it.lutums.net / 8 miti legali sul processo di ottenere un divorzio

8 miti legali sul processo di ottenere un divorzio


Il divorzio è difficile, anche se ci sono molti vantaggi finanziari di essere single. Indipendentemente dal motivo per cui la tua relazione sta finendo, il processo legale per ottenere un divorzio può essere fonte di confusione, dispendioso in termini di tempo e costoso.

Sfortunatamente, molti miti possono impedirti di proteggere te stesso e le tue esigenze, spesso peggiorando la situazione. È facile imbattersi in informazioni errate o miti legali che non sono solo fuorvianti ma dannosi. Identificare questi miti è essenziale per rendere il tuo divorzio il più indolore possibile.

È importante ricordare che le leggi sono molto diverse e che ogni divorzio è unico. Le differenze di stato nelle leggi sul divorzio sono significative e le risposte a eventuali domande sul divorzio dipendono da numerosi fattori. Se hai domande legali, parla con un avvocato qualificato. Ma prima di farlo, ecco i miti legali più popolari sul divorzio.

Mito 1: Devo ottenere una separazione prima del divorzio

L'idea che devi prima passare attraverso una separazione legale, o ottenere un accordo di separazione, prima di divorziare è una credenza popolare, e per la maggior parte non vera. Nella maggior parte degli stati, non ci sono requisiti legali che tu e il tuo coniuge debbano vivere separatamente o fisicamente separati prima che uno di voi documenti venga divorziato. In altri stati, le separazioni legali sono possibili ma non obbligatorie, mentre alcuni stati richiedono una separazione fisica, ma non legale. Per confondere ulteriormente il problema, esistono diversi tipi di separazioni che possono influire sul divorzio.

Separazioni di prova

Una separazione di prova è un termine colloquiale usato per descrivere quando una coppia sposata accetta di vivere separatamente o comunque indipendentemente l'uno dall'altro mentre sono ancora sposati. Le separazioni di prova non coincidono con le separazioni legali, in quanto non implicano la richiesta della coppia di un ordine di separazione o la firma di un accordo di separazione. Le separazioni di prova sono informali e non alterano lo stato civile della coppia. Le coppie sono libere di vivere come preferiscono e, se vivono separatamente, separano le loro finanze o accettano qualsiasi altro termine di separazione, possono farlo.

Separazioni legali o accordi di separazione

Oltre alla separazione del processo informale, la maggior parte degli stati consente alle coppie di ottenere un ordine di separazione da un tribunale o di stipulare un accordo di separazione contrattuale. Un contratto di separazione o di separazione è un accordo legalmente esecutivo tra i coniugi che non coinvolge un tribunale, mentre un ordine di separazione è quando la coppia chiede ad un tribunale di emettere un ordine che dichiari i termini della separazione. (Il tipo di separazione legale a tua disposizione dipende dallo stato in cui vivi.) Le separazioni legali sono simili ai divorzi, con una differenza fondamentale: una coppia legalmente separata è ancora legalmente sposata. Una separazione legale è un ordine del tribunale o un contratto che affronta tutte le stesse questioni che un divorzio affronta, come il sostegno coniugale o alimenti, così come gli accordi immobiliari o finanziari.

C'è una vasta gamma di motivi per cui alcune coppie sposate potrebbero voler ottenere una separazione legale invece di un divorzio. Alcune coppie sono contrarie al divorzio per ragioni personali, morali o religiose, alcune coppie vogliono passare attraverso una separazione di prova ma vogliono un documento legale per dare esecutività ai termini, mentre alcuni vogliono mantenere i benefici finanziari del matrimonio mentre vivono a parte .

Forse la ragione più comune per le coppie di cercare un accordo di separazione ha a che fare con i requisiti di residenza divorzio. Tutti gli stati hanno leggi sulla residenza minima che richiedono almeno un coniuge di vivere nello stato per un periodo minimo. Questa durata di residenza differisce ma è in genere tra 90 giorni a un anno. Le separazioni legali in genere non richiedono gli stessi requisiti di tempo di residenza e richiedono solo che un coniuge risieda nello stato.

Quindi, per esempio, se tu e il tuo coniuge vi trasferite in Ohio e decidete di divorziare, almeno uno di voi dovrà vivere nello stato per sei mesi prima di poter presentare domanda di divorzio. Tuttavia, è possibile presentare una separazione legale in Ohio, indipendentemente dal periodo di residenza nello stato perché non è previsto un requisito di residenza di 6 mesi.

Vivere separatamente come prerequisito per il divorzio

Alcuni stati richiedono che le coppie debbano vivere separate l'una dall'altra prima che possano ottenere il divorzio. Ad esempio, se vivi in ​​North Carolina, tu e il tuo coniuge dovete essere separati fisicamente per almeno un anno prima di poter chiedere il divorzio. D'altra parte, se vivi in ​​Louisiana, puoi chiedere il divorzio dopo 180 giorni di separazione finché non ci sono figli nel matrimonio. Se ci sono bambini, dovrai aspettare un anno.

È importante notare che vivere separatamente o separati non richiede necessariamente che si disponga di un accordo di separazione o di un ordine di separazione. Sebbene le leggi statali siano diverse, vivere separatamente potrebbe non voler separare fisicamente. In alcune situazioni, tu e il tuo coniuge potreste essere in grado di occupare la stessa casa o abitazione e continuare a vivere separatamente. (Questo tipo di distinzioni è il motivo per cui è così importante parlare con un avvocato se avete domande su divorzio o separazioni legali.)

Separazioni permanenti

Quando le coppie si dividono, è normale che una persona esca prima di presentare il divorzio. Se durante quel periodo, uno o entrambi i coniugi potrebbero riscontrare un cambiamento nelle circostanze finanziarie, la tempistica di quando la separazione fisica ha avuto luogo può diventare un problema nel divorzio. In questi casi, la separazione fisica non è necessariamente un requisito legale che la coppia deve soddisfare, anche se può diventare un problema che influirà sul modo in cui il tribunale tratta le questioni finanziarie o immobiliari nel divorzio.

Separazione dei guasti o abbandono

Prima delle odierne leggi sul divorzio senza colpa, un coniuge che lasciava o abbandonava l'altro era un motivo valido per presentare domanda di divorzio. In alcuni stati, potresti essere ancora in grado di presentare domanda di divorzio o separazione per motivi di colpa se il tuo coniuge lascia o ti abbandona, ma non è comunemente fatto.

Mito 2: L'avvocato di mia moglie sta per "pulirmi"

Gli avvocati divorzisti ricevono regolarmente chiamate da coniugi arrabbiati che sono stati traditi, maltrattati o vogliono un avvocato che non si fermerà davanti a nulla per rovinare l'altro coniuge nel divorzio. Sentimenti come "fare pagare mio marito / moglie" o assicurarsi che l'avvocato porti il ​​coniuge "agli addetti alle pulizie" sono comuni, e forse comprensibili, ma non sono ciò che riguarda il processo di divorzio.

Le proprietà o gli insediamenti finanziari sono una parte di ogni divorzio e il processo di divisione delle risorse e dei debiti è al centro delle leggi sul divorzio di ogni stato. Sebbene ogni divorzio sia unico e gli stati abbiano regole diverse, queste leggi sono stabilite per garantire che i divorzi siano equi, ordinati e uniformi. Allo stesso tempo, i tribunali per il divorzio non sono lì per essere coinvolti nelle controversie o nei conflitti coniugali, ma piuttosto per assicurarsi che ogni divorzio proceda nel modo più equo possibile.

È importante capire che quando si ottiene un divorzio, la corte deciderà solo come dividere la proprietà se la coppia divorziata non può o non accetterà un accordo finanziario da solo. In altre parole, quando diventi divorziato, tu e il tuo coniuge potete concordare come dividere i vostri beni. Se non puoi essere d'accordo, il tribunale deciderà chi ottiene cosa. Inoltre, ciò che un tribunale considera equo, imparziale o legalmente giustificato potrebbe non corrispondere alle tue aspettative o preferenze, ma ciò non significa che il tribunale stia prendendo la parte del coniuge o ti tratti ingiustamente. Di solito significa che la corte sta facendo ciò che la legge dice che dovrebbe.

Le leggi sul divorzio statale possono essere separate in due tipi principali quando si tratta di insediamenti finanziari: distribuzione equa e proprietà della comunità. Indipendentemente dallo stato in cui vivi, entrambi esistono per assicurare che i tribunali concludano i divorzi in maniera equa.

Distribuzione equa

La maggior parte degli stati usa l'equo metodo di distribuzione per dividere le proprietà nei divorzi. Negli stati di distribuzione equi, la corte esamina una varietà di fattori per determinare una distribuzione equa (equa) della proprietà. In generale, qualsiasi proprietà che i coniugi hanno acquisito durante il matrimonio è soggetta a distribuzione una volta che la coppia divorzia. Alcuni altri beni, come proprietà ereditate da un coniuge o proprietà, i coniugi posseduti prima del matrimonio e tenuti separati, non possono essere soggetti a divisione nel divorzio.

I fattori esaminati dalla corte includono, ma non sono limitati a:

  • La lunghezza del matrimonio
  • Il contributo finanziario che ciascun coniuge ha fatto durante il matrimonio
  • La capacità di guadagno di ciascun coniuge
  • L'età e la salute di ciascun coniuge
  • L'influenza di essere senza lavoro, come essere un coniuge soggiorno-a-casa, aveva sul potenziale di reddito di entrambi coniuge
  • Il contributo di ogni coniuge per mantenere la famiglia.
  • Il tenore di vita della coppia durante il matrimonio
  • Implicazioni fiscali delle divisioni patrimoniali

Il giudice prenderà in considerazione tutti questi fattori quando prenderà la decisione su come dividere la proprietà. A seconda delle circostanze, un tribunale può, ad esempio, decidere che una divisione 50/50 è equa in una situazione, mentre una spaccatura 60/40 è giusta in un'altra.

Ancora una volta, è importante capire che il tribunale non è lì per assicurare che entrambi i coniugi trovino la sentenza equa o giusta. Piuttosto, l'obbligo della corte è di dividere la proprietà in un modo che crede sia equo in conformità con la legge statale.

Proprietà comunitaria

Undici stati usano un sistema di proprietà della comunità invece di un sistema di distribuzione equo. In Alaska, Arizona, California, Idaho, Louisiana, Nevada, New Mexico, Texas, Washington e Wisconsin (oltre a Porto Rico), la corte dividerà proprietà coniugale su base 50-50. Gli Stati della proprietà comunitaria distinguono tra proprietà possedute interamente da un coniuge (proprietà separata) e proprietà di proprietà della coppia o proprietà della comunità. In generale, ciascun coniuge ha il diritto di mantenere la propria proprietà separata, mentre il tribunale dividerà la proprietà della comunità come una divisione omogenea.

Mito 3: Il tribunale punirà me / mia moglie per barare

È comune per gli avvocati di divorzio ottenere clienti che vogliono dire loro tutto su come i loro coniugi hanno tradito, come li hanno trattati male, o quanto è stato orribile il matrimonio. Vogliono dettagliare ogni interazione, ogni bugia o inganno e tutto ciò che porta alla rottura del matrimonio. Mentre questo istinto è naturale, non importa quasi quanto pensi o speri che possa.

L'infedeltà fa male. Quando sei ferito, vuoi giustizia. Ma il deposito di un divorzio con l'aspettativa che il tribunale punisca un coniuge infedele è un errore. L'attuale processo di divorzio non è lì per punire i coniugi per il loro comportamento. Esiste per garantire che i problemi presenti nella relazione finiscano in modo equo e ragionevole. La ragione di questo è che tutti gli stati oggi hanno qualche forma di procedimento di divorzio senza colpa.

Divorzio senza colpa

Come suggerisce il nome, un divorzio senza colpa è uno in cui non è necessario identificare chi, se qualcuno, ha causato la fine del rapporto coniugale. Nei giorni passati, l'unico modo in cui le coppie potevano divorziare era se uno dei coniugi potesse provare che l'altro aveva fatto qualcosa che la legge riconosceva come motivo (i motivi) che il matrimonio finisse. Questi motivi includevano l'abbandono, la crudeltà, la condanna penale, la negazione dell'affetto e l'adulterio.

I divorzi senza colpa non usano questi tradizionali motivi di colpa. Per ottenere il divorzio oggi, tu o il tuo coniuge dovrete dichiarare che siete incompatibili, che il matrimonio è fallito o qualcosa di simile. Stati diversi hanno frasi leggermente diverse per quali motivi sono adatti in un divorzio senza colpa, ma tutti permettono alle coppie di divorziare senza dover dimostrare che l'altro coniuge ha fatto qualcosa di sbagliato, o hanno fatto qualcosa per portare alla rottura del matrimonio .

Poiché tutti gli stati prevedono una qualche versione del divorzio senza colpa, i tribunali non considereranno più i problemi di colpa, come l'adulterio, nel decidere i casi di divorzio. Vi sono, tuttavia, alcune eccezioni.

Adulterio e regolamento finanziario

In generale, un tribunale non userà l'adulterio come fattore quando deciderà gli insediamenti finanziari a meno che il comportamento adultero abbia direttamente influenzato le finanze coniugali. Quindi, se hai un rapporto extraconiugale e tu e il tuo coniuge non potete accettare un accordo finanziario, il tribunale non prenderà in considerazione l'adulterio.

Tuttavia, se hai sprecato i tuoi soldi perseguendo la relazione adultera, o la relazione stessa ha avuto un impatto negativo significativo sulla vita finanziaria di te o del tuo coniuge, la corte può prenderla in considerazione al momento di decidere una soluzione finanziaria.

Adulterio nel supporto coniugale

Spesso indicati come alimenti, sostegno sponsale, mantenimento coniugale o termini simili, il sostegno coniugale è il denaro che un coniuge paga all'altro dopo il deposito o il divorzio. Il sostegno coniugale fa parte di alcuni, ma non tutti, i divorzi e può essere pagato da entrambi i coniugi indipendentemente dal sesso.

In alcuni stati, l'adulterio può influire sul fatto che il tribunale assegni il sostegno coniugale, o quanto supporto assegni. Sebbene le leggi statali differiscano in modo significativo, l'adulterio può impedire al coniuge adultero di ricevere il sostegno coniugale o influenzare l'ammontare del sostegno concesso dal tribunale. In generale, l'adulterio è uno dei molti fattori che la corte usa nel prendere decisioni di sostegno coniugale, e non ci sono chiare formule su quanto peserà l'adulterio nella sentenza di un tribunale.

Adulterio e custodia del bambino

Quando una coppia con figli passa attraverso un divorzio, il tribunale dovrà decidere come dividere la custodia dei figli e le responsabilità di custodia dei figli. In generale, l'adulterio di uno o entrambi i coniugi non ha alcun effetto sulla decisione di affidamento della corte. Le corti emettono ordini di custodia in base a ciò che è nell'interesse superiore del minore, e non sul fatto che uno o entrambi i coniugi abbiano agito in modo tale da portare alla fine del matrimonio. In altre parole, i tribunali non ti puniscono per quello che hai fatto; sono semplicemente lì per assicurarsi che i tuoi figli siano protetti.

L'unica eccezione a questo è quando l'adulterio colpisce direttamente i bambini. Ad esempio, se tua moglie ha avuto una relazione adultera che ha portato a trascurare i tuoi figli mentre lei avrebbe dovuto prendersi cura di loro, ciò può influire sul modo in cui la corte prende la sua decisione di affidamento. Allo stesso modo, se hai svolto una relazione adulterina in presenza dei tuoi figli, o hai agito in modo tale da influenzare negativamente la loro salute o il loro benessere a causa della relazione, il tribunale può utilizzarli come fattore al momento della concessione della custodia.

Mito 4: Non posso ottenere un divorzio perché il mio coniuge non accetterà uno

Questo mito è un residuo dei tempi in cui il consenso al divorzio era talvolta necessario. Oggi, questo non è il caso. Anche se uno dei coniugi non vuole divorziare, o non è d'accordo sul fatto che il rapporto coniugale è rotto, il tribunale continuerà a concedere il divorzio fintantoché un coniuge crede che il matrimonio sia finito o non sia più sostenibile.

Se si desidera un divorzio incontestato, in cui tu e il coniuge accetti tutti i problemi di divorzio, è vero che entrambi dovrai firmare i documenti di divorzio attestanti i termini del contratto. Se ci sono dei termini che non puoi accettare, un tribunale prenderà queste decisioni per te. Ma una moglie che non vuole divorziare non può impedirti di porre fine al matrimonio. Finché uno dei coniugi vuole divorziare, non vi è alcun obbligo legale che l'altro debba accettarlo.

Mito 5: Ho un matrimonio di common law in modo da poter ottenere un divorzio di common law

Le probabilità che tu sia sposato per legge comune sono estremamente piccole, ma la possibilità che tu possa divorziare dalla legge comune è precisamente zero. Questo è vero per tre ragioni. In primo luogo, solo pochi stati consentono matrimoni a common law. Secondo, negli stati che consentono i matrimoni in common law, i requisiti per sposarsi con la common law sono più severi di quanto la maggior parte della gente creda. E in terzo luogo, non esiste un divorzio di common law.

Anche se i requisiti per i matrimoni in common law differiscono da stato a stato, dovrai soddisfare diversi criteri per essere sposato. Innanzitutto, se non vivi in ​​Colorado, Iowa, Kansas, Montana, New Hampshire, South Carolina, Texas o Utah, non sei quasi mai sposato per legge. Alcuni altri stati riconoscono i matrimoni in common law creati prima di date specifiche, come il 2005 in Pennsylvania e il 1991 in Ohio. Secondo, tu e il tuo coniuge dovrete essere adulti competenti. Terzo, entrambi dovrete intendere di entrare in un matrimonio. In quarto luogo, dovrete presentarvi al pubblico come coppia sposata.

Vivere insieme per un certo numero di anni, riferendosi a te stesso come una coppia di legge, o ad altre persone che dicono che sei sposato per legge, non ti rende legalmente sposato. Se pensi di avere un matrimonio in comune, dovrai essere certo di parlare con un avvocato. Nella rara situazione in cui sei sposato sotto la legge e vuoi divorziare, devi passare attraverso il normale processo di divorzio come tutti gli altri.

Mito 6: Non dovrò pagare il mantenimento dei figli perché io e il mio coniuge siamo d'accordo

Quando si tratta dei vostri figli, qualsiasi accordo, dichiarazione o piano per l'assistenza ai figli o la custodia che voi e il vostro coniuge fanno sono sempre soggetti agli ordini del tribunale. I tribunali di solito rinviano agli accordi parentali sul sostegno matrimoniale e sugli insediamenti finanziari, ma impongono regole più severe in materia di affidamento e mantenimento dei figli.

Per quanto riguarda il mantenimento dei figli, ad esempio, c'è ben poco che spetti alla discrezione dei genitori. Le leggi dello stato stabiliscono formule che determinano chi paga per il mantenimento dei figli e quanto devono essere i pagamenti. Le corti hanno più discrezionalità quando si tratta di prendere decisioni sull'affidamento dei figli, sulle visite e sulle responsabilità genitoriali, ma gli accordi dei genitori su questi temi sono solo uno dei fattori che la corte prenderà in considerazione. Se un tribunale ritiene che il tuo accordo sulla custodia non sia nel miglior interesse dei tuoi figli, imporrà la sua decisione indipendentemente da ciò che tu e il tuo coniuge avete voluto.

Mito 7: Non ho bisogno di un avvocato

Mentre è vero che non è richiesto legalmente di assumere un avvocato per aiutarti quando sei divorziato, questo non significa che non hai bisogno del consiglio di un avvocato. Le questioni che devi decidere in un divorzio possono essere complicate anche se stai pianificando un divorzio non contestato e gestire il divorzio da solo raramente va bene. Un buon avvocato sa come guidarti attraverso il processo di divorzio dall'inizio alla fine, come consigliarti sulle scelte che sono a tua disposizione e puoi proteggere interessi che potresti anche non sapere di avere.

Mentre assumere un avvocato può essere costoso, il costo può essere inferiore a quello che immagini. Un divorzio non contestato in cui tu e il tuo coniuge siete d'accordo su tutto ciò potrebbe comportare poche spese in più rispetto alla consulenza di un avvocato e alla tassa di deposito. All'altro estremo dello spettro, il costo di un divorzio contestato può facilmente costare da $ 5.000 a $ 15.000 o più. Se il divorzio si trascina e richiede investigatori privati, udienze multiple o ricorsi, i costi possono essere significativamente più alti. Anche se non pensi di potertene permettere un avvocato, potrebbe esserci un basso costo del servizio legale gratuito per la tua area che puoi utilizzare. Contatta il tuo stato o associazioni locali per ulteriori informazioni.

Mito 8: Posso mantenere la mia proprietà se la nascondo

Anche se ritieni che le tue azioni portino a una situazione in cui potresti non uscire nel tuo divorzio, cercare di nascondere la proprietà al tribunale durante il divorzio è un modo sicuro per trasformare anche un brutto divorzio in qualcosa di peggio. Il National Endowment for Financial Education riporta che quasi un terzo delle persone in una relazione romantica si è nascosto o ha ingannato le questioni finanziarie con i propri partner. Ma, anche se questo è vero per te, un divorzio non è il momento di continuare l'inganno.

Quando tu e il tuo coniuge ottenete il divorzio, anche se non contestato, entrambi dovrete compilare affidavit finanziari che indicano le vostre attuali circostanze finanziarie. In quella dichiarazione giurata, dovrai dettagliare le tue entrate, i tuoi beni, i tuoi debiti, le tue spese e ogni altro aspetto delle tue vite finanziarie. Una dichiarazione giurata è una dichiarazione giurata fatta sotto pena di spergiuro. Lo spergiuro sta mentendo sotto giuramento, ed è un crimine in tutti e 50 gli stati. Quindi, quando menti sul tuo affidavit finanziario, stai commettendo un crimine.

Anche se non sei accusato di falsa testimonianza per aver mentito sulle tue finanze o aver tentato di nascondere i tuoi beni, puoi affrontare sanzioni significative se e quando un tribunale scopre il tuo inganno. Ad esempio, se cerchi di nascondere i tuoi beni durante il divorzio e un tribunale lo scopre, potresti essere multato o essere obbligato a pagare le spese legali del coniuge. In alcune situazioni, i tribunali hanno stabilito che i beni nascosti devono essere consegnati all'altro coniuge, anche se il coniuge che cercava di nasconderli avrebbe avuto diritto a loro se fossero stati rivelati come avrebbero dovuto essere.

Se sei preoccupato che il tuo coniuge stia tentando di nascondere beni o falsare il suo stato finanziario, devi parlare con il tuo avvocato. Un avvocato esperto in divorzi sa come rintracciare le risorse nascoste e i dettagli finanziari non divulgati. Il tuo avvocato può anche spiegare in dettaglio come il tentativo di nascondere i beni possa influire negativamente su di te e sul tuo divorzio.

Parola finale

I divorzi sono raramente facili, ma non farai mai alcun favore se ti affidi ai miti o ai consigli sbagliati. Un divorzio finisce il tuo matrimonio, ma non finisce la tua vita. Mentre i problemi emotivi e personali che dovrai affrontare durante il processo di divorzio sono spesso difficili, non c'è alcun motivo per cui non puoi affrontare il tuo divorzio come un finale e un nuovo inizio.

Quali storie dell'orrore hai vissuto o sentito con il processo del divorzio?


Qual è l'imposta sui regali - Regole IRS, tasso e limite massimo di esclusione

Qual è l'imposta sui regali - Regole IRS, tasso e limite massimo di esclusione

Una domanda che emerge ogni anno da amici o clienti è: "Quanto posso dare a mio figlio, nipote o amico in modo da non dover pagare le tasse su di esso?" Il denaro che date ad altri individui, indipendentemente dal fatto sono legati a te, potrebbero non essere tassabili per loro o per te, entro certi limiti, ma potrebbero avere conseguenze fiscali per loro, a seconda della natura del dono.

(Soldi e affari)

Camping in Line per le offerte di shopping del Black Friday e le casseforti?  9 Forniture da campeggio e attrezzature cruciali di cui avrai bisogno

Camping in Line per le offerte di shopping del Black Friday e le casseforti? 9 Forniture da campeggio e attrezzature cruciali di cui avrai bisogno

Sarà un acaro che aspetta le 5 di apertura del Black Friday! Qui ci sono 9 forniture consigliate dai veterani del Black Friday per tenerti al caldo, e divertirti mentre ti alleni in linea:1. Tenda Una piccola tenda aiuta a tenere lontano il vento e a contenere il calore del corpo.2. Sacco a pelo L'isolamento di un sacco a pelo impedisce al terreno freddo di risucchiare tutto il calore corporeo.

(Soldi e affari)