it.lutums.net / Qual è il vero tasso di disoccupazione nazionale negli Stati Uniti - Perché i numeri possono essere fuorvianti

Qual è il vero tasso di disoccupazione nazionale negli Stati Uniti - Perché i numeri possono essere fuorvianti


Il tasso di disoccupazione è una variabile che gli economisti utilizzano abitualmente per misurare la salute dell'economia.

Tuttavia, alcune persone pensano che il tasso di disoccupazione federale non rifletta accuratamente la realtà. In effetti, il tasso reale di disoccupazione potrebbe effettivamente essere molto più alto di quello che viene riportato.

I governi statali e federali calcolano diversamente la disoccupazione. Gli Stati spesso misurano la disoccupazione in base al numero di persone che ricevono sussidi di disoccupazione. Ma questo, ovviamente, può essere fuorviante dal momento che le prestazioni di disoccupazione scadono, lasciando i disoccupati senza un modo per essere misurati.

Il governo federale degli Stati Uniti, che rilascia l'onnipresente "tasso di disoccupazione" su cui si concentra il nostro paese, utilizza un calcolo per misurare quante persone sono disoccupate, sebbene questa misura sia anche difettosa.

Come viene calcolato il tasso di disoccupazione?

I topografi del Bureau of Labor Statistics (BLS) visitano 60.000 famiglie ogni mese e fanno una serie di domande per determinare lo status professionale di qualcuno. Se qualcuno lavora a tempo pieno, a tempo parziale o è un lavoratore autonomo, è considerato impiegato. Se qualcuno non ha un lavoro di alcun tipo, ma ne ha cercato uno nelle ultime quattro settimane, è considerato disoccupato. Se qualcuno non ha un lavoro e non ne sta cercando uno, è considerato al di fuori della forza lavoro.

Il tasso viene quindi calcolato come il numero di persone che cercano attivamente posti di lavoro (vale a dire i "disoccupati") divisi per il numero di persone che hanno un lavoro più quelle che guardano attivamente (cioè la "forza lavoro"). Chi non guarda non è considerato parte del calcolo.

Ad esempio, supponiamo che BLS conduca un'indagine su 60.000 famiglie che produce 110.000 rispondenti. Nel loro sondaggio, trovano i seguenti risultati:

  • Di quelli che hanno risposto, 60.000 hanno un lavoro. Lavorano per un datore di lavoro o hanno un'attività in proprio.
  • Altri 10.000 dicono di essere in cerca di lavoro.
  • I restanti 40.000 non sono considerati parte della forza lavoro. Possono tornare a scuola, disabili e incapaci di lavorare, o forse hanno rinunciato a cercare lavoro perché l'economia è così brutta. La cosa più sorprendente è che l'esistenza di questo ultimo gruppo è completamente ignorata dal tasso di disoccupazione.

Secondo questo risultato, il tasso di disoccupazione sarebbe del 14, 3%. Questo è calcolato calcolando (10.000 / (10.000 + 60.000)) = 14.3%. Le 40.000 persone che non sono classificate nella forza lavoro non sono coinvolte nel calcolo, anche se questo numero include probabilmente coloro che hanno bisogno di lavoro e vorrebbe prendere un lavoro se offerto.

Difetti con i calcoli di disoccupazione

Ci sono diversi motivi per cui i calcoli di disoccupazione non sono completamente accurati:

  1. Il numero di persone escluse dalla forza lavoro è sbalorditivo . Milioni di persone hanno recentemente lasciato la forza lavoro. Il numero di americani disoccupati sarebbe più di un terzo più alto se queste persone fossero incluse, il che a sua volta aumenterebbe significativamente il tasso di disoccupazione. Le statistiche inoltre non riflettono il numero di neolaureati che si sono dichiarati non in cerca di lavoro.
  2. L'indagine sulle famiglie utilizza una dimensione campione limitata . Sebbene 60.000 famiglie possano sembrare tante, non è affatto rappresentativo dei 115 milioni circa che esistono negli Stati Uniti. È difficile sapere quanto bene queste 60.000 famiglie rappresentino il paese nel suo complesso. Molti fattori determinano chi è disoccupato, come l'istruzione, l'etnia e la geografia (che può variare da stato a stato, da città a città o anche da strada a strada). Se un particolare gruppo era sovrarappresentato o sottorappresentato, la cifra può essere fortemente distorta.
  3. Molte persone sono incluse come occupate quando non guadagnano un reddito vivibile . Solo perché qualcuno è classificato come impiegato non significa che possa sopravvivere con il proprio reddito. Sono "sottoccupati" e non sono rappresentati nel tasso di disoccupazione federale. Ho un amico il cui datore di lavoro le dà lavoro solo quattro giorni ogni due settimane, quindi deve ancora vivere con i suoi genitori. Sebbene sia tecnicamente impiegata, non riesce a sbarcare il lunario con il suo lavoro part-time. Inoltre, alcuni sono considerati lavoratori autonomi, ma la loro attività non genera entrate sostanziali. Molti altri lavori, come i lavoratori agricoli o le società turistiche, offrono un impiego stagionale, quindi qualcuno classificato come impiegato può lavorare solo per un paio di mesi.
  4. Il sondaggio aziendale conta due persone che hanno più lavori . Se lavori su una frittura a KFC, fai lavori di carrozzeria e aiuti con una società di architettura paesaggistica, aggiungerai tre lavori al sondaggio. In altre parole, il tuo lavoro part-time può finire con "contare" per qualcuno che è effettivamente disoccupato. Ciò rende difficile sapere quante persone hanno davvero un lavoro, soprattutto nei momenti in cui molti devono trovare un secondo lavoro solo per cavarsela.
  5. La sovrapposizione può causare confusione . Alcune persone cadono in un paio di situazioni di disoccupazione. Ad esempio, gli studenti sono normalmente esclusi dalla forza lavoro. Tuttavia, se uno studente liceale inizia a cercare lavoro, diventa parte della forza lavoro e viene classificato come disoccupato fino a quando non trova uno. Le persone vengono anche considerate come occupate se hanno appena perso il lavoro, ma hanno lavorato durante la settimana di riferimento utilizzata dallo statistico.
  6. Le persone sono classificate come impiegate purché "tecnicamente" abbiano ancora un lavoro . Spesso, qualcuno viene posto in congedo temporaneo a causa di una serie di problemi, ma è chiaro che rischiano di perdere il posto di lavoro in modo permanente. Altri devono andarsene per ragioni mediche, ma potrebbero non essere in grado di tornare al lavoro. Queste persone potrebbero sapere che non torneranno a lavorare di nuovo, ma fino a quando il loro status lavorativo non sarà risolto, saranno classificati come occupati.

Qual è il tasso reale di disoccupazione?

La disoccupazione è difficile da calcolare con precisione per una serie di motivi. Il problema più grande è che il vero tasso di disoccupazione è soggettivo. Ecco alcune domande che potresti porsi quando decidi qual è il tasso reale di disoccupazione:

  1. Dovremmo contare qualcuno come disoccupato se vogliono un lavoro ma non lo cercano?
  2. Se qualcuno che non ha voglia di lavorare viene classificato come disoccupato invece di essere escluso dalla forza lavoro?
  3. I cittadini disabili che non possono lavorare devono essere classificati come disoccupati?
  4. I lavoratori autonomi dovrebbero essere classificati come disoccupati se non hanno un reddito?
  5. Gli studenti delle scuole superiori dovrebbero essere inclusi nel calcolo?

Oltre al BLS, altre organizzazioni misurano la disoccupazione e possono produrre tassi fino a due volte tanto o più alti del tasso determinato dal governo.

Parola finale

Considerando i fattori sopra, è facile capire come i tassi di disoccupazione possano essere fuorvianti. Se hai bisogno di avere un'idea di quante persone hanno un lavoro, sii scettico nei confronti delle cifre fornite dai governi federale e statale. In effetti, con la scadenza dei sussidi di disoccupazione, i numeri potrebbero effettivamente migliorare in alcuni stati.

La disoccupazione è certamente un fattore importante da considerare quando si valuta la salute generale dell'economia, ma può essere meglio misurata dalla propria esperienza personale. Se sei uno dei tanti disoccupati che non trovano lavoro, guarda meno allo stato generale dell'economia e più verso modi in cui potresti essere in grado di fare il miglior uso della tua disoccupazione.


Come usare meno e risparmiare su 5 prodotti domestici comuni

Come usare meno e risparmiare su 5 prodotti domestici comuni

Hai mai letto le indicazioni sul retro del tuo detersivo per bucato? Sai, dove dice " Usa 2/3 tazze per carichi pesanti, 1/2 tazza per carichi più leggeri" e così via.Il problema con queste indicazioni, e con molti dei prodotti che usiamo quotidianamente, è che quando seguiamo le indicazioni "uso consigliato", finiamo per usare molto più del necessario. Ov

(Soldi e affari)

11 Divertenti idee per feste di Capodanno per cibo, giochi e decorazioni

11 Divertenti idee per feste di Capodanno per cibo, giochi e decorazioni

Immagina una fantastica festa di Capodanno a casa tua con tutti i tuoi amici: decorazioni scintillanti e candele tutto intorno. I tuoi ospiti scattano foto esilaranti, ballano con rumorosi e pazzi rumoristi e godono di una selezione di stuzzichini. Quando l'orologio segna le 12, brinda di champagne e festeggia la cena di mezzanotte

(Soldi e affari)