it.lutums.net / Come acquistare prodotti senza crudeltà - Aziende che testano animali

Come acquistare prodotti senza crudeltà - Aziende che testano animali


Immagina di alzarti la mattina e di iniziare la tua solita routine per iniziare la giornata. Quanti prodotti diversi applichi al tuo corpo quando sei pronto per uscire dalla porta?

Per molte persone, l'elenco includerebbe almeno dentifricio, sapone, shampoo e deodorante. Ma molte persone possono anche applicare su balsamo per capelli, balsamo per le labbra, crema solare, prodotti per la rasatura e una vasta gamma di cosmetici. Un sondaggio del Gruppo di lavoro sull'ambiente ha rilevato che il consumatore medio americano utilizza 9 prodotti diversi ogni giorno, e alcuni ne usano 15 o più.

Naturalmente, le aziende che producono questi prodotti vogliono assicurarsi che non causino problemi ai loro clienti, come la caduta dei capelli o le eruzioni cutanee. Quindi prima di introdurre sul mercato un nuovo prodotto, lo testano per sicurezza - spesso alimentandolo o applicandolo agli animali e osservando come li influenza. Ogni anno, milioni di conigli, topi, ratti, porcellini d'India e altri animali hanno un assortimento di prodotti sfregati sulla loro pelle, imbrattati negli occhi o costretti a buttarsi giù la gola - spesso con conseguenti gravi dolori, malattie e morte per il animali.

Tuttavia, in questo paese non esiste una legge che richieda che questo tipo di prodotto venga testato sugli animali. La Food and Drug Administration (FDA) statunitense, che ha il compito di regolamentare la sicurezza dei prodotti per la cura personale, richiede alle aziende di testare gli ingredienti che usano per sicurezza, ma possono utilizzare qualsiasi test "appropriato ed efficace". La FDA raccomanda ufficialmente che le aziende considerino prima "metodi alternativi scientificamente validi" e utilizzino test sugli animali solo come ultima risorsa. E in alcuni paesi e regioni - tra cui l'Unione europea, l'India e Israele - la sperimentazione animale per i cosmetici è in realtà illegale e i prodotti testati sugli animali non possono essere venduti lì.

Per tutte queste ragioni, molte aziende oggi scelgono di evitare i test sugli animali. Alcuni di loro producono cosmetici e altri prodotti per la cura personale con ingredienti provati che non hanno bisogno di essere testati, mentre altri si affidano a nuovi metodi di test che sono spesso più accurati - e meno costosi - dei test sugli animali. Queste aziende etichettano i loro prodotti come "cruelty free". Quindi, se non vuoi che i tuoi dollari per lo shopping supportino le aziende che danneggiano gli animali, i prodotti senza crudeltà offrono un'alternativa più gentile.

Che cos'è la sperimentazione sugli animali?

Negli Stati Uniti, un'ampia varietà di prodotti viene testata sugli animali. Droghe, vaccini e dispositivi medici di ogni tipo devono sottoporsi a test sugli animali prima che possano essere usati negli studi sull'uomo. Le leggi richiedono anche che altri prodotti, come i prodotti chimici per giardino, siano testati sugli animali per vedere quanto sono sicuri. I cosmetici e altri prodotti per la cura personale non sono tenuti a sottoporsi a test sugli animali, ma i produttori devono dimostrare che gli ingredienti che usano sono sicuri e molti usano test sugli animali per farlo.

Alcune persone sostengono che tutto questo test sugli animali è buono - o almeno necessario. Sottolineano che la ricerca sugli animali, in particolare per i nuovi farmaci, aiuta a salvare vite umane. Quindi, mentre è sfortunato che gli animali debbano soffrire, dicono che ne vale la pena per proteggere gli umani.

Tuttavia, questo argomento non si applica in realtà ai test di cosmetici e altri prodotti per la cura personale. Un nuovo farmaco può salvare vite umane, ma tutto ciò che un nuovo deodorante può fare è farti sentire un po 'meglio. E non è neppure necessario utilizzare test sugli animali per sviluppare questo nuovo deodorante, dal momento che ci sono molti ingredienti efficaci che sono già noti per essere sicuri.

Ovviamente, le aziende preferiscono ancora mettere in evidenza nuovi ingredienti high-tech per i loro prodotti, perché è un modo per loro di distinguersi dalla concorrenza. I consumatori sono più propensi a provare una crema per il viso pubblicizzata come contenente un miracoloso nuovo ingrediente per combattere le rughe perché sperano che funzionerà meglio di qualsiasi cosa sia stata sul mercato. Ma anche se un'azienda ha un ingrediente nuovo di zecca cucinato in un laboratorio, non ha necessariamente bisogno di testare la sostanza chimica sugli animali per dimostrare che è sicuro. Esistono vari altri metodi scientifici per testare sostanze senza l'uso di animali - e le prove suggeriscono che molti di questi nuovi metodi sono altrettanto efficaci dei test sugli animali, se non addirittura migliori.

Tipi di test sugli animali

Le aziende conducono diversi tipi di test sugli animali per vedere come i loro prodotti per la cura personale potrebbero influenzare gli esseri umani. Usano comunemente gli animali per testare i loro prodotti per quanto segue:

  • Sensibilizzazione cutanea . Le aziende utilizzano due test diversi per verificare se un prodotto è suscettibile di provocare una reazione allergica che colpisce la pelle. In una prova, iniettano la sostanza sotto la pelle di 32 porcellini d'India e osservano se la pelle diventa pruriginosa, infiammata, ulcerata o dolorosa. Nel secondo test, che è più comune in questi giorni perché è più veloce, gli scienziati applicano una sostanza alle orecchie di 16 topi. Dopo aver osservato i suoi effetti, uccidono i topi in modo che possano rimuovere i linfonodi vicino alle loro orecchie. Contano quindi il numero di linfociti (un tipo di globuli bianchi) estratti dal nodo per misurare la risposta immunitaria.
  • Irritazione della pelle e degli occhi . Uno dei test sugli animali più conosciuti è il test Draize per l'irritazione della pelle e degli occhi, che viene eseguita sui conigli. Gli scienziati depilano la pelliccia del coniglio, applicano la sostanza di prova sulla pelle nuda e cercano danni come rash, gonfiore, desquamazione e lesioni. Mettono anche la sostanza negli occhi di un coniglio per vedere se provoca arrossamento, sanguinamento, opacità, ulcere o cecità.
  • Tossicità acuta Gli scienziati usano il "test limite" per determinare la quantità di sostanza che serve per uccidere gli animali che sono esposti ad esso. Questa è una forma modificata del test LD50, che sta per "dose letale 50%", perché il suo obiettivo è trovare la dose necessaria per uccidere metà degli animali coinvolti nel test. I test di tossicità più acuti vengono effettuati sui ratti, ma i test per la tossicità cutanea possono riguardare conigli o porcellini d'India. Gli scienziati alimentano con la forza la sostanza agli animali, la applicano alla loro pelle rasata per 24 ore, o li mettono in un tubo e li costringono a inalare. A seconda del test e della sostanza, gli animali possono sperimentare diarrea, sanguinamento dal naso o dalla bocca, convulsioni, convulsioni o paralisi prima che moriscano. Se oltre la metà degli animali sopravvive al test, gli scienziati lo ripetono più e più volte con dosi più elevate fino a quando non trovano la quantità necessaria per uccidere metà degli animali.
  • Tossicità a lungo termine . Le aziende non vogliono solo sapere quanto può essere dannosa una sostanza in dosi elevate - vogliono anche sapere come potrebbe influenzare le persone a lungo termine. In una prova, gli scienziati espongono i ratti a una sostanza ogni giorno per 28 o 90 giorni, poi li uccidono e li analizzano per vedere come la sostanza chimica ha colpito le loro cellule e organi. In un altro test, espongono i ratti alla sostanza e poi attingono sangue da loro ogni giorno per vedere quando la sostanza chimica raggiunge la sua massima concentrazione nel sangue. Quindi uccidono i ratti di prova in momenti diversi ed esaminano i loro organi per osservare come la sostanza si è spostata attraverso i loro corpi nel tempo. Nel test a più lungo termine, gli scienziati espongono 400 ratti o topi alla sostanza di prova ogni giorno per due anni, quindi li uccidono ed esaminano i loro tessuti alla ricerca di segni di cancro o di altre malattie croniche.
  • Effetti riproduttivi e dello sviluppo . Uno scopo finale della sperimentazione animale è quello di scoprire in che modo una sostanza potrebbe colpire le donne in gravidanza oi loro bambini in via di sviluppo. In una prova, gli scienziati espongono centinaia di ratti maschi e femmine alla sostanza in esame per due o quattro settimane prima dell'accoppiamento e continuano ad esporre la femmina durante la gravidanza. Quattro giorni dopo la nascita, uccidono lei e i topi per esaminare i loro tessuti. Un test a lungo termine, chiamato studio di due generazioni, prevede di prendere i piccoli ratti dal primo tipo di test e continuare ad esporli alla stessa sostanza per tutta la vita. I ratti sopravvissuti all'età adulta vengono quindi accoppiati e il test viene ripetuto con la seconda generazione di femmine.

Nella maggior parte dei test di laboratorio, uccidere e sezionare l'animale fa parte del processo. Tuttavia, anche quando gli animali sopravvivono ai test, non sono più utili ai ricercatori, quindi vengono regolarmente uccisi non appena il test è completo. O asfissiano gli animali, si rompono il collo o si tagliano la testa, generalmente senza alcun tipo di sollievo dal dolore.

Un coniglio sottoposto a un test Draize

Affidabilità dei test sugli animali

Gruppi di benessere degli animali, come The Humane Society e People for the Ethical Treatment of Animals (PETA), sostengono che i test sugli animali non solo sono crudeli ma imprecisi. Per prima cosa, i risultati dei test sugli animali non sono sempre chiari. Test della stessa sostanza chimica in diversi laboratori - o persino cicli diversi di test nello stesso laboratorio - spesso producono risultati diversi.

Un altro problema è che gli esseri umani non rispondono sempre allo stesso modo degli animali da laboratorio se esposti alla stessa sostanza. Ad esempio, in uno studio pubblicato sulla rivista Contact Dermatitis, i ricercatori hanno confrontato i risultati del test cutaneo Draize nei conigli con un patch test cutaneo di quattro ore sull'uomo per diversi prodotti chimici. Hanno scoperto che delle 16 sostanze che irritavano la pelle dei conigli, solo cinque erano irritanti per l'uomo.

Di conseguenza, i test sugli animali possono sopravvalutare o sottostimare il rischio che una determinata sostanza chimica ponga alla salute umana. Un rapporto pubblicato sulla rivista Tossicologia e Farmacologia ha dimostrato che questo è particolarmente vero quando si tratta di test di potenziali agenti cancerogeni (sostanze cancerogene). Esaminando i dati esistenti dai test del cancro nei ratti, i ricercatori hanno scoperto che i test identificavano molte sostanze innocue come sostanze cancerogene senza riuscire a catturare diverse sostanze che sono note per causare il cancro.

L'uso di test sugli animali inaffidabili può comportare problemi costosi per le aziende. Ad esempio, un'azienda potrebbe introdurre un nuovo prodotto che sembra perfettamente sicuro sulla base di test sugli animali, solo per scoprire quando le persone iniziano a usarlo che in realtà è dannoso per l'uomo. Una situazione come questa potrebbe comportare un richiamo del prodotto costoso e imbarazzante, una perdita di affari o anche una causa per il consumatore di un'azione collettiva. Allo stesso tempo, molti prodotti potenzialmente utili non arrivano sul mercato a causa di test sugli animali falliti, anche se in realtà sarebbero sicuri per gli esseri umani da utilizzare.

Alternative alla sperimentazione animale

Anche se i test sugli animali non sono sempre affidabili, potrebbe comunque avere senso che le aziende li usassero se non avessero altro modo di testare i loro prodotti. Ma al giorno d'oggi, questo non è il caso. Esistono molti nuovi tipi di test di sicurezza chimica basati su cellule e tessuti umani, modelli di computer, tessuti sintetici o organi di animali che sono già morti, piuttosto che animali vivi.

Ad esempio, le versioni sintetiche della pelle umana, come EpiDerm e SkinEthic, possono essere utilizzate al posto della pelle di coniglio per testare le sostanze chimiche per la corrosione e l'irritazione della pelle. Nuovi metodi di prova consentono anche di testare l'irritazione degli occhi usando gli occhi di bovini e polli macellati per la carne, piuttosto che i conigli vivi.

AltTox.org, un partner di The Humane Society, elenca oltre 80 test di sicurezza senza animali che sono stati approvati da agenzie di regolamentazione, come la Food and Drug Administration e l'Organizzazione internazionale per la cooperazione e lo sviluppo economico. Questi test senza animali sono spesso più veloci, più economici e più accurati rispetto ai test sugli animali vecchio stile. Ecco perché la FDA raccomanda ufficialmente alle aziende di esplorare altri metodi di test prima di ricorrere ai test sugli animali - e se usano animali, usa i metodi più umani disponibili e ottieni il maggior numero di informazioni possibile con il minor numero possibile di animali.

Un altro modo per i produttori di ridurre il loro uso di test sugli animali è di evitare l'uso di nuove sostanze chimiche che necessitano di test. Ci sono migliaia di ingredienti disponibili che sono noti per essere sicuri, sia perché sono già stati testati o perché sono stati utilizzati in sicurezza per decenni. Molte aziende socialmente consapevoli fanno affidamento esclusivamente su questi ingredienti per realizzare cosmetici senza crudeltà e altri prodotti per la cura personale.

Leggi su Animal Testing

Le leggi sull'uso dei test sugli animali variano notevolmente da un paese all'altro. In Cina, ad esempio, il governo conduce test sugli animali su tutti i prodotti cosmetici venduti nel paese. Ciò significa che anche se un prodotto è stato sviluppato senza test su animali, non può essere venduto in Cina senza mettere gli animali attraverso procedure di test dolorose. Il governo del Brasile richiede anche test sugli animali per alcuni tipi di cosmetici.

Al contrario, in altri paesi, la sperimentazione animale per i cosmetici è vietata dalla legge. L'Unione Europea, Israele e l'India hanno vietato la vendita di qualsiasi ingrediente cosmetico o cosmetico testato su animali.

Negli Stati Uniti, la FDA non richiede test sugli animali per cosmetici e altri prodotti per la cura personale, ma non è nemmeno vietata. Le singole aziende prendono la decisione di utilizzare test sugli animali o affidarsi a metodi di test moderni e ingredienti senza crudeltà. Tuttavia, il divieto di test sugli animali in Europa sta indirizzando le aziende americane lontano dai test sugli animali, poiché non possono più vendere i loro prodotti in Europa se sono stati testati su animali.

Leggi sugli animali utilizzati nella ricerca

Le aziende che scelgono di utilizzare i test sugli animali devono aderire alla Animal Welfare Act (AWA), l'unica legge negli Stati Uniti che protegge gli animali da laboratorio. Questa legge dice che certi tipi di animali - inclusi cani, gatti, conigli, porcellini d'India e la maggior parte delle altre creature a sangue caldo - hanno diritto a cibo, alloggio e cure veterinarie adeguate, indipendentemente dal fatto che vengano tenuti come animali domestici o usato per la ricerca.

Tuttavia, le protezioni dell'AWA sono estremamente limitate. Per cominciare, la legge esclude specificamente ratti, topi e uccelli che sono stati "allevati per essere utilizzati nella ricerca". Secondo la New England Anti-Vivisection Society (NEAVS), un gruppo di benessere animale, queste specie insieme costituiscono più di 90 % di tutti gli animali utilizzati nella ricerca - quindi la maggior parte non è affatto coperta dall'AWA. E anche gli animali da laboratorio che sono coperti, come conigli e porcellini d'India, possono ancora essere sottoposti a procedure dolorose come il test Draize.

In teoria, sotto l'AWA, gli scienziati che lavorano con animali da laboratorio sono tenuti a "garantire che il dolore e il disagio degli animali siano ridotti al minimo" attraverso farmaci antidolorifici e altri trattamenti veterinari. Tuttavia, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, che è incaricato di far rispettare l'AWA, ha solo 115 ispettori per coprire più di 7.750 strutture autorizzate che lavorano con gli animali - non abbastanza per assicurarsi che le regole vengano seguite ovunque. E anche quando i violatori vengono catturati, la multa massima che possono pagare è di $ 10.000 per ogni reato - una goccia nel secchio per un laboratorio che raccoglie milioni di dollari all'anno dalla ricerca sugli animali. Le multe così piccole fanno poco per scoraggiare i laboratori dal rompere di nuovo l'AWA nel momento in cui vengono girate le schiene degli ispettori.

Trovare prodotti senza crudeltà

Se sei contrario ai test sugli animali, una delle cose più utili che puoi fare per combatterlo è rifiutare di acquistare prodotti per la cura personale da aziende che effettuano test su animali. Scegliere alternative alternative senza crudeltà è più di una semplice affermazione personale - è anche un modo per influenzare il mercato. Più clienti respingono i prodotti di un'azienda, più ne risente la linea di fondo, e questo è il modo migliore per attirare la sua attenzione e persuaderlo a cambiare le sue pratiche.

Il più grande problema con lo shopping cruelty free è capire quali prodotti sono testati sugli animali e quali no. Fortunatamente, gruppi di benessere animale come la PETA e la Humane Society hanno fatto un piccolo lavoro per aiutarti. Questi gruppi mantengono elenchi di aziende che fanno o non testano sugli animali. Offrono anche loghi che le aziende possono concedere in licenza per dimostrare che i loro prodotti sono cruelty free, in modo che i clienti possano facilmente trovarli sugli scaffali dei negozi.

Etichettatura senza crudeltà

Sebbene le aziende a volte etichettano i loro prodotti come "non testati sugli animali", queste affermazioni possono essere fuorvianti. Ad esempio, è possibile che un prodotto finito recante questa etichetta non sia stato testato su animali, ma gli ingredienti del prodotto erano. È anche possibile che l'azienda stessa non abbia fatto test sugli animali, ma ha continuato a vendere il prodotto in Cina, dove ha dovuto sottoporsi a test sugli animali per farlo sugli scaffali dei negozi.

Se vuoi che i prodotti che acquisti siano mantenuti ad un livello più alto, puoi cercare loghi senza crudeltà, come il Leaping Bunny. Tutti i prodotti recanti questo logo devono soddisfare i severi standard della Coalizione per l'informazione dei consumatori sui cosmetici (CCIC), un'organizzazione ombrello formata da otto diversi gruppi di benessere degli animali.

Per essere certificati dalla CCIC, un'azienda deve soddisfare questi criteri:

  • Non prova nessuno dei suoi prodotti sugli animali.
  • Non usa ingredienti che sono stati testati su animali dopo la "data di scadenza fissa" (la data in cui la società è diventata certificata).
  • Non vende prodotti in paesi stranieri dove è richiesta la sperimentazione sugli animali.
  • Tutti i suoi fornitori, sia per i prodotti finiti che per gli ingredienti, firmano dichiarazioni che affermano di non utilizzare alcun test sugli animali.
  • Una verifica indipendente dell'azienda da parte di un'azienda selezionata da CCIC dimostra che tutti i suoi fornitori mantengono questa promessa.

Una società non deve pagare per la certificazione CCIC. Tuttavia, per utilizzare il logo Leaping Bunny, deve pagare una tassa di licenza una tantum, che varia in base alle vendite annuali dell'azienda. Questa scala mobile consente alle piccole aziende di concedere in licenza il logo per un prezzo che possono permettersi.

Un'altra etichetta per prodotti senza crudeltà è il logo Beauty Without Bunnies di PETA. Gli standard PETA per le aziende senza crudeltà sono all'incirca gli stessi dei CCIC, ma non è altrettanto severo nel farli rispettare. Per accedere alla lista senza crudeltà di PETA, tutto quello che un'azienda deve fare è compilare un breve questionario e firmare una dichiarazione che promette di non utilizzare alcun test sugli animali.

Una volta sulla lista, l'azienda può concedere in licenza il logo Beauty Without Bunnies per un costo una tantum di $ 100. Ci sono due versioni del logo: "Cruelty-Free" e "Cruelty-Free e Vegan." I prodotti con la seconda versione sono garantiti non solo privi di test sugli animali, ma anche completamente privi di ingredienti a base animale.

Guide per lo shopping senza crudeltà

Cercare i loghi PETA e CCIC è solo un modo per trovare prodotti senza crudeltà. Entrambe queste organizzazioni mantengono anche elenchi online di tutte le società libere da crudeltà che sono registrate con loro.

Queste liste possono essere utili quando acquisti prodotti per la cura personale online. Se vedi un marchio che non riconosci, puoi semplicemente fare clic sulla lista di Leaping Bunny Approved Brands e cercare il nome dell'azienda. Puoi anche digitare il nome del marchio nella pagina di ricerca PETA per scoprire se si tratta di un'azienda registrata senza crudeltà o di uno che è noto per testare su animali (o semplicemente non è elencato).

Guide allo shopping senza crudeltà possono essere utili anche per lo shopping nei negozi. Alcune aziende certificate dalla CCIC o dalla PETA non hanno pagato i loro loghi in licenza, quindi se vedi un prodotto che non ha un logo senza crudeltà, puoi usare il tuo smartphone per fare una rapida ricerca per controllare la compagnia. Sia PETA che Leaping Bunny hanno app di shopping che puoi scaricare sia per iPhone che per Android.

Se non si dispone di uno smartphone, entrambe le società offrono guide allo shopping in formato cartaceo. Sul sito Leaping Bunny, puoi ricevere gratuitamente una guida in formato wallet, oppure puoi scaricare la guida e stamparla da solo. PETA offre anche una guida stampata gratuita, ma è necessario iscriversi alla mailing list PETA per riceverne una copia. Ciò significa che riceverai una copia della newsletter di PETA ogni mese, insieme a coupon e altre offerte da aziende prive di crudeltà.

Aziende che fanno e non sperimentano sugli animali

Molte grandi aziende americane che producono cosmetici e altri prodotti per la cura personale usano ancora la sperimentazione sugli animali in alcune fasi del processo di sviluppo. Questi giganteschi conglomerati, a loro volta, possiedono molte aziende più piccole, quindi la maggior parte delle marche sugli scaffali della vostra farmacia locale sono fatte da loro.

Le principali aziende che testano gli animali e alcuni dei loro marchi più popolari includono:

  • Church & Dwight (Arm & Hammer, Close-Up, Mentadent, Nair)
  • Estée Lauder (Clinique, MAC Cosmetics, Origins)
  • GlaxoSmithKline (Aquafresh, Biotene, Sensodyne)
  • Johnson & Johnson (Band-Aid, Clean & Clear, Lubriderm, Listerine, Neutrogena, Stayfree)
  • L'Oreal (Garnier, Giorgio Armani, Matrix, Maybelline, Redken)
  • Procter & Gamble (Sempre, Clairol, Crest, Gillette, Testa e spalle, Essenze a base di erbe, Avorio, Olay, Old Spice, Pantene, Secret, Scope, Vidal Sassoon)
  • Revlon (Almay, Mitchum)
  • Unilever (Carezza, Laurea, Colomba, Nexxus, Noxzema, Stagni, St. Ives, Suave, TRESemmé, Vaselina)

Tuttavia, ci sono anche centinaia di aziende sui siti web PETA e Leaping Bunny che hanno scelto di evitare i test sugli animali. Alcuni dei più noti sono:

  • Alba Botanica
  • Aveda
  • Bellezza senza crudeltà
  • Il negozio per la cura del corpo
  • le api di Burt
  • Magic Saponi del Dr. Bronner
  • Prodotti compatibili con la terra
  • Cosmetici ELF
  • LUSH Cosmetics
  • NYX Los Angeles Inc.
  • Paul Mitchell
  • Formula dei medici
  • Smashbox Cosmetics
  • Tom's of Maine
  • Degrado urbano
  • bagnato e selvaggio
  • Sì a Inc.

Parola finale

Shopping cruelty free è solo un modo per combattere i test sugli animali. Puoi anche lavorare per cambiare le leggi degli Stati Uniti che richiedono test sugli animali per farmaci e prodotti chimici per la casa, ed emanare nuove leggi che vietano i test sugli animali per i cosmetici. Uno di questi disegni di legge, l'Humane Cosmetics Act, è stato presentato alla Camera dei Rappresentanti nel giugno 2015. Potete leggere il testo del disegno di legge sul sito web di House e contattare il vostro rappresentante per spingerlo a sostenerlo.

Un altro modo per combattere la sperimentazione animale è sostenere i gruppi animalisti e animalisti nel loro lavoro. Il PETA, ad esempio, finanzia la ricerca sui metodi di sperimentazione animal-free e collabora con le agenzie di regolamentazione per rendere questi metodi più ampiamente accettati. Gruppi come The Humane Society e NEAVS lavorano anche per educare il pubblico sui test sugli animali, cambiare gli atteggiamenti e, in definitiva, cambiare le leggi.

A lungo termine, gli attivisti sperano di cambiare le leggi e porre fine alla sperimentazione animale ovunque. Ma nel frattempo, lo shopping cruelty free ti dà un modo per sostenere le aziende senza crudeltà e aiuta ad incoraggiare altre aziende ad adottare metodi senza crudeltà. Alla fine, una combinazione delle due strategie - l'attivismo e lo shopping senza crudeltà - può fare di più per portare a un cambiamento di quanto non si possa fare da soli.

Come ti senti nei test sugli animali?


I 2 veri motivi per i tuoi problemi di debito e come risolverli

I 2 veri motivi per i tuoi problemi di debito e come risolverli

Cerchi di curare il comune raffreddore usando i migliori tessuti del naso che i soldi possono comprare? Ovviamente no. Anche se i tessuti aiutano con i sintomi, per evitare il raffreddore, devi andare dopo la causa principale: l'esposizione al virus dell'influenza.Allo stesso modo, quando si affrontano problemi relativi al denaro, la causa principale è più importante dei sintomi della disfunzione finanziaria.

(Soldi e affari)

Come lavare naturalmente la tua auto e pulire l'interno e la tappezzeria

Come lavare naturalmente la tua auto e pulire l'interno e la tappezzeria

Ora che l'inverno è (si spera) quasi finito, è probabile che la tua auto sia un po 'peggio per l'usura. Se il tuo è qualcosa come il mio, ci sono macchie di sale sul cofano e sulle porte, le finestre sono sporche, l'interno è incrostato di sale e sabbia dagli stivali invernali, e potrebbe esserci un po 'di spazzatura e confusione sparsi qua e là.Non

(Soldi e affari)