it.lutums.net / Importanza delle banche comunitarie e come sono minacciate da Dodd-Frank

Importanza delle banche comunitarie e come sono minacciate da Dodd-Frank


Malcolm Holland, presidente della Veritex Community Bank da 650 milioni di dollari a Dallas, in Texas, si preoccupa del futuro delle banche comunitarie come conseguenza dell'aumento delle normative federali e dei crescenti costi di conformità. La sua preoccupazione si basa sulla crescente espansione delle regole federali che limitano la flessibilità dei banchieri comunitari per soddisfare le esigenze dei loro clienti: "Le banche comunitarie devono essere creative perché le piccole imprese sono creative. Se non riusciamo a soddisfare i bisogni delle piccole imprese - il cuore della nostra attività - l'economia come la conosciamo cesserà di esistere ".

A parere di Holland, legislatori e regolatori non sono riusciti a distinguere le tradizionali banche comunitarie dalle grandi multinazionali finanziarie comunemente chiamate "banche", ma per le quali le funzioni standard del settore bancario - prendere depositi e concedere prestiti - sono una parte minuscola delle loro attività . Sono state le attività delle entità troppo grandi a fallire a causare la recente crisi finanziaria mondiale, non le banche della comunità. Sfortunatamente, in risposta alla debacle dei titoli dei mutui e nei loro sforzi per prevenire simili abusi in futuro, le mani pesanti dei regolatori e dei legislatori disinformati hanno indebitamente e ingiustamente appesantito le banche comunitarie.

Storia delle banche comunitarie

Il settore bancario è tra le più antiche industrie del mondo, rintracciando le sue radici in tempi antichi in cui i creditori, che rappresentano templi di culto o antichi governanti, fornivano prestiti agli agricoltori per coltivare colture o commercianti per finanziare acquisti in una regione lontana. Mentre le valute emesse dal governo diventavano più accettabili e comuni, il commercio si espandeva attraverso i continenti e gli oceani, e una percentuale maggiore della popolazione cominciò a salire al di sopra della sussistenza, l'inizio del nostro sistema bancario moderno apparve.

La prima cassa di risparmio regolamentata in America (e nel mondo) fu la Provident Institution for Savings di Boston, Massachusetts nel 1816. Proprio come le urne fornivano l'opportunità per un uomo di affermarsi nella politica della nazione, le casse di risparmio consentivano per condividere la sua prosperità, secondo John Townsend, scrivendo nel 1896 "The History of Savings-Banks negli Stati Uniti". È da queste radici che si sviluppa il finanziamento basato sulla comunità.

Definizione di finanziamento basato sulla comunità

In parole povere, il finanziamento basato sulla comunità è l'utilizzo di istituzioni e organizzazioni finanziarie locali e supportate per finanziare imprese locali e individui all'interno della stessa comunità o area geografica. Il concetto implica un ciclo continuo in cui i residenti della comunità, impiegati e commerciati con le imprese locali, depositano i loro risparmi in istituzioni di proprietà locale, che successivamente (e ripetutamente) prestano o investono in imprese e individui locali.

Ad esempio, il Federal Depositor Insurance Corporation (FDIC) in uno studio del dicembre 2012 ha definito una "community bank" come una banca che ha una conoscenza specialistica della propria comunità locale e dei clienti e "decisioni di credito di base sulla conoscenza locale e non standard ottenute a lungo termine". relazioni”; ottengono la maggior parte dei loro depositi localmente e fanno molti (se non la maggioranza) dei loro prestiti alle imprese locali. La FDIC considera tali banche particolarmente importanti per le piccole imprese.

Mentre le banche non sono l'unica fonte di finanziamento comunitario, sono le più visibili. Secondo le statistiche della FDIC, le banche comunitarie rappresentano il 92, 4% di tutte le banche mentre controllano il 14, 2% delle attività bancarie totali (dati del 2010). Le banche con meno di $ 500 milioni di depositi rappresentano oltre l'80% di tutte le banche. Le banche comunitarie forniscono quasi la metà dei prestiti alle piccole imprese, oltre il 40% dei prestiti agricoli e oltre un terzo dei prestiti immobiliari commerciali.

Parlando davanti alla sottocommissione per le istituzioni finanziarie e il credito al consumo della commissione per i servizi finanziari durante la prima sessione del 112 ° Congresso nel 2011, Marty Reinhart, presidente della Heritage Bank da $ 100 milioni a Spencer, nel Wisconsin, ha riassunto meglio il modello di banca comunitaria, "Le banche comunitarie servono clienti rurali e di piccole città e suburbane e mercati che non sono serviti in modo completo da grandi banche [e sono] basati su relazioni di lunga data nelle comunità in cui viviamo ... Una conoscenza personale della comunità e della comunità il mutuatario fornisce una conoscenza diretta della vera qualità di un prestito, in netto contrasto con il modello statistico utilizzato dalle grandi banche. "

I vantaggi di un sistema di banca della comunità vibrante

Un vibrante sistema di banche comunitarie giova al paese e ai suoi cittadini in numerosi modi:

  • Allineare i tassi di interesse ai bisogni della comunità . Molte organizzazioni di finanziamento comunitario cercano in modo aggressivo i depositi pagando tassi di interesse più elevati ai risparmiatori rispetto a quelli pagati dalle imprese nazionali con accesso al capitale in tutto il paese e nel mondo. Mentre il mercato dei depositi locali può essere finito, i costi amministrativi e di marketing che ne derivano per sfruttare un mercato locale sono considerevolmente inferiori alle spese necessarie per sostenere un colosso finanziario nazionale su più mercati.
  • Fornire un maggiore senso di sicurezza . Come dimostrato dall'ultima crisi finanziaria, le società finanziarie locali hanno meno probabilità di partecipare a transazioni ad alto rischio come i derivati ​​e altri investimenti esotici. Inoltre, la capacità di "raggiungere e toccare i propri beni" - conoscere realmente l'identità dei mutuatari o vedere prove tangibili di dove i fondi vengono utilizzati e il risultato del loro utilizzo - è meno stressante psicologicamente che possedere un bene intangibile il cui il valore del termine è dominato da voci e speculazioni.
  • Stabilità economica locale . Una comunità con un gruppo eterogeneo di società locali vivaci è più stabile, finanziariamente robusta e meno suscettibile alle turbolenze economiche di una comunità servita da un singolo datore di lavoro o da grandi operazioni a catena nazionale. Quando gli investitori mantengono i loro soldi in istituzioni finanziarie locali che investono in imprese e persone locali, sono isolati in qualche misura da eventi al di fuori della comunità.
  • Fornire fondi basati su criteri non tradizionali . In genere, gli investitori locali decidono di investire o prestare denaro utilizzando criteri non tradizionali oltre alla sottoscrizione di investimenti standard. Conoscere la storia e la reputazione dei mutuatari e la loro importanza per la comunità è probabilmente un indicatore migliore del rimborso rispetto a rapporti di credito, indici e dichiarazioni pro forma incerte. È probabile che le piccole imprese trovino le fonti della comunità più ricettive agli investimenti rispetto ai grandi prestatori burocratici e agli investitori che si affidano a procedure rigorose per prendere decisioni finanziarie.
  • Aumentare il senso della comunità . Le banche comunitarie sono generalmente investite nei loro mutuatari in misura maggiore rispetto alla maggior parte dei prestatori nazionali e possono fornire assistenza sostanziale attraverso consulenze e contatti che spesso le banche nazionali non hanno. Avendo familiarità con i prodotti, i servizi e le operazioni dei suoi debitori, un banchiere locale può aiutare i propri clienti a identificare fornitori e mercati locali che potrebbero aver trascurato. Affidarsi a un banchiere della comunità mentre serve i residenti locali rafforza i legami tra le comunità e può portare a clienti e clienti aggiuntivi che preferiscono trattare con entità comunitarie.

Come i regolamenti Dodd-Frank minano la redditività delle banche comunitarie

Nel 2008, i mercati residenziali americani sono crollati. Questo, insieme agli scandali in corso nel credito ipotecario subprime, alla cartolarizzazione dei mutui e alla crescita esplosiva di derivati ​​finanziari esotici (e poco compresi) hanno portato a una recessione mondiale che continua a riverberarsi oggi.

Di conseguenza, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato una legislazione radicale e ha intensificato il controllo regolamentare per evitare un evento simile in futuro. Eppure i banchieri comunitari non hanno avuto alcun ruolo nei seguenti eventi e azioni che hanno modellato la crisi:

  • Debacle del mutuo ipotecario subprime . Il tasso di default per i mutui residenziali totali detenuti dalle banche comunitarie è stato dello 0, 2% da gennaio 2003 a settembre 2012. In effetti, le inadempienze dei mutui residenziali detenute dalle banche comunitarie erano solo il 2% di tutte le insolvenze, rendendole un "giocatore molto minore" nel subprime mercato del credito a livelli assoluti e relativi.
  • Abusi di cartolarizzazione . Le banche comunitarie hanno partecipato a meno dello 0, 1% del totale delle attività di cartolarizzazione di mutui residenziali tra il 2003 e il 2010 con minuscole entrate derivanti dalle tasse; al contrario, le banche non comunitarie hanno ricevuto l'8% dei loro proventi non da operazioni di cartolarizzazione.
  • Operazioni rischiose derivate . Mentre alcune banche comunitarie (11%) utilizzano gli interest rate swap - una forma di derivati ​​- per coprire il rischio di tasso di interesse o fornire servizi ai clienti, la maggior parte no. Inoltre, lo scambio di tassi d'interesse è incomparabile rispetto alle versioni esotiche e spesso inspiegabili dei derivati ​​utilizzati nelle grandi banche. Secondo i dati FDIC, le banche comunitarie detenevano solo lo 0, 003% di tutti i derivati ​​di credito detenuti da istituti bancari tra il 2003 e il 2010.

Nonostante la prova che non erano responsabili per il fallimento del sistema bancario e che nessuna banca comunitaria era una minaccia per il sistema finanziario nel suo complesso, il Congresso, nella convinzione che il sistema bancario americano fosse infranto, dipinse ogni istituzione con lo stesso ampio pennello quando ha approvato la Riforma di Dodd-Frank Wall Street e la legge sulla protezione dei consumatori nel 2010, la riforma più completa del settore finanziario dal passaggio alla metà degli anni '30 dei vari Securities Acts.

Benché lodevoli nell'intento, come la maggior parte dei regolamenti governativi, i legislatori non hanno fatto quanto segue:

  • Distinguere tra i vari segmenti del settore finanziario
  • Riconoscere il ruolo o la mancanza di ogni segmento giocato nella creazione o l'escalation della crisi
  • Comprendere le possibili conseguenze non intenzionali della radicale legislazione sul sistema nel suo complesso e in particolare sulle banche comunitarie

Intervenendo alla sottocommissione per la crescita economica, l'accesso fiscale e il capitale della commissione per le piccole imprese della Camera, il 16 giugno 2011, Thomas P. Boyle, vicepresidente della State Bank of Countryside in Countryside, Illinois, ha affermato che costi aggiuntivi di regolamentazione, secondo indovinare da parte degli esaminatori di banche e nuove regole e regolamenti attesi stanno "lentamente e sicuramente strangolando le banche comunitarie tradizionali, ostacolando la nostra capacità di soddisfare le esigenze di credito delle nostre comunità ... I costi aumentano, l'accesso al capitale è limitato e le fonti di reddito sono state severamente tagliate . Significa che vengono fatti meno prestiti. Significa un'economia più debole. Significa una crescita più lenta del lavoro ".

Secondo il Wall Street Journal, Shelter Insurance - i proprietari di maggioranza di Shelter Financial Bank, una banca comunitaria da 200 milioni di dollari a Columbia, nel Missouri - ha chiuso la banca a settembre 2012 in previsione dell'impatto di ulteriori costi di regolamentazione. "[Le ulteriori spese di regolamentazione stavano andando a costare più di quello che abbiamo ottenuto dalla banca", ha dichiarato Joe Moseley, vice presidente degli affari pubblici di Shelter Insurance.

La standardizzazione influisce negativamente sulla concorrenza

Nei loro sforzi per migliorare la stabilità finanziaria e la protezione dei consumatori, i legislatori hanno inavvertitamente favorito le grandi banche, i colpevoli del recente fallimento, sui loro rivali bancari comunitari. Nel tentativo di migliorare la comprensione del cliente, Dodd-Frank impone una standardizzazione di prodotti finanziari e forme come il severo requisito di capacità di rimborso per i mutui casa. Tuttavia, di conseguenza, molti consumatori (in particolare le piccole imprese, le minoranze e i mutuatari per la prima volta) perderanno il loro accesso ai prodotti bancari, non essendo in grado di conformarsi a norme e regolamenti inflessibili.

Parlando davanti al Comitato della Camera per la riforma del governo e della pubblica amministrazione il 18 luglio 2013, il ricercatore presso il Mercatus Center della George Mason University, Hester Pierce, ha dichiarato: "Le esigenze di consumatori omogenei possono essere soddisfatte con prodotti omogenei, ma l'assunzione che i consumatori sono omogeneo è sbagliato. La pratica delle banche comunitarie di conoscere i propri clienti e di adattare i prodotti alle loro esigenze è in contrasto con la versione Dodd-Frank della protezione dei consumatori ".

Le banche comunitarie hanno sempre sottolineato il rapporto con il banking, la sottoscrizione personalizzata e la personalizzazione di prodotti finanziari per soddisfare le esigenze specifiche della comunità che servono. In quanto tale, i prestiti ipotecari residenziali possono essere particolarmente colpiti.

La pratica standard delle banche comunitarie è stata quella di effettuare prestiti ipotecari e conservarli fino alla scadenza o al rimborso anticipato; vendono mutui a un tasso molto più piccolo rispetto alle grandi istituzioni finanziarie, che le impongono prevalentemente in titoli ipotecari. Sostanzialmente, le banche comunitarie corrono il rischio che il loro mutuatario non riesca a rimborsare il prestito e il loro track record di bassa inadempienza dimostra che il loro modello di prestito è appropriato per loro. L'obbligo di utilizzare "mutui qualificati", che standardizzano in modo efficace i mutui residenziali, limita la capacità del banchiere comunitario di riconoscere circostanze uniche attraverso sottoscrizioni specifiche del cliente.

La standardizzazione favorisce anche il grande sul piccolo, poiché la maggior parte dei costi per pubblicizzare, vendere e fornire servizi e prodotti bancari analoghi sono fissi. Ad esempio, il costo della progettazione e della codifica di un sistema di informazione per conformarsi alle nuove normative è essenzialmente lo stesso se si gestiscono 2.000 prestiti o 200.000 prestiti, ma il costo amministrativo per prestito è drasticamente diverso a seconda della scala. L'incapacità di personalizzare prodotti e servizi offre sempre al giocatore più grande un vantaggio. I consumatori, ognuno dei quali deve soddisfare gli stessi standard del mutuatario, andranno naturalmente al fornitore più economico, la grande banca. In effetti, Dodd-Frank, pur avendo intenzione di eliminare la mentalità da troppo grande a fallito, ha invece incoraggiato una crescita sfrenata.

Lasciato invariato, l'obbligo di standardizzare i prodotti finanziari limiterà le banche comunitarie a quei mercati troppo piccoli per interessare le grandi banche e, di conseguenza, li costringerà a fusioni o estinzioni. In un articolo di American Banker, JV Rizzi, consulente bancario e istruttore presso la DePaul University di Chicago, scrive che i cambiamenti normativi nella struttura dei costi del settore hanno portato a importanti cambiamenti strutturali per il settore bancario, in particolare a livello di banca comunitaria: "The i cambiamenti influenzano la fattibilità economica del modello bancario comunitario per le istituzioni prive di dimensioni sufficienti ".

Impatto sproporzionato della conformità alle normative

L'impatto dei costi associati alla conformità con le nuove normative Dodd-Frank influisce in modo diverso sui due segmenti del settore bancario, anche se continuano a essere introdotti nuovi regolamenti e interpretazioni. Mentre identificare i costi diretti e indiretti della conformità è difficile per le piccole banche che in genere hanno un numero limitato di personale con doveri che si sovrappongono, la prova aneddotica dell'onere di conformità è evidente dalle testimonianze presentate alla sottocommissione della Camera sulle istituzioni finanziarie e sul credito al consumo nel 2011 :

  • Il manuale di conformità di Pecos Country State Bank in Texas è cresciuto da 100 pagine nel 1986 a più di 1.000 pagine oggi, richiedendo un addetto alla conformità a tempo pieno e un commesso immobiliare per tenere il passo con i cambiamenti.
  • Lester Leonidas Parker, presidente di una banca di proprietà di $ 177 milioni di minoranza a El Paso, Texas, ha testimoniato che il suo personale di conformità era cresciuto dal 10% dei dipendenti a oltre il 25% negli ultimi quattro o cinque anni, superando la crescita della banca, i suoi prestiti, investimenti o depositi.
  • Greg Ohlendorf, presidente di $ 150 milioni di First Community Bank and Trust a Beecher, Illinois, è stato più conciso: "Quello che dobbiamo capire è che siamo già sovraccarichi della regolamentazione ... l'accumulo costante di regolamenti aggiuntivi è davvero sorprendente. È punitivo. "

Allo stesso tempo, Jamie Dimon, presidente di JPMorgan Chase, ha stimato che il loro costo per la conformità sarebbe stato di circa 3 miliardi di dollari nei prossimi anni. Questa è la banca che ha perso $ 6, 25 miliardi nel 2012 dall'azione di un singolo trader non controllato. Quando è stato interrogato dagli analisti sulla grande perdita, Dimon ha definito la questione "una completa tempesta in una teiera", apparentemente insignificante dal momento che Chase ha un "grande portafoglio" ed è una "grande azienda". Nonostante questa perdita, Chase ha registrato una rete record. reddito di $ 21, 3 miliardi su ricavi di $ 99, 9 miliardi. Per prospettiva, considera che la mediana banca americana ha $ 165 milioni in attività.

Necessità di un sistema normativo a due livelli

Tanya March, professore di giurisprudenza alla Wake Forest University School of Law e Adjunct Scholar presso l'American Enterprise Institute, e Joseph Norman, MBA e laureato alla Wake Forest University School of Law, hanno creato cinque proposte per salvare le banche della comunità:

  1. Narrow Banking . L'essenza della proposta è di limitare strettamente le attività in cui le banche possono impegnarsi in attività tradizionali come l'assunzione di depositi, il prestito, i servizi fiduciari e altre attività strettamente connesse alle attività bancarie tradizionali. Ciò richiederebbe alle istituzioni grandi e complesse di ricollocare le loro tradizionali unità bancarie o di separarle dalle attività bancarie di investimento come il commercio di titoli e la sottoscrizione.
  2. Limita la standardizzazione . In altre parole, lascia che le banche che sopportano il rischio sottoscrivano i loro stessi prestiti preservando le necessarie protezioni del consumatore.
  3. Elimina il sistema Dual Banking . In realtà, attualmente esistono molte sovrapposizioni tra lo stato e le normative nazionali, aumentando i costi di regolamentazione e la mancanza di coordinamento di vigilanza. Alcuni ritengono che un approccio normativo unico al settore bancario semplifichi la supervisione e riduca i costi.
  4. Trasferire il regolamento sulla protezione dei consumatori negli Stati Uniti . La regolamentazione federale favorisce le grandi banche che hanno bisogno di coerenza per gestire le loro grandi operazioni multi-stato, mentre le banche comunitarie operano tipicamente in un unico stato. C'è qualche dubbio sul fatto che le leggi federali sulla protezione dei consumatori siano efficaci quanto le normative statali. Infine, ci sono poche prove che le banche comunitarie si impegnino in prestiti predatori o altre pratiche anti-consumatore che potrebbero richiedere un controllo federale oltre le attuali normative.
  5. Resize Bank Examinations . Se vi sono preoccupazioni in merito alla sicurezza o alla solidità delle banche, un approccio migliore sarebbe quello di aumentare i requisiti di riserva di capitale per le banche, aggiungendo così un margine di equità per proteggere i depositanti e il pubblico in generale. Il mantenimento di riserve più elevate eliminerebbe la necessità di esami intrusivi e costosi (per entrambe le parti).

L'approccio normativo unico al settore bancario non riconosce le differenze fondamentali tra le banche comunitarie e i grandi colossi finanziari, spesso multinazionali, che dominano l'economia americana. Allo stesso tempo, le banche comunitarie sono fondamentali per la piccola comunità imprenditoriale e per quei cittadini che non rientrano nel modello normativo valido per tutti, ora in vigore.

Parola finale

Che siano piccole città o quartieri all'interno di aree urbane più grandi, le comunità hanno sempre occupato un posto speciale nella psiche americana. L'immagine di una comunità affiatata in cui i vicini si conoscono e le persone sembrano felici è un ideale riflesso in Mayberry RFD di Andy Griffith e Bedford Falls, New York, dove George Bailey è un manager locale dedicato all'edilizia e al prestito (in "It's una vita meravigliosa ").

Fortunatamente, nello stereotipo c'è più verità che mito: le persone vivono in piccole comunità, anche nelle grandi città, e si prendono cura dei loro vicini. Dobbiamo fare lo sforzo per salvare le nostre banche comunitarie. Se stai cercando un posto dove investire o hai bisogno di fondi per costruire la tua attività, la tua prima fonte dovrebbe essere la tua banca della comunità locale. E non dimenticare di far sapere al tuo rappresentante legislativo come ti senti - la comunità che salvi è quella in cui vivi.


5 migliori tipi di lettiere per gatti naturali - Come scegliere, recensioni

5 migliori tipi di lettiere per gatti naturali - Come scegliere, recensioni

Non c'è modo di aggirarlo: possedere un animale domestico non è economico. Secondo l'American Society for the Prevention of Cruelty to Animals (ASPCA), i nuovi proprietari di cani spendono da $ 1.300 a $ 1.850 il primo anno, mentre i proprietari di gatti spendono in genere più di $ 1.000.I rifiuti per gatti rappresentano una fetta sorprendentemente ampia di quel costo totale - circa $ 165 all'anno. I

(Soldi e affari)

Come smettere di sprecare denaro e risparmiare sulle comuni spese quotidiane

Come smettere di sprecare denaro e risparmiare sulle comuni spese quotidiane

Gli americani sprecano molti soldi e noi lo sappiamo.Nel 2016, Hloom ha intervistato 2.000 americani e ha scoperto che oltre l'80% ammette di sprecare denaro in un modo o nell'altro. Mangiare fuori era il più grande colpevole, con oltre due terzi degli intervistati che dicono di spendere troppo nei ristoranti.

(Soldi e affari)