it.lutums.net / Come effettuare acquisti di abbigliamento a prezzi accessibili e socialmente responsabili

Come effettuare acquisti di abbigliamento a prezzi accessibili e socialmente responsabili


Nel maggio 2013, i consumatori hanno guardato con orrore quando le agenzie di stampa hanno denunciato la morte di 1.130 lavoratori dell'abbigliamento del Bangladesh in un crollo della fabbrica. Ma sfortunatamente, per ogni rapporto di alto profilo sugli sfruttati lavoratori dell'abbigliamento, ci sono migliaia di storie non raccontate di abusi all'interno dell'industria della moda e dell'abbigliamento.

Le catene di fornitura degli indumenti indossati dagli americani sono complesse e coinvolgono lavoratori in molti paesi e molte fasi della produzione tessile. Di conseguenza, molti consumatori - anche i consumatori che sono socialmente consapevoli - probabilmente indossano oggetti creati da lavoratori sfruttati e schiavi moderni.

Per fortuna, le organizzazioni senza scopo di lucro, i sostenitori dei lavoratori, alcune linee di abbigliamento e il pubblico in generale sono sempre più preoccupati per gli abusi all'interno della filiera dell'abbigliamento. Con un po 'di conoscenza e impegno, è possibile fare scelte di abbigliamento socialmente responsabili che salvino vite senza distruggere le tue finanze.

Sfruttamento all'interno dell'industria dell'abbigliamento

Il settore della moda, supportato dalla produzione di capi, è un grande business. Secondo il Fashion Performance Network, l'industria globale della vendita al dettaglio di abbigliamento è stata valutata a $ 1, 1 trilioni nel 2011, che non include nemmeno le vendite di scarpe e accessori. Gran parte del mercato è supportata dalla vendita di capi economici (e spesso di bassa qualità) che vengono sfornati in fabbriche sfruttate e vendute ai consumatori. Una volta che questi indumenti si consumano, il consumatore torna al punto vendita per un altro giro di abbigliamento di bassa qualità, creando così un ciclo di domanda per una fornitura di abbigliamento a basso costo.

Sebbene sia difficile stimare quanti lavoratori di abbigliamento siano impiegati o trattenuti in condizioni inique, Labour Behind the Label riporta che la maggior parte dei lavoratori del mondo guadagna non più di $ 2 al giorno, e che è normale che i dipendenti lavorino da 16 a 18 ore al giorno, sette giorni alla settimana. Per ridurre ulteriormente i costi di produzione, le fabbriche tessili spesso mantengono strutture pericolose che non rispettano i regolamenti edilizi, anche nei paesi in via di sviluppo.

Questo ciclo di lavoratori impoveriti e sfruttati in condizioni non sicure crea una situazione perfetta per tragedie come quella verificatasi in Bangladesh. E tristemente, questi rapporti non tengono conto nemmeno dei lavoratori che sono detenuti come schiavi moderni, che è anche un evento normale nel settore dell'abbigliamento.

Come fare scelte di abbigliamento socialmente responsabili

La complessità della catena di fornitura dell'abbigliamento può rendere difficile per i consumatori effettuare scelte socialmente responsabili. In definitiva, una scelta socialmente responsabile nel contesto dell'abbigliamento dovrebbe significare che state prendendo decisioni che prendono posizione contro lo sfruttamento dei lavoratori.

Con questo in mente, è importante avere una comprensione dei tipi di scelte che possono effettivamente fare la differenza. Una scelta intelligente è quella che riduce la domanda di una fornitura di vestiti fatta da esseri umani in un impiego inaccettabile.

1. Conosci le tue marche preferite
Per molti anni è stato impossibile sapere veramente se il tuo marchio preferito avesse pratiche di sfruttamento nella sua catena di approvvigionamento. Anche se il marchio è stato realizzato in America, è stato possibile che il cotone nel prodotto o il tessuto stesso provengano da una dubbia fonte internazionale.

Per fortuna, ora ci sono organizzazioni senza scopo di lucro che hanno reso la trasparenza la loro missione. Ad esempio, Free2Work fornisce informazioni complete sui marchi relativi alla tratta e ad altri abusi sul lavoro. Ora puoi guardare le tendenze del settore Abbigliamento di Free2Work per informazioni su un'ampia varietà di marchi di abbigliamento amati, tra cui un sistema di classificazione che ti aiuta a orientarti verso scelte responsabili. Ad esempio, sia Lacoste che Abercrombie & Fitch hanno ottenuto voti molto bassi, ma Adidas e Timberland hanno ottenuto un punteggio abbastanza buono sul sistema di valutazione.

Sebbene Free2Work non abbia informazioni su ogni marca disponibile per l'acquisto, è almeno un punto di partenza. Sorprendentemente, il costo per i consumatori tra i marchi è comparabile, indipendentemente dal grado di ciascun marchio. Di conseguenza, potresti non dover spendere più denaro per un marchio con un voto "A" di un marchio con un "F."

2. Evita fonti notorie
Per quei marchi che non sono sulla guida di Free2Work, devi prendere una decisione informata da ciò che sai sul settore in generale. Sfruttamento, lavoro minorile e schiavitù moderna sono enormi problemi in tutta l'industria globale dell'abbigliamento. Alcune fonti internazionali sono famose per le pratiche deplorevoli. Ad esempio, sappiamo che nazioni come il Vietnam, l'India, il Bangladesh e l'Indonesia usano regolarmente i bambini nella loro produzione di abbigliamento. Evita di acquistare vestiti che abbiano una di queste nazioni elencate sul suo cartellino.

3. Cerca le opzioni di commercio equo e solidale
Sfortunatamente, potresti scoprire che le tue opzioni sono limitate una volta che inizi a guardare il luogo di produzione. Se trovi che tutti gli indumenti per l'acquisto presso il tuo Walmart locale sono fabbricati in Bangladesh o in India (il che è molto probabile), puoi iniziare a cercare le opzioni del commercio equo e solidale.

Tradizionalmente, la certificazione del commercio equo e solidale è stata utilizzata su alimenti come caffè, tè e cacao, ma il commercio equo e solidale ha recentemente iniziato a offrire la certificazione alle aziende di abbigliamento. Una certificazione del commercio equo sull'abbigliamento significa che il tuo acquisto compensa in modo equo gli agricoltori che coltivano il cotone fino ai lavoratori che cuciono gli indumenti. Questa è una nuova certificazione, quindi le uniche aziende che lo hanno guadagnato finora sono Good & Fair Clothing, HAE Now, prAna e Tompkins Point Apparel.

4. Acquisto da società che si riabilitano
Anche se tutte le informazioni sullo sfruttamento della manodopera possono essere devastanti da apprendere, c'è un incredibile lavoro di riabilitazione in corso in tutto il mondo. Aziende come Bajalia collaborano con organizzazioni non governative internazionali (ONG) e chiese per vendere abbigliamento, accessori e artigianato prodotti da uomini, donne e bambini che sfuggono a condizioni di sfruttamento.

Se acquisti beni prodotti da un ex operaio sfruttato, stai sostenendo il sostentamento di un individuo che è sfuggito a condizioni orribili. In sostanza, non stai solo boicottando condizioni inaccettabili, ma stai mettendo i tuoi soldi in condizioni di lavoro buone, onorevoli e umane. Puoi aspettarti di spendere circa il 50% in più di beni che sono equamente negoziati se acquisti tramite Bajalia.

5. Riduci il consumo
Tutte le idee sopra menzionate sono indicazioni per gli acquisti. Ma vale anche la pena considerare i tuoi modelli di acquisto, e se vuoi o meno fare delle riduzioni nel numero di prodotti che acquisti, così puoi permetterti di comprare vestiti più responsabili in quantità minori.

È più facile permettersi il markup del 50% sugli accessori commercializzati in modo equo se non sborsate centinaia o migliaia di dollari l'anno su articoli che sono la moda a buon mercato del momento. Non solo, è probabile che gli articoli di alta qualità durino più a lungo delle loro controparti economiche ma economiche.

Parola finale

Assicurarti di seguire le tendenze della moda di giorno in giorno non vale la pena sostenere lo sfruttamento del lavoro. Con un po 'di consapevolezza e ricerca, è possibile apparire alla moda senza far pagare caro alla tua moda un altro essere umano. Tutti i marchi del commercio equo e solidale citati sopra, e molti dei marchi che hanno un rating "A" o "B" su Free2Work, sono anche abbastanza alla moda e convenienti.

Mescola il tuo abbigliamento socialmente responsabile con accessori di tendenza per dare un nuovo look che ti fa sentire bene. Un po 'di sforzo e moderazione da parte dei consumatori americani possono fare la differenza globale.

Come pensi di applicare la tua conoscenza dello sfruttamento lavorativo ai tuoi acquisti di abbigliamento?


6 programmi di rimborso e perdonamento prestiti per studenti per i quali è possibile qualificarsi

6 programmi di rimborso e perdonamento prestiti per studenti per i quali è possibile qualificarsi

Il debito dei prestiti agli studenti può essere schiacciante, soprattutto per i laureati che entrano in industrie che finiscono per non pagare molto bene. Se ti accorgi che hai problemi a fare il tuo pagamento del prestito studentesco - o se vuoi solo accelerare il processo di eliminazione del debito - vale la pena considerare il rimborso del debito, il perdono e i programmi di cancellazione.

(Soldi e affari)

Debt Snowflaking - 25 modi per trovare denaro extra e pagare il debito

Debt Snowflaking - 25 modi per trovare denaro extra e pagare il debito

Se hai un debito, potresti provare un senso di disperazione e il desiderio di eliminarlo il prima possibile. Ridurre le spese mensili e sviluppare un piano di rimborso del debito aggressivo è un ottimo inizio. A seconda della gravità della tua situazione, potresti voler smettere di usare le carte di credito anche durante questo periodo.A

(Soldi e affari)