it.lutums.net / Cos'è un ETF - Exchange Traded Funds Definizione, tipi, pro e contro

Cos'è un ETF - Exchange Traded Funds Definizione, tipi, pro e contro


Se sei un acquisto e tieni, investitore a lungo termine che cerca di costruire un portafoglio, vale la pena dare un'occhiata ai fondi negoziati in borsa (ETF). Hanno una serie di vantaggi rispetto ai fondi comuni di investimento e puoi acquistare ETF focalizzati su quasi tutti i mercati che puoi immaginare.

Tuttavia, prima di investire, è importante comprendere gli ETF. Scopri come si differenziano dai fondi comuni di investimento e analizza i loro vantaggi e svantaggi rispetto ai fondi comuni di investimento convenzionali.

Cos'è un ETF?

Fondi comuni aperti a fondo aperto e chiusi

Come puoi già capire, un fondo comune è un accordo in cui gli investitori mettono in comune i loro soldi e assumono un gestore di portafoglio per comprare e vendere titoli per loro conto. Con i fondi comuni di investimento aperto tradizionali, gli investitori possono acquistare o vendere azioni direttamente dalla società di fondi stessa. Le azioni del fondo di tipo chiuso, tuttavia, sono negoziate in borsa proprio come un titolo e sono generalmente acquistate da altri azionisti.

A meno che la società del fondo non riacquisti azioni o vendi azioni fondatrici ai sottoscrittori iniziali, la società stessa non è coinvolta in transazioni sul mercato secondario. Tuttavia, proprio come con i fondi comuni di investimento aperti, hai ancora un gestore di fondi (o un gruppo di manager) che cerca di comprare e vendere titoli per conto degli azionisti.

Una differenza fondamentale: quando acquisti fondi aperti, la tua controparte (da chi acquisti da) è sempre la stessa società di fondi. Acquisteranno o venderanno azioni al loro valore patrimoniale netto (NAV) alla fine del mercato alla fine della giornata. Se li acquisti dopo l'apertura dei mercati, ottieni il prezzo di chiusura del fondo per quel giorno lavorativo. Se li acquisti dopo la chiusura dei mercati per il giorno, ottieni il prezzo a partire dalla chiusura del giorno lavorativo successivo.

Con fondi chiusi e fondi negoziati in borsa, d'altra parte, la controparte di solito non è la stessa società di fondi, ma altri azionisti che acquistano o vendono azioni per tutto il giorno, direttamente o, più comunemente, su borse valori. È possibile acquistare e vendere azioni a qualunque prezzo si possa trovare un compratore o un venditore disponibile.

ETF e fondi chiusi

Gli ETF sono cugini stretti con fondi chiusi. Come le quote di fondi chiusi, le azioni ETF possono essere acquistate e vendute in borsa, proprio come qualsiasi altro titolo. La differenza principale è che gli ETF non sono gestiti attivamente. Invece, i titoli in un portafoglio ETF sono semplicemente un paniere di titoli progettati per replicare un indice il più vicino possibile.

Ad esempio, un fondo azionario dell'indice S & P 500 detiene azioni della società nella lista 500 di Standard & Poor's delle più grandi società quotate al listino della Borsa di New York - quotate per capitalizzazione di mercato. È possibile acquistare azioni in un fondo S & P 500 open-end, come Vanguard 500, oppure è possibile acquistare la versione dell'ETF, detta anche SPDR ("spider"). Pensa agli ETF come fondi di indici chiusi, negoziati in borsa.

Vantaggi degli ETF

1. Costo
Poiché gli azionisti dell'ETF non hanno bisogno di pagare un gestore e un team di analisti e intermediari per acquistare e vendere fondi per loro conto, né per gestire flussi e deflussi di fondi, i fondi scambiati in genere hanno tassi di spesa molto più bassi rispetto ai fondi comuni di investimento tradizionali. Anche i loro indici di spesa tendono ad essere inferiori ai fondi indicizzati open-end, perché anche i fondi indicizzati open-end devono tenere abbastanza personale a disposizione per elaborare acquisti e rimborsi costanti.

Ad esempio, molti fondi comuni di investimento a capitalizzazione maggiorata prevedono un coefficiente di spesa di 80 punti base, pari allo 0, 8% all'anno o più. Le azioni degli investitori di fondi comuni di investimento aperti hanno in genere un rapporto di spesa compreso tra 18 e 50 punti base, a seconda dell'indice. Le azioni degli investitori di fondi indicizzati a grande capitalizzazione, come i fondi indicizzati dell'indice S & P 500, in genere addebiteranno da 18 a 20 punti base. Ma l'ETF large-cap può addebitare circa da 10 a 15 punti base, su base continuativa.

Tuttavia, è necessario tenere conto anche del costo del trading. Quando acquisti o vendi un ETF o un fondo chiuso, in genere devi pagare una commissione a un broker, anche se alcuni broker online a basso costo hanno commissioni pari a $ 4 per operazione. Con i fondi aperti, è anche possibile valutare una commissione addizionale di vendita, in genere compresa tra il 5, 85% e il 6, 2% per le azioni di Classe A se si passa attraverso un broker di servizi completi o un consulente finanziario.

Detto questo, puoi anche acquistare azioni in un fondo comune "a vuoto" direttamente dalla società di fondi senza pagare una commissione.

2. Liquidità
Quando acquisti un fondo comune di investimento aperto, puoi acquistare quote di fondi solo una volta al giorno, al valore del patrimonio netto a partire dall'ultima chiusura del mercato. Non puoi comprare o vendere azioni durante il giorno: se possiedi un fondo aperto e senti notizie disastrose al mattino dopo l'apertura dei mercati, non puoi vendere fino a dopo le 16:00 EST di quel pomeriggio. Allo stesso modo, non è possibile acquistare buone notizie. Tutti gli acquisti non vengono registrati fino a dopo le 16:00 del giorno successivo.

Gli ETF ei fondi comuni di investimento di tipo chiuso possono essere venduti durante la giornata attraverso le borse, anche se alcuni fondi sono scambiati più frequentemente di altri. Più frequentemente viene scambiato il fondo, più è facile trovare in fretta un compratore o un venditore disposto.

3. Vendita allo scoperto
Con i fondi aperti, non è possibile effettuare vendite allo scoperto, la pratica di prendere in prestito azioni e venderle nell'attesa che i prezzi delle azioni diminuiscano. Se i prezzi diminuiscono, il venditore allo scoperto riacquista le azioni al nuovo prezzo e le restituisce al proprietario originale, mantenendo la differenza. Tuttavia, è possibile short industrie, paesi e interi mercati utilizzando le azioni ETF.

4. Considerazioni fiscali e basso fatturato
I fondi indicizzati, compresi gli ETF, tendono ad essere molto efficienti sotto il profilo fiscale e ideali per detenere conti imponibili. Questo perché il turnover del portafoglio nei fondi indicizzati è molto basso, mentre i gestori di fondi gestiti attivamente vendono titoli e ne acquistano di nuovi ogni volta che hanno un'idea di investimento migliore. I fondi indicizzati e gli ETF, d'altra parte, vendono solo azioni quando i nuovi titoli vengono eliminati dall'indice e acquistano azioni solo quando vengono aggiunti all'indice.

Ogni volta che un fondo vende una quota a un profitto, l'IRS valuta la tassa sulle plusvalenze - che viene trasferita agli azionisti. Poiché i fondi indicizzati e gli ETF non vendono le azioni molto spesso, è molto raro che generino una distribuzione imponibile per i loro azionisti.

5. Mancanza di rimborsi
Gli ETF di solito sono leggermente più efficienti sotto il profilo fiscale rispetto ai fondi indicizzati open-end, perché gli ETF non devono preoccuparsi di vendere azioni per far fronte ai rimborsi. Questa funzione è servita dal mercato aperto; lo staff dell'ETF è fuori dal campo.

6. Distribuzioni in natura
Gli ETF hanno anche la possibilità di fare una distribuzione "in natura" agli azionisti. Ciò significa che possono inviare titoli dal portafoglio direttamente agli azionisti e lasciarli vendere loro stessi se vogliono il denaro. Ciò aiuta a proteggere gli altri azionisti del fondo dalle conseguenze fiscali della vendita.

Tuttavia, se il portafoglio dell'ETF genera reddito da dividendi, questo reddito è imponibile, proprio come avviene con i fondi comuni di investimento di tipo chiuso e di tipo aperto.

7. Nessun trascinamento in contanti
I portafogli dei fondi indicizzati cercano di replicare un indice il più vicino possibile. Di conseguenza, in genere hanno pochissimi soldi nei loro portafogli. Sono interamente investiti al 100% in ogni momento. Questo funziona a loro favore nei mercati emergenti. Gli ETF non hanno interesse a soddisfare i rimborsi, quindi possono permettersi di non avere quasi contanti in mano. Nei mercati in ribasso, tuttavia, una posizione di liquidità bassa danneggia il fondo - il portafoglio subisce il peso maggiore del declino del mercato.

Svantaggi degli ETF

1. Piccoli sconti
Quando le azioni del fondo vengono negoziate nel mercato aperto anziché essere rimborsate direttamente dalla società di fondi stessa, sono gli investitori a determinare i prezzi delle azioni. Questo prezzo può essere superiore o inferiore al valore aggregato delle azioni nel portafoglio. Con i fondi chiusi, è spesso possibile acquistare azioni del fondo con uno sconto dal 5% al ​​15% al ​​valore patrimoniale netto. Ma l'azionista ottiene il pieno beneficio di eventuali dividendi o pagamenti di interessi dal fondo e il potenziale di apprezzamento del capitale se gli sconti si restringono.

Con gli ETF, d'altra parte, gli sconti sono in genere estremamente stretti o inesistenti. Gli investitori che cercano di trarre vantaggio dall'acquisto di quote di fondi a sconto possono optare per un fondo chiuso gestito attivamente piuttosto che un ETF. Questo è particolarmente vero per gli investitori orientati al reddito.

2. Nessun DRIP
Molti investitori preferiscono reinvestire automaticamente i dividendi in quote di fondi, in un DRIP o in un piano di reinvestimento dei dividendi. Tuttavia, di solito questo non viene fatto con gli ETF, in quanto richiederebbe troppa amministrazione del fondo e aumenterebbe i costi del fondo.

Gran parte della logica degli investimenti dell'ETF è la struttura a basso costo degli ETF. Quando acquisti gli ETF, prevedi di ricevere direttamente i tuoi dividendi e i pagamenti degli interessi e di pagare le tasse su di loro se non li detengono in un IRA o in un altro account avvantaggiato dalle tasse.

Tipi di ETF

C'è un ETF per quasi tutti gli scopi. Ecco alcuni dei tipi più comuni:

  1. ETF lunghi . Questi prendono una "posizione lunga" sui loro indici sottostanti. Di solito possiedono azioni di società in un indice specifico. Se l'indice sale, anche i prezzi delle azioni su ETF lunghi sono circa dello stesso importo, meno le spese e i costi di negoziazione.
  2. ETF inverso . L'opposto dei lunghi ETF. Prendono "posizioni corte" sull'indice sottostante. I prezzi delle azioni si muovono nella direzione opposta alle azioni dell'ETF. Se l'indice perde soldi, vinci.
  3. ETF Gold . Questi ETF investono in un campione rappresentativo di azioni aurifere o detengono crediti su lingotti d'oro effettivi, detenuti in custodia da un custode. Le azioni in oro ETF in genere si muovono in forte tandem con i prezzi dell'oro. È inoltre possibile acquistare ETF che si concentrano su metalli preziosi in generale.
  4. ETF del settore . Questi ETF possiedono un portafoglio di titoli che rappresentano un settore, come energia e petrolio, tecnologia, estrazione mineraria, trasporti, assistenza sanitaria e così via.
  5. ETF nazionali . Questi investimenti acquistano azioni in società che rappresentano una sezione trasversale dell'industria in un dato paese. Ad esempio, possono possedere azioni delle 50 azioni quotate in borsa in un determinato paese, secondo la capitalizzazione di mercato. Puoi anche acquistare ETF regionali, che si concentrano su interi continenti.
  6. ETF con leva . Questi fondi usano denaro preso in prestito per "attrezzare" i loro portafogli, aumentando i rendimenti. Magnificano anche i rischi. Ad esempio, un S & P 500 ETF con leva cercherà di raddoppiare il rendimento dell'indice, meno interessi e spese. Ma raddoppieranno anche le dimensioni delle perdite. È inoltre possibile acquistare ETF inversi con leva finanziaria - questi sono molto rischiosi.
  7. ETF valutari . Questi titoli cercano di catturare i rendimenti delle valute estere.
  8. ETF obbligazionari . Questi sono esattamente come gli ETF azionari, tranne che possiedono obbligazioni invece di azioni.

Usi di ETF

Gli ETF possono essere utili agli investitori che desiderano un'esposizione mirata a un settore specifico, una regione, una valuta o una classe di attività a un costo ragionevole, senza doversi preoccupare di ricercare titoli specifici. Poiché i loro costi sono così bassi, sono anche utili come posizioni chiave a lungo termine per acquistare e detenere investitori.

Per coloro che utilizzano un approccio di asset allocation per investire, è possibile trovare ETF focalizzati su classi di attività che hanno un coefficiente di correlazione molto basso con il resto del portafoglio. Ciò significa che quando il tuo portafoglio "zig", l'ETF che stai cercando tende a "zag". Il risultato è, idealmente, meno volatilità complessiva per il tuo portafoglio nel suo complesso.

Gli ETF sono veicoli eccellenti per ottenere esposizione in oro e titoli legati a metalli preziosi, paesi o regioni specifici o industrie specifiche.

adeguatezza

Gli ETF sono più adatti per gli investitori che intendono tenerli a lungo. Questo dà il tempo per accumulare i più bassi rapporti di spesa a lungo termine di questi titoli (rispetto ai fondi comuni di investimento a gestione attiva concorrente e persino ai fondi indicizzati open-end). Sono anche molto utili come veicoli commerciali, soprattutto se non si vuole approfondire troppo in nessuna azienda, o mantenere troppi rischi aziendali.

La considerazione più importante, dal punto di vista dell'idoneità, è l'indice sottostante e il modo in cui si adatta al portafoglio e alla strategia complessiva.

Parola finale

Questi sono solo alcuni dei molti usi degli ETF nei portafogli. Per ulteriori dettagli su come investire in un ETF e se ha senso per la tua situazione, parlare con un consulente finanziario di fiducia, o fare la propria due diligence sul fondo o sui fondi in cui sei interessato.

Investite in ETF? Perché o perché no?


6 Idee per la data di San Valentino economiche e romantiche

6 Idee per la data di San Valentino economiche e romantiche

Anche se non vuoi sentirti un pasticcio a San Valentino, ci sono altre cose da considerare - come attenersi al tuo budget e non aggiungere al debito personale. È importante che il tuo coniuge o il tuo partner si sentano speciali in questo giorno, ma a volte i limiti di spesa personali possono smorzare le migliori intenzioni.

(Soldi e affari)

6 Consigli per investire in borsa e guida per principianti - Lista di controllo

6 Consigli per investire in borsa e guida per principianti - Lista di controllo

Bernard Baruch, noto come "Il lupo solitario di Wall Street", aveva il suo posto alla Borsa di New York all'età di 30 anni e divenne dei finanzieri più noti del paese nel 1910. Il signor Baruch, mentre era un maestro della sua professione, aveva Non fa illusioni sulle difficoltà di un investimento di borsa di successo, dicendo: "Lo scopo principale del mercato azionario è quello di rendere più stupidi il maggior numero possibile di uomini.&quo

(Soldi e affari)