it.lutums.net / Come mangiare locale e diventare un Locavore - Vantaggi e sfide

Come mangiare locale e diventare un Locavore - Vantaggi e sfide


Quando percorri i corridoi di un supermercato, osservando l'assortimento di articoli, potrebbe non esserti motivo di chiedertelo da dove provenissero tutti quei cibi diversi e in che modo sono stati prodotti.

Se ti prendi il tempo di prendere ogni oggetto e di leggere l'etichetta, inizieresti a notare un motivo: quasi tutti gli scaffali dei negozi di alimentari venivano da qualche parte lontano. Ad esempio, io vivo nel New Jersey, ma il corridoio di produzione nel mio supermercato locale offre attualmente cetrioli coltivati ​​in Canada, more dal Messico e uva spedita dal Cile. Un documento del 2002 del Worldwatch Institute stima che il cibo consumato negli Stati Uniti viaggia da 2.500 a 4.000 chilometri (da 1.500 a 2.500 miglia) da fattoria a piastra.

Il cibo che deve viaggiare fino a qui perde molto del suo sapore e della sua nutrizione appena colti quando raggiunge il tuo tavolo. Inoltre, crea problemi per l'ambiente. Per cominciare, è abbastanza ovvio che il trasporto di alimenti su grandi distanze, spesso in auto refrigerate, richiede molto combustibile fossile, il che aumenta notevolmente la sua impronta di carbonio. Il Worldwatch Institute calcola che un capo di lattuga cresciuto in California e poi spedito in tutto il paese a Washington, DC, consuma circa 36 volte più energia per il trasporto che fornisce effettivamente alla persona che lo mangia.

Ancora più importante, le enormi fattorie che producono la maggior parte del cibo nel supermercato tendono ad essere molto meno ecocompatibili delle fattorie locali più piccole. Un articolo del 2002 del Centro per un futuro vivente della Johns Hopkins University rileva che l'agricoltura industriale su larga scala consuma grandi quantità di acqua e combustibili fossili, inquina l'aria e l'acqua, elimina il suolo dalle sostanze nutritive e accelera la perdita di biodiversità - la varietà di specie diverse in una particolare regione. Le carni allevate in fabbrica sono particolarmente inefficaci perché gli animali mangiano cereali - il che richiede acqua, energia e sostanze chimiche aggiuntive per produrre - invece di erba. Inoltre, gli attivisti per il benessere degli animali sostengono che il modo in cui gli animali vengono trattati in queste fattorie causano sofferenze inutili.

Uno dei motivi per cui i grandi agricoltori sono in grado di cavarsela con tutti i problemi che causano è che hanno un controllo quasi totale sull'alimentazione. Dal momento che quasi tutto il cibo nei negozi deriva da una manciata di enormi "agroalimentari", queste aziende chiamano in pratica le politiche agricole in America. Ciò significa che qualsiasi tentativo di stabilire standard più elevati per la protezione dell'ambiente, il benessere degli animali o la sicurezza alimentare tende a essere abbattuto.

Fortunatamente, c'è un modo per i consumatori di reagire. Facendo uno sforzo per cercare cibi coltivati ​​localmente, puoi aiutare a sostenere le fattorie familiari nella tua zona. Mantenere più fattorie familiari negli affari aiuta a ridurre il controllo che alcuni grandi coltivatori hanno sul nostro approvvigionamento alimentare e, a sua volta, sulla politica alimentare del nostro paese. Allo stesso tempo, ti dà la possibilità di gustare cibi locali più freschi, più gustosi e più nutrienti.

Che cosa significa mangiare in locale

Il termine "mangiare locale" non è così semplice come sembra. È ovvio che una mela che hai scelto tu stesso in un frutteto pick-your-own a cinque miglia da casa tua è locale, mentre una mela spedita in tutto il paese non è - ma c'è molto spazio tra questi due estremi. Quindi la prima domanda da porsi sul mangiare locale è, come deve essere locale?

Una delle risposte più popolari è quella scelta dagli autori Alisa Smith e JB MacKinnon nel loro libro "The 100-Mile Diet". Decisero che per il loro esperimento di un anno nel mangiare locale, avrebbero cercato alimenti coltivati ​​entro 100 miglia del loro appartamento a Vancouver, British Columbia. Si stabilirono su questo limite perché pensavano che un raggio di 100 miglia fosse "abbastanza grande da raggiungere oltre una grande città e abbastanza piccolo da sembrare veramente locale." In un sondaggio del 2008 di oltre 750 americani adulti del Leopold Center for Sustainable Agriculture in Iowa State University, circa due terzi ha convenuto che il cibo non può essere considerato locale se avesse percorso più di 100 miglia dalla fattoria in cui è stato coltivato ai negozi in cui è stato venduto.

Tuttavia, un raggio di 100 miglia non è l'unico modo per definire il cibo locale. Nello studio di Leopold, un grosso sottogruppo del gruppo che era d'accordo con il limite di 100 miglia effettivamente disse che preferirebbe definire "locale" ancora più strettamente. Secondo questo gruppo - circa il 38% di tutti gli intervistati - il cibo "locale" dovrebbe essere coltivato a non più di 25 miglia di distanza dai negozi in cui è venduto. Questa risposta era più popolare nel Midwest e nel Nord-Est e meno popolare in Occidente, dove la popolazione è distribuita in aree più vaste.

Circa uno su tre intervistati nello studio di Leopold in realtà non ha definito il cibo locale in termini di un numero specifico di miglia. Invece, hanno detto che il cibo locale era "cresciuto nel tuo stato" o "cresciuto nella tua regione". Questa risposta era più popolare negli stati occidentali, dove l'agricoltura è una parte importante dell'economia. Ad esempio, per la gente dell'Iowa, comprare prodotti coltivati ​​in Iowa è un modo per sostenere gli agricoltori del loro stato e proteggere i loro posti di lavoro.

Il clima gioca anche un ruolo nel modo in cui definisci il cibo locale. Ad esempio, se vivi nel cuore dei terreni agricoli della California, puoi facilmente trovare cibo coltivato entro 100 miglia da te in quasi ogni periodo dell'anno. Al contrario, se vivi nel mezzo del deserto, probabilmente devi adottare una definizione un po 'più ampia di locale. È quello che ha fatto l'autore Gary Paul Nabhan quando ha trascorso un anno a provare a mangiare solo cibi coltivati ​​entro 250 miglia dalla sua casa nel nord dell'Arizona, come descritto nel suo libro "Coming Home to Eat".

Molti esperti raccomandano di adottare un approccio flessibile al consumo locale. Ad esempio, nella sua Local Food Challenge, l'autrice Vicki Robin suggerisce di mangiare cibo coltivato entro 100 miglia da casa tua, ma anche di concedersi 10 "esotici" - cibi provenienti da zone lontane di cui non puoi vivere senza, come caffè o banane. I creatori di LocalDiet.org consigliano anche di darti alcune "clausole di fuga" per affrontare situazioni come i pasti al ristorante o la cena a casa di un amico. E Sage Van Wing, che ha coniato il termine "locavore" per riferirsi a una persona che mangia solo cibi locali, ha detto al Worldwatch Institute che ha iniziato a cercare di mangiare solo cibi coltivati ​​entro un raggio di 100 miglia dalla sua casa della California settentrionale, ma ora si concentra solo sul trovare la fonte più vicina disponibile per ogni cibo che mangia.

Benefici del mangiare locale

Mangiare cibi locali offre una varietà di benefici - per te, la tua comunità e il pianeta. Gli alimenti coltivati ​​localmente possono fornire quanto segue:

1. Gusto fresco

Molte delle frutta e verdura nei grandi supermercati sono state raccolte settimane o addirittura mesi fa. A volte, tali prodotti vengono raccolti prima che siano completamente maturi e sottoposti a maturazione artificiale con prodotti chimici. Al contrario, quando fai acquisti in un mercato degli agricoltori, la maggior parte del cibo in vendita è stato raccolto nel giorno precedente, secondo LocalDiet.org. Ti arriva fresco dal campo, al culmine della sua maturità e del suo sapore.

2. Più varietà

I prodotti che trovi nei supermercati sono in genere limitati a poche varietà ben conosciute, scelte per la loro resa e quanto bene possono sopportare lunghi tempi di spedizione e conservazione. Tuttavia, gli agricoltori che vendono il cibo a livello locale possono scegliere le loro colture in base al gusto, all'alimentazione o alla loro crescita nell'ambiente locale. LocalDiet.org riporta che mentre i supermercati in genere offrono solo due o tre varietà di pere, le piccole fattorie in tutto il paese crescono quasi 300 varietà. Le fattorie locali coltivano anche raccolti meno comuni che non si trovano affatto nella maggior parte dei supermercati, come le sunchokes, le purslane e le tayberries.

3. Miglioramento della nutrizione

Il cibo più fresco non ha solo un sapore migliore - in molti casi è anche meglio per te. Un articolo del 2007 della Harvard School of Public Health nota che molti frutti e verdure, tra cui pomodori, peperoni e pesche, contengono più nutrienti quando sono autorizzati a maturare completamente sulla pianta prima di raccogliere - qualcosa che non sempre accade con prodotti del supermercato. Inoltre, il cibo coltivato nelle grandi fattorie industriali non è sempre così nutriente come le varietà meno comuni coltivate nelle fattorie locali. Un documento del 2007 del Centro biologico rileva che per molte colture comuni, tra cui grano, mais e broccoli, le varietà a più alto rendimento hanno livelli di nutrienti più bassi rispetto alle varietà più vecchie con rese inferiori.

4. Sicurezza alimentare

Un problema di avere la produzione alimentare del nostro paese concentrata nelle mani di poche grandi aziende agricole è che un'epidemia di malattie alimentari in un solo sito può colpire migliaia, se non milioni, di persone. E poiché il cibo di un sito viene consegnato in molte parti diverse di un paese, è difficile risalire alla sua origine e fermarlo in modo efficace. È particolarmente probabile che le malattie di origine alimentare colpiscano i produttori di carne industriali perché tendono a far precipitare gli animali attraverso la macellazione e la lavorazione il più rapidamente possibile, il che rende più difficile salvaguardare la carne contro i batteri. Mangiare cibo dalle fattorie locali aiuta a ridurre la dipendenza della nazione dai maggiori coltivatori, quindi un singolo focolaio di malattie trasmesse da alimenti ha meno probabilità di trasformarsi in un grave disastro.

5. Sicurezza alimentare

Un altro problema nel fare affidamento su alcuni grandi coltivatori per fornire cibo alla nostra nazione è la sicurezza. Un disastro naturale che disabilita una sola fattoria potrebbe creare penuria alimentare in tutto il paese. Sostenere i coltivatori locali aiuta a diffondere la nostra produzione alimentare, quindi un singolo disastro non può paralizzare il nostro sistema alimentare. Aiuta anche a rendere il cibo fresco disponibile in tutte le parti del paese.

6. Benefici ambientali

Il cibo locale non si limita a percorrere una distanza più breve per raggiungere il piatto, ma è anche più probabile che provenga da piccole fattorie familiari gestite in modo sostenibile. Rispetto alle grandi fattorie industriali, le piccole aziende agricole locali hanno maggiori probabilità di coltivare più colture, coltivare colture di copertura e lasciare siepi per fornire un habitat per la fauna selvatica, secondo il Worldwatch Institute. Molte aziende agricole locali utilizzano anche pratiche di agricoltura biologica, anche se non soddisfano gli standard per la certificazione biologica. Le fattorie biologiche utilizzano meno acqua e meno sostanze chimiche dannose e tendono ad avere un'impronta di carbonio inferiore rispetto alle fattorie convenzionali.

7. Più conoscenza

Quando compri un pollo o un sacchetto di mele al supermercato, sai ben poco di come sia stato allevato il pollo o di come siano cresciute le mele. Tuttavia, quando acquisti direttamente da un agricoltore locale in un mercato degli agricoltori, puoi fare tutte le domande che hai. Puoi scoprire se il pollo è ruspante, che tipo di cibo ha mangiato, quali tipi di pesticidi sono stati usati sulle mele e come vengono trattati gli operai che li hanno raccolti. Molti locavores dicono che per loro, sapere da dove viene il loro cibo e avere una relazione diretta con i coltivatori è la parte più preziosa del mangiare locale.

8. Aiutare la tua economia locale

Mangiare cibo coltivato localmente è un modo per sostenere la tua economia locale. Quando consegnate i vostri dollari di cibo a un contadino locale piuttosto che a una grande e lontana corporazione, è molto più probabile che quell'agricoltore passi gli stessi dollari ad altre imprese locali per cose come semi, forniture e macchinari. I piccoli agricoltori hanno maggiori probabilità di inviare il loro cibo ai negozi locali e ai ristoranti locali, sostenendo più posti di lavoro nella vostra comunità. E infine, sostenere le fattorie familiari aiuta a tenerle in attività, quindi tutti quei campi verdi non vengono venduti e pavimentati per costruire nuovi condomini e centri commerciali.

Le sfide del mangiare locale

Imparare a mangiare locale non è sempre facile. Ecco alcune delle sfide che potresti dover affrontare se decidi di adottare una dieta locale:

1. Scelte limitate

A seconda di dove vivi, potrebbe essere difficile trovare determinati alimenti da coltivatori locali, possibilmente compresi alcuni che sono punti fondamentali della tua dieta attuale. Ad esempio, poiché la maggior parte del grano della nazione è coltivato negli stati del Midwest della "cintura di grano", è difficile trovare il grano locale in altre parti del paese - e il grano non significa pane, biscotti, pasta, pancake o dozzine di altri alimenti a base di farina. Un modo per aggirare questo problema è dichiarare il grano come uno dei tuoi 10 cibi "esotici" che puoi acquistare da fonti non locali. Puoi anche provare a ridurre il grano senza eliminarlo completamente, ottenendo più carboidrati dagli alimenti che puoi ottenere da fonti locali, come le patate.

2. Stagioni brevi in ​​crescita

A meno che non viviate in una delle zone più calde del paese, anche gli alimenti che vengono coltivati ​​nella vostra zona non saranno probabilmente disponibili tutto l'anno. Mangiare localmente significa imparare a cambiare le proprie abitudini alimentari, gustando cibi diversi in stagione in particolari periodi dell'anno piuttosto che cercare di mangiare la stessa dieta per tutto l'anno. Un problema specifico per i locavores negli stati settentrionali è la mancanza di frutta e verdura fresca durante i mesi invernali. Conservare prodotti locali durante i mesi estivi è un modo per aggirare queste carenze invernali.

3. Costi aggiuntivi

Il costo del mangiare locale dipende in parte da ciò che mangi e in parte da dove vivi. Ad esempio, un'indagine di Slow Food Skagit River Salish Sea nello Stato di Washington ha rilevato che sia i prodotti convenzionali che quelli biologici costano leggermente di più per libbra nei mercati degli agricoltori locali rispetto ai supermercati, ma uno studio più dettagliato condotto dal Centro Leopold nel 2009 ha rilevato che In media, le verdure di stagione in Iowa costavano meno per libbra, nei mercati degli agricoltori che nei supermercati. Tuttavia, lo studio ha anche dimostrato che se la quantità di ogni verdura acquistata fosse aggiustata in modo da riflettere la quantità di cibo consumata dalla famiglia Iowa, i prodotti del supermercato costerebbero meno. Questo dimostra che un modo per rendere il mangiare locale più economico è cambiare il modo in cui si mangia. Se provi a mangiare tutti gli stessi cibi a cui sei abituato mentre riceverai tutto da fonti locali, probabilmente avrai bisogno di aumentare il tuo budget alimentare - ma se acquisti più alimenti che sono più economici da coltivare nel tuo area, si potrebbe facilmente finire spendendo meno sul cibo di quello che fai ora.

4. Lavoro extra

Non c'è modo di aggirarlo: ottenere tutto il cibo da fonti locali richiede uno sforzo maggiore rispetto all'acquisto di qualsiasi cosa si trovi sullo scaffale del supermercato. Per prima cosa, significa fare la maggior parte o tutta la tua cucina da zero, dal momento che è quasi impossibile trovare cibi pronti realizzati con ingredienti locali. Significa anche mangiare di meno, a meno che tu non abbia la fortuna di avere ristoranti "da fattoria a tavola" nella tua zona che ottengono il cibo dai coltivatori locali. Oltre a ciò, ci vuole tempo per trovare fonti locali per tutti i cibi che si mangiano, e ci vuole lavoro per conservare i prodotti freschi in estate in modo da avere abbastanza da mangiare in inverno. Locavores ammette che questo lavoro extra è una sfida, ma per molti di loro è molto soddisfacente.

5. Trade-Off ambientali

Sebbene il cibo locale sia spesso migliore per l'ambiente rispetto al cibo tradizionale, gli esperti avvertono che scegliere il cibo in base a dove è stato coltivato non è necessariamente il modo migliore per proteggere l'ambiente. Ad esempio, un rapporto del 1997 per l'università di Lund in Svezia ha rilevato che pomodori coltivati ​​in Spagna e spediti in Svezia avevano un'impronta di carbonio inferiore rispetto ai pomodori svedesi, coltivati ​​in serre riscaldate con combustibili fossili. Quindi, se stai cercando di mangiare localmente per aiutare l'ambiente, devi prestare attenzione alle tue scelte alimentari, concentrandoti sugli alimenti che sono di stagione e facili da coltivare nella tua zona.

Modi per mangiare in locale

Date le sfide del mangiare locale, non è proprio qualcosa in cui puoi semplicemente tuffarti senza preparazione. Gli autori di LocalDiet.org consigliano di iniziare in piccolo, adottando una dieta di 100 miglia per una settimana, un giorno o forse anche un solo pasto. In base a quanto è difficile e quanto soddisfacente trovi l'esperienza, puoi decidere se estendere il tuo esperimento di consumo locale a lungo termine.

Se pensi che ti piacerebbe provare a mangiare localmente per un periodo di tempo più lungo, puoi provare ad unirti alla Vicki Robin's 10-Day Local Food Challenge, che gestisce ogni anno. Le regole possono essere riassunte come 10-100-10: per 10 giorni, mangiare solo cibo coltivato entro un raggio di 100 miglia dalla tua casa, ad eccezione di 10 "esotici" da aree più distanti.

Se hai intenzione di mangiare locale per un anno o solo per un giorno, devi comunque fare qualche ricerca in anticipo per trovare fonti di cibo locale nella tua zona. Ecco alcuni suggerimenti:

1. Cerca online

Una rapida ricerca su Internet può aiutarti a trovare fonti alimentari locali nella tua zona, dagli elenchi delle fattorie vicine, ai caffè della comunità che servono cibi coltivati ​​localmente. Una buona risorsa online è Local Harvest, dove puoi inserire la tua città e cercare fattorie, mercati degli agricoltori, ristoranti e una varietà di altre risorse. Puoi anche cercare prodotti agricoli specifici, dalla frutta alla lana. Un altro sito, Eatwild, si concentra in particolare sulle carni allevate al pascolo e altri prodotti animali.

2. Acquista il tuo supermercato

Sebbene gran parte del cibo sugli scaffali dei supermercati sia spedito da molto lontano, è spesso possibile trovare anche alimenti coltivati ​​localmente. In alcune parti del paese, i programmi di etichettatura aiutano a identificare gli alimenti coltivati ​​localmente nello store, come l'etichetta Jersey Fresh nel New Jersey o l'etichetta Piedmont Grown nella regione Piemonte del Nord Carolina. Se non vedi etichette alimentari locali nel tuo supermercato, prova a chiedere al responsabile del negozio se alcuni prodotti provengono da aziende agricole locali.

3. Visita un mercato degli agricoltori

Un posto ovvio per trovare cibo coltivato localmente è in un vicino mercato degli agricoltori, dove è possibile acquistarlo direttamente dal produttore. Puoi trovare i mercati degli agricoltori nella tua zona cercando online o contattando il tuo ufficio turistico locale. Altri modi per acquistare direttamente dai coltivatori includono stand di prodotti su strada, fattorie di pick-your-own e programmi di spigolatura, che ti permettono di passare e raccogliere tutto ciò che è rimasto nei campi dopo la raccolta.

4. Unisciti a un CSA o a una cooperativa alimentare

Se stai pianificando di seguire il tuo esperimento gastronomico locale, puoi garantirti una fornitura costante di prodotti locali freschi aderendo a un programma di agricoltura sostenuta dalla comunità (CSA). Quando si entra in un CSA, si paga una somma forfettaria direttamente a un agricoltore all'inizio della stagione di crescita in cambio di una quota delle colture di quell'anno. Un'altra opzione è quella di unirsi a una cooperativa alimentare - un negozio di generi alimentari senza scopo di lucro, gestito dai membri, che acquista in genere il proprio cibo direttamente dai coltivatori locali. È possibile trovare una cooperativa alimentare locale online attraverso il servizio di directory Co-op.

5. Crescere il tuo

Se ci sono verdure particolari che non riesci a trovare dai coltivatori locali, puoi sempre iniziare un orto domestico e coltivarle tu stesso. Anche se si vive in un appartamento senza cortile, è possibile utilizzare un balcone o un davanzale soleggiato per coltivare vasi di verdure e erbe. Puoi anche provare ad entrare in un orto comunitario se ce n'è uno nel tuo vicinato. In molte aree, puoi persino mantenere un giardino sul retro in crescita durante l'inverno, con colture resistenti al freddo come cavoli, spinaci, rape e cavoli. Aggiungere cornici fredde o una serra è un altro modo per prolungare la stagione di crescita.

6. Foraggio per piante selvatiche

Anche senza un giardino, ci sono ancora modi per gustare il cibo che hai scelto. Molte piante selvatiche, come i verdi e le bacche, sono commestibili e altamente nutrienti. Siti come Edible Wild Food e Eat the Weeds offrono consigli su quali piante sono commestibili, dove trovarle e come prepararle. Usa prudenza quando fai il foraggiamento - non mangi mai nessuna pianta che non puoi identificare con certezza, ed evita di raccogliere in aree dove vengono spruzzati erbicidi o pesticidi (vicino alle strade, per esempio).

7. Conserva il raccolto

In molte parti del paese, praticamente nulla cresce durante i mesi invernali, nelle fattorie o allo stato selvatico. Tuttavia, puoi ancora goderti il ​​cibo locale durante l'inverno pianificando in anticipo. Molti alimenti, come la zucca invernale, le patate dolci e le mele, possono durare mesi se vengono conservati correttamente. Altri possono essere conservati mediante inscatolamento, congelamento, decapaggio o essiccazione, in modo da poter continuare a godere della taglia dell'estate per tutto l'inverno. Verificare con il proprio ufficio di estensione cooperativa locale, che è possibile trovare attraverso il sito del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, per ottenere suggerimenti su come conservare i prodotti.

Parola finale

Se il tuo obiettivo principale è quello di rendere il cibo che mangi nel modo più ecologico possibile, mangiare il locale non è l'unico modo per farlo - o anche il modo migliore. Il maggiore impatto del cibo sull'ambiente non è l'energia usata per spedirlo dalla fattoria al negozio: sono l'energia, l'acqua e le sostanze chimiche utilizzate per produrlo. Quindi, se vuoi rendere la tua dieta più ecologica, altre strategie - come mangiare biologico, diventare vegetariani o semplicemente ridurre la carne e il latte - possono avere probabilmente un impatto maggiore rispetto a quanto il cibo ha viaggiato.

Tuttavia, mentre il cibo locale non è necessariamente più verde, il cibo più ecologico è spesso più facile da trovare localmente. Acquistare direttamente dai coltivatori rende più facile ottenere la storia completa su come il cibo è stato coltivato - così sai se le tue uova provengono da galline pascolate o quali pesticidi sono stati usati sulle tue fragole. In alcuni casi, conoscere il coltivatore ti dà anche la possibilità di fare richieste. Un agricoltore che interagisce con i clienti regolarmente ha la possibilità di apprendere se sono più interessati a scelte organiche o sostenibili ed è più propenso ad adottare tali pratiche per mantenere i clienti felici.

Per molti aspetti, non sono solo i benefici ambientali del cibo locale che contano, ma anche i benefici sociali. Mangiare in locale ti dà una connessione personale con il cibo e le persone che lo producono. Un'insalata non è più solo un po 'di verdura in una ciotola: sono le verdure di una fattoria che hai effettivamente visitato, coltivate da un contadino che conosci, magari sormontate da un formaggio proveniente da mucche che hai visto pascolare nei loro campi mentre guidare. Quindi, ad ogni morso, ottieni non solo nutrimento per il tuo corpo, ma anche un più profondo senso di connessione al luogo in cui vivi e alle persone che lo condividono con te.

Che posti conosci per comprare cibo locale nella tua zona?


7 modi per acquistare una causa in questa stagione natalizia

7 modi per acquistare una causa in questa stagione natalizia

È la stagione per cucinare, cuocere, ridere, cantare e, naturalmente, fare shopping. Dopo tutto, qual è la stagione delle vacanze se non la gioia di dare?Sia che tu stia raccogliendo un regalo per tua madre o per l'altro significativo, gran parte di novembre e dicembre è dedicata alla ricerca, all'acquisto e al regalo perfetto. I

(Soldi e affari)

Come ottenere le giuste dimensioni quando acquisti vestiti online

Come ottenere le giuste dimensioni quando acquisti vestiti online

Ammettiamolo: lo shopping per scarpe e vestiti online può essere un gioco d'azzardo. Le dimensioni variano ampiamente tra diversi negozi e marchi e, a volte, rimandare la dimensione sbagliata può essere un grosso problema. Sono notoriamente pessimo nel rispedire roba che non mi va bene, di solito me ne dimentico e alla fine lo do in un negozio dell'usato.

(Soldi e affari)