it.lutums.net / Spiegazione della neutralità della rete - Che cos'è e perché è il regolamento su Internet

Spiegazione della neutralità della rete - Che cos'è e perché è il regolamento su Internet


Alcuni mesi fa, due venditori si sono presentati alla mia porta cercando di convincermi a passare il mio servizio Internet a Verizon. Quando ho rifiutato, spiegando che non volevo supportare Verizon a causa della sua posizione sulla neutralità della rete, la loro risposta è stata: "Che cos'è?"

Questa reazione è abbastanza comune. Anche se la neutralità della rete - conosciuta anche come Internet aperta - è stata molto di recente nelle notizie, la maggior parte degli americani ancora non sa cosa sia. Secondo CNBC, un sondaggio del novembre 2017, poco dopo che la FCC ha annunciato i suoi piani per eliminare le regole di neutralità della rete, ha rilevato che solo il 46% degli americani ha dichiarato di aver sentito parlare del problema di recente. Al contrario, più di due terzi avevano sentito parlare di riforme fiscali e accuse di cattiva condotta sessuale da parte dei politici.

Questo è sfortunato, perché la neutralità della rete - o la sua mancanza - ha un impatto molto più grande sulla tua vita dei misfatti sessuali di un politico. Le modifiche alle regole Internet aperte potrebbero influire non solo su ciò che si paga per il servizio Internet, ma anche sul tipo di contenuto che si è in grado di trovare online. Ecco cosa devi sapere su cosa sia realmente la neutralità della rete e in che modo le nuove regole potrebbero cambiarti la vita.

Quali mezzi di neutralità della rete

Parliamo di "Internet" come se fosse un unico grande sistema, ma in realtà sono due cose distinte. Quello che vedi quando navighi sul Web è il lato dei contenuti di Internet. Ogni sito che appare sullo schermo, sia che fornisca notizie, quotazioni di borsa, blog di cucina o video di gatti, è un esempio di contenuto Internet.

La parte di Internet che non puoi vedere è il lato infrastruttura: la vasta rete di cavi in ​​rame, cavi in ​​fibra ottica, torri cellulari e satelliti che trasferisce tutto il contenuto dai siti in cui è stato creato sul tuo computer. La maggior parte delle persone in questi giorni si collegano a questa rete con un servizio Internet a banda larga. In America, tale servizio è fornito da pochi grandi fornitori di servizi Internet (ATP): AT & T, CenturyLink, Charter, Comcast, Cox e Verizon.

Il problema è che gli ISP che controllano il tuo accesso a Internet possono anche vedere ciò che fai online: pubblicare su social media, streaming video, giocare a giochi per computer online e così via. Ciò significa che possono programmare i propri server per rallentare o bloccare l'accesso a determinati siti. Possono soffocare il tuo accesso ai siti che non piacciono e creare una speciale "corsia preferenziale" per i siti che preferiscono - o, più probabilmente, siti che li pagano in più per questo accesso veloce.

È qui che entra in gioco la neutralità della rete. L'idea alla base della neutralità della rete è che gli ISP non dovrebbero poter controllare ciò che fai online rendendo alcuni tipi di contenuti più veloci o meno costosi da vedere rispetto ad altri. Possono caricarti di più per una connessione Internet più veloce, ma quello che fai con quella connessione dipende da te.

Negli ultimi due anni, i pensatori creativi hanno messo a punto diverse analogie per illustrare l'importanza di Internet aperta. Ad esempio, il sito Web dell'American Civil Liberties Union (ACLU) ti chiede di immaginare se il tuo operatore di telefonia mobile potrebbe interrompere la chiamata ogni volta che hai provato a ordinare una pizza da Domino perché stava ricevendo un contraccolpo da Pizza Hut. Continuando il tema del fast-food, Burger King ha creato un video - mostrato qui su Adweek - in cui uno dei suoi ristoranti ha deliberatamente rallentato l'accesso ai panini di Whopper ai clienti che non avevano pagato un extra per un servizio più rapido. E una storia su NextWeb spiega come l'attivista della neutralità della rete Rob Bliss abbia usato la sua bici per controllare una corsia di traffico in una strada di Washington, offrendo ai pendolari l'opportunità di pagare $ 5 per accedere alla nuova "corsia veloce".

Cambiamenti nella legge sulla neutralità della rete

Il rischio che gli ISP armeggiano con il tuo accesso ai contenuti non è solo teorico. È successo nel 2014, quando Comcast ha rallentato l'accesso ai flussi Netflix fino a quando la società non ha stipulato un accordo che "stabiliva una connessione più diretta" con Comcast, secondo Consumerist. Un problema simile è emerso nel 2011, quando tre principali provider wireless - Verizon, AT & T e T-Mobile - hanno bloccato l'accesso a Google Wallet sui propri telefoni per promuovere i propri sistemi di pagamento elettronico, come riportato alla CNN.

Nel 2015, la Federal Communications Commission (FCC) ha approvato nuove regole che regolano ciò che gli ISP possono o non possono fare con i tuoi contenuti Internet. Tuttavia, il dibattito sulla neutralità della rete non si è concluso qui. Gli ISP hanno protestato per la mossa e nel 2017 hanno ottenuto il loro consenso quando un nuovo presidente della FCC ha annullato le regole del 2015. Questo cambiamento è la ragione per cui la neutralità della rete sta tornando a fare notizia.

La regola Internet aperta 2015

L'Open Internet Rule della FCC, approvata a febbraio 2015, era un vasto documento di oltre 400 pagine. Tuttavia, sostanzialmente si riduce a tre punti principali:

  • Nessun blocco . Secondo le nuove regole, gli ISP non potevano bloccare l'accesso a qualsiasi sito, applicazione, servizio o dispositivo. Le uniche eccezioni riguardavano contenuti illegali o dannosi, come la pedopornografia.
  • No Throttling . Agli ISP non è stato inoltre consentito di "accelerare" servizi o applicazioni specifici, ovvero di rallentare l'accesso ad essi. In particolare, non potevano fornire un accesso più veloce o più lento a determinati tipi di traffico Internet in base al loro contenuto, a chi li utilizzava o se erano in qualche modo in concorrenza con i servizi dell'ISP. Ad esempio, Comcast non potrebbe deliberatamente limitare l'accesso al sito Web di Verizon per impedire alle persone di cambiare servizio.
  • Nessuna priorità a pagamento . Infine, agli ISP è stato vietato addebitare ai fornitori di contenuti una commissione per offrire agli utenti un accesso più rapido o più affidabile ai loro siti. In altre parole, non erano autorizzati a creare "corsie veloci" su Internet. Ad esempio, un ISP non è in grado di rendere i flussi video di Hulu più veloci dei flussi video da Netflix perché Netflix ha pagato per il privilegio.

Per fare tutto ciò, la FCC ha dovuto classificare il servizio Internet a banda larga come "pubblica utilità" nella stessa categoria di un servizio telefonico o elettrico. Nello specifico, ha dichiarato che il servizio a banda larga sarebbe regolato dal Titolo II della legge sulle comunicazioni del 1934, rendendolo soggetto alle stesse regole rigorose delle reti telefoniche locali.

I principali ISP erano fortemente contrari a questo cambiamento. Sostenevano che la maggiore sorveglianza richiesta dalle nuove regole avrebbe dato loro meno incentivi per l'aggiornamento delle loro reti, con conseguente rallentamento del servizio Internet per tutti. Tuttavia, quegli stessi ISP hanno continuato a dire ai loro investitori che non avevano intenzione di tagliare gli investimenti in infrastrutture a causa delle nuove regole. Un'analisi del 2017 di Business Insider ha rilevato che mentre alcuni ISP investivano meno nelle loro reti sulla scia delle regole del 2015, altri non hanno apportato alcuna modifica o addirittura aumentato il loro investimento.

L'abrogazione 2017

In una dichiarazione del novembre 2017, il nuovo presidente della FCC Ajit Pai ha annunciato la sua intenzione di "ripristinare la libertà di Internet" abrogando le regole del 2015, che ha definito "pesanti regole di stile pratico". Pai ha sostenuto che le nuove regole erano "depresso" investimento nella costruzione e nell'ampliamento delle reti a banda larga e nell'innovazione scoraggiata ".

Gli ISP erano fortemente favorevoli a questa mossa. Sostenevano che le regole del 2015 stavano soffocando l'innovazione, causando il ritardo del servizio Internet negli Stati Uniti rispetto ad altri paesi. Sostenevano inoltre che non erano necessarie regole Internet aperte, poiché si erano tutte volontariamente impegnate a non bloccare o limitare l'accesso a Internet a nessun sito. Nel maggio 2017, i report dei consumatori, 21 ISP hanno pubblicato un annuncio a pagina intera che dichiarava il loro impegno per "Internet aperto", ma nessuno di loro avrebbe sostenuto questo impegno per iscritto, e nessuno di loro avrebbe promesso di non dare la priorità a determinati contenuto per soldi.

L'industria tecnologica, al contrario, era quasi universalmente contraria all'abrogazione. Più di 200 pionieri e ingegneri di Internet hanno presentato un commento congiunto di 43 pagine alla FCC (pubblicato in full su Tumblr) sostenendo che l'abrogazione rappresentava una minaccia per la natura stessa di Internet. Sostenevano che le nuove regole avrebbero costretto gli sviluppatori a "chiedere l'approvazione o il pagamento delle tariffe agli ISP prima di implementare la loro ultima tecnologia rivoluzionaria". Le nuove startup non sarebbero in grado di competere e l'innovazione verrebbe meno.

Per quanto riguarda gli utenti regolari di Internet, molti di loro non erano nemmeno a conoscenza del cambiamento proposto. Tuttavia, coloro che ne erano a conoscenza erano generalmente contrari. La FCC ha ricevuto milioni di commenti contrari all'abrogazione; CNET ha riferito di proteste sulle nuove regole al di fuori dei negozi di Verizon; un sondaggio dell'Università del Maryland ha mostrato che l'83% di tutti gli americani, una volta che avevano spiegato la neutralità della rete, preferiva mantenere l'Open Internet Rule. Ma nonostante il clamore, la FCC ha votato a dicembre per abrogarlo.

In che modo le nuove regole sulla neutralità della rete potrebbero influenzarti

Le nuove regole di neutralità della rete sono state inserite nel Registro federale il 22 febbraio 2018 e diventeranno legge a partire dal 23 aprile 2018. Finora è probabile che non abbiate notato alcun cambiamento nel modo in cui funziona Internet. A lungo termine, tuttavia, la modifica potrebbe influire su ciò che si paga per il servizio Internet, su ciò che si paga per i contenuti online e persino sul tipo di contenuto che è possibile visualizzare online.

1. Costi Internet

Molti esperti di tecnologia ritengono che con le nuove regole, gli ISP cambieranno il modo in cui fanno pagare per il servizio Internet. Due esperti intervistati da US News prevedono un passaggio a un sistema a più livelli, con pacchetti di servizi a livello di bronzo, argento e oro. L'accesso ai siti più popolari sarà riservato a coloro che pagano un extra per il servizio di alto livello.

In alternativa, pagare per il servizio Internet potrebbe essere come comprare un biglietto aereo: invece di un unico prezzo all-inclusive, dovrai pagare un prezzo base più una serie di costi aggiuntivi per gli "extra". borse, imbarco prioritario e snack, gli ISP potrebbero un giorno addebitare un extra per l'accesso a streaming di video o social media.

Per alcune persone, questa potrebbe essere una buona cosa. Ad esempio, se si utilizza Internet solo per la posta elettronica e la navigazione occasionale sul Web, è possibile pagare meno per un pacchetto Internet bare bones rispetto a quello per il servizio di base ora. Tuttavia, se sei come l'utente medio di Internet, probabilmente dovrai sborsare di più per un pacchetto di fascia media o di alto livello.

Il presidente Pai ha suggerito che, a lungo termine, regole Internet meno restrittive porteranno a Internet più economica e migliore per tutti. L'idea è che senza regolamenti onerosi a loro modo, gli ISP metteranno più denaro nell'espansione delle loro reti. Mentre si diffondono nel territorio dell'altro, l'aumento della concorrenza farà abbassare i prezzi.

Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che ciò accada realmente. Come sottolinea Business Insider, la maggior parte degli ISP ha già un sacco di capitali e ha mostrato scarso interesse ad utilizzarli per espandere il proprio servizio in più aree. E i nuovi ISP, come Google Fiber, hanno avuto scarso successo competendo con le aziende consolidate sul loro stesso terreno, anche con le tasche profonde di un'azienda madre per sostenerli.

2. Costi di contenuto

Un'altra possibilità è che, invece di addebitare più direttamente ai consumatori, gli ISP addebiteranno tariffe ai fornitori di contenuti per un accesso più rapido ai loro siti. Ad esempio, i servizi di streaming media come Netflix e Hulu dovrebbero pagare un extra per evitare di rallentare i flussi. Questi siti, a loro volta, probabilmente passerebbero i costi aggiuntivi agli utenti aumentando i loro prezzi di abbonamento. In alternativa, potrebbero coprire i costi aggiuntivi vendendo più annunci, quindi la sessione di binge "Stranger Things" verrà interrotta due volte più spesso.

D'altra parte, gli ISP potrebbero semplicemente rifiutarsi di darti accesso ad alcuni contenuti. Invece di addebitare a Hulu e Netflix una tariffa per un accesso più rapido, potrebbero promettere un accesso esclusivo a qualsiasi servizio sia disposto a pagarli di più. Quindi, ad esempio, gli utenti di Comcast potrebbero avere l'accesso a Netflix incluso nel loro servizio Internet, mentre solo gli utenti di Verizon possono accedere a Hulu.

Se ciò dovesse accadere, lo shopping per il servizio Internet sarebbe molto più complicato. Oltre a confrontare gli ISP in base al loro prezzo e alla loro velocità, dovresti considerare quale ti dà accesso a tutto ciò che desideri visualizzare online, proprio come scegliere un pacchetto TV via cavo.

Ovviamente, supponiamo che tu abbia una scelta su quale ISP usi. Secondo l'ultimo rapporto FCC sull'accesso a Internet in America, circa uno su cinque americani ha solo uno o due fornitori tra cui scegliere per il servizio a banda larga. Per servizi veramente ad alta velocità - 25 Mbps o più - la maggior parte degli americani non ha più di un provider disponibile e oltre il 20% non ne ha affatto. Quindi, se sei uno dei tanti americani con un solo servizio ad alta velocità a tua disposizione, quel servizio potrebbe finire per prendere la tua decisione su ciò che mostra puoi guardare, quali podcast puoi ascoltare e quali altri online servizi che puoi usare

3. Informazioni online

È probabile che alcuni siti Web e applicazioni online non possano permettersi l'accesso alla nuova "corsia di sorpasso" di Internet. Di conseguenza, il loro contenuto diventerà più lento per accedere e più difficile da utilizzare. La difficoltà di gestire questi siti a caricamento lento probabilmente porterà molti consumatori a rinunciare del tutto a questi. Questo, a sua volta, potrebbe rendere più difficile trovare informazioni utili quando stai cercando di confrontare prodotti o servizi online.

Ad esempio, supponi di essere un utente di Comcast e stai pensando di cambiare ISP. Quando provi a cercare online informazioni su altri ISP nella tua zona, Comcast potrebbe bloccare o rallentare l'accesso ai loro siti in modo da non essere in grado di ottenere un preventivo. Se cerchi recensioni da parte degli utenti, Comcast potrebbe bloccare qualsiasi sito che abbia cose negative da dire sul proprio servizio, facendoti pensare che sia il migliore del gruppo.

Questo potenziale problema non è limitato allo shopping per il servizio Internet. Comcast e altri ISP potrebbero stringere accordi con altre società, come negozi e banche, offrendo la priorità ai loro contenuti rispetto a quelli dei loro concorrenti. Quindi, se stai cercando il miglior affare su una carta di credito cash-back, il tuo ISP potrebbe assicurarsi che il sito per la sua carta "partner" sia il più veloce e più facile da caricare, incoraggiandoti a scegliere questa carta invece di fare il check-out tutte le opzioni

Un problema ancora più grande sono tutti i siti che non avrai mai la possibilità di vedere. La maggior parte delle piccole start-up non sarà in grado di permettersi le tariffe per un accesso più veloce, quindi sarà molto più difficile competere con aziende grandi e consolidate. Fino ad ora, Internet è stato un fertile terreno fertile per nuove aziende per scuotere il mercato, come Facebook e Netflix. Con le nuove regole, molte di quelle aziende non decolleranno mai e trovare grandi affari online diventerà molto più difficile.

Il futuro della neutralità della rete

Anche se la FCC si è impegnata a cancellare le vecchie regole di Internet aperte, la lotta per la neutralità della rete non è finita. I sostenitori della neutralità della rete stanno ancora lottando per preservarla a tutti i livelli di governo: federale, statale e locale.

1. Al Congresso

Entro poche settimane dalla FCC che annunciava il suo piano di abrogazione, il senatore Ed Markey dichiarò che avrebbe tentato di bloccarlo usando uno strumento chiamato Congressional Review Act (CRA). Secondo questa legge, parte del contratto di Newt Gingrich del 1996 con l'America, il Congresso può rivedere e potenzialmente annullare qualsiasi regolamento federale approvato da qualsiasi ente governativo.

Sotto la CRA, il Congresso può votare per bloccare qualsiasi nuova regolamentazione entro 60 giorni legislativi - cioè 60 giorni quando il Congresso è in sessione - dopo che è stato rilasciato. Se la maggioranza dei membri di entrambe le camere del Congresso vota contro la nuova regola, una "risoluzione di disapprovazione" va alla scrivania del Presidente. Se il Presidente firma questa risoluzione, la nuova regola è bloccata. Altrimenti, in entrambe le case ci vuole una maggioranza di due terzi per annullare e impedire l'entrata in vigore del nuovo regolamento.

Alla fine di febbraio 2018, 50 senatori - per lo più democratici - avevano dichiarato che avrebbero votato per bloccare l'abrogazione della neutralità della rete. Ciò ha lasciato i sostenitori che hanno bisogno solo di un altro voto per passare la risoluzione. Tuttavia, alla Camera, la risoluzione della CRA (presentata dal rappresentante Mike Doyle) aveva solo 152 sostenitori su 435 membri. Quindi, ci sono poche probabilità che questa risoluzione finisca sulla scrivania del presidente Trump - e se lo farà, quasi certamente lo porrà.

Nel frattempo, i Repubblicani al Congresso hanno proposto la loro nuova legge sulla neutralità della rete. Questo disegno di legge, l'Open Internet Preservation Act, proibirebbe agli ISP di bloccare o limitare l'accesso a qualsiasi sito. Tuttavia, permetterebbe comunque loro di creare corsie preferenziali a pagamento e vieterebbe ai governi statali di approvare leggi proprie per fermarli. Inoltre impedirebbe alla FCC di regolamentare sempre più il servizio Internet come servizio pubblico.

2. A livello di stato

La lotta per la neutralità della rete continua anche a livello statale. Il 16 gennaio 2018, gli avvocati generali di 22 stati hanno intentato una causa per contestare l'abrogazione da parte della FCC della legge su Internet aperta. Il deposito, stampato per intero sul sito web dello Stato di New York, contesta la legge sulla base del fatto che viola diverse leggi federali, tra cui il Communications Act del 1934 e persino la Costituzione degli Stati Uniti. Si fa anche carico che la FCC non abbia seguito le norme federali appropriate per il passaggio di nuovi regolamenti.

Anche i legislatori statali stanno prendendo provvedimenti. Nel marzo 2018, lo stato di Washington ha approvato una legge che vieta agli ISP di bloccare o limitare l'accesso a qualsiasi sito legale o servizio online, o di impegnarsi in priorità a pagamento. A quel tempo, altri 16 stati stavano prendendo in considerazione fatture simili, e sei altri erano in procinto di introdurli, secondo Fight for the Future.

Tuttavia, anche se tutte queste fatture sono passate e firmate in legge, potrebbero ancora affrontare sfide nei tribunali. La sentenza della FCC del 2017 impedisce ufficialmente ai governi statali e municipali di approvare le proprie leggi sulla neutralità della rete. La FCC sostiene che il servizio Internet è una forma di commercio interstatale ed è quindi sotto il controllo del solo governo federale.

D'altra parte, i legislatori statali sostengono che hanno il diritto di decidere quali ISP fanno affari nei loro stati. Sostengono anche che solo il Congresso, non la FCC, ha il diritto di bloccare le leggi statali. Le corti hanno sostenuto questa opinione nel passato; Reuters riferisce che nel 2016 un tribunale federale ha bloccato il tentativo della FCC di vietare agli stati di stabilire limiti alle reti a banda larga comunali.

I legislatori statali stanno anche prendendo provvedimenti per vietare agli ISP che bloccano o limitano i contenuti dal fare affari con le agenzie statali. Secondo Fight for the Future, New York, Rhode Island e North Carolina hanno introdotto o stanno prendendo in considerazione tali fatture. I governatori di New York, Montana, New Jersey e Vermont hanno emesso ordini esecutivi per fare la stessa cosa.

3. A livello locale

Alcuni governi locali hanno deciso che il modo migliore per proteggere la neutralità della rete e fornire un servizio migliore ai propri residenti è quello di entrare nel business di Internet. Secondo l'Institute for Local Self-Reliance (ILSR), ci sono ora più di 750 comunità negli Stati Uniti che hanno un qualche tipo di rete a banda larga pubblica. Si va da grandi reti municipali che servono intere città a reti su piccola scala che collegano alcune aziende locali.

Una delle reti a banda larga comunali di maggior successo è EPB, che fornisce servizi in fibra ottica a velocità gigabit a centinaia di migliaia di utenti a Chattanooga, nel Tennessee. Secondo Business Insider, avere questo nuovo concorrente in città ha costretto altri ISP a Chattanooga, tra cui Comcast e AT & T, a migliorare il proprio servizio. Alla fine, Comcast ha persino pubblicato un EPB con un piano che ha fornito il servizio a 2 Gbps.

Naturalmente, i principali ISP non sono contenti di questa competizione. Hanno combattuto facendo pressioni contro la banda larga municipale e, in alcuni casi, sono riusciti a bloccarlo a livello statale. L'ILSR riferisce che 19 stati ora hanno una qualche forma di legge di prelazione che blocca completamente le città dalla creazione di nuove reti municipali o rende molto più difficile installarle.

Parola finale

Se sei preoccupato per la neutralità della rete, ci sono molte cose che puoi fare per far conoscere i tuoi sentimenti. In primo luogo, puoi chiamare i tuoi membri del Congresso e chiedere loro di sostenere - o, se si prende la parte degli ISP nella questione, di opporsi - la risoluzione della CRA sulla recente decisione di abrogazione della FCC. Sebbene questo voto sia in gran parte simbolico, contattare i legislatori in merito alla questione li renderà più consapevoli di quanti americani siano interessati alla neutralità della rete. A lungo termine, potrebbe incoraggiarli a spingere per nuove leggi per proteggere Internet aperta.

Puoi anche contattare i legislatori statali e incoraggiarli a sostenere le leggi che proteggono la neutralità della rete nel tuo stato. Se il tuo stato è uno dei 19 che ha una legge preventiva che vieta la banda larga municipale, puoi esortarli a revocarlo.

E infine, a livello locale, puoi lavorare per suscitare interesse nell'iniziare una nuova rete a banda larga comunale per la tua città. Se riesce, si potrebbe finire con non solo un Internet più aperto, ma anche un servizio più veloce a un prezzo più ragionevole di quello che si potrebbe ottenere dai grandi ISP.

Ora che conosci i fatti sulla neutralità della rete, come ti senti a riguardo? Sei favorevole o contrario alla decisione della FCC di abrogare l'Open Internet Rule?


Ridurre al minimo le spese: non è quello che sai, è chi conosci

Ridurre al minimo le spese: non è quello che sai, è chi conosci

Diciamo per un momento che sei stato un esperto nelle seguenti aree: riparazione computer, riparazione auto, assicurazione, ipoteche, acquisto di elettronica, carte di credito e il tuo punteggio di credito. Se fosse così, la vita non sarebbe dolce? Potresti aggiustare il tuo computer gratuitamente, non avresti mai dovuto portare la tua auto nel negozio, avresti sempre saputo che stavi ottenendo le migliori tariffe su tutti i tipi di assicurazione, sapresti che hai avuto il miglior mutuo disponibile, tu ottenere i migliori prezzi sull'elettronica che acquisti e così via.

(Soldi e affari)

Che cosa è l'investimento socialmente responsabile (SRI) - Tipi e come iniziare

Che cosa è l'investimento socialmente responsabile (SRI) - Tipi e come iniziare

Decidere come investire i tuoi soldi è un affare complicato. Ci sono molti fattori da considerare, come rischio e rendimento, tasse, inflazione, dividendi e diversificazione. Solo capire come ottenere il miglior ritorno sui tuoi soldi richiede molto tempo e molta pianificazione.Eppure ci sono alcuni investitori che deliberatamente scelgono di renderlo ancora più complicato.

(Soldi e affari)