it.lutums.net / Come semplificare la tua vita con semplicità volontaria - Vantaggi e sfide

Come semplificare la tua vita con semplicità volontaria - Vantaggi e sfide


La classe media in America è definita in gran parte dai suoi sogni e ambizioni. La Task Force di classe media formata dall'amministrazione Obama ha scoperto che le persone che si definiscono borghesi generalmente condividono alcune aspirazioni basilari: possedere una casa e un'auto (o due), fare regolarmente delle vacanze in famiglia, mandare i figli all'università e alla fine smettere lavorare per godersi una pensione confortevole. Anche se non hanno ancora raggiunto questo stile di vita, è ancora la loro versione del sogno americano.

Sfortunatamente, questo sogno ha un prezzo elevato. Nel 2010, il costo medio per acquistare una casa negli Stati Uniti era $ 272, 900, secondo l'US Census Bureau. L'American Automobile Association riporta che il costo medio di possedere un'automobile è di circa $ 8.700 all'anno - o $ 17, 400 se si hanno due auto per due adulti in una famiglia. Un sondaggio di American Express ha messo il costo medio di una vacanza a più di $ 4, 000 per una famiglia di quattro persone, e il College Board riporta il costo effettivo di un anno di college (incluso vitto e alloggio e detrazione di borse e borse di studio) a circa $ 14.000 per un college pubblico e $ 26.000 per uno privato. Con tutti questi costi da coprire, molti americani finiscono per lavorare lunghe ore per pagare il loro stile di vita - il che dà loro meno tempo per goderselo.

Ma alcuni americani hanno un sogno diverso. Invece di una grande casa in periferia, si immaginano in un accogliente cottage che è completamente ripagato, con un po 'di terra per coltivare le proprie verdure. Invece di avere due nuove auto, immaginano di poter viaggiare quasi ovunque a piedi o in bicicletta. E invece di lavorare lunghe ore per pagare le bollette, sognano di lavorare meno ore e avere più tempo da trascorrere insieme come famiglia - non solo durante una vacanza annuale, ma ogni giorno.

Questo sogno di una vita ridotta, a ritmo lento va sotto molti nomi, ma il più noto è la semplicità volontaria. E per molte persone, non è solo un sogno: è il modo in cui hanno scelto di vivere le loro vite. Le persone che abbracciano la semplicità volontaria consumano meno non perché ne hanno bisogno, ma perché li rendono più felici. Scegliendo di spendere meno, ottengono la libertà di lavorare di meno e dedicano molto del loro tempo alle cose a cui tengono.

Il movimento volontario di semplicità

Nel corso della storia, ci sono stati molti scrittori e pensatori che hanno affermato che la chiave della felicità risiede nel vivere una vita più semplice con un minor numero di beni. Nel mondo antico, Buddha, Socrate e Gesù abbracciavano tutte le vite della povertà e sottolineavano l'importanza di limitare i desideri materiali. Agli albori di questo paese, scrittori come Benjamin Franklin, Ralph Waldo Emerson e Henry David Thoreau promuovevano uno stile di vita semplice e frugale. Vari gruppi religiosi, dagli ordini monastici del Medioevo ai moderni Quaccheri e Amish, hanno reso la vita semplice una parte fondamentale dei loro insegnamenti.

Il moderno movimento di semplicità è nato dalla controcultura degli anni '60 e '70, che pone una forte enfasi sulla resistenza alla cultura del consumatore e sul vivere in armonia con la natura. Una parte importante di questa controcultura era il movimento "back to the land" promosso da Helen e Scott Nearing, che vivevano uno stile di vita semplice e in gran parte fuori dalla griglia nella loro fattoria nel Vermont rurale. I loro obiettivi, espressi nel loro libro "Living the Good Life" del 1954, erano di vivere una vita verde, sana e autosufficiente al di fuori del mercato capitalista.

Nel 1981, questo movimento ha guadagnato un nuovo nome con la pubblicazione del libro "Voluntary Simplicity" di Duane Elgin, che ha abbracciato "uno stile di vita esteriormente semplice, interiormente ricco". Gli scrittori precedenti che promuovevano la vita semplice avevano spesso usato il termine " povertà volontaria ", sottintendendo che anche chi aveva un sacco di soldi poteva ottenere soddisfazione scegliendo di vivere come se avessero poco. Tuttavia, il nuovo termine "semplicità volontaria" spostò il concetto dalla povertà, che suggerisce difficoltà e, verso la semplicità, l'idea di una vita meno complicata. Come mostra questo grafico di Google Books, il termine "semplicità volontaria" ha cominciato ad apparire con crescente frequenza nelle opere stampate nei primi anni '70, raggiungendo un picco quando il libro di Elgin uscì nel 1981.

Dopo il 1981, la popolarità del termine declinò per un po ', ma negli anni '90 il suo uso iniziò a crescere ancora una volta dato che diversi nuovi libri contribuirono al movimento. "Your Money or Your Life", pubblicato nel 1992 da Joe Dominguez e Vicki Robin, ha mostrato come è stato possibile raggiungere l'indipendenza finanziaria ridimensionando drasticamente il tuo stile di vita. Nel 1997, Cecile Andrews ha scritto "The Circle of Simplicity: Return to the Good Life", che ha incoraggiato i lettori a formare "circoli della semplicità" per condividere idee sulla vita semplice e supportarsi a vicenda nelle loro scelte. E i libri dell'economista Juliet Schor "The Overworked American" (1993) e "The Overspent American" (1997) hanno mostrato quanti americani erano intrappolati in un ciclo di lavoro e di spesa ben oltre il punto di necessità, e hanno indicato alcune possibili soluzioni al problema.

Oggi c'è un altro nome per il movimento volontario della semplicità: il minimalismo. I minimalisti di oggi, come Leo Babauta, si concentrano sul declassare le loro case e le loro vite, spogliando tutto ciò che non interessa loro in modo che possano concentrarsi maggiormente su ciò che conta per loro.

Anche se molte persone pensano che i moderni minimalisti vivano tutti in appartamenti da studio con non più di 100 beni, senza lavoro e senza famiglia, in realtà sono solo persone che hanno dato una nuova svolta all'idea della semplicità volontaria: una vita senza niente non necessario. Per loro, ritagliare oggetti e attività indesiderate non è un obiettivo in sé: è un mezzo per la fine di lasciare spazio nella loro vita per le cose a cui tengono.

Vivere una vita semplice

L'obiettivo principale della vita semplice è ridurre il consumo. Una vita semplice mette meno enfasi sulla ricchezza materiale e più sulle cose che il denaro non può comprare, come il tempo libero, le relazioni forti, una connessione con la natura e la spiritualità. Adottare una vita semplice viene a volte chiamato "scalata", perché implica uno stile di vita frenetico e ad alto stress per uno in cui si lavora di meno, si guadagna meno e si spende di meno.

Caratteristiche di una vita semplice

Una vita semplice si differenzia dal tipico stile di vita americano in diversi modi:

  • Consumo cosciente . Vivere una vita più semplice non significa solo spendere di meno, significa anche spendere consapevolmente. Ciò significa esaminare attentamente ogni acquisto e chiedersi se valga davvero la pena spendere i soldi e le ore che si spendono per fare quei soldi. Ad esempio, i downshifters tendono ad evitare di spendere soldi per beni di lusso che servono principalmente a enfatizzare lo status sociale, come abiti firmati o macchine di lusso. Invece, cercano di ottenere il massimo dai loro dollari per lo shopping scegliendo prodotti che siano pratici, ben fatti e rispettosi dell'ambiente.
  • Meno oggetti . Un effetto collaterale del consumo consapevole è che si finisce con meno oggetti. Ad esempio, se pensi attentamente ad ogni acquisto di abbigliamento invece di acquistare automaticamente nuovi vestiti ogni stagione, gradualmente ti ritroverai con un guardaroba più piccolo, ma tutto ciò che contiene sarà qualcosa che ami e indossi spesso. Allo stesso modo, quando un apparecchio si rompe, ad esempio una macchina per il pane, invece di esaurirlo per sostituirlo subito, puoi chiedertelo se ne hai davvero bisogno. Se decidi che preferisci semplicemente comprare il tuo pane al negozio, o persino imparare a farlo a mano, è un oggetto in meno nella tua casa che devi occuparti di.
  • Case più piccole . Secondo i dati del Bureau of Labor Statistics, l'alloggio è la più grande spesa per i bilanci delle famiglie, rappresentando il 26% della spesa totale. Quindi ha senso che le famiglie che vogliono scalare le spese spesso inizino a ridimensionare le loro case. La scelta di una piccola casa può anche semplificare la vita di una famiglia, dando loro meno spazio per la manutenzione e la pulizia, nonché meno spazio per accumulare più cose. Alcuni minimalisti scelgono addirittura di vivere in piccole case - meno di 200 piedi quadrati - che portano questi benefici al loro estremo. Altri, invece, si uniscono alle comunità di cohousing, che danno loro più spazio per i loro dollari di casa perché la maggior parte di questo spazio è condivisa con gli altri.
  • Basso consumo di energia . Un altro vantaggio delle case più piccole è che usano meno energia per riscaldare e raffreddare. Scegliendo di vivere in piccolo e ridurre il numero di dispositivi elettrici che possiedono, molti downshifters sono in grado di ridurre il loro consumo di elettricità al punto in cui possono alimentare le loro case con pannelli solari o altre forme di energia rinnovabile. I downshifter risparmiano anche energia sui trasporti camminando o andando in bicicletta al lavoro, a volte anche rinunciando completamente alle loro auto, evitando i viaggi aerei e lo stress che ne deriva.
  • Mangiare consapevole . Per la maggior parte dei downshifters, vivere semplicemente significa anche mangiare semplicemente: pasti fatti in casa fatti con cibi interi e non trasformati. Molti scelgono diete vegetariane o vegane per ragioni etiche, ambientali o di salute. In un certo senso, questo modo di mangiare è un risparmio di denaro, poiché i pasti al ristorante tendono a costare più della cucina casalinga e la carne è solitamente più costosa di verdure e cereali. Tuttavia, in alcuni casi, mangiare in modo semplice può effettivamente costare di più. I downshifters spesso scelgono consapevolmente di spendere di più per cibo locale, alimenti biologici o prodotti del commercio equo e solidale a causa dei loro benefici per la salute, le persone e il pianeta. Alcuni scelgono di coltivare il proprio cibo a casa, investendo tempo invece di denaro in ciò che mangiano.
  • Ore di lavoro più brevi . La semplicità volontaria non consiste solo nello spendere meno denaro. Il punto principale per la maggior parte dei downshifters è che, spendendo meno, possono permettersi di lavorare di meno. Data la scelta tra un lavoro più remunerativo con una settimana lavorativa da 40 a 60 ore e un lavoro meno retribuito che richiede solo da 20 a 30 ore di lavoro, prenderanno il lavoro che darà loro meno soldi e più tempo libero tempo. Piuttosto che mirare ad aumentare il loro tenore di vita con una retribuzione più elevata, preferiscono migliorare la loro qualità di vita avendo più tempo per concentrarsi su altre cose oltre al lavoro, come la famiglia, la fede, la comunità, l'arte, la borsa di studio, la politica o semplicemente il relax .

Che aspetto ha una vita semplice

La vita semplice significa cose diverse per persone diverse. La versione di una persona della vita semplice poteva essere proprietaria di una piccola cabina fuori terra nel paese, riscaldata con il legno e alimentata da pannelli solari, con pochi acri di terra per coltivare verdure e allevare capre e polli. Questo downshifter che vive in campagna potrebbe lavorare solo poche ore a settimana per pagare, magari lavorando da casa come libero professionista, e passare il resto del suo tempo a occuparsi di giardino e bestiame, fabbricazione e riparazione di vestiti e bambini in età scolare.

Per un'altra persona, al contrario, la vita semplice potrebbe significare vivere in un appartamento scarsamente arredato in un edificio con un giardino sul tetto. Questo minimalista urbano potrebbe scegliere di vivere senza auto, a piedi o in autobus per lavorare ogni giorno, e facendo regolarmente fermate alla biblioteca pubblica per libri e al mercato degli agricoltori per verdure fresche e biologiche. Nei fine settimana, poteva prendere una esibizione gratuita in un parco locale o una lettura di poesie in una libreria vicina.

Questi due downshift hanno ovviamente stili di vita molto diversi, ma entrambi stanno vivendo la vita semplice. Entrambi hanno scelto, ognuno a modo loro, di riflettere attentamente sulle loro scelte di consumo ed evitare di acquistare qualsiasi cosa che non arricchisce veramente le loro vite. Ciò significa che possono entrambi vivere una vita frugale e, allo stesso tempo, personalmente soddisfacente.

Che semplicità volontaria non lo è

Poiché la semplicità volontaria è così diversa dallo stile di vita americano tradizionale, i downshifters spesso scoprono che le persone che incontrano non comprendono veramente il modo in cui vivono. Devono dedicare molto tempo a spiegare agli altri che la semplicità volontaria non è la seguente:

  • Privazione Anche dopo aver lasciato cadere il nome di "povertà volontaria", il movimento volontario di semplicità colpisce ancora molte persone per quanto riguarda l'apprendimento del "fare a meno". Il blogger di Choose Voluntary Simplicity lamenta di aver visto il movimento descritto come "imparare a vivere poveri" e spendere solo per necessità. La verità è che la vita semplice ha un sacco di lussi - sono solo lussi diversi da quelli che la maggior parte degli americani sceglie. I downshifters scelgono spesso di vivere senza TV via cavo, smartphone, abiti firmati, grandi case, vestiti nuovi e persino automobili - ma si trattano con verdure biologiche e abbigliamento fatto a mano e godono di molto tempo libero da trascorrere con la famiglia o godersi la natura. Quindi la semplicità volontaria non significa rinunciare alle cose che ti piacciono; piuttosto, significa decidere quali cose ti piacciono di più e concentrarti su di esse.
  • Vivere fuori dalla terra Poiché il movimento volontario della semplicità ha le sue radici nel movimento back-to-the-land degli anni '60 e '70, molte persone credono che vivere una vita semplice significhi trasferirsi in una comune del paese. Tuttavia, i sostenitori della vita semplice sottolineano che una vita semplice non deve significare vita agraria. È vero che la maggior parte degli abitanti delle città non può coltivare il proprio cibo, ma in realtà è molto più facile per loro rinunciare alle loro macchine, dato che hanno un accesso immediato al trasporto di massa, o vivono in una piccola casa, dato che molte case di città sono piuttosto appartamenti di grandi case. Una vita semplice in città sembra molto diversa da una vita semplice in campagna, ma entrambe sono possibili.
  • Rifiutando la tecnologia moderna . Nell'introduzione alla sua edizione 2010 di "Voluntary Simplicity", Duane Elgin si lamenta che i media spesso ritrae il movimento come "un nostalgico desiderio di tornare al passato" e rifiuta le trappole della vita moderna. In effetti, i minimalisti trattano la tecnologia nel modo in cui trattano tutte le altre parti della vita: la considerano attentamente e decidono se i suoi benefici superano di gran lunga i suoi svantaggi. Quindi, le persone che vivono semplicemente scelgono spesso di cancellare la loro TV via cavo perché non ne godono abbastanza da giustificare il tempo che impiegano o l'esposizione pubblicitaria, o di guidare meno perché trovano che andare in bicicletta sia più sano e meno stressante. Ma continuano a utilizzare i tipi di tecnologia che considerano veramente utili, come le luci elettriche, la refrigerazione, la medicina moderna e Internet. In particolare, abbracciano tecnologie moderne che possono avvantaggiare l'ambiente, come elettrodomestici ad alta efficienza energetica, pannelli solari o computer che rendono possibile il telelavoro.
  • Contando i tuoi possedimenti . Joshua Fields Millburn e Ryan Nicodemus, i creatori di The Minimalists, dicono che l'idea sbagliata che affrontano più spesso è che l'obiettivo del minimalismo è quello di ottenere l'elenco di oggetti che possiedi fino a 100 o meno. Questa idea deriva probabilmente dal libro "The 100 Thing Challenge", dello scrittore minimalista Dave Bruno, che ha trascorso un anno a ridimensionare solo 100 oggetti per dimostrare che gli oggetti materiali non sono al centro della sua vita. Tuttavia, Bruno e altri minimalisti concordano sul fatto che il punto del minimalismo non è quello di limitare i tuoi possedimenti a un numero arbitrario, ma piuttosto di decidere quali cose nella tua vita hai veramente bisogno e valore, eliminando quelle che non ti piacciono. L'obiettivo non è possedere meno cose, ma avere più tempo ed energia per le cose che contano di più.

Benefici della vita semplice

Downshifters e minimalisti hanno molte ragioni diverse per scegliere la vita semplice. I vantaggi che le persone citano più spesso sono i seguenti:

  • Meno stress finanziario . Per la maggior parte degli americani, il denaro è una fonte importante di stress. Un sondaggio dell'American Psychological Association ha rilevato che il 72% di tutti gli americani dichiara di avere almeno un certo stress legato al denaro nell'ultimo mese, e il 22% afferma che lo stress è grave. Una ragione di questo è che così tanti americani pagano lo stipendio per stipendio, con poco o nessun denaro risparmiato per affrontare le emergenze, come i costi sanitari. Il sondaggio APA riporta che quasi il 20% degli americani ha saltato o ha preso in considerazione l'idea di saltare una visita dal medico perché non potevano permetterselo. Al contrario, i downshifters non devono preoccuparsi tanto del denaro perché sono in grado di vivere molto poco. Spendendo molto meno di quello che guadagnano, possono costruire un fondo di emergenza, pagare i debiti e sentirsi liberi di spendere di tanto in tanto se lo desiderano.
  • Più tempo libero . Poiché spendono meno, i minimalisti possono anche permettersi di lavorare di meno, liberando tempo ed energie per altre attività. Possono fare volontariato per cause meritevoli, intraprendere attività artistiche o intellettuali o dedicare più tempo alle relazioni familiari e personali.
  • Lavoro più soddisfacente . Alcuni downshifter continuano a lavorare lo stesso numero di ore, ma con un lavoro più soddisfacente e meno retribuito. Poiché il loro stile di vita è meno costoso, possono permettersi di rinunciare a lavori altamente retribuiti che non godono a favore di altri lavori che trovano più soddisfacenti.
  • Una vita più verde . Le persone che scelgono la semplicità volontaria sono spesso ambientalisti che si preoccupano di come il loro consumo influisce sul pianeta. Scegliendo di consumare meno, riducono il loro uso di risorse naturali, compresi acqua e combustibili fossili, e contribuiscono meno all'inquinamento industriale. E poiché acquistano meno cose in generale, possono permettersi di spendere di più per prodotti più ecologici, come il cibo biologico o il legno di recupero.
  • Condivisione con altri . Un altro problema che molti downshifters temono è la povertà. Viviamo in un mondo con risorse limitate e la maggior parte di queste risorse va incontro ai bisogni dei ricchi. Scegliendo di vivere in modo semplice, i downshifters mirano a ridurre il loro uso delle risorse in modo da renderli disponibili per gli altri. Secondo le leggi della domanda e dell'offerta, calcolano, meno comprano un prodotto, più basso sarà il suo prezzo, rendendolo più conveniente per le altre persone. Ma dal momento che questo processo richiede molto tempo, alcune persone usano anche i soldi che risparmiano per aiutare direttamente i poveri, donando loro denaro extra ai programmi anti-povertà.
  • Apprezzamento Uno dei motivi principali che i minimalisti danno per scegliere uno stile di vita ridotto è che vivere con meno li rende più riconoscenti di ciò che hanno. Avere un guardaroba che non è ingombro di vestiti significa che non indossano nient'altro che i loro abiti preferiti. Liberarsi della TV e cancellare l'account Facebook li aiuta a godere del semplice piacere di sedersi sul patio con una tazza di caffè, ascoltando gli uccelli. Tagliare bibite e fast food permette ai loro palati di riadattarsi ai sapori di base del pane appena sfornato e dei pomodori fatti in casa. Questi piccoli momenti di apprezzamento rendono la vita semplice una vita più soddisfacente per coloro che la praticano.

Sfide della vita semplice

Il nome "volontaria semplicità" è un po 'fuorviante. In molti modi, una vita "semplice" può effettivamente essere più complicata e impegnativa di uno stile di vita tradizionale.

Ciò è particolarmente vero per coloro che scelgono di ritirarsi completamente dalla società dei consumi, come ad esempio i Prossimi. Se rifiuti di comprare qualcosa, allora tutto ciò che usi - cibo, vestiti, articoli per la casa - deve essere fatto in casa. Quando devi crescere o fare assolutamente tutto da zero, solo mantenere te stesso nutrito e vestito può richiedere molte più ore del tuo tempo di un lavoro a tempo pieno.

Tuttavia, anche per coloro che scelgono di rimanere all'interno della società tradizionale, ma semplicemente consumano meno, vivere semplicemente può ancora richiedere tempo. Ad esempio, in genere è necessario più tempo per camminare o andare in bicicletta al lavoro piuttosto che per guidare. Preparare un pasto cucinato in casa richiede più tempo di fermarsi in un ristorante di fast-food e riparare una maglietta strappata può richiedere più tempo di un grande magazzino per acquistarne uno nuovo. Per di più, devi sapere come cucire, cucinare e andare in bicicletta, se non lo conosci già, e imparare queste abilità richiede più tempo.

Per molte persone, però, la sfida più grande della vita semplice è come ti può scoraggiare dai tuoi pari. Ad esempio, se hai sempre avuto l'abitudine di uscire con i tuoi colleghi per alcune birre dopo il lavoro, e decidi di smettere di andare perché ritieni che sia una spesa inutile, perdi quel contatto sociale - e forse infastidisci o confondere i tuoi colleghi, che potrebbero sentirsi come se li stessi rifiutando personalmente. Puoi provare a mantenere le tue amicizie suggerendo diverse attività sociali che si adattano al tuo nuovo stile di vita, come andare a fare una passeggiata insieme all'ora di pranzo. Tuttavia, non puoi essere sicuro che i tuoi colleghi seguiranno questo piano.

Questo isolamento sociale può essere particolarmente difficile per i downshifter che hanno bambini a scuola. Una cosa è prendere decisioni che ti distinguono dai tuoi pari, ma è molto più difficile dire ai tuoi figli che non possono avere le nuove sneakers indossate da tutti i loro amici o guardare gli spettacoli televisivi che guardano tutti i loro compagni di scuola.

I genitori che non vogliono che i loro figli siano isolati dai loro coetanei possono fare uno sforzo speciale per aiutare i loro figli a fare amicizia, invitando altri bambini a unirsi ai tuoi in attività come escursioni o mestieri che si adattano al tuo stile di vita semplice. Ma quando i tuoi figli hanno problemi a farsi degli amici perché semplicemente non hanno nulla in comune con i loro compagni di classe, a volte sembra più facile arrendersi e lasciare che i tuoi figli vivano come fanno gli altri bambini. Puoi sempre sperare che esponendoli alla vita semplice, oltre al moderno stile di vita del consumatore, stai dando loro le competenze di cui hanno bisogno per scegliere una vita semplice per loro stessi quando invecchiano.

Verso una vita semplice

Dopo aver valutato i pro ei contro, se decidi che la vita semplice è per te, ecco alcuni passaggi che puoi compiere per raggiungerlo:

  • Considera i tuoi obiettivi . Lo scopo della vita semplice è quello di eliminare le cose che non sono importanti per te in modo da avere più tempo per le cose che contano. Quindi, prima di iniziare a semplificare la tua vita, devi capire cosa è più importante per te. Ad esempio, se hai un lavoro che non ti piace, uno dei tuoi obiettivi potrebbe essere quello di ridurre le tue spese di vita abbastanza da vivere con un salario inferiore facendo qualcosa che ti appassiona. Oppure, se sei preoccupato per l'ambiente, il tuo obiettivo potrebbe essere quello di ridurre la tua impronta di carbonio a zero o il più vicino possibile. Non c'è ragione giusta o sbagliata per vivere semplicemente - è solo una questione di decidere cosa ti interessa, così puoi concentrarti su quello.
  • Inizia spendere consapevolmente . Una volta che hai deciso cosa vuoi dalla tua vita semplice, puoi iniziare a dirigere le tue spese in modo che corrispondano ai tuoi obiettivi. Prima di effettuare qualsiasi acquisto, prenditi qualche minuto per chiederti come funziona o non si adatta alla tua nuova visione della vita. Se stai mirando a vivere una vita più verde, fare questa domanda potrebbe portarti a passare i manghi importati al supermercato a favore di mele locali e biologiche. Se il tuo obiettivo è quello di ridurre le ore di lavoro, potresti finire per decidere che il nuovo paio di scarpe che hai appena provato non valga le ore che occorrerebbe per pagarle. Ancora una volta, non ci sono scelte giuste o sbagliate - il punto è assicurarsi che tutto ciò che acquisti sia qualcosa che è davvero utile per te.
  • Cancella il Clutter . Esperti di vita semplici dicono che spurgare la tua casa di roba in eccesso è un buon esercizio. Può aiutarti a capire quante delle cose che possiedi non sono veramente necessarie, e può eliminare la confusione che intralcia le cose di cui hai davvero bisogno e valore. Attraversa una stanza alla volta, raccogli gli oggetti e chiediti: "Lo uso mai? Ha valore per me? Si inserisce nella mia vita più semplice? "Se non riesci a rispondere sì a tutte e tre le domande, mettila nella scatola delle donazioni.
  • Scopri di più . Ci sono molte risorse online che possono fornirti maggiori informazioni sulla vita semplice e su come raggiungerla. The Simplicity Collective, una "rete di immaginazioni" auto-descritta che promuove la vita semplice, offre molti articoli e estratti di libri sul suo sito web, nonché un forum di discussione in cui i membri condividono i loro pensieri e le loro domande. Il sito web di Cecile Andrews ha collegamenti con una moltitudine di articoli sulla vita semplice da riviste, giornali e riviste. E i minimalisti offrono una vasta gamma di informazioni sullo stile di vita minimalista, inclusi saggi, interviste radiofoniche e televisive, podcast e clip del film "Minimalismo: un documentario" del 2016.

Parola finale

Alcune persone rifuggono dalla semplicità volontaria perché la considerano "troppo estrema". Ma non c'è bisogno di andare agli estremi per godere dei benefici di una vita più semplice. Non devi rinunciare alla tua macchina, lasciare il lavoro, disconnettere la TV o spostarti in una cabina off-grid con una stufa a legna. Vivere semplicemente può darti la libertà di fare queste cose, se è quello che vuoi, ma non è assolutamente un requisito.

L'intero punto della semplicità volontaria è essere più attenti al modo in cui vivi la tua vita: quanto lavori, quanto spendi e se le tue azioni si accordano con i tuoi valori. Pensando attentamente a questo tipo di scelte, puoi liberarti dalle cose della tua vita che non contano davvero e concentrarti maggiormente sulle cose che fanno .

La canzone del 1946 "Give Me the Simple Life" di Rube Bloom e Harry Ruby, fa un buon lavoro riassumendo il principio della semplicità volontaria: "Un cottage piccolo è tutto ciò che sto cercando, non uno che è spazioso e ampio, un casa che suona con gioia e risate e quelli che ami dentro. "In altre parole, vivere semplicemente significa concentrarsi meno sugli oggetti materiali e più sulle persone a cui tieni - e non c'è nulla di estremo in ciò.

Cosa significa per te la vita semplice?


15 idee di confezioni regalo uniche e creative che sono frugali e divertenti

15 idee di confezioni regalo uniche e creative che sono frugali e divertenti

È difficile credere che il Natale sia ora a meno di una settimana di distanza. A questo punto, molti di noi iniziano a pensare di confezionare regali per familiari e amici.Il problema con la carta da imballaggio è che è piuttosto dannoso per l'ambiente. Secondo Earth911, ogni anno passiamo attraverso 4 milioni di tonnellate di carta da imballaggio. E

(Soldi e affari)

Qual è l'assicurazione del titolo di casa - Spese, copertura e necessità della politica

Qual è l'assicurazione del titolo di casa - Spese, copertura e necessità della politica

Quando viene chiesto di nominare il tipo più importante di assicurazione immobiliare, molti proprietari di case rispondono con fiducia e senza esitazione alle "assicurazioni dei proprietari". Dopotutto, le polizze assicurative dei proprietari di case proteggono da potenziali perdite finanziarie enormi dovute a danni da fuoco, acqua, vento, atti vandalici e una miriade di altri pericoli.

(Soldi e affari)