it.lutums.net / 5 Capacità decisionali e tecniche - Il cervello emotivo

5 Capacità decisionali e tecniche - Il cervello emotivo


"Usa il tuo noodle! Il tuo cervello è come ogni altro muscolo nel tuo corpo; usandolo prima di agire, meno sorprese avrai con una maggiore probabilità di ottenere i risultati che ti aspetti ".

I consigli di mio padre più di 50 anni fa continuano a beneficiarmi quando affronterò un problema particolarmente spinoso nei miei affari, nei miei investimenti o nella mia famiglia. Qualunque cosa tu chiami il processo - "meditare", "riflettere", "speculare" o "snellire" - il modo per garantire risultati ottimali attraverso decisioni migliori rimane lo stesso.

Sebbene accademici e psicologi continuino a esplorare e illuminare i misteri del cervello umano - in particolare come riceviamo, elaboriamo, interpretiamo, manipoliamo, mettiamo in discussione e implementiamo le informazioni nel processo decisionale - il consiglio di quel vecchio saggio a suo figlio di pensare prima di agire rimane altrettanto vero per tutti oggi come nelle generazioni precedenti nel corso dei secoli.

Cos'è "Noodling"?

"Noodling" è un termine per il processo che si verifica nella corteccia prefrontale dei lobi frontali del cervello e controlla come raccogliamo ed elaboriamo le informazioni esterne, riconciliamo e integriamo le nostre emozioni, ci esprimiamo e controlliamo il nostro comportamento.

Il dottor Alan Baddeley, uno psicologo britannico, è accreditato con il termine "blocco per schizzi mentali" descritto nel suo lavoro pionieristico, "Working Memory", nel 1986. I nostri singoli blocchi di disegno mentale, o "mappe cognitive", consentono a ciascuno di noi di raccogliere informazioni da fonti disparate (ricordi di eventi reali, così come ipotetici o immaginari), combinarle e coordinarle in episodi razionali e prendere in media 35.000 decisioni al giorno, ciascuna basata sul risultato più desiderabile di varie possibili soluzioni previste .

Il valore delle emozioni nel processo decisionale

Ai nostri lontani antenati era richiesto di prendere decisioni sulla vita e sulla morte con conseguenze immediate. Le decisioni per non fare nulla, fuggire o combattere dovevano essere valutate e decise in pochi millisecondi, in modo che i processi mentali, emanati dal lato "emotivo" del cervello al di fuori della consapevolezza cosciente, stimolassero l'azione immediata. In altre parole, i loro "sentimenti" hanno innescato la loro risposta.

Ogni volta che una risposta prevista è corretta, viene creata una memoria a breve termine che viene aggiunta al database della mente umana. Ogni volta che si verifica una situazione simile, il cervello, ricordando la serie di risultati favorevoli di precedenti risposte e predire un risultato simile, promuove una risposta simile, di solito a livello inconscio, in modo da non essere nemmeno a conoscenza del processo decisionale stesso.

Quando è stata l'ultima volta, ad esempio, che hai deciso consapevolmente di sollevare il piede più in alto quando sali le scale? Tuttavia, il processo che porta a queste decisioni non è diverso dal processo per le decisioni prese quando si guida un'auto, si incontra qualcuno per la prima volta o si riconosce che una soluzione matematica è corretta.

Il potere del cervello emotivo

La presenza e l'efficienza del nostro cervello reattivo ed emotivo, affinata in milioni di anni di evoluzione, è più evidente negli sport professionistici. Per esempio, un tipico tiro da grande lega viaggia a 90 piedi dalla mano del lanciatore al guantone del ricevitore nell'intervallo medio tra due battiti del cuore umano (circa un terzo di secondo). Allo stesso tempo, la pastella richiede circa un quarto di secondo perché i suoi muscoli reagiscano dopo aver ricevuto un segnale dal cervello per oscillare. In effetti, occorrono altri 20 millisecondi affinché il cervello della pastella reagisca agli stimoli visivi (la palla che lascia la mano del lanciatore) in perfette condizioni di laboratorio prima di inviare il messaggio swing ai muscoli.

Per essere schietto, un battitore semplicemente non può decidere razionalmente se oscillare ritardando la sua decisione fino a che la palla non lascia la mano del lanciatore; deve decidere di far oscillare il pipistrello prima che si verifichi il tiro. Alla domanda su come hanno preso la decisione di oscillare a un passo specifico, la maggior parte dei battitori non può spiegare logicamente il loro processo di pensiero. Le loro spiegazioni sono generalmente che la situazione "sembrava giusta" o che il campo "sembrava buono". È il cervello emotivo in azione.

Imperfezioni del cervello emotivo

Nonostante il suo funzionamento quasi perfetto, i nostri cervelli emotivi soffrono di una serie di limitazioni:

1. Una preferenza per risultati immediati
I nostri cervelli emotivi sono fortemente influenzati dalle "ricompense" e dalla "prevedibilità" della ricezione di una ricompensa. La dopamina, una semplice sostanza chimica organica prodotta dalle cellule nervose nel cervello, segnala al cervello che una "ricompensa" o una sensazione piacevole è imminente. Il minor tempo tra lo stimolo (previsione) e la ricezione della ricompensa, il maggior livello di produzione di dopamina.

Di conseguenza, i guadagni immediati sono sopravvalutati nelle nostre analisi del valore, anche quando una ricompensa maggiore potrebbe essere ricevuta dall'attesa (gratificazione ritardata). Questa anomalia è alla base della strategia di marketing di successo nella vendita di prodotti costosi con termini di pagamento estesi.

2. Un'avversione esagerata al rischio
Mentre la propensione al piacere degli umani è incredibilmente forte, la nostra avversione per la perdita o il disagio è ancora più intensa. Di conseguenza, noi e altri animali evitiamo situazioni che sembrano "rischiose" o dove esiste la possibilità di disagio.

Nel loro articolo "Prospect Theory: An Analysis of Decision Risk" pubblicato nel 1979, lo psicologo vincitore del premio Nobel Daniel Kahneman e lo psicologo coautore Amos Tversky scoprirono che l'entità del guadagno doveva essere sproporzionatamente distorta per favorire la ricompensa prima di un comportamento rischioso intrapreso. Di conseguenza, è più probabile che gli esseri umani prendano una decisione errata quando si ritiene che sia presente qualsiasi rischio di perdita.

3. Manipolazione facile
Dal punto di vista del cervello, c'è poca differenza tra un'esperienza immaginaria o fantastica e la realtà. Entrambi possono generare alti livelli di dopamina e condurre a decisioni impulsive che, esaminate a posteriori, non hanno alcun senso razionale.

Inserzionisti e venditori di successo capiscono questa tendenza biologica al piacere e combinano immagini, suoni e parole per stimolare la produzione di dopamina. Alcuni farmaci come la cocaina, l'eroina e l'alcol stimolano la dopamina e spesso portano alla dipendenza - lo stesso vale per le attività piacevoli come il gioco d'azzardo, il fumo e il sesso fantasticato (pornografia).

4. Riduzione percettiva durante lo stress
Il sistema nervoso autonomo e il cervello emotivo lavorano mano nella mano per facilitare la sopravvivenza della specie. Durante lo stress, il nostro cuore e il ritmo respiratorio aumentano, le pupille dei nostri occhi si ingrandiscono per aumentare la sensibilità mentre diminuiscono la visione periferica, e la nostra consapevolezza del suono o delle informazioni udibili diminuisce. Questi cambiamenti fisici avvengono rapidamente e automaticamente, preparando il corpo all'azione.

Se dovessi sperimentare un evento potenzialmente letale, questi cambiamenti sarebbero utili. Tuttavia, quando si verificano mentre sono seduti in una riunione al lavoro, possono essere piuttosto disorientanti. Sotto stress, il nostro cervello emotivo non riesce a valutare tutte le informazioni disponibili, concentrando il laser sul pericolo immediato o sulla ricompensa.

Tecniche di Noodling per migliorare il processo decisionale

1. Rallentare per accelerare
"Ci viene insegnato a preferire una decisione immediata, anche se è male per una decisione successiva che è meglio", afferma la psicologa Clifford Nass della Stanford University. "Nel mondo degli affari, vediamo una preferenza per il rapido oltre il giusto, in gran parte perché devono essere prese tante decisioni. L'idea che la decisione rapida sia migliore sta diventando normativa. "

Ma le decisioni rapide non sono sempre le migliori decisioni. Essere colpiti al piatto non equivale a perdere il proprio fondo pensione a un venditore senza scrupoli. Il tempo consente al nostro cervello razionale di prendere in considerazione tutte le informazioni disponibili, soluzioni multiple e risultati probabili, e fare scelte giudiziose.

2. BACIO
Kelly Johnson, ingegnere aeronautico del design e leader del famoso Lockheed Martin Skunk Works, è accreditato con l'ormai famoso acronimo KISS, o "Keep it simple, Stupid". Johnson ha capito che anche gli esperti diventano ansiosi e mentalmente esausti quando cercano di assorbire troppe informazioni da troppe fonti. Di conseguenza, trascurano i dati critici, interpretano erroneamente relazioni e conseguenze e commettono errori critici.

Alcuni hanno analogizzato la situazione con un uomo assetato che cerca di bere da una caserma dei pompieri. In tali casi, è meglio fare un passo indietro e riesaminare i dati per pertinenza, affidabilità e applicazione, scartando l'irrilevante e banale per concentrarsi sui driver principali e il risultato più desiderabile.

3. Chiedi "Cosa succede se?
Il Dr. Simon Baron-Colon dell'Università di Cambridge ha definito la capacità umana di "immaginare" come una "capacità meta-rappresentativa". Il teorico degli affari Peter Schwartz, l'autore di "L'arte della lunga visione", ne definisce l'uso nella strategia "Pianificazione degli scenari", un processo creativo per sviluppare una varietà di risultati futuri plausibili come risultato di una decisione specifica e di come l'azienda sarebbe interessata da ciascuno di essi. Mentre la pianificazione degli scenari non è garanzia di una buona decisione, il suo uso invariabilmente amplierà le tue opzioni e ridurrà le possibilità di una sorpresa o di un risultato non intenzionale.

4. Dormi su di esso
"Se lasci che le cose ti succedano continuamente, non puoi usare ulteriori informazioni per fare un salto creativo o un giudizio saggio", dice la psicologa e autrice Joanne Cantor nel suo libro del 2009 "Conquer Cyber ​​Overload." "Devi allontanati dal costante afflusso e prenditi una pausa. "

Fare una pausa, anche dormendo durante la notte, consente al cervello di integrare inconsciamente nuove informazioni con le conoscenze esistenti, creare nuove connessioni e vedere schemi nascosti. Al contrario, una costante attenzione ai dati più recenti rende più difficile per le informazioni filtrare appena al di sotto della consapevolezza cosciente, dove può combinarsi in modi che suscitano decisioni intelligenti.

5. Fidati del tuo istinto
In linea di massima, la nostra mente emotiva ha servito l'umanità superbamente per milioni di anni. Continuiamo a fare affidamento su di esso per la maggior parte delle nostre decisioni perché porta a un buon risultato per la maggior parte del tempo. Le migliori decisioni, comunque, sono quelle decisioni che possiamo razionalmente rendere anche "sentirsi bene" - quelle situazioni in cui hai fatto i compiti, considerato tutti i fatti, e la decisione coincide con la tua intuizione, un altro termine per il tuo emotivo capacità del cervello di acquisire conoscenza senza ragione.

Parola finale

"Cosa pensavi che sarebbe successo quando avresti lasciato la bicicletta sbloccata davanti al negozio?" Cinquant'anni dopo, mi trovo ancora a saltare le conclusioni, lasciando che le mie emozioni abbiano la meglio su di me e prendere decisioni illogiche. Ma ogni errore è un'esperienza di apprendimento, un ricordo che si aggiunge al mio catalogo mentale e mi spinge a "usare il mio noodle" in futuro, con risultati migliori e meno sorprese nella mia vita e nella mia carriera lavorativa.


10 modi per risparmiare denaro acquistare prodotti freschi - frutta e verdura

10 modi per risparmiare denaro acquistare prodotti freschi - frutta e verdura

Sai che dovresti lottare per cinque porzioni di frutta e verdura ogni giorno, ma le scelte salutari non sono sempre economiche. Se tagli gli angoli per risparmiare denaro, finirai con alimenti meno nutrienti.Non sprecare i tuoi soldi con alternative zuccherate e annacquate a cibi sani e non rimanere bloccato con una cucina fornita di prodotti scaduti

(Soldi e affari)

Quando ha senso utilizzare una carta di credito?

Quando ha senso utilizzare una carta di credito?

In un mondo perfetto non dovresti mai usare una carta di credito per qualsiasi acquisto. Tutto ciò che desideri potrebbe essere pagato in modo rapido e semplice con denaro contante dal tuo conto bancario. Anche se questa è la situazione ideale, a volte semplicemente non è possibile. Ci sono alcune situazioni in cui l'uso di una carta di credito ha un senso. A

(Soldi e affari)