it.lutums.net / Cos'è il capitalismo cosciente: definizione, responsabilità sociale negli affari

Cos'è il capitalismo cosciente: definizione, responsabilità sociale negli affari


L'idea che un'economia in crescita sia di beneficio per tutte le classi ha una lunga storia di accettazione. È stato incorporato nella retorica politica dell'ultimo mezzo secolo, indipendentemente dal partito - infatti, a John F. Kennedy è attribuito il detto: "Una marea crescente solleva tutte le barche".

La teoria - resa popolare come "economia a cascata" - presume che le politiche economiche che aiutano i ricchi alla fine favoriscano tutti. È stato portato alla legislazione federale a ridurre le tasse sui ricchi e ad allentare la regolamentazione aziendale, così come le decisioni della Corte Suprema che aumentano i diritti legali delle società, avvicinandole alla parità con gli esseri naturali.

Nonostante le aspettative che il paese nel suo complesso trarrebbe beneficio da queste misure, i risultati sono stati deludenti. Le conseguenze hanno incluso una crescente disparità di reddito tra i membri più ricchi e il resto della società. Ciò ha anche comportato un aumento del debito nazionale e significativi abusi societari di fiducia pubblica, come la manipolazione dei mercati dell'energia e dei titoli. Di conseguenza, cittadini e dirigenti aziendali stanno rifiutando il vecchio paradigma e stanno esplorando un nuovo modello per il capitalismo.

Fallimenti del capitalismo tradizionale

I fallimenti degli anni '90 in termini di risparmi e prestiti, la manipolazione dei prezzi dell'elettricità da parte di Enron nel 2001 e la crisi dei titoli ipotecari nel 2008 sono esempi importanti delle conseguenze negative del capitalismo. Dal punto di vista di molti leader aziendali e cittadini, l'avidità delle imprese e il capitalismo incontrollato hanno avuto anche i seguenti effetti negativi generali.

1. Mancanza di uguaglianza e opportunità

Il più critico pubblico dell'attuale sistema capitalista è stato papa Francesco. In una esortazione apostolica rilasciata il 26 novembre 2013, ha affermato che "oggi tutto rientra nelle leggi della competizione e della sopravvivenza del più adatto, dove i potenti si nutrono degli impotenti. Di conseguenza, masse di persone si trovano escluse ed emarginate: senza lavoro, senza possibilità, senza mezzi di fuga. "Il Papa continua dicendo che la minoranza che beneficia" rifiuta il diritto degli stati, incaricato di vigilare bene comune, esercitare qualsiasi forma di controllo. Nasce così una nuova tirannia, invisibile e spesso virtuale, che impone unilateralmente e implacabilmente le proprie leggi e regole ".

Le imprese si oppongono apertamente agli sforzi compiuti dai governi, che hanno la responsabilità di proteggere i diritti e gli interessi dei loro cittadini, di approvare leggi o regolamentare le attività aziendali. Tutto questo, anche se i ricchi beneficiano maggiormente di beni di proprietà pubblica e contratti governativi esorbitanti.

2. Sfruttamento dei lavoratori

Secondo un'indagine del 2013 del Public Religion Research Institution in collaborazione con la Brookings Institution, il 54% degli americani pensa che il capitalismo funzioni bene. Tuttavia, quasi il 45% ritiene che non solo fallisca, ma che il duro lavoro e la determinazione non sono più garanzia di successo per la maggioranza delle persone. Lo stesso sondaggio ha indicato che il 53% degli americani crede che "uno dei maggiori problemi in questo paese è che non diamo a tutti pari opportunità nella vita".

Sorprendentemente, il 39% degli intervistati si sentiva in modo diverso: "Non è davvero un grosso problema se alcune persone hanno più possibilità nella vita di altre". Questo conflitto è più evidente quando si esaminano questioni come il salario minimo. Gli americani sono quasi equamente divisi sul fatto che dovrebbe essere aumentato da $ 7, 75 l'ora, anche se c'è un ampio consenso sul fatto che non fornisce abbastanza denaro per soddisfare i bisogni fondamentali di molte famiglie americane.

3. Crescente disparità di ricchezza e reddito

Dalla metà degli anni '70, la ricchezza e il reddito della nazione sono andati sempre più al 10% dei cittadini - drammaticamente così all'apice dell'1%. Nel 2012, il 10% superiore delle famiglie possedeva il 74, 4% della ricchezza americana, mentre il primo 0, 01% aveva uno sbalorditivo 11, 1%. Il 90% inferiore possedeva un misero 25, 6% della torta.

Ci sono circa 78, 8 milioni di famiglie negli Stati Uniti e hanno un patrimonio netto combinato di 80, 7 trilioni di dollari. Per mettere queste percentuali in prospettiva, in media, il patrimonio netto totale delle meno di 8.000 famiglie nel primo 0, 01% è quasi $ 9 trilioni, mentre il patrimonio netto combinato delle quasi 71 milioni di famiglie rimanenti è di $ 21 trilioni.

Questi divari tra americani ricchi e medi hanno riguardato economisti e politici su entrambi i lati del corridoio, tra cui:

  • Nel suo libro "Il prezzo della disuguaglianza: come l'odierna società divisa mette in pericolo il nostro futuro", l'economista premio Nobel Joseph E. Stiglitz scrive che "stiamo pagando un prezzo elevato per la disuguaglianza che sta facendo sempre più paura alla nostra economia. Dal momento che coloro che occupano una fascia bassa del reddito spendono una percentuale maggiore del loro reddito rispetto ai percettori più alti, la concentrazione della ricchezza riduce la spesa totale, frenando la crescita e promuovendo l'instabilità ".
  • Secondo Jared Bernstein, senior fellow del Center on Budget and Policy Procedures, alti livelli di disparità di reddito incoraggiano e preservano le barriere di opportunità, trattenendo la maggioranza. Bernstein dice che gli effetti sono evidenti nel divario tra l'investimento dei genitori nei loro figli per tutoraggio, arte, sport e libri - il divario nei test standardizzati dei risultati accademici è aumentato del 40% negli ultimi 30 anni, e il conseguimento e ammissione al college l'università di scelta del richiedente è più probabile per i bambini di famiglie benestanti.
  • Un recente rapporto di Standard & Poor's collega la disparità di reddito con un rallentamento delle entrate fiscali dello stato, dal momento che i ricchi riescono a proteggere gran parte del loro reddito dalle tasse e ne spendono una percentuale inferiore. Secondo Gabriel Petek, analista del credito S & P, "L'aumento del reddito non è solo un problema sociale. Presenta un insieme molto significativo di sfide per i responsabili delle politiche ".

L'economista francese Thomas Piketty, che alcuni hanno definito "il più importante pensatore del suo tempo" secondo The Guardian, scrisse il libro best-seller "Capital in the Twenty-First Century" sulle dinamiche del capitalismo e la crescente concentrazione di ricchezza in le mani dei pochissimi. In termini semplici, Piketty prevede che la disparità di reddito continuerà ad aumentare a causa della crescente quota di reddito nazionale destinata ai proprietari di capitale - ricchezza ereditaria - e dirigenti di aziende che sfuggono al controllo degli azionisti. Inoltre conclude che qualsiasi cambiamento significativo nella direzione è improbabile dal momento che i detentori di ricchezza, stimolati dalle decisioni della Corte Suprema, difenderanno aggressivamente le loro posizioni.

4. Irresponsabilità morale ed etica aziendale

La combinazione di mercati deregolamentati, isolamento gestionale dal controllo degli azionisti e l'emergere di istituzioni "troppo grandi per fallire" hanno portato all'avidità sfrenata e all'eccessiva assunzione di rischi. Enormi società multinazionali hanno reciso alleanze o obblighi nei confronti di qualsiasi paese o cittadino, essendo esclusivamente dedicati a massimizzare i profitti per i loro azionisti.

Di conseguenza, si impegnano nelle seguenti attività:

  • Esportazione all'ingrosso di lavori di produzione critici . Questi lavori vengono spesso trasferiti in paesi con leggi minime in materia di ambiente, lavoro o diritti umani.
  • Manovre aziendali complicate per evitare le tasse . La combinazione non etica, forse illegale, di cambiamenti aziendali nel domicilio, contabilità fiscale complessa e sostegno attivo dei paradisi fiscali mondiali è praticamente universale da parte di grandi multinazionali.
  • Eccessiva partecipazione al processo politico . I comitati di azione politica (PAC) possono raccogliere e spendere somme di denaro illimitate per difendere a favore o contro candidati politici. A partire dal 14 ottobre 2014, 1.209 super-PAC avevano raccolto quasi $ 370 milioni e speso $ 205 milioni. Le aziende e i loro funzionari esecutivi contribuiscono con milioni di dollari attraverso PACs per supportare i candidati che promettono di fornire leggi e regolamenti favorevoli ai loro sostenitori.

Prove di corruzione diffusa e di evasione fiscale autonoma è in tutto il mondo, portando Papa Francesco nella sua esortazione apostolica del 2013 a condannare "la sete di potere e possesso [che] non conosce limiti".

5. Disastri ecologici

Le multinazionali hanno trattato l'ambiente come una risorsa libera - terra arabile, acqua, minerali, foreste, pesce e così via - senza riguardo per le conseguenze a lungo termine. Molti osservatori affermano che le multinazionali hanno rapito il mondo, lasciando ai residenti di ogni nazione la possibilità di vivere con le conseguenze: aria sporca, acqua sporca e inquinamento di ogni tipo.

Una nuova visione del capitalismo

In risposta a insuccessi come questi, John Mackey, co-fondatore e co-CEO di Whole Foods Market, e Raj Sisodia, professore di marketing alla Bentley University, Waltham, Massachusetts, hanno collaborato nel 2013 per proporre una nuova forma illuminata di capitalismo. Il loro libro, "Capitalismo cosciente", suggerisce che business e capitalismo possono e dovrebbero collaborare a beneficio di tutti gli stakeholder - clienti, venditori, creditori, pubblico o qualsiasi altro gruppo che possa influenzare o essere influenzato dalle azioni di un'azienda - e non esclusivamente a beneficio degli azionisti o unicamente perché fare del bene può essere redditizio.

Gli autori affermano che l'attenzione esclusiva sui profitti a breve termine ha portato alla fusione finanziaria e alla recessione globale nel 2008, come pure a comportamenti non etici, inquinamento sfrenato del pianeta, richieste di un'etica lavorativa 24 ore su 24 (nonostante i tagli al sostegno), e una sfiducia generale nei confronti degli affari. Sostengono che le corporation dovrebbero esistere per uno scopo più grande del semplice fare soldi per i loro azionisti. Gli autori sostengono che una vera leadership richiede una visione al di là degli obiettivi finanziari, il coraggio nonostante l'apatia e l'opposizione, e la determinazione a rendere l'America e il mondo un posto migliore per tutti i suoi abitanti.

Esempi di capitalismo cosciente

Esempi di capitalismo consapevole abbondano nelle azioni e nelle filosofie di aziende come Whole Foods Market, Southwest Airlines, Costco, Google e The Container Store. Walmart, la più grande azienda al mondo, ha annunciato l'intenzione di acquistare altri $ 250 miliardi di prodotti realizzati negli Stati Uniti nel corso del prossimo decennio, sperando che contribuiscano a rinvigorire la base manifatturiera americana. Walgreens ha aperto la strada a uno sforzo a livello aziendale per dimostrare che le persone con disabilità possono essere dipendenti eccezionali, capaci della stessa produzione e aventi diritto allo stesso compenso dei lavoratori normodotati.

Nel caso di Walgreens, ci sono prove concrete che fare del bene non è anticapitalistico, ma può, di fatto, aumentare la redditività. Questi programmi - e altri come loro in aziende grandi e piccole in tutto il paese - sono la prova che i dirigenti americani stanno considerando un nuovo paradigma di responsabilità aziendale.

La Performance Premium di una filosofia del capitalismo cosciente

La dott.ssa Sisodia e i suoi colleghi del Babson College hanno studiato le prestazioni di 28 aziende statunitensi quotate in borsa che credono operino con la filosofia generale del capitalismo consapevole. Hanno designato "Firms of Endearment" o "FoEs", il titolo del libro del Dr. Sisodia che descrive lo studio.

Le prestazioni finanziarie di queste 28 voci, che includono Amazon, Disney e T. Rowe Price, sono state confrontate con i seguenti tipi di società:

  • Feste internazionali . Questo elenco identifica e riassume i risultati di 15 società non statunitensi domiciliate in tutto il mondo che operano anche in una modalità di capitalismo consapevole.
  • Aziende "buone a grandi" . Le 11 aziende di questo gruppo sono state inizialmente identificate nel libro best-seller dell'autore Jim Collins "Good to Great" e descritte come aver offerto agli investitori rendimenti superiori per un lungo periodo di tempo.
  • S & P 500 . Questo gruppo comprende le 500 società quotate in borsa che compongono l'indice Standard & Poor's 500. Ogni azienda viene selezionata dal comitato e rappresentata come rappresentante delle industrie nell'economia degli Stati Uniti.

Le loro scoperte dimostrano che il guadagno per fare la cosa giusta non è insignificante. I FOE hanno sovraperformato le aziende S & P 500 di 14 volte e le aziende Good to Great di sei volte in un periodo di 15 anni.

Principi chiave del capitalismo cosciente

Mackey e Sisodia credono che ci siano quattro principi chiave del capitalismo consapevole che devono essere messi in atto se le imprese stanno andando a cogliere i benefici di una nuova cultura aziendale.

1. Uno scopo più elevato

Le imprese sostenibili che creano valore condiviso tra gli stakeholder sono guidate dallo scopo. I rendimenti finanziari sono il risultato del miglioramento della vita delle persone.

2. Integrazione degli stakeholder

Le esigenze di tutti gli stakeholder (tutti coloro che possono influenzare o essere influenzati dalle azioni di un'azienda) sono considerate come sviluppatrici di vantaggi per entrambe le parti anziché di compromessi. La leadership aziendale illuminata crea clienti fedeli, ispira dipendenti, si fida e si fida dei fornitori e genera profitti, pur essendo parte delle comunità in cui risiede.

3. Leadership cosciente

Le aziende hanno bisogno di leader etici e consapevoli di sé che sono motivati ​​principalmente dal servizio e dallo scopo, piuttosto che dallo stipendio più alto. Hanno bisogno di "camminare" e "parlare di parlare".

4. Sostenere la cultura

La cultura di un'azienda rafforza i propri scopi, l'etica e le attività. Una cultura consapevole, secondo gli autori, ha sette caratteristiche:

  1. Fiducia . Avendo fede che altri membri dell'azienda possono essere invocati, interessi e valori sono condivisi e quella verità non è negoziabile.
  2. Responsabilità I membri della comunità sono disposti ad accettare la responsabilità per le loro azioni e omissioni al fine di imparare e migliorare continuamente. Essere "reali" nelle relazioni significa essere in grado di dare, prendere e valutare critiche e suggerimenti significativi.
  3. Prendersi cura . La gestione e gli affari non riguardano la manipolazione o il potere, ma piuttosto un sincero rispetto per gli interessi degli altri. I prodotti funzionano come previsto, il servizio clienti riguarda la soluzione dei problemi e i vantaggi non sono esclusivi per qualsiasi gruppo di dipendenti o clienti privilegiato.
  4. Trasparenza Le decisioni vengono prese all'aperto, dove le motivazioni possono essere esaminate e messe in discussione in un ambiente di continuo progresso e apprendimento, non di individuazione di errori.
  5. Integrità Le aziende e gli individui con integrità riconoscono che la morale deve e deve essere applicata a tutte le decisioni aziendali. È il coraggio di provare e fare sempre la cosa "giusta", piuttosto che la più facile, la più redditizia o meno rischiosa.
  6. Apprendimento Le situazioni e le persone cambiano continuamente, quindi la decisione giusta in una situazione potrebbe non essere appropriata in un'altra. Il progresso è un percorso irregolare, inarrestabile di tentativi ed errori, aggiustamenti costanti e modifiche. Una cultura diventa vibrante se "impara", capendo le mutevoli relazioni e condizioni nel contesto di un assoluto morale.
  7. Egualitarismo . Ciò che alcuni chiamano "empowerment", la responsabilità è condivisa in tutte le organizzazioni, riconoscendo che ognuno ha un interesse e un ruolo da svolgere nel suo successo finale.

Parola finale

Il futuro del capitalismo americano è incerto. Se le tendenze attuali continuano senza sosta, i disordini sociali e l'acuirsi dei conflitti politici sono inevitabili. Da un lato, molti imprenditori continuano a sposarsi, mentre la responsabilità sociale delle imprese non esiste, le opportunità di profitto nei grandi problemi sociali attireranno l'impegno delle grandi aziende per trovare soluzioni praticabili. Come Scott Cook, fondatore di Intuit, è pronto a riconoscere nel New York Times: "Cerchiamo luoghi in cui possiamo usare i nostri punti di forza come azienda per risolvere grandi problemi".

D'altra parte, gli imprenditori e le organizzazioni che dirigono stanno appena cominciando a sfidare il vecchio modo di fare business e l'idea che i profitti dovrebbero essere l'unico, o anche il principale, scopo di un'azienda. Trattando le persone con fiducia e attenzione, rispettando e ripristinando gli ecosistemi che ci circondano e riconoscendo che tutti gli aspetti della nostra vita e del mondo sono interconnessi, imprenditori come Mackey, Sisodia e Jeff Klein, autore di "Working for Good: Making a Difference While Making a Living "potrebbe essere in grado di accendere un movimento per trasformare e salvare il capitalismo da se stesso. Allo stesso tempo, poiché i consumatori illuminati diventano più sensibili alle questioni di responsabilità sociale, le imprese dovrebbero avere difficoltà a operare secondo le vecchie filosofie e si troveranno costretti a cambiare per mantenere i loro clienti.

Pensi che le corporazioni abbiano qualche responsabilità sociale?


7 modi per prevenire il rimorso dell'acquirente e rendere più intelligenti gli acquisti

7 modi per prevenire il rimorso dell'acquirente e rendere più intelligenti gli acquisti

Rimorso del compratore: è quella sensazione di affondamento nella fossa dello stomaco mentre scappi dal negozio. È quella voce minuscola e implacabile che dice "Non dovresti averla comprata" o "Il tuo coniuge sarà pazzo" o "Hai lasciato che quel venditore camminasse su di te".So

(Soldi e affari)

Cos'è la medicina Concierge (cure primarie dirette) - Pro e contro

Cos'è la medicina Concierge (cure primarie dirette) - Pro e contro

L'assistenza sanitaria americana è costosa, inefficiente e spesso non produce risultati ottimali. La medicina di portineria, nota anche come assistenza primaria diretta, aiuta a risolvere tutti e tre i problemi. L'assistenza primaria diretta è un modello di assistenza basato sulla tariffazione che forgia connessioni più strette tra pazienti e fornitori, incoraggia l'assistenza preventiva e proattiva, riduce la burocrazia e le spese generali per medici e sistemi sanitari e fornisce un'alternativa alla copertura assicurativa sanitaria sempre più costosa.Uno

(Soldi e affari)