it.lutums.net / 4 tipi di strategie di investimento nel mercato azionario - Investimenti, speculazione, negoziazione e bogleheads

4 tipi di strategie di investimento nel mercato azionario - Investimenti, speculazione, negoziazione e bogleheads


Il trading è un fenomeno relativamente recente reso possibile dalla tecnologia delle reti di comunicazione e dallo sviluppo del ticker cartaceo. I dettagli delle transazioni azionarie - i simboli azionari, il numero di azioni e i prezzi - sono stati raccolti e trasmessi su strisce di carta alle macchine situate negli uffici di intermediazione in tutto il paese. I dipendenti specializzati che utilizzano la memoria, le note cartacee e a matita e le capacità analitiche "leggono" i nastri e ordinano di acquistare o vendere azioni per conto delle loro ditte di lavoro.

Come giovane apprendista a Wall Street nei primi anni '60, ricordo che i vecchi con i capelli grigi e occhialuti si chinarono e si concentrarono sui nastri larghi un pollice che filtravano direttamente nelle loro mani dal ticker. Con il miglioramento della tecnologia per offrire l'accesso elettronico diretto alle quotazioni dei prezzi e all'analisi immediata, il trading, comprando e vendendo ampie posizioni azionarie per acquisire profitti a breve termine, è diventato possibile per i singoli investitori.

Mentre il termine "investire" è usato oggi per descrivere a chiunque e chiunque comprano o vendono un titolo, economisti come John Maynard Keynes hanno applicato il termine in modo più restrittivo. Nel suo libro "The General Theory of Employment, Interest and Money", Keynes distingue tra investimenti e speculazioni. Considerava il primo come una previsione dei profitti di un'impresa, mentre il secondo cercava di capire la psicologia degli investitori e il suo effetto sui prezzi delle azioni.

Benjamin Graham - che alcuni considerano il padre dell'analisi di sicurezza - concorda, scrivendo che la scomparsa della distinzione tra i due è stata "motivo di preoccupazione" nel suo libro The Intelligent Investor del 1949. Mentre Graham riconobbe il ruolo degli speculatori, sentiva che "c'erano molti modi in cui la speculazione poteva essere non intelligente".

Mentre ci sono differenze osservabili negli obiettivi e nei metodi delle diverse filosofie, i loro professionisti di successo condividono tratti caratteriali comuni:

  • Intelligenza Investitori, speculatori e commercianti di successo devono avere la capacità di raccogliere e analizzare dati diversi, anche contrastanti, per prendere decisioni proficue.
  • Fiducia . Il successo nel mercato dei titoli richiede spesso di assumere una posizione in opposizione al punto di vista della maggioranza. Come Warren Buffett ha consigliato in un editoriale del New York Times: "Siate timorosi quando gli altri sono avidi ed essere avidi quando gli altri hanno paura". In una lettera agli azionisti di Berkshire Hathaway, ha osservato la regola di Noè: "La previsione della pioggia non conta. Costruisce archi. "
  • Umiltà Nonostante la migliore preparazione, intenzione e sforzo, gli errori si verificano e le perdite inevitabilmente si verificano. Sapere quando ritirarsi è importante quanto sapere quando osare. Come Sir John Templeton, fondatore della famiglia di fondi comuni con il suo nome, ha dichiarato: "Solo una cosa è più importante dell'apprendimento dall'esperienza, e non è imparare dall'esperienza".
  • Sforzo Christopher Browne, socio della società di brokeraggio di New York Tweedy, Browne Company LLC e autore di "The Little Book of Value Investing", afferma: "Investire in valore richiede più sforzo che cervello e tanta pazienza. È un lavoro più rude rispetto alla scienza missilistica. "Lo stesso vale per la speculazione intelligente o il trading attivo. Riconoscere e tradurre i modelli di prezzo e le tendenze del mercato richiede una costante attenzione; il successo nel mercato azionario richiede ore di ricerca e apprendimento delle competenze per avere successo.

1. Investire

Gli investitori intendono essere proprietari a lungo termine delle società in cui acquistano azioni. Avendo selezionato un'azienda con prodotti o servizi desiderabili, sistemi di produzione e consegna efficienti e un team di gestione astuto, si aspettano profitti mentre l'azienda cresce ricavi e profitti in futuro. In altre parole, il loro obiettivo è quello di acquistare il miglior flusso di guadagni futuri per il prezzo più basso possibile.

Il 26 maggio 2010, parlando davanti alla Commissione per l'indagine sulla crisi finanziaria, Warren Buffett ha spiegato le sue ragioni per l'acquisto di un titolo: "Guardi l'attività stessa per determinare la tua decisione di stendere dei soldi ora per ottenere più denaro indietro più tardi ... e non ti interessa davvero se c'è una citazione sotto [tutto]. "Quando Buffett investe, non gli importa se chiudono il mercato da un paio d'anni da quando un investitore guarda a un'azienda per quello che produrrà non quello che qualcun altro potrebbe essere disposto a pagare per il titolo.

Gli investitori usano una tecnica di valutazione nota come "analisi fondamentale o di valore". Benjamin Graham è accreditato dello sviluppo dell'analisi fondamentale, le cui tecniche sono rimaste relativamente immutate per quasi un secolo. Graham era principalmente interessato alle metriche delle aziende.

Secondo il professor Aswath Damodaran della Stern School of Business della New York University, Graham ha sviluppato una serie di filtri o schermi per aiutarlo a identificare titoli sottovalutati:

  1. PE del titolo inferiore all'inverso del rendimento di Aaa Corporate Bonds
  2. PE del titolo inferiore al 40% del suo PE medio negli ultimi cinque anni
  3. Il rendimento dei dividendi supera i due terzi del rendimento di Aaa Corporate Bond
  4. Prezzo inferiore a due terzi del valore contabile
  5. Prezzo inferiore a due terzi del capitale circolante netto
  6. Rapporto debito / patrimonio netto (valore contabile) deve essere inferiore a uno
  7. Attività correnti superiori al doppio delle passività correnti
  8. Debito inferiore al doppio dell'attivo netto corrente
  9. Crescita storica in EPS (negli ultimi 10 anni) superiore al 7%
  10. Non più di due anni di guadagni negativi nel decennio precedente

Warren Buffett, discepolo e impiegato della ditta di Graham tra il 1954 e il 1956, perfezionò i metodi di Graham. In una lettera del 1982 agli azionisti di Berkshire Hathaway, ha ammonito i manager e gli investitori a capire "i numeri contabili sono l'inizio, non la fine, della valutazione aziendale".

Buffett cerca aziende con un forte vantaggio competitivo, quindi l'azienda può realizzare profitti anno dopo anno, indipendentemente dall'ambiente politico o economico. La sua prospettiva quando decide di investire è sempre a lungo termine. Come ha spiegato in un'altra lettera per gli azionisti, "Il nostro periodo di detenzione preferito è per sempre."

Morningstar considerava Philip Fisher "uno dei grandi investitori di tutti i tempi", pertanto non sorprende che sia stato d'accordo con Buffett e Graham, preferendo un lungo periodo di attesa. In un articolo della rivista American Association of Individual Investors (AAII) del settembre 1996, Fisher è accreditato della raccomandazione che "gli investitori usano una regola triennale per giudicare i risultati se uno stock sta sottoperformando il mercato ma non è successo nient'altro per cambiare il vista originale dell'investitore. "Dopo tre anni se è ancora sotto-performante, raccomanda agli investitori di vendere il titolo.

Gli investitori cercano di ridurre i loro rischi identificando e acquistando solo le società il cui prezzo delle azioni è inferiore al loro valore "intrinseco", un valore teorico determinato attraverso l'analisi fondamentale e il confronto con i concorrenti e il mercato nel suo complesso. Gli investitori riducono anche i rischi diversificando le loro partecipazioni in diverse società, settori e mercati geografici.

Una volta presa posizione, gli investitori si accontentano di tenere scorte performanti per anni. Fisher deteneva Motorola (MOT) dal suo acquisto nel 1955 fino alla sua morte nel 2004; Buffett acquistò azioni della Coca-Cola (KO) nel 1987 e disse pubblicamente che non avrebbe mai venduto una quota.

Alcuni partecipanti al mercato potrebbero considerare una filosofia di investimento basata su titoli conservatori con lunghi periodi di detenzione per essere obsoleti e noiosi. Farebbero bene a ricordare le parole di Paul Samuelson, premio Nobel per le scienze economiche, che ha consigliato, "Investire dovrebbe essere più come guardare la vernice secca o crescere l'erba. Se vuoi eccitazione, prendi $ 800 e vai a Las Vegas. "

2. Speculazione

Secondo Philip Carret, autore di "The Art of Speculation" nel 1930 e fondatore di uno dei primi fondi comuni di investimento negli Stati Uniti, la speculazione è "l'acquisto o la vendita di titoli o merci in attesa di approfittare delle fluttuazioni dei loro prezzi. "Garret ha combinato l'analisi fondamentale resa popolare da Benjamin Graham con i concetti usati dai primi lettori di nastri come Jesse Lauriston Livermore per identificare le tendenze generali dei prezzi di mercato.

Milton Friedman, scrivendo su In Defense of Destabilizing Speculation nel 1960, ha notato che gran parte del pubblico equivale alla speculazione con il gioco d'azzardo, senza valore come filosofia di investimento. Tuttavia, Friedman sostiene che gli speculatori spesso hanno un vantaggio informativo rispetto agli altri, consentendo loro di ottenere profitti quando altri meno consapevoli perdono. In altre parole, la speculazione potrebbe essere definita come l'acquisto e la vendita di titoli basati su un vantaggio percepito nelle informazioni.

Paul Mladjenovic, un pianificatore finanziario certificato (CFP) e autore di quattro edizioni di "Stock Investing for Dummies", ha spiegato meglio il punto della speculazione: "Stai mettendo i tuoi soldi dove pensi che il resto del mercato metterà la loro soldi - prima che accada. "

Jesse Lauriston Livermore, nominato "il più favoloso operatore di borsa americano vivente" in un articolo del 1940 TIME, sviluppò le sue abilità comprando e vendendo azioni nei negozi di secchio - imprese non regolamentate che erano l'equivalente delle attuali sale scommesse fuori pista, dove i clienti scommettevano su il movimento dei prezzi delle scorte, secondo Bloomberg. Nessun titolo cambiato mani e le transazioni non hanno influenzato i prezzi delle azioni sulle borse. La capacità di Livermore di rilevare e interpretare i modelli nel movimento dei prezzi delle azioni lo rese rapidamente persona non gradita nei negozi, proprio come i banchi di carte sono banditi dai casinò di Las Vegas e Atlantic City.

Ma l'attenzione di Livermore sui prezzi delle azioni e sui modelli delle loro variazioni di prezzo gli ha permesso di identificare "punti di snodo" - ora noti come livelli di supporto e resistenza - che guidavano i suoi acquisti e le sue vendite. Acquistò azioni quando rimbalzarono da un livello di supporto e le vendettero quando si avvicinarono a un livello di resistenza. Livermore ha capito che le azioni si muovono nelle tendenze, ma potrebbero cambiare rapidamente direzione a seconda dell'umore dei partecipanti al mercato azionario. Di conseguenza, nel suo libro "Reminiscences of a Stock Operator", sostenne una strategia per ridurre rapidamente le perdite e lasciar correre i profitti.

Altre regole di negoziazione di titoli Livermore includono quanto segue:

  • Acquista aumenti di scorte e vendi scorte in calo.
  • Scambia solo quando il mercato è chiaramente rialzista o ribassista; quindi commerciare nella sua direzione generale.
  • Mai perdite medie acquistando più di un titolo che è caduto.
  • Non incontrare mai una richiesta di margini: esci dal commercio.
  • Andare a lungo quando le scorte raggiungono un nuovo massimo; vendere a breve quando raggiungono un nuovo minimo.

Inoltre, Livermore ha notato che i mercati non sbagliano mai, anche se le opinioni spesso lo sono. Di conseguenza, ha avvertito che nessuna strategia di trading potrebbe fornire un profitto il 100% delle volte. Livermore e altri che seguono una filosofia simile sono disposti a stare ai margini - fuori dal mercato - fino a quando un'occasione di guadagno è immediatamente evidente.

Le tecniche utilizzate da Livermore si sono evolute in quella che ora è conosciuta come analisi tecnica estendendo i punti di rotazione di Livermore a modelli di prezzo e volume più esoterici di variazioni di prezzo come schemi di testa e spalle, medie mobili, bandiere, gagliardetti e indicatori di forza relativi. Tecnici guidati da John Magee e Roberts Edwards - autori di ciò che molti sostengono essere la bibbia della speculazione sui prezzi, "Analisi tecnica delle tendenze azionarie" - affermano che la maggior parte delle informazioni che "i fondamentalisti [investitori] studiano sono storia passata, già al di fuori data e sterile, perché il mercato non è interessato al passato o anche al presente! In breve, il prezzo corrente, come stabilito dal mercato stesso, comprende tutte le informazioni fondamentali che l'analista statistico può sperare di apprendere (più in qualche modo è forse segreto da lui, noto solo a pochi addetti ai lavori) e molto altro ancora di uguale o ancora più importante. "

L'ipotesi alla base della speculazione o dell'analisi tecnica è che i modelli si ripetono, quindi una revisione dei prezzi passati e attuali, correttamente interpretati, può proiettare i prezzi futuri. L'ipotesi fu contestata nel 1970 da Eugene Fama, professore di finanza all'Università di Chicago e vincitore di un premio Nobel, con la pubblicazione del suo articolo "Efficient Capital Markets: Review of Theory and Empirical Work" sul Journal of Finance. Fama ha proposto che i mercati dei titoli siano estremamente efficienti e che tutte le informazioni siano già scontate nel prezzo della sicurezza. Di conseguenza, ha suggerito che né l'analisi fondamentale né quella tecnica avrebbero aiutato un investitore a ottenere rendimenti maggiori rispetto a un portafoglio selezionato a caso di singoli titoli.

Le sue idee divennero popolarmente incapsulate come l'Ipotesi del mercato efficiente (EFH). Pur riconoscendo i critici dell'EFH, il dott. Burton Malkiel - economista, decano della Yale School of Management e autore di "A Random Walk Down Wall Street" - difende l'ipotesi. Sostiene che i mercati azionari sono "molto più efficienti e molto meno prevedibili di quanto alcuni documenti accademici vorrebbero farci credere ... [il comportamento] dei prezzi delle azioni non crea un'opportunità di trading di portafoglio che consente agli investitori di ottenere rendimenti aggiustati per il rischio straordinari."

Mentre continua la battaglia accademica su EFH, i sostenitori dell'analisi tecnica - gli speculatori - continuano ad abbracciare la filosofia come il metodo migliore per scegliere i momenti ottimali di acquisto e vendita.

3. Trading

I progressi tecnologici, i bassi tassi di commissione e la comparsa di società di brokeraggio online hanno consentito alle persone di utilizzare strumenti e sistemi di crescente sofisticazione per seguire e interpretare il mercato. Sia gli individui che le aziende di Wall Street hanno abbracciato una nuova filosofia commerciale, con molti che utilizzano programmi di intelligenza artificiale e algoritmi complessi per acquistare e vendere enormi posizioni azionarie in microsecondi.

Un trader è una persona che compra e vende titoli in un breve periodo di tempo, spesso mantenendo una posizione inferiore a un giorno di negoziazione. In effetti, lui o lei è uno speculatore sugli steroidi, costantemente alla ricerca di una volatilità dei prezzi che consentirà un rapido profitto e la possibilità di passare alla prossima opportunità. A differenza di uno speculatore che tenta di prevedere i prezzi futuri, gli operatori si concentrano sulle tendenze esistenti - con l'obiettivo di realizzare un piccolo profitto prima che la tendenza finisca. Gli speculatori vanno al deposito di treni e ai convogli prima di imbarcarsi; i commercianti si precipitano nell'atrio alla ricerca di un treno che si muove - più velocemente, meglio è - e salta, sperando in una buona pedalata.

La maggior parte del trading avviene attraverso i sistemi programmati delle istituzioni finanziarie per analizzare le tendenze dei prezzi e effettuare ordini. L'emozione viene rimossa dalla decisione di comprare-vendere; le negoziazioni vengono inserite automaticamente se e quando vengono raggiunti criteri specifici. A volte indicato come "trading algoritmico o ad alta frequenza (HFT)", i rendimenti possono essere straordinariamente alti. Uno studio accademico del 2016 sugli HFT ha rivelato che i costi fissi delle aziende HFT sono anelastici, quindi le imprese che commerciano con maggiore frequenza ottengono più profitti rispetto alle imprese con meno transazioni con rendimenti da 59, 9% a quasi il 377%.

L'impatto del trading ad alta frequenza e delle imprese impegnate nell'attività rimane controverso - un rapporto del Congressional Research Service del 2014 riportava dettagliatamente casi di manipolazione dei prezzi e metodi di negoziazione illegale come dettagliato nel libro "Flash Boys" di Michael Lewis. Il trading automatizzato riduce la liquidità del mercato ed esacerba le principali interruzioni del mercato, come il 6 maggio 2010, il crollo del mercato e la ripresa: il Dow Jones Industrial Average ha perso 998, 5 punti (9%) in 36 minuti. Un incidente simile è accaduto il 24 agosto 2015 quando il Dow ha perso più di 1000 punti sul mercato aperto. Il commercio è stato fermato più di 1.200 volte durante il giorno nel tentativo di calmare i mercati.

Mentre poche persone hanno la capacità finanziaria di emulare le abitudini commerciali delle grandi istituzioni, il day trading è diventato una strategia popolare nel mercato azionario. Secondo un rapporto di Western Law Review in California, il day trading continua ad attrarre aderenti, anche se si pensa che il 99% dei commercianti di giorno finisca per finire i soldi e smettere di fumare. Molti diventano commercianti giornalieri a causa dell'attrazione delle ditte di formazione di day trading, un'industria non regolamentata che trae profitto dalla vendita di istruzioni e software di trading automatizzato ai propri clienti. I materiali di vendita implicano che il software è simile ai sofisticati e costosi programmi software dei grandi commercianti, come Goldman Sachs.

Il trading di giorno non è facile, né per tutti. Secondo Chad Miller, managing partner di Maverick Trading, "Tutti lo glorificano [il giorno di negoziazione], ma è un duro lavoro ... non puoi accendere il computer e comprare un titolo e spero che tu guadagni." di scambi ogni giorno, sperando in piccoli profitti per commercio, e l'uso di denaro preso in prestito dalla società di brokeraggio. Inoltre, i trader di margine che acquistano e vendono un determinato titolo quattro o più volte al giorno in un periodo di cinque giorni sono caratterizzati come "day day trader" e soggetti a speciali regole sul margine con un saldo patrimoniale richiesto di almeno $ 25.000.

Nonostante il numero di nuovi operatori giornalieri che entrano nel mercato ogni anno, molte società di intermediazione mobiliare e consulenti scoraggiano apertamente la strategia. Il Motley Fool afferma che "il day trading non è solo come il gioco d'azzardo; è come giocare d'azzardo con il mazzo accatastato contro di te e la casa sfiora una buona fetta di profitti proprio in alto. "

4. Bogleheads (Index Fund Investing): una nuova filosofia

Frustrati dai rendimenti incoerenti e dai requisiti di tempo necessari per attuare efficacemente una strategia fondamentalista o speculatrice, molti compratori di titoli si sono rivolti alla gestione professionale del portafoglio attraverso fondi comuni di investimento. Secondo il Profilo degli azionisti del fondo comune dell'Istituto Investment Company, nel 2015 quasi 91 milioni di persone possedevano uno o più fondi comuni di investimento entro la metà del 2015, che rappresentano un quinto delle attività finanziarie delle famiglie. Sfortunatamente, l'Istituto ha appreso che pochi gestori di fondi possono costantemente battere il mercato per lunghi periodi di tempo. Secondo il New York Times, "La verità è che pochissimi investitori professionali sono riusciti a sovraperformare il mercato in ascesa in quegli anni [2010-2015]."

Influenzato dagli studi di Fama e Samuelson, John Bogle, ex presidente di Wellington Management Group, fondò il gruppo Vanguard e creò il primo fondo indicizzato passivamente nel 1975. Ora noto come il fondo dell'indice Vanguard 500 investe con un investimento minimo di $ 3, 000, è il precursore di molti fondi di indice simili gestiti da Vanguard - incluso il più grande fondo comune di investimento al mondo, il Vanguard 500 Index Fund Admiral Shares, con un patrimonio di $ 146, 3 miliardi e un investimento minimo di $ 10, 000.

Nonostante gli scettici del settore sull'investimento in indici, la fiducia di Bogle negli investimenti in indici non è stata inflessa. Le seguenti affermazioni esprimono il suo punto di vista, ed è la base del suo libro, "Il piccolo libro di Common Sense Investing: l'unico modo per garantire la giusta quota di ritorni azionari".

  • Gli investitori come gruppo non possono sovraperformare il mercato perché sono il mercato.
  • Gli investitori come gruppo devono sottostimare il mercato, perché i costi di partecipazione - in gran parte spese operative, commissioni di consulenza e costi di transazione del portafoglio - costituiscono una deduzione diretta dal rendimento del mercato.
  • La maggior parte dei manager professionisti non riesce a superare gli indici di mercato appropriati e quelli che lo fanno raramente ripetono in futuro il loro successo in passato.

Il fondo fu inizialmente ridicolizzato da "Follia di Bogle" da molti, incluso Forbes in un articolo del maggio 1975 intitolato "Una pestilenza in entrambe le case". (La rivista ha ufficialmente ritrattato l'articolo dello scrittore William Baldwin in un articolo del 26 agosto 2010). Il presidente di Fidelity Investments, Edward C. Johnson III, dubitava del successo del nuovo fondo indicizzato, affermando: "Non posso credere che la grande massa di investitori sia [sic] accontentandosi solo dei rendimenti medi. Il nome del gioco deve essere il migliore. "Fidelity ha successivamente offerto il suo primo fondo indicizzato - lo Spartan 500 Index Fund - nel 1988 e oggi offre più di 35 fondi di indice.

Con il successo dei fondi comuni di investimento indicizzati, non sorprende che i fondi scambiati in borsa (ETF) siano emersi 18 anni dopo con l'emissione della ricevuta di deposito S & P 500 (chiamata in breve "ragno"). Analogamente ai fondi dell'indice passivo, gli ETF monitorano vari indici di sicurezza e delle materie prime, ma commerciano su uno scambio come uno stock comune. Alla fine del 2014, l'ICI ha riferito che c'erano 382 fondi indicizzati con un totale attivo di $ 2, 1 trilioni.

Diversi studi hanno confermato l'affermazione di Bogle che battere il mercato è praticamente impossibile. Il dottor Russell Wermers, professore di finanza presso l'Università del Maryland e coautore di "False scoperte nel rendimento dei fondi comuni: misurare la fortuna nella stima degli alfa", ha affermato in un articolo del New York Times che il numero di fondi che ha battuto il il mercato per le loro intere storie è così piccolo che i pochi che hanno fatto sono stati "semplicemente fortunati". Crede che il tentativo di scegliere un fondo che possa sovraperformare il mercato sia "quasi senza speranza".

Alcuni dei più grandi investitori americani sono d'accordo:

  • Warren Buffett . Il saggio di Omaha, nella sua lettera per gli azionisti del Berkshire Hathaway del 1996, scrisse: "La maggior parte degli investitori istituzionali e individuali troverà il modo migliore per possedere azioni ordinarie attraverso un fondo indicizzato che addebita commissioni minime".
  • Dr. Charles Ellis . Scrivendo nel Financial Analysts 'Journal nel 2014, Ellis ha dichiarato: "I dati a lungo termine ripetutamente documentano che gli investitori trarrebbero beneficio passando dall'investimento in performance attive all'indicizzazione a basso costo".
  • Peter Lynch . Descritto come una "leggenda" dai media finanziari per la sua performance mentre gestiva il Fondo Magellan presso Fidelity Investments tra il 1977 e il 1980, Lynch ha consigliato in un articolo del 2 aprile 1990 di Barron che "la maggior parte degli investitori starebbe meglio in un fondo indicizzato".
  • Charles Schwab . Il fondatore di uno dei maggiori broker di sconto del mondo, Schwab raccomanda agli investitori di "acquistare fondi indicizzati". Potrebbe non sembrare un'azione molto, ma è la cosa più intelligente da fare. "

Gli aderenti agli investimenti su indici sono a volte indicati come "capi di Bogle". Il concetto di acquisto di fondi indicizzati o ETF piuttosto che di singoli titoli spesso include l'allocazione delle attività: una strategia per ridurre il rischio in un portafoglio. Possedere una varietà di classi di attività e periodicamente riequilibrare il portafoglio per ripristinare l'allocazione iniziale tra le classi riduce la volatilità complessiva e garantisce una regolare raccolta degli utili del portafoglio.

Negli ultimi anni, è diventato popolare un nuovo tipo di gestione professionale che sfrutta questi principi - i robo-consulenti. I nuovi consulenti suggeriscono investimenti di portafoglio e proporzioni di ciascuna allocata in ETF in base all'età e agli obiettivi del cliente. I portafogli vengono automaticamente monitorati e riequilibrati per commissioni sostanzialmente inferiori ai gestori di investimenti tradizionali.

Parola finale

I profitti del mercato azionario possono essere elusivi, soprattutto a breve termine. Di conseguenza, coloro che cercano di massimizzare i propri guadagni senza incorrere in inutili rischi cercano costantemente la strategia perfetta per guidare la propria attività. Finora, nessuno ha scoperto o sviluppato una filosofia di investimento o una strategia valida al 100% delle volte. I guru degli investimenti vanno e vengono, lodati per il loro acume fino all'inevitabile e si uniscono al roster di esperti precedentemente umiliati. Tuttavia, la ricerca di una filosofia di investimento perfetta continuerà.

Come partecipante al mercato dei titoli, dovresti riconoscere che possedere titoli può essere stressante. Proprio come non conosci gli eventi di domani e come reagiranno gli investitori alle notizie e alle voci, così non avrai la certezza dei profitti nel mercato azionario. Quindi goditi quei giorni in cui fortuna e obiettivi si uniscono, ma ricorda e preparati ai tempi della delusione, perché saranno molti.

Che guida le tue decisioni di acquisto e vendita di titoli? Hai avuto successo con una delle filosofie di cui sopra?


9 modi per evitare l'influsso dello stile di vita - spendere meno quando si guadagna di più

9 modi per evitare l'influsso dello stile di vita - spendere meno quando si guadagna di più

Molti di noi possono pensare a un tempo in cui l'idea di fare un salario costante e di avere "cose ​​belle" era un sogno irrealizzabile. Dopo che mio marito ed io eravamo sposati, stava lavorando due volte mentre vivevamo in un piccolo appartamento nel seminterrato, condividevamo un'auto e mangiavamo un sacco di spaghetti ramen. Er

(Soldi e affari)

Come donare un'auto usata in beneficenza

Come donare un'auto usata in beneficenza

Il processo di acquisto di un nuovo veicolo può essere schiacciante. Nessuno è ansioso di trattare con autorevoli venditori di automobili o l'ingombrante processo di negoziazione o rivendita di un'auto. Tuttavia, hai un'altra opzione che può rendere l'esperienza più semplice e più soddisfacente: invece di vendere o vendere la tua auto usata, considera di donarla in beneficenza.Le a

(Soldi e affari)