità per finanziare i riscatti di azioni.

Secondo uno studio del dott. Sergey Chernenko della Ohio State University e della dott.ssa Adi Sunderam della Harvard University, il rapporto medio cash-to-asset nei fondi comuni indicizzati è aumentato nel tempo, passando dal 7% nel 1997 al 9, 5% nel 2014 Nonostante ciò, gli autori dello studio hanno concluso che molti gestori di fondi non conservano abbastanza denaro per eliminare il rischio di dover vendere attività per finanziare rimborsi.

Mentre i fondi indicizzati e gli ETF sono tenuti a valutare il valore patrimoniale netto (NAV) dei loro portafogli alla fine di un giorno di negoziazione, il prezzo a cui le transazioni ETF si verificano è in costante cambiamento, poiché i prezzi sono stabiliti in un processo di asta sulla borsa. Ciò significa che il prezzo dell'ETF può variare da trade a trade o al NAV. D'altra parte, gli acquirenti e i venditori di fondi comuni di investimento ottengono sempre il valore del NAV stabilito il giorno della transazione.

6. Nessun acquisto minimo

Molti sponsor di fondi comuni di investimento richiedono un importo minimo di acquisto, compreso tra $ 100 e $ 3000 o più. Secondo The Motley Fool, alcuni fondi comuni di investimento dell'indice richiedono fino a $ 50.000. Un acquirente di azioni ETF può acquistare una azione alla volta se lo desidera, ma deve soppesare i costi delle commissioni. Se la media del costo del dollaro è una strategia desiderata, è essenziale un account con un broker a costo zero o a basso costo.

Parola finale

Con i loro molti vantaggi rispetto ai tradizionali tipi di investimento, i fondi scambiati sono diventati sempre più popolari da quando sono stati introdotti nel 1993. Il loro successo ha coinciso con l'accettazione diffusa della Modern Portfolio Theory (MPT), che afferma che la selezione individuale dei titoli non è così importante come allocazione corretta nelle classi di attività più appropriate. In altre parole, bilanciare il rischio e il rendimento attraverso un'adeguata diversificazione è la strategia di investimento ottimale.

L'utilità degli ETF ha anche stimolato la crescita di consulenti per gli investimenti automatizzati, comunemente chiamati "robo-advisors", che consentono consulenza di portafoglio professionale per investitori con fondi limitati o coloro che preferiscono un approccio DIY. Steve Lockshin di Convergent Wealth Advisors riconosce i vantaggi degli ETF e dei consigli automatizzati: "I computer sono molto più bravi nell'attuare la strategia vincente del Nobel per la diversificazione degli investimenti e il riequilibrio rispetto alle persone, e sono molto più bravi anche nella raccolta delle perdite fiscali “.

Per gli investitori che non hanno tempo, esperienza o interesse nell'analizzare e monitorare i singoli titoli, gli ETF sono un'alternativa convincente, specialmente se eseguiti con il consiglio di una società di intermediazione a basso costo e di una consulenza automatizzata sul portafoglio.

Stai acquistando ETF? Qual è stato il tuo risultato?


Come trattare con vari tipi di collettori del debito

Come trattare con vari tipi di collettori del debito

Si spera che non si abbiano conti di credito predefiniti. Ma alcuni di voi potrebbero aver visto di recente la luce sul cambiamento delle proprie finanze, e ora si sta cercando di ripulire il passato. Una parte di questa pulizia può comportare l'uso di collezionisti di banconote. I collezionisti di Bill hanno uno dei peggiori posti di lavoro al mondo.

(Soldi e affari)

Parola finale

Parola finale

Nel bene e nel male, l'elettronica ha praticamente preso il sopravvento sulle nostre vite. Se non stai fissando lo schermo di un computer, hai il viso sepolto nel telefono. Se no, stai fissando la TV. Che il tuo vizio sia film, videogiochi, computer o smartphone, i gadget sono fonte di distrazione, se non di ossessione

(Soldi e affari)