it.lutums.net / Paesaggistica con piante autoctone - Vantaggi e come pianificare il tuo giardino

Paesaggistica con piante autoctone - Vantaggi e come pianificare il tuo giardino


Quando si tratta di piante del paesaggio, ci sono alcuni vecchi aspetti che i giardinieri di tutto il mondo sembrano fare affidamento su. Gli aceri rossi giapponesi, con le loro foglie colorate, sono i preferiti. Rose di tè ibride e cespugli di forsizia gialla aggiungono un tocco di colore. Per le coperture del terreno, il pachysandra giapponese e l'edera inglese sono scelte popolari.

A prescindere dall'aspetto piacevole, tutte queste piante hanno un'altra cosa in comune: non sono originarie del Nord America. Hanno le loro origini in Europa o nell'Asia orientale - come si può dire in alcuni casi dai loro nomi - e sono stati importati in questo paese da coloni provenienti da altre parti del mondo.

Naturalmente, i coloni hanno portato qui queste piante per una ragione: sono carine. Ma questo vantaggio ha un costo. In alcune zone, queste piante esotiche non sono adatte al clima, quindi richiedono molte coccole: molta acqua, fertilizzanti, pesticidi e così via. Tutto questo rende più lavoro per il giardiniere e utilizza risorse naturali - per non parlare dei soldi.

All'altro estremo dello spettro, alcune piante esotiche crescono troppo bene. Si diffondono rapidamente fuori controllo, soffocando la vegetazione nativa - e gli animali che dipendono da esso. Quando le specie non native prendono il sopravvento in questo modo, vengono chiamate "invasive".

Per i giardinieri che vogliono evitare di diffondere specie invasive, ma vogliono anche salvarsi dal lavoro, le piante native offrono una grande alternativa. Quando scegli le piante dalla tua parte del paese, sai che possono crescere bene nel tuo clima senza un grande aiuto esterno, il che ti dà più tempo per rilassarti e goderti il ​​tuo giardino.

Quali sono le piante native?

Le piante native non sono la stessa cosa delle piante selvatiche. Alcune piante che crescono spontaneamente, senza essere piantate e coltivate, sono in realtà specie originariamente portate nella zona dagli umani. Alcuni sono stati deliberatamente introdotti nell'area per uso umano, mentre altri sono stati portati lì accidentalmente - per esempio, come semi aggrappati agli abiti della gente.

Una definizione generalmente accettata di piante autoctone è rappresentata da piante che sono state osservate crescere spontaneamente in un'area in cui gli scienziati hanno iniziato a tenere traccia. Ciò include sia le piante che si sono evolute nella regione che quelle trasportate da vento, acqua, uccelli o animali terrestri. Se ci sono prove che gli umani abbiano avuto una mano a introdurle, di proposito o per sbaglio, non contano come specie indigene - non importa per quanto tempo sono state nella zona o fino a che punto si sono diffuse da sole.

Tuttavia, anche questa definizione non è chiara come sembra. Gli Stati Uniti sono un grande paese e le piante che sono sicuramente piante native in California non soddisfano necessariamente le linee guida per le piante native in Virginia.

Se vuoi coltivare piante autoctone, devi decidere quanto sia rigorosa una definizione del termine che vuoi usare:

  • Nativo negli Stati Uniti . Ciò include tutte le piante originarie di qualsiasi parte del paese, anche se sono state sicuramente importate in altre parti. Non include alcuna pianta originaria esclusivamente in altri continenti.
  • Nativo del tuo stato . Di nuovo, questo include qualsiasi pianta che sia originaria di qualsiasi parte del tuo stato, anche se è stata trapiantata in altre parti dello stato. Molte guide vegetali classificano le piante in base al fatto che siano originarie di un particolare stato, quindi è abbastanza facile identificare le piante che soddisfano questa linea guida.
  • Nativo per la tua regione . Ciò include tutte le piante native di una vasta regione naturale, come le Montagne Rocciose. Un singolo stato, specialmente se è grande, può estendersi su più regioni, quindi determinare se una pianta è originaria della tua regione ti dà un'idea migliore di come farà nel tuo cortile piuttosto che sapere se è nativo del tuo stato. Tuttavia, questa informazione non è sempre facile da trovare.
  • Nativo del tuo ecosistema . Il modo più stretto per classificare le piante autoctone è basato sul clima specifico in cui crescono. Ad esempio, l'albero di larice (Larix laricina) è originario della regione dell'altopiano appalachiano del Maryland. Tuttavia, anche all'interno di questa regione, cresce naturalmente solo nelle zone paludose. Quindi se vivi in ​​una zona secca e collinare, anche se fa parte dell'Altopiano degli Appalachi, il tamarack non è originario della tua zona.

Un altro punto da considerare quando si scelgono piante autoctone è che nel corso degli anni i giardinieri hanno preso i fiori selvatici autoctoni e li hanno coltivati ​​per produrre nuovi ceppi. Sta a te decidere se vuoi contare queste varietà coltivate come piante native o meno. Alcune guide vegetali native includono versioni domestiche di specie autoctone, mentre altre si concentrano rigorosamente su piante presenti in natura.

Benefici delle piante native

Le piante native hanno molti vantaggi rispetto alle specie esotiche più popolari. Piante native:

  • Cresci bene nel tuo clima . Poiché le piante native sono adattate al tuo clima locale, sai che possono gestire tutto ciò che deve dare risalto - dai periodi di siccità, a un congelamento difficile in inverno. Possono anche trattare con parassiti e malattie comuni, e alcuni di loro hanno persino sviluppato modi per proteggersi dall'essere mangiati da animali più grandi. Tutto ciò significa che puoi contare su piante autoctone per prosperare nel tuo paesaggio senza un sacco di coccole.
  • Sono a bassa manutenzione Qualsiasi pianta che possa crescere da sola in natura non dovrebbe richiedere molta attenzione per crescere nel tuo giardino. Non hanno bisogno di essere fecondati o spruzzati per i parassiti; in molti casi, non hanno nemmeno bisogno di annaffiare, tranne quando sono giovani. E poiché puoi facilmente prevedere quanto cresceranno, puoi spaziarli correttamente quando li pianti invece di doverli ridimensionare. Tutto ciò aiuta a mantenere la manutenzione al minimo.
  • Richiede meno acqua . Gli americani dedicano enormi quantità di acqua ai prati e alle piante del paesaggio. Secondo l'Environmental Protection Agency (EPA) degli Stati Uniti, il 30% di tutta l'acqua utilizzata dalle famiglie degli Stati Uniti - quasi nove miliardi di galloni al giorno - va ad uso esterno. Questo è un problema particolare nei climi secchi come il sud-ovest, dove città assetate e fattorie devono competere per le scarse risorse idriche. Le piante native, che possono cavarsela senza irrigazione regolare, ti fanno risparmiare denaro e allo stesso tempo proteggono l'approvvigionamento idrico della tua zona.
  • Prevenire l'inquinamento . I paesaggi tradizionali dipendono fortemente da fertilizzanti, pesticidi ed erbicidi per mantenerli privi di erba e dall'aspetto sano. Quando piove, queste sostanze chimiche vengono lavate dai cantieri suburbani e scappano nella rete idrica locale, inquinando l'acqua potabile, i torrenti e i fiumi, e le piante e i pesci che vivono in essi. Paesaggistica con piante autoctone, che non necessitano di alcuna assistenza chimica, riduce questa fonte di inquinamento idrico. E poiché le piante native sono a bassa manutenzione, l'abbellimento naturale riduce anche l'inquinamento e il rumore degli elettroutensili a gas come falciatrici e tagliabordi - che, secondo l'EPA, rappresentano circa il 5% dell'inquinamento atmosferico urbano.
  • Attirare la fauna selvatica Le piante e gli animali nativi sono adattati per vivere insieme. Quando coltivi piante autoctone, fornisci anche un habitat per una varietà di creature selvagge, tra cui farfalle e uccelli canori. Queste specie attirano anche altri insetti impollinatori - che, a loro volta, aiutano a mantenere sano il tuo paesaggio concimando le tue piante.
  • Risparmia denaro . Le piante native costano tanto da acquistare quanto quelle non native, ma una volta che sono nel terreno, costano molto meno da mantenere. I soldi risparmiati su acqua, prodotti chimici e attrezzature per il tuo giardino possono andare verso una vacanza in famiglia, una cena in un ristorante o semplicemente rinforzare i tuoi risparmi. Secondo The Lawn Advisor, un sito dedicato alla cura del prato, un cantiere professionalmente paesaggistico può costare fino a 5.000 $ all'anno da mantenere. Investire quei soldi ogni anno, invece, con un modesto tasso di rendimento del 5%, aggiungerebbe oltre $ 60.000 dopo 10 anni.
  • Guarda unico . In un quartiere pieno di rose tea e aceri giapponesi, spicca un cortile paesaggistico con piante autoctone. Per molte persone, questo è un vantaggio - ma se preferisci avere un cantiere che si fonde con il resto della tua strada, puoi cercare piante native che assomiglino alle piante esotiche che preferiscono i tuoi vicini. Basta confrontare le immagini delle piante autoctone nelle guide dei giardini o nei cataloghi alle piante che sei abituato a vedere nel tuo vicinato, e selezionare quelle che sembrano mescolarsi. Nessuno saprà che le tue piante sono diverse - saranno solo sappi che in qualche modo sembra che tu spenda molto meno tempo sul lavoro di cantiere di chiunque altro.

Come scegliere le piante native

Non c'è modo di aggirarlo: l'uso di piante autoctone rende più complicati i piani paesaggistici. Invece di guidare solo verso il centro di giardinaggio più vicino e scegliere piante che sembrano belle, devi fare qualche ricerca per trovare piante native della tua zona e adattarle ai tuoi obiettivi per il tuo giardino. Ma lo sforzo extra che metti nella pianificazione del tuo giardino ora ti ripagherà nel tempo che risparmi sul lavoro di cantiere ogni anno da ora in poi.

Valuta il tuo ambiente

Il primo passo nella pianificazione del tuo paesaggio è quello di dare un'occhiata a ciò che hai adesso. Questo è il punto di partenza per il paesaggio dei sogni che stai cercando di creare. Cammina nel tuo cortile e prendi nota delle sue caratteristiche, sia quelle che vorresti mantenere sia quelle che vorresti cambiare.

Insieme a queste note, includi alcune osservazioni sulle condizioni naturali nel tuo cortile. In questo modo, puoi scegliere le piante che prospereranno in quelle condizioni.

Alcuni fattori da considerare includono:

  • Clima Per raccogliere piante che prospereranno nella tua zona, devi sapere come è il clima: caldo o freddo, umido o secco. Un buon punto di partenza è la mappa delle zone climatiche creata dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), che divide il paese in zone in base a quanto freddo arrivano in inverno. Oltre alla temperatura, considera la quantità di pioggia che tendi a raggiungere nella tua zona. Alcune piante hanno bisogno di molta acqua, mentre altre preferiscono quasi nessuna.
  • Sole e ombra Nota quali parti del tuo giardino sono soleggiate e quali sono ombreggiate. Alcune piante preferiscono la piena luce del sole, alcune come l'ombra, e altre preferiscono il sole parziale e l'ombra parziale. Non dimenticare che la posizione del sole cambia durante il giorno, quindi osserva il tuo giardino in momenti diversi della giornata e osserva come cambia il modello di luce solare. Se alcune zone sono soleggiate al mattino ma ombreggiate nel pomeriggio (o viceversa), includere tali informazioni nelle note.
  • Texture del suolo . Diverse piante preferiscono diversi tipi di terreno, quindi più saprai del tipo di terreno del tuo cantiere, meglio potrai selezionare le piante. Ci sono tre tipi fondamentali di terreno: argilla densa, sabbia smossa e terriccio morbido e friabile. Ecco un modo per testare il terreno del tuo giardino: prendi una manciata di terreno umido e stringi e arrotolalo tra le mani per formare un nastro. Se non puoi fare un nastro, il terreno è per lo più sabbia; se riesci a fare un nastro lungo almeno tre pollici e mezzo che non si sfaldi quando lo reggi, il terreno è prevalentemente argilloso; e se riesci a creare solo un nastro corto che si spezza, il tuo terreno è vicino alla tessitura limosa ideale.
  • Acidità del terreno . Anche il suolo varia in base al pH o al livello di acidità. Puoi ottenere una stima approssimativa del pH del tuo terreno aggiungendo bicarbonato di sodio o aceto. Se un cucchiaio di terra bagnata frulla quando aggiungi un pizzico di bicarbonato, il tuo terreno è molto acido; tuttavia, se un cucchiaio di terra secca frulla quando aggiungi qualche goccia di aceto, il terreno è alcalino. Se nessuno dei due test ha alcun effetto, il terreno è vicino al livello leggermente acido della maggior parte delle piante preferite. Se si desidera una stima più precisa del pH, è possibile acquistare un kit di analisi del suolo online o presso il proprio centro di giardinaggio locale.
  • Drenaggio La maggior parte delle piante tende a preferire il terreno ben drenato. Se il tuo cantiere ha scarso drenaggio - cioè, se tende a formare pozze o pozzanghere di acqua in certi punti - allora devi cercare piante in grado di gestire il terreno umido.
  • Terreno Guarda come è piatta o inclinata la terra è in posti diversi. Se ci sono rocce di grandi dimensioni o altri ostacoli, prendere nota. Tutte queste caratteristiche aiutano a determinare quanto sia facile o difficile mettere le piante nel terreno e curare le piante una volta che sono sul posto. Le pendenze ripide, in particolare, sono un buon posto per piante di facile manutenzione, come coperture del terreno o arbusti a bassa crescita.

Delinea i tuoi obiettivi

Una volta che sai da dove stai iniziando, pensa a dove vorresti finire. Crea una lista di tutti i tuoi obiettivi per il tuo giardino, comprese le attività che vorresti svolgere all'aperto e le caratteristiche particolari che desideri avere nel tuo giardino.

Gli obiettivi possibili includono:

  • Relax all'aria aperta
  • Intrattenere gli ospiti
  • Coltivare frutta o verdura
  • Crea il tuo compost
  • Avere un'area giochi per bambini o animali domestici
  • Avere un posto dove grigliare
  • Godendo di splendide viste
  • Attrarre uccelli o farfalle
  • Avere alberi per ombra
  • Richiede poca manutenzione
  • Usando meno acqua (xeriscaping)
  • Assorbimento di acqua in eccesso (giardino piovoso)

Una volta che hai una lista di obiettivi, inizia a pensare a luoghi in cui ti potrebbero piacere diverse caratteristiche del giardino. Prova a disegnare un "diagramma a bolle" su un foglio di carta con cerchi per le diverse funzioni che vorresti avere, come "patio", "giardino delle farfalle" o "altalena". Questo non è un modello esatto - solo un diagramma approssimativo di quale parte del cantiere può ospitare ogni caratteristica o attività. Collegare le bolle con le frecce che mostrano come le persone si sposteranno da un'area all'altra.

Confronta il tuo diagramma a bolle con le note che hai fatto in precedenza sulle condizioni in diverse parti del tuo cortile. Se vedi che vuoi mettere un'aiuola in una zona umida e ombreggiata, sai che devi trovare alcuni fiori nativi che amano l'ombra e il terreno umido. Puoi sempre cambiare questi piani se hai difficoltà a trovare piante adatte, ma sono un buon punto di partenza.

Trova le piante giuste

Una volta che sai sia ciò che hai e ciò che vuoi, puoi iniziare a creare un elenco di piante che si adattano ai tuoi obiettivi e alle condizioni nel tuo cortile. Ad esempio, se hai terreno sabbioso e asciutto e vuoi un giardino di farfalle, sai che devi cercare fiori nativi della tua zona, che sono attraenti per le farfalle e che possono crescere nel terreno sabbioso.

Un buon posto per iniziare la ricerca di piante autoctone è in un garden club locale o in un giardino botanico. Puoi anche cercare online per cercare una società vegetale o una società di fiori selvatici nel tuo stato.

Se non riesci a trovare aiuto vicino a casa, ci sono diverse risorse online che possono aiutarti a trovare piante autoctone che si adattino alle tue esigenze:

  • Native Information Network . Gestita da Lady Bird Johnson Wildflower Center presso l'Università del Texas ad Austin, la Native Plant Information Network offre un database ricercabile di oltre 7.000 specie native del Nord America. Puoi eseguire ricerche dettagliate in base a dove vivi, al tipo di piante che desideri, alle condizioni di luce e suolo nel tuo cortile e a caratteristiche speciali come altezza, tempo di fioritura e colore. Ciò semplifica la messa a punto della ricerca per trovare le piante esatte che soddisfano le tue esigenze. Quando si fa clic sull'elenco di un impianto specifico, è possibile visualizzare informazioni dettagliate sull'aspetto delle piante, sulle condizioni ideali di crescita e, in alcuni casi, sui fornitori che le offrono in vendita.
  • Biblioteca di piante native . American Beauties Native Plants, un vivaio specializzato in piante autoctone, ha una lista di tutte le sue piante che puoi cercare per posizione e tipo di pianta. Puoi anche effettuare ricerche più dettagliate per trovare piante con caratteristiche specifiche, tra cui altezza, diffusione, preferenze del suolo e della luce solare e tipi di fauna selvatica che attirano.
  • PlantNative . Questa organizzazione mira a promuovere l'uso di piante autoctone nel paesaggio. Il sito Web di PlantNative include elenchi di piante regionali ordinati per stato e, per alcuni stati, per regione. Ogni lista include alberi, arbusti e piante perenni nativi dell'area. Per ogni pianta, l'elenco fornisce dettagli come altezza, sole e requisiti di umidità e caratteristiche importanti come fiori, frutta o fogliame colorato.
  • Database delle PIANTE USDA . Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti mantiene un ampio database con informazioni su migliaia di piante, sia native che non native. Se fai clic su "ricerca dettagliata", puoi trovare le piante per area, tipo ed ecologia - dove e come crescono. È inoltre possibile identificare le piante etichettate come invasive, nocive (nocive) o in pericolo.

Se non riesci a trovare alcuna pianta in queste fonti che soddisfi le tue esigenze, hai due opzioni. Uno è quello di provare e cambiare il tuo sito. Ad esempio, se si dispone di terreno molto secco, è possibile aggiungere molta materia organica al terreno per renderlo idrorepellente.

L'altra opzione è quella di rivedere i tuoi obiettivi. Ad esempio, se non riesci a trovare fiori per la tua zona che attraggono le farfalle, potresti coltivare arbusti che attraggono invece gli uccelli canori. Puoi anche provare a spostare la funzione che hai in mente in un'area diversa. Se un giardino di farfalle non si adatta alle condizioni del tuo giardino, vedi se potrebbe funzionare nel cortile anteriore.

Organizza il tuo giardino

Una volta che hai deciso quali piante vuoi nel tuo giardino, devi capire dove metterle. In precedenza, durante la fase di brainstorming, hai pensato in termini generali su quali parti del tuo cantiere volevi avere piante native. Ora è il momento di capire dove all'interno di quelle aree dovrebbero andare le piante.

Il modo più semplice per farlo è quello di lavorare da grande a piccolo. Trova prima le macchie per le piante più grandi e poi adatta le piante più piccole intorno a loro.

Su un pezzo di carta millimetrata - o in un programma di layout sul computer, se ne hai uno - disegna una trama in scala del tuo giardino, inclusi i contorni di qualsiasi struttura permanente come la casa, un capanno o un nuoto piscina. Quindi, inizia ad aggiungere le posizioni delle piante nel seguente ordine:

  1. Alberi Per prima cosa, disegna un cerchio sulla mappa per ogni albero che hai già nel tuo giardino che intendi mantenere. Quindi, disegna un nuovo cerchio dove vuoi piantare un nuovo albero. Per ogni cerchio, decidere quale tipo di albero dal tuo elenco di piante native sarebbe la soluzione migliore. Gli alberi che scegli devono essere abbastanza piccoli da adattarsi al punto quando raggiungono la loro piena dimensione, e devono anche stare bene con il sole e le condizioni del terreno in quella parte del cortile. Devi anche decidere se vuoi alberi sempreverdi che forniscono ombra - e bloccare la vista - tutto l'anno, o alberi decidui che forniscono ombra solo durante l'estate. Se stai piantando alberi come betulle e ontani che tendono a crescere in piccoli grappoli in natura, sperimenta il tuo piano per vedere se riesci a piantarli nello stesso modo nel tuo giardino per dare al paesaggio un aspetto più naturale.
  2. Arbusti Una volta posizionati gli alberi, puoi vedere quali parti del tuo giardino finiranno all'ombra e quali saranno in pieno sole. Questo restringe la scelta di arbusti per le diverse parti del cortile, dal momento che devi mettere in ombra i cespugli che amano il sole in quelli che tollerano il sole e l'ombra. Inizia a disegnare nei punti in cui si trovano gli arbusti per il tuo giardino, riempiendo gli spazi tra gli alberi e altre aree, come prato, sentieri e letti di fiori o vegetali. Seleziona gli arbusti per ogni spot che ritieni funzionino meglio in quell'area, in base al loro tipo (sempreverde o deciduo), all'altezza, al colore e ai bambini di natura selvatica che attirano. Se non sei sicuro di quanti cespugli piantare insieme, una buona regola è quella di creare grappoli con un numero dispari di piante.
  3. Piccole piante . Le piante erbacee o non legnose sono le ultime ad essere inserite nel tuo piano. Come con i tuoi arbusti, dovresti raccogliere piante erbacee per diverse parti del cortile in base al loro bisogno di luce solare, così come le loro preferenze sul suolo e l'umidità. Alcune piante tendono a diffondersi e riempire lo spazio disponibile, quindi piantare lotti di questi è utile per riempire rapidamente uno spazio e creare uno sfondo. Le altre piante non si espandono molto, ma sembrano bellissime quando sono in fiore, quindi puoi usarle come accenti, sparsi qua e là tra le piante che si espandono. Ricorda che molte piante erbacee rimangono dormienti durante una siccità estiva o un congelamento invernale, quindi pianifica il tuo paesaggio in modo che ci siano sempre delle piante verdi e rigogliose in ogni parte del cortile per fornire interesse in ogni momento dell'anno.

Cerca fonti

Dopo aver pianificato il tuo giardino paesaggistico, devi comunque acquistare le piante che desideri utilizzare. Se hai consultato un club di giardinaggio locale o una società di piante autoctone per avere un aiuto nella scelta delle piante autoctone, probabilmente può anche aiutarti a trovare fornitori per quelle piante. Native Plants and Wildlife Gardens può aiutarti a trovare un'organizzazione di piante native nella tua zona. Ha anche collegamenti con vivai che offrono piante native in vendita.

Un altro buon posto per guardare è PlantNative. Se vivi in ​​Oregon, puoi acquistare piante originarie della tua zona direttamente attraverso il sito PlantNative. In caso contrario, è possibile effettuare una ricerca nella directory dei vivai delle piante native del sito per trovare vivai nel proprio stato che vendono piante native. Quindi è possibile cercare i siti Web dei vivai (o chiamarli) per vedere se hanno le piante che si desidera.

Parola finale

Se trasformare il tuo intero giardino in piante native sembra troppo lavoro per te, ricorda che non deve essere tutto o niente. Dopotutto, non esiste una regola secondo cui le piante autoctone e quelle esotiche non possono sedere fianco a fianco nello stesso cortile. Quindi, invece di rifare il tuo intero paesaggio da zero, potresti cambiare una piccola sezione alla volta - o anche solo una pianta alla volta.

Se il tuo acero rosso giapponese muore, sostituirlo con un albero di carpino americano. Rimuovi una delle tue rose da tè e pianta una rosa originaria della Virginia. Tirare fuori una pezza di edera inglese e sostituirla con Virginia rampicante. In questo modo, puoi gradualmente incorporare piante native nel tuo giardino piuttosto che cambiare tutto in una volta.

Usi piante autoctone nel tuo giardino?


Come avviare uno scambio di risparmiatori di semi per i giardinieri nella vostra comunità

Come avviare uno scambio di risparmiatori di semi per i giardinieri nella vostra comunità

Mio marito ed io siamo avidi giardinieri. Il nostro giardino non è enorme, ma è abbastanza grande per un orto di 100 metri quadrati che ci fornisce prodotti freschi e ci aiuta a mangiare biologico con un budget limitato.Per quanto amiamo il nostro giardino, siamo spesso frustrati dal fatto che molti prodotti per il giardinaggio siano fatti su misura per le persone con trame molto più grandi. A

(Soldi e affari)

I 10 migliori mercati immobiliari in cui investire ora: il più duro successo della recessione

I 10 migliori mercati immobiliari in cui investire ora: il più duro successo della recessione

È risaputo che in alcune città i tempi economici sono difficili rispetto ad altri (ciao, Detroit, sei ancora in piedi?). Un recente sondaggio Standard and Poor ha rivelato che i prezzi delle case a livello nazionale sono scesi ai livelli più bassi dall'inizio della grande recessione.Se sei proprietario di una casa, questo probabilmente non ti sorprende. M

(Soldi e affari)