it.lutums.net / Come possiamo creare e mantenere lavori di produzione in America

Come possiamo creare e mantenere lavori di produzione in America


La perdita di posti di lavoro americani è diventata una potente questione politica. I politici promettono di invertire la tendenza dell'offshoring e di riportare i lavoratori americani alla loro precedente posizione come forza lavoro premier nel mondo. Molti propongono nuove iniziative di rifacimento sostenendo che i posti di lavoro torneranno quando i differenziali salariali si ridurranno, la qualità delle merci estere diminuirà e i costi di spedizione aumenteranno. Altri propongono una nuova legislazione punitiva con sanzioni per lo spostamento di posti di lavoro all'estero, mentre si erigono barriere commerciali per garantire che i prodotti nazionali possano competere con merci straniere a basso prezzo.

Sfortunatamente, le loro promesse sono vuote e non tengono conto delle cause alla base dell'offshoring, delle probabili conseguenze delle barriere commerciali o dell'aumento del ritmo della tecnologia. Negli sforzi per ottenere il favore del pubblico, i titolari di uffici esistenti e aspiranti giurano di tornare indietro nel tempo e riportare la produzione americana al suo massimo splendore negli anni '50. Correzioni semplici e rapide per il consumo pubblico ignorano l'inarrestabile espansione della globalizzazione e l'interdipendenza economica delle economie mondiali.

Ruolo della produzione nell'economia americana

Secondo il Center for American Progress, la produzione è fondamentale per l'economia americana, e il suo successo o fallimento riguarda l'economia nel suo insieme, la nostra sicurezza nazionale e il benessere di tutti gli americani. Nel suo libro "Sei nato nel continente sbagliato?", Thomas Geoghegan va oltre, affermando senza una solida base industriale, la democrazia muore.

Uno studio dell'Istituto di politica economica conferma quanto segue in merito alla produzione:

  • È il settore più grande e più importante dell'economia statunitense (35, 4% del prodotto interno lordo totale nel 2013).
  • Supporta 1, 4 lavori aggiuntivi per ogni lavoro direttamente impiegato nella produzione.
  • Impiega una percentuale più elevata di lavoratori senza un diploma universitario rispetto all'economia in generale.
  • Paga ai lavoratori un premio salariale rispetto ai lavoratori non produttori che vanno dal -2, 4% (Nebraska) al 24, 4% (Montana). In media, il premio negli Stati Uniti è pari al 10, 9%.
  • Rappresenta oltre il 60% delle esportazioni statunitensi.
  • È essenziale "ricostruire le infrastrutture del paese, ridurre le emissioni di gas serra e ridurre la dipendenza della nazione dai combustibili fossili".

Secondo Manufacturing.net, "Il settore manifatturiero è stato la ragione principale per la crescita della classe media post-Seconda Guerra Mondiale, e sono ancora inestricabilmente collegati oggi". La produzione americana ha fornito ai lavoratori della classe media buoni posti di lavoro, e le loro fabbriche erano le principali datori di lavoro nelle città americane in tutto il nord-est degli Stati Uniti.

L'area denominata "Cintura di produzione" o "Cintura di fabbrica" ​​è ora nota come "cintura di ruggine", poiché le perdite di posti di lavoro hanno avuto un impatto significativo su città come Detroit, Gary, Youngstown, Buffalo e Toledo. Persino le aziende i cui nomi sono sinonimi delle città e delle città dove hanno iniziato (come Hershey, Pennsylvania e Kohler, Wisconsin) hanno delocalizzato i posti di lavoro a scapito delle loro comunità. Il collasso del settore ha fatto aumentare drasticamente la disoccupazione nelle comunità abbandonate, portando a un degrado urbano, a servizi deteriorati e ai ghetti.

State of American Manufacturing Jobs

Molte delle più grandi aziende americane, un tempo famose per le loro capacità produttive, sono diventate poco più di "marchi con forze di vendita", secondo il Dr. Paul Roberts, ex assistente segretario del Tesoro degli Stati Uniti e redattore associato di The Wall Street Journal. Di conseguenza, l'economia americana è più debole mentre la disparità di reddito continua ad espandersi a causa del fatto che i lavoratori statunitensi sono costretti a competere con i lavoratori stranieri che guadagnano salari più bassi e sono spesso sfruttati.

Perdite di lavoro di produzione

Secondo la National Association of Manufacturers, alla fine del 2015 c'erano 12, 3 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti, pari al 9% della forza lavoro. Solo negli ultimi 10 anni, gli Stati Uniti hanno perso più di 1, 8 milioni di posti di lavoro nel settore manifatturiero; dal 2000, le perdite hanno totalizzato quasi 5 milioni di posti di lavoro, secondo la CNN Money.

Le cifre compilate dall'ex rappresentante della Camera degli Stati Uniti Betty Sutton (D-OH) dalle statistiche BLS hanno indicato che nel periodo dal 2001 al 2010, la nazione ha perso più di 15 fabbriche al giorno. Mentre il pubblico ha condannato grandi aziende come Nike, Dell, Ford, IBM e Apple per le loro attività di offshoring, aziende pubbliche e private continuano a trasferire la produzione, più recentemente per operazioni in Messico, per mantenere la parità competitiva o aumentare i profitti.

Ad esempio, a febbraio 2016:

  • Carrier, una sussidiaria di United Technologies, ha annunciato la chiusura di due stabilimenti nell'Indiana e l'estinzione di 2.000 per spostare la produzione a Monterrey, in Messico, dove lavoratori a 3 dollari l'ora sostituiranno la retribuzione media di 20 dollari l'ora a Indianapolis.
  • Cardone, un'azienda a conduzione familiare e il più grande produttore rimasto di Filadelfia, ha annunciato che trasferirà la produzione di pinze freno a Matamoros, in Messico, lasciando 1.336 lavoratori senza lavoro.
  • Dematic Corporation, produttore e fornitore di tecnologia automatizzata integrata, ha annunciato il trasferimento della produzione dalla propria sede a Grand Rapids, nel Michigan, a Monterrey, in Messico, causando una perdita di 300 su 300 posti di lavoro nel Michigan.

Nonostante le affermazioni secondo cui i lavoratori sfollati possono facilmente trovare un impiego con riqualificazione e assistenza all'occupazione, i numeri suggeriscono il contrario. Secondo uno studio BLS del 2016, solo il 63, 5% dei lavoratori sfollati ha trovato lavoro entro due anni dalla cessazione. Ron e Anil Hira, autori di "Outsourcing America", sostengono che il record per la reimpiegazione dei lavoratori sfollati è abissale, e coloro che sono abbastanza fortunati da trovare posti di lavoro subiscono significative riduzioni salariali.

Riduzione della capacità di ricerca e sviluppo

I leader aziendali hanno da tempo riconosciuto il legame tra produzione e ricerca. La produzione è l'incubatore per la tecnologia e la scienza, ma richiede la vicinanza a strutture in cui è possibile testare le idee e il feedback produce innovazione. La perdita di capacità produttiva riduce la capacità di un paese di sviluppare tecnologie innovative e prodotti nuovi e migliorati.

Hank Nothhaft, il CEO in pensione di Tessera Technologies, nota che il suo libro del 2011 "Great Again" che "nella nostra arroganza e nella nostra ingenuità, ci dicevamo che finché l'America ha fatto il lavoro" creativo ", l'invenzione, potremmo lasciarci le altre nazioni fanno il lavoro "grugnito" - la produzione. Non abbiamo ancora capito che una nazione che non fa più cose alla fine dimenticherà come inventarli. "

Altri dirigenti d'azienda intervistati in un articolo del New York Times concordano:

  • Stephen S. Cohen, condirettore della Berkeley Roundtable sull'economia internazionale all'Università della California, Berkeley, afferma: "Per innovare in ciò che fai, devi essere abbastanza bravo a farlo - e stiamo perdendo quella capacità. "
  • Franklin Vargo, ex vicepresidente della National Association of Manufacturers, avverte: "Ad un certo punto andremo al di sotto della massa critica e quindi il centro dell'innovazione si sposterà al di fuori del paese e questo comincerà davvero a declinare i nostri standard di vita".
  • Alan Tonelson, ricercatore presso il Consiglio degli affari e dell'industria degli Stati Uniti, sostiene che "è difficile immaginare come un'economia internazionale possa rimanere di successo se abbatte le sue componenti tecnologicamente più avanzate".

Mentre le aziende statunitensi continuano a investire in ricerca e sviluppo, un numero crescente si basa su strutture di ricerca situate oltremare dove si verifica la produzione. In un articolo di Bloomberg, Andy Grove, ex presidente e CEO di Intel, ha lamentato la perdita di produzione ad alta tecnologia come televisori, telefoni cellulari, pannelli solari e batterie agli ioni di litio per le imprese straniere a causa della ricerca esportata. Ha chiesto: "Che tipo di società avremo se si tratti di persone altamente retribuite che svolgono lavori ad alto valore aggiunto e masse di disoccupati?

Sicurezza nazionale

Gli storici considerano la seconda guerra mondiale una "guerra industriale" tra due delle più grandi economie del mondo: la Germania e gli Stati Uniti. L'America si rivelerebbe l'unico paese al mondo con la capacità di equipaggiare pienamente i suoi eserciti, ma anche quelli dei suoi alleati. La sua capacità di produrre all'estero il resto del mondo unito e convertito dalla produzione civile alla produzione militare più veloce dei suoi nemici o alleati era la chiave per la vittoria.

La produzione è fondamentale per la sicurezza della contea. Tuttavia, la "continua migrazione della produzione in mare aperto sta indebolendo la leadership tecnologica degli Stati Uniti consentendo ai paesi stranieri di recuperare - se non saltare - le capacità statunitensi in tecnologie critiche importanti per la sicurezza nazionale", secondo un rapporto di High Road Strategies. Uno studio del 2013 del Defense Science Board del Pentagono ha avvertito che l'integrità di tutti i sistemi di difesa statunitensi diventerebbe sempre più difficile a causa della "produzione offshore di componenti, combinata con l'approvvigionamento globale di tecnologie commerciali".

Un esempio calzante è lo sviluppo e la produzione di macchine utensili - macchine che producono macchine - che sono il cuore di un'economia industriale. Questo settore, un tempo dominato dall'America, è parte integrante della produzione di pezzi di precisione di alta qualità, tempi di ciclo di produzione più rapidi e costi inferiori. Anche se gli Stati Uniti sono il secondo maggior consumatore di macchine utensili dietro la Cina, l'industria è praticamente scomparsa negli Stati Uniti, ora dominata da fornitori esteri come Germania, Cina e Giappone.

Cause di perdite di lavoro

La perdita di posti di lavoro americani è il risultato di una confluenza di fattori disparati tra cui il seguente:

1. Outsourcing per Offshoring

L'outsourcing - il trasferimento di funzioni aziendali non essenziali a fornitori esterni - è diventato estremamente popolare negli anni '80 e '90. La pratica di trasferire il lavoro a un appaltatore specializzato e più efficiente ha consentito alle aziende di ridurre e controllare i costi, concentrarsi su funzioni critiche e integrare le proprie capacità. Quando tali trasferimenti avvenivano all'interno del paese, l'impatto sull'occupazione totale era minimo.

Secondo un rapporto del Government Accountability Office degli Stati Uniti, la delocalizzazione iniziò con lo spostamento della produzione di semiconduttori e software in Cina e in India negli anni '60, giustificato come necessario per competere sui mercati esteri. Di fronte alla crescente concorrenza da parte di prodotti economici all'estero e alti costi del lavoro e normative negli Stati Uniti, le aziende hanno approfittato rapidamente dei lavoratori stranieri che guadagnano meno del 10% del salario medio di un lavoratore americano.

Il trasferimento gratuito di tecnologia accompagna il trasferimento di posti di lavoro all'estero. Mentre i paesi hanno storicamente protetto la proprietà intellettuale ritenuta critica per la loro economia, le imprese di delocalizzazione hanno distolto l'esperienza, trasferendo effettivamente i vantaggi dei lavoratori americani alle loro controparti oltreoceano.

2. L'errore della globalizzazione

I fautori dell'offshoring o del "sourcing globale" hanno promesso che le conseguenze del trasferimento del lavoro in paesi con salari più bassi e meno regolamenti sul posto di lavoro avrebbero avvantaggiato gli americani attraverso prezzi al consumo più bassi e maggiori profitti per gli azionisti aziendali, stimolando la crescita economica. Di conseguenza, i governi di tutto il mondo hanno rimosso le barriere commerciali e aperto i mercati. Sfortunatamente, i benefici sono stati difficili da quantificare o mancano del tutto.

Gli economisti americani su entrambi i lati dello spettro politico hanno a lungo sostenuto la globalizzazione e il libero commercio sulla base del presupposto che quei paesi a basso costo che vendono prodotti a prezzi inferiori useranno i loro profitti per acquistare prodotti di alta tecnologia e di lusso dai paesi che acquistano i loro prodotti. Nel loro scenario, i lavoratori sfollati trovano rapidamente nuovi posti di lavoro, creando un ciclo infinito in cui tutti vincono. Questa aspettativa è falsa, come molti ora stanno scoprendo.

Dirigenti e manager aziendali, attirati dalla promessa di profitti extra e regolamentazioni lassiste, non ritengono che i lavoratori sfollati dalla delocalizzazione rimangano disoccupati o lavorino per salari più bassi - e di conseguenza, il potere d'acquisto diminuisce ei mercati interni si restringono. Come riconosce l'economista di Harvard Branko Milanovic nel suo libro "Global Inequality", i "grandi perdenti dell'attuale ondata di globalizzazione sono stati lavoratori e borghesi".

I politici che si aspettano di migliorare la crescita economica e maggiori entrate del governo devono invece affrontare enormi aumenti dei saldi commerciali, del debito nazionale e della disparità di reddito tra i suoi cittadini:

  • Secondo lo US Census Bureau, lo squilibrio commerciale degli Stati Uniti è salito da una media di $ 5, 5 miliardi ogni mese nel 1991 a oltre $ 60 miliardi al mese nel 2016.
  • Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha registrato un debito nazionale di $ 5, 6 miliardi nel 1999 e $ 18, 1 bilioni nel 2015.
  • A metà degli anni '70, il primo 1% delle famiglie americane catturava circa l'11% del reddito totale della nazione, mentre il 90% inferiore riceveva il 67, 5%. Entro il 2012, la quota dell'1% era raddoppiata al 22, 5% mentre il 90% inferiore era sceso a meno del 50%, secondo la ricerca di Emmanuel Saez.

3. Interessi aziendali e influenza di Wall Street

Nel 1953, il presidente della General Motors, Charles Wilson, rispondeva a una domanda durante la sua udienza di conferma per diventare Segretario della Difesa che "per anni, pensavo che ciò che era buono per il paese fosse buono per la General Motors e viceversa." che le corporazioni rappresentano ancora il loro paese di origine oggi è considerato anacronistico. L'America è forse l'unica nazione industrializzata al mondo che accetta il concetto che gli interessi economici di un'azienda prevalgano sulle proprie responsabilità patriottiche. Come dice il professor Gary Pisan in un'intervista alla Harvard Business School, "l'interesse delle aziende e del paese [nel suo insieme] si è discostato".

Questo atteggiamento - la mancanza di preoccupazione per le conseguenze tranne la redditività - è stato promosso dall'inizio degli anni '70 dall'economista Milton Friedman, vincitore del premio Nobel. Il Dr. Friedman ha dichiarato che esiste una sola responsabilità sociale del business: usare le sue risorse e impegnarsi in attività progettate per aumentare i suoi profitti finché rimane nelle regole del gioco, vale a dire, che si impegna in concorrenza aperta e libera senza inganno o frode.

Le multinazionali, la maggioranza con sede negli Stati Uniti, hanno spostato la produzione all'estero verso paesi del terzo mondo a salari più bassi per massimizzare i profitti a breve termine e i corsi azionari. I costi del lavoro in Messico sono del 16, 3% ($ 6, 20) dei salari medi di produzione degli Stati Uniti e dei costi del sussidio di $ 38. I costi di manodopera in paesi come la Cina ($ 3, 30 all'ora) e l'India ($ 1, 70) sono ancora più bassi, secondo l'indice di competitività globale di Manufacturing di Deloitte 2016.

Steve Pearlstein, un editorialista del Washington Post, attribuisce la fuga precipitosa dell'offshoring a sfruttare le differenze con l'ascesa di società private come KKR, Carlyle Group e Bain Capital. Per ottenere il massimo ritorno dal loro investimento, i nuovi capitalisti "caricano i dirigenti dell'azienda con così tanto stock e stock option che non esitano a prendere decisioni difficili come perdere le divisioni, chiudere gli stabilimenti o esternalizzare il lavoro all'estero".

Proprio come "i soldi cattivi scacciano i buoni soldi" - la legge di Gresham - le industrie ad alta intensità di manodopera seguiranno quasi sempre il percorso di bassi salari, come ad esempio, essendo soggetti ad esternalizzazione all'estero, secondo McKinsey & Company.

Misure per aumentare i lavori

Le perdite di posti di lavoro e l'economia sono diventati temi politici potenti. Politici, economisti e uomini d'affari hanno proposto una varietà di soluzioni diverse per invertire la tendenza e garantire la posizione dell'America come superpotenza in futuro.

I suggerimenti per ripristinare i lavori di produzione americani includono quanto segue:

1. Ripudio o revisione degli accordi commerciali

Alcuni sostengono che l'accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) tra il Canada, gli Stati Uniti e il Messico sia stato disastroso per i lavoratori americani. Dal momento che il trattato manca di adeguate misure di applicazione per garantire parità di condizioni, i lavoratori statunitensi competono direttamente in una "corsa verso il basso", secondo Leo Girard, presidente internazionale degli United Steelworkers. Egli sostiene che il partenariato transpacifico (TPP) costringerà i lavoratori americani e messicani allo stesso modo a competere con "lavoro forzato e minorile in posti come Brunei, Malesia e Vietnam".

I sostenitori del libero scambio sostengono che i cambiamenti nel NAFTA o il mancato passaggio del TPP costringono i poveri americani a pagare di più per gli elementi di consumo necessari. Donald J. Boudreaux, professore di economia alla George Mason University, afferma che "i deficit commerciali sono generalmente buoni per l'America". Sostituisce il "surplus del conto capitale" per "deficit commerciale" e afferma che il deficit commerciale è "un segnale che gli investitori globali sono fiduciosi nel futuro economico dell'America ". Boudreaux sostiene che la manipolazione valutaria cinese non danneggia l'economia, ma" avvantaggia gli americani a spese dei cinesi ".

Data la divergenza delle opinioni sul libero scambio, la probabilità di revisioni significative nel NAFTA o il rifiuto del TPP è, nel migliore dei casi, incerto.

2. Istruzione e riqualificazione dei lavoratori americani

Secondo uno studio della Fuqua School of Business della Duke University, i dirigenti spesso giustificano le loro attività di delocalizzazione con l'affermazione che i lavoratori americani non hanno le competenze necessarie per competere nel moderno mondo produttivo. Tali affermazioni sono alquanto dubbiose dal momento che molti americani sono tenuti ad addestrare i loro omologhi stranieri poco retribuiti e mal addestrati prima della mossa. Tuttavia, vi è evidenza che una formazione aggiuntiva andrebbe a vantaggio della maggior parte dei lavoratori sfollati.

La rete di sicurezza per i lavoratori americani sfollati è miseramente paragonata alla maggior parte dei paesi industrializzati. Le indennità di disoccupazione sono di durata inferiore e i lavoratori sfollati perdono la salute e le prestazioni pensionistiche oltre al reddito. Nel 1962, il presidente John Kennedy istituì il Programma di assistenza per l'aggiustamento del commercio per aiutare i lavoratori i cui posti di lavoro erano stati persi a causa della liberalizzazione del commercio; Il Congresso ha esteso i benefici nel 2002. Tuttavia, il programma è stato un fallimento agli occhi di molti, in particolare dei think tank conservatori.

Un rapporto del 2014 della Heritage Foundation afferma che i lavoratori che hanno partecipato a programmi di riqualificazione avevano meno probabilità di trovare un lavoro e più probabilità di avere redditi più bassi rispetto ai lavoratori che non hanno partecipato al programma. Gli autori del rapporto affermano che "il Congresso non dovrebbe spendere 1 miliardo di dollari l'anno [Nota: il budget effettivo per TAA era di circa 604 miliardi di dollari nel 2015] su un programma che non aiuta, e può ben ferire, i lavoratori disoccupati." Dan Ikenson chiede: "Perché dovremmo trattare le persone che perdono posti di lavoro o possono legare la loro perdita di lavoro in qualche modo a commerciare in modo diverso rispetto a quelli che trattano altre persone che perdono il lavoro?" Questo atteggiamento non tiene conto dell'impatto deleteria sulla base manifatturiera.

È probabile che i programmi di riqualificazione continueranno e forse saranno ampliati e migliorati in futuro. Tuttavia, è chiaro che sono necessari ulteriori sforzi per mantenere i posti di lavoro inizialmente.

3. Reshoring

Gli ottimisti ritengono che i posti di lavoro persi all'estero stiano tornando a causa delle naturali conseguenze del libero mercato. Essi suggeriscono che un numero crescente di fabbricanti restituirà posti di lavoro esportati in America - riorienti - poiché i differenziali salariali tra i paesi scompaiono e i vantaggi della vicinanza produttiva ai mercati diventano evidenti. Indicano il numero di posti di lavoro che tornano o arrivano negli Stati Uniti per la prima volta - oltre 249.000 posti di lavoro nel settore manifatturiero tra il 2010 e il 2015 - secondo il Resource Report Report 2015. L'Association for Manufacturing Excellence afferma che molte aziende che avevano considerato di andare in mare aperto per la loro produzione "stanno cambiando idea e riportano lavoro in America".

Sfortunatamente, il tasso di ripristino è un mito. Nonostante i quattro anni di aumento del numero di posti di lavoro restituiti negli Stati Uniti, il numero di incarichi a società offshore ha costantemente e significativamente superato i posti di lavoro autorizzati, secondo l'indice di ripristino degli Stati Uniti AT Kearney 2015. Uno dei principali fattori nella decisione di produzione offshore è l'accesso a un mercato, in particolare la Cina. Mentre il differenziale salariale può essere ridotto, rimane il desiderio di accesso. Come requisito per vendere ai consumatori cinesi, il governo cinese spesso richiede una partnership con una società di origine, trasferimenti di tecnologia gratuiti e una varietà di leggi riguardanti la sicurezza culturale, agricola ed economica, nonché la stabilità sociale.

Inoltre, il numero di lavori associati a una fabbrica autorizzata è spesso considerevolmente inferiore rispetto al numero di lavori inizialmente delegati. Invece di pagare costi di manodopera più elevati negli Stati Uniti a un numero equivalente di lavoratori sul sito estero, le aziende investono nell'automazione poiché il costo della robotica è diminuito dal 40% al 50% dal 1990. Dal 2010 la produzione manifatturiera è aumentata del 20% mentre il numero di posti di lavoro manifatturieri è aumentato leggermente oltre il 5%. Di conseguenza, molti economisti ritengono improbabile che il numero di posti di lavoro in produzione persi all'estero non sarà mai completamente recuperato.

4. Incentivi finanziari e sanzioni ai produttori

Per anni, i singoli stati si sono impegnati in programmi omaggio per incoraggiare le delocalizzazioni aziendali attraverso i confini statali. Mentre tali incentivi - crediti d'imposta e riduzioni, sovvenzioni e investimenti - potrebbero avvantaggiare una comunità, un'altra comunità perde. Da una prospettiva nazionale, non vi è alcun aumento del numero di posti di lavoro coinvolti. Inoltre, c'è qualche dubbio sul fatto che gli incentivi funzionino. Nel caso di Carrier che spostava 1.400 posti di lavoro da Indianapolis in Messico, la società aveva ricevuto un credito d'imposta federale di 5, 1 milioni di dollari nel 2013 per rinnovare la produzione locale, secondo CBS Indianapolis.

Il Senato degli Stati Uniti ha introdotto la Bring Jobs Home Act nel 2012 e 2014, e l'House ha seguito nel 2015. La legge non è passata ogni volta. In base alle sue disposizioni, le aziende perderebbero la deduzione aziendale standard per le spese di trasloco quando offshoring i posti di lavoro e un credito d'imposta del 20% per i lavori di reshoring.

I critici sostengono che la legge è più simbolica che efficace. Secondo James Hines, professore di giurisprudenza ed economia all'Università del Michigan, "si somma a una quantità insignificante di denaro. Dato il numero di aziende multinazionali che abbiamo, è impossibile che abbia alcun effetto sul loro comportamento ".

I disincentivi all'offshoring dei lavori di produzione includono restrizioni sull'assegnazione di contratti federali o statali, la perdita di potenziali prestiti federali e un requisito ai sensi del Worker Adjustment and Retraining Act (WARN) per le aziende con 100 o più dipendenti a notificare i dipendenti almeno 60 giorni prima la chiusura dell'impianto Tali disincentivi sono stati inefficaci nel determinare il numero di posti di lavoro all'estero.

Storicamente, le tariffe sono state lo strumento più utile per proteggere la base industriale di un paese dalla concorrenza straniera, l'antitesi degli accordi di libero scambio. Per decenni, gli studiosi hanno accusato il passaggio del Smoot-Hawley Tariff Act come la causa principale della Grande Depressione negli anni '30. Negli ultimi anni, le opinioni sull'impatto delle tariffe si sono attenuate con altri fattori come la speculazione finanziaria, la sovrapproduzione agricola negli anni '20 e le azioni della Federal Reserve considerate più colpevoli.

Man mano che la pressione politica costringe a respingere il TPP e ad emendare il NAFTA, è possibile che il Congresso applichi tariffe specifiche per i prodotti fabbricati da società che hanno produzioni offshore.

Serve una nuova relazione tra governo federale e affari

Molti paesi industrializzati hanno avviato politiche commerciali per proteggere ed espandere le imprese situate all'interno dei loro confini - ma gli Stati Uniti sono unici nella sua "presa di forza" virtuale. Mentre il coinvolgimento del governo (o l'interferenza, come alcuni sostengono) nel mondo degli affari è controverso, il mancato mantenimento delle capacità produttive espone la nazione a rischi economici e militari.

Paul Roberts, economista e autore di "How the Economy was Lost: The War of the Worlds", afferma "Un paese che offende la propria produzione non è in grado di bilanciare il suo commercio. Gli americani sono in grado di consumare più di quanto producono solo perché il dollaro è la valuta di riserva mondiale. Tuttavia, lo stato della moneta di riserva del dollaro viene eroso dai debiti associati a persistenti deficit commerciali e di bilancio. Gli Stati Uniti sono sulla strada per l'Armageddon economico. "

Nonostante la crescita della Cina, l'America rimane il più grande mercato al consumo nel mondo e le società straniere che cercano l'accesso dovrebbero essere disposte a spostare la produzione all'interno dei propri confini come condizione di accesso - un requisito a lungo posto per le società straniere che sperano di vendere sul mercato cinese. Come minimo, il Congresso dovrebbe identificare la tecnologia e le industrie essenziali che sono fondamentali per la sicurezza della nazione, e proibire qualsiasi tentativo di trasferire lavoro o conoscenza affiliati oltre i nostri confini. I prodotti che competono con queste industrie dovrebbero essere soggetti a restrizioni o tassati per garantire parità di condizioni.

Altri sforzi federali necessari per mantenere e proteggere la produzione nazionale includono:

  • Miglioramento dell'infrastruttura, in particolare delle reti di comunicazione e dati . Un rapporto del 2014 dell'EPT (Economic Policy Institute) ha analizzato gli investimenti infrastrutturali che vanno da $ 18 miliardi a $ 250 miliardi all'anno per 10 anni. Nella fascia bassa, l'EPI ha previsto un aumento del PIL del primo anno di $ 29 miliardi e 216.000 nuovi posti di lavoro netti; con un elevato investimento di $ 250 miliardi, il PIL aumenterebbe $ 400 miliardi nel primo anno con 3 milioni di nuovi posti di lavoro.
  • Innovazione incoraggiante . L'innovazione è fondamentale per lo sviluppo economico, con un "chiaro collegamento statistico tra innovazione e guadagni nel tenore di vita", secondo un rapporto di Goldman Sachs. Il Bloomberg Innovation Index 2015 è al sesto posto negli Stati Uniti al mondo dopo Corea del Sud, Giappone, Germania, Finlandia e Israele.
  • Espansione della robotica e dell'automazione . Mentre promuovere l'automazione sembra controintuitivo alla crescita del lavoro, è vero il contrario. Mentre l'automazione riduce il numero di lavoratori poco qualificati in un determinato sito, uno studio del Boston Consulting Group prevede la richiesta di lavoratori più qualificati per aggiungere 700.000 a 1, 3 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti entro il 2020. Corea del Sud, Germania, e Il Giappone usa due o tre volte il numero di robot per 10.000 lavoratori degli Stati Uniti, secondo l'International Federation of Robotics.
  • Attrarre e mantenere immigranti altamente qualificati nei campi STEM . Mentre l'immigrazione continua a essere un argomento controverso, il vantaggio per l'economia di un paese dall'impatto dei lavoratori qualificati nel campo della scienza, della tecnologia, dell'ingegneria e della matematica non lo è. Ciononostante, gli studenti stranieri guadagnano più della metà dei diplomi avanzati in materie STEM rilasciate da college e università statunitensi, secondo il Pew Research Center. Secondo la normativa vigente, i diplomati stranieri con diploma STEM devono lasciare gli Stati Uniti entro tre anni dalla laurea.
  • Eliminazione di inversioni aziendali e scappatoie fiscali aziendali . La pratica di trasferire il domicilio legale di una società in un paese con tasse più basse pur mantenendo le sue operazioni nel suo paese di origine fiscale più elevato è uno dei metodi più eclatanti utilizzati dalle multinazionali per sfuggire alla tassazione. L'uso di schemi come il "Double Irish, Dutch Sandwich" o l'uso delle leggi fiscali internazionali da parte di Apple (riportato dall'International Business Times) dovrebbe essere limitato o eliminato.
  • Incoraggiare il rimpatrio dei profitti aziendali detenuti in mare aperto . Adeguando le aliquote dell'imposta sulle società americane all'aliquota mediana dell'imposta sulle società del mondo e fornendo ulteriori incentivi alle società multinazionali per investire in fabbriche e posti di lavoro negli Stati Uniti, una parte considerevole dei 2 trilioni di dollari stimati al largo sarebbe recuperata a vantaggio di l'economia americana.
  • Avvio di una campagna nazionale di pubbliche relazioni per l'acquisto americano . L'obiettivo della campagna dovrebbe essere quello di ristabilire il legame tra le società con sede negli Stati Uniti e i nostri interessi nazionali. Incoraggiando una preferenza per i prodotti realizzati negli Stati Uniti, i consumatori possono esercitare pressione sociale sulle aziende per mantenere i posti di lavoro a livello nazionale.

Parola finale

Se l'America deve rimanere una superpotenza nelle generazioni a venire, dobbiamo prendere provvedimenti immediati per arginare il flusso di posti di lavoro all'estero e ricostruire la nostra base manifatturiera. Saremmo saggi di prestare attenzione al professor Gary Pisano, che afferma: "La capacità produttiva richiede un po 'di tempo per erodersi. Ma il danno è quasi irreversibile - questa è la preoccupazione. "

Molti americani impiegati in posti di lavoro o impiegati non capiscono i rischi dell'offshoring, credendo che il loro lavoro non sia trasferibile. Questo non è vero. In un articolo sugli affari esteri, Alan Binder, ex vicepresidente della Federal Reserve, stima che da 28 a 42 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti sono suscettibili di delocalizzazione. Non riuscendo a salvare i nostri lavori di produzione sarà inevitabilmente seguito dalla perdita dei nostri lavori di assistenza.

Sei preoccupato per la perdita di posti di lavoro all'estero? Dovremmo rinegoziare i termini del NAFTA o rifiutare il TPP?


5 Consigli per lo shopping di Craigslist per negoziare e acquistare articoli online

5 Consigli per lo shopping di Craigslist per negoziare e acquistare articoli online

C'è una scena famosa del film Monty Python "The Life of Brian" in cui l'eroe acquista un prodotto da un venditore in un mercato all'aperto. Chiede il prezzo dell'articolo, che il commerciante rivela, e Brian accetta di pagarlo."Aspetta, " dice il mercante afferrandolo per un braccio.

(Soldi e affari)

Volusion Review - All-in-One Ecommerce Web Hosting e carrello

Volusion Review - All-in-One Ecommerce Web Hosting e carrello

Per i proprietari di attività online, trovare il software giusto per il carrello degli acquisti può essere una decisione difficile da prendere. Inoltre, cercare di istruirti sull'ampia varietà di carrelli della spesa online disponibili può essere un uso inefficace del tuo tempo.Volusion afferma di offrire il software di carrello numero 1 al mondo per accettare pagamenti da clienti e clienti. È

(Soldi e affari)