it.lutums.net / Libero commercio e protezionismo - NAFTA, TPP, TTIP e BIT

Libero commercio e protezionismo - NAFTA, TPP, TTIP e BIT


Il dibattito sul libero scambio contro le tariffe protettive (tasse) ha imperversato per secoli. Tuttavia, è diventato particolarmente virulento mentre i paesi industrializzati perdono una quantità crescente di posti di lavoro nei paesi emergenti. I commercianti liberi, preoccupati della possibilità di nuove tariffe per proteggere le industrie indigene, prevedono un'apocalisse commerciale. Riferito dal TIME, Robert Zoellick, presidente della Banca Mondiale, ha affermato: "Se iniziamo a scatenare un giro di protezionismo, come avete visto negli anni '30, potrebbe approfondire la crisi mondiale".

I fautori del libero scambio - tra cui molti economisti - affermano che i benefici dei prezzi più bassi superano di gran lunga i costi dei redditi più bassi e dei lavoratori sfollati. Il professore di economia Alan Binder, iscritto alla Library of Economics and Liberty, sostiene che il livello salariale di un paese dipende non dalla sua politica commerciale, ma dalla sua produttività: "Finché i lavoratori americani rimarranno più qualificati e più istruiti, lavoreranno con più capitale, e usano una tecnologia superiore, continueranno a guadagnare salari più alti rispetto alle loro controparti cinesi ".

Gli oppositori del libero scambio non sono d'accordo. Il senatore Bernie Sanders del Vermont ha costantemente votato contro gli accordi commerciali, incluso l'accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA). Sostiene che gli accordi commerciali hanno incoraggiato le società che cercano manodopera a basso reddito e meno regolamenti per chiudere fabbriche e spedire posti di lavoro all'estero. Secondo il senatore su Fox News, "Nel corso degli anni, noi [l'America] abbiamo perso milioni di posti di lavoro decenti. Questi accordi commerciali hanno forzato i salari in America, quindi il lavoratore medio in America oggi sta lavorando per ore più lunghe per i salari più bassi ".

Comprendere la storia delle tariffe e del libero scambio, specialmente negli Stati Uniti, è necessario per valutare gli effetti del NAFTA e del proposto Trans-Pacific Partnership (TPP). Sono inoltre in discussione altri due importanti accordi commerciali: il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) e il China Bilateral Investment Treaty (BIT) - che potrebbero avere anche ramificazioni globali.

Tariffe e libero scambio nel 20 ° secolo

Alla fine della prima guerra mondiale, i sostenitori delle alte tariffe riconobbero che le tariffe non erano la fonte più importante di entrate governative e quindi adottarono un argomento alternativo. C'era la convinzione diffusa che le tariffe avvantaggiassero i ricchi mentre aumentavano il costo delle merci per gli altri americani. Di conseguenza, i protezionisti hanno giustificato le tariffe principalmente come un modo per promuovere l'occupazione per i cittadini del loro paese. Questo argomento coincise con la crescente preoccupazione che beni economici stranieri distruggessero i produttori nazionali e portassero alla disoccupazione diffusa.

Dopo la prima guerra mondiale, il nazionalismo economico e il protezionismo dominavano il commercio mondiale con i paesi che creavano nuove tasse sui beni stranieri per proteggere le industrie indigene e mantenere la piena occupazione dei loro cittadini. Mentre l'economia globale si restringeva, i paesi si ritirarono dietro le nuove tariffe e blocchi commerciali per proteggere le industrie indigene fino a dopo la seconda guerra mondiale.

Dai primi anni del 1900 fino alla Grande Depressione, l'economia americana prosperò anche quando il paese divenne isolazionista. Nel 1922, il Congresso approvò la Fordney-McCumber Tariff (che aumentò le tasse sulle importazioni) per aiutare gli agricoltori e gli operai a trovare lavoro. Nel 1930 fu approvata la controversa legge sulle tariffe Smoot-Hawley, che stimolò un aumento delle tariffe punitive diffuse in tutto il mondo. Ma Smoot-Hawley non aveva l'effetto desiderato di proteggere in definitiva gli affari americani; secondo la Foundation for Economic Education, è stato un fattore significativo nel successivo collasso economico globale.

Espansione del libero scambio

Per favorire la ripresa economica dalla Grande Depressione, la controversa Legge sugli accordi commerciali reciproci è stata approvata nel 1934. Ha dato al presidente il potere di negoziare accordi commerciali bilaterali con altri paesi, con l'approvazione del Congresso. Quando il paese si riprese, cambiò il sentimento verso il libero commercio. Nel 1947, 23 nazioni firmarono l'Accordo Generale sulle Tariffe e il Commercio (GATT), portando a una sostanziale riduzione delle tariffe in tutto il mondo. L'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) ha sostituito il GATT nel 1995 e attualmente conta 162 paesi membri.

Successivi atti commerciali sotto il presidente Richard Nixon e la loro estensione nel 2002 sotto il presidente George W. Bush hanno dato al presidente il potere di "accelerare" l'approvazione degli accordi commerciali con un semplice voto al Congresso su o giù. Dal suo passaggio, il processo di "fast track" è stato utilizzato solo 16 volte, in genere per controversi accordi commerciali. Tuttavia, il potere di tracciare rapidamente un accordo commerciale è scaduto alla fine del 2007 a causa della crescente preoccupazione populista che le compagnie straniere stessero prendendo posti di lavoro americani.

Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA)

L'accordo di libero scambio nordamericano è uno di questi accordi accelerati, ed è stato un argomento controverso nella campagna presidenziale del 1992. I negoziati per l'accordo erano iniziati nel 1990 sotto il presidente George HW Bush, che ricevette un'autorità accelerata nel 1991, poi estesa fino al 1993. Mentre i sostenitori del governo dell'accordo - inclusi i candidati presidenziali George HW Bush e Bill Clinton - predissero che il NAFTA avrebbe portare ad un surplus commerciale con il Messico e centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro, il candidato di terze parti Ross Perot non è stato d'accordo con forza. Sosteneva che il suo passaggio avrebbe comportato un "suono di suzione gigante che andava verso sud", con il denaro che usciva dagli Stati Uniti in Messico.

Il NAFTA è entrato in vigore il 1 gennaio 1994, tra i paesi del Canada, del Messico e degli Stati Uniti. Lo scopo dell'accordo era quello di eliminare tutte le tariffe tra i tre paesi entro 10 anni, escludendo alcune esportazioni statunitensi verso il Messico per essere gradualmente eliminate per 15 anni.

L'accordo conteneva anche due accordi collaterali negoziati dal rappresentante commerciale del presidente Clinton, Mickey Kantor, in merito a quanto segue:

  • Diritti e condizioni di lavoro . Questo accordo è stato un tentativo di placare l'AFL-CIO (un sostenitore del Partito democratico tradizionale) e le loro preoccupazioni sul fatto che l'accordo porterebbe a accordi simili con altri paesi con bassi salari e la perdita di posti di lavoro in America. Sebbene le intenzioni alla base del patto sul lavoro fossero buone, l'esito è stato deludente. Secondo Rebecca Van Horn, scrivendo nel Forum internazionale sui diritti del lavoro 12 anni dopo il passaggio del NAFTA, l'accordo è stato inefficace dal momento che "le violazioni dei diritti dei lavoratori abbondano, un sistema di immigrazione rimane rotto e il legame tra il benessere dei lavoratori all'estero e dei lavoratori a casa non esaminato. "
  • Protezioni ambientali . Preoccupati del fatto che il Messico sarebbe diventato un paradiso per gli inquinatori industriali, gli ambientalisti si sono opposti al NAFTA e hanno presentato una denuncia per richiedere all'amministrazione Clinton di presentare una dichiarazione di impatto ambientale prima di sottoporre l'accordo al Congresso per l'approvazione. Se confermato, la strategia avrebbe ucciso il trattato. Di conseguenza, sono state aggiunte sanzioni commerciali al Messico, nel caso in cui violassero le disposizioni ambientali. Mentre l'accoppiamento delle preoccupazioni ambientali per il libero scambio era innovativo all'epoca, l'agenzia di controllo istituita dall'accordo - la Commissione per la cooperazione ambientale (CEC) - era gravemente sottofinanziata e mancava di autorità di controllo sulle parti. Uno studio indipendente della CEC nel 2012 ha concluso che sembra essere "moderatamente efficace nel promuovere la cooperazione ambientale per migliorare i programmi ambientali nazionali", ma non è stato in grado di far rispettare le leggi ambientali o integrare il commercio e l'ambiente come originariamente sperato.

Effetti economici

Secondo le cifre del Censimento USA, le esportazioni e le importazioni degli Stati Uniti verso il Messico nel 1994 ammontavano rispettivamente a $ 50, 8 milioni e $ 49, 5 milioni, creando un saldo commerciale positivo inferiore a $ 2 milioni. Entro il 2015, le esportazioni sono salite a $ 235, 7 milioni con importazioni di $ 296, 4 milioni, creando un deficit commerciale di $ 60, 7 milioni. Nei 21 anni trascorsi dal passaggio del NAFTA, il deficit commerciale cumulativo con il Messico è stato di quasi $ 820 milioni.

Il Census Bureau riportava esportazioni e importazioni in Canada nel 1995 di $ 127, 226 milioni e $ 144, 369, 9 milioni, rispettivamente. Mentre le esportazioni annuali in Canada erano più che raddoppiate entro il 2015 ($ 280, 609 milioni), le importazioni sono aumentate allo stesso ritmo ($ 296, 155, 6 milioni). Il deficit commerciale cumulativo con il Canada è stato superiore a $ 870 milioni nel periodo 1995-2015.

Nonostante le intenzioni di produrre un surplus commerciale, la previsione di Ross Perot del denaro che sta canalizzando il sud (e il nord) dagli Stati è supportata dai numeri.

Ma indipendentemente dal fatto che il NAFTA sia stato vantaggioso per il paese dipende dalla scelta delle analisi degli esperti:

  • L'economista Robert Scott dell'istituto di politica economica di sinistra sostiene che i deficit commerciali con il Messico ammontavano a 97, 2 miliardi di dollari e costano 682, 900 posti di lavoro nel periodo compreso tra il 2010 e il 2010. Scott sostiene inoltre che i nuovi posti di lavoro che hanno sostituito i posti di lavoro persi hanno pagato meno, stimando gli americani i lavoratori hanno perso $ 7, 6 miliardi di salari solo nel 2004. Il collega di Scott, Jeff Faux, che scrive in The Huffington Post, afferma che il NAFTA e altri accordi commerciali favoriscono le società desiderose di produrre "in paesi dove il lavoro è economico, le norme sulla salute pubblica sono deboli ei governi sono facilmente corruttibili".
  • Nel suo blog personale, il professore di economia Brad DeLong dell'Università della California sostiene che il NAFTA ha causato una perdita di soli 350.000 posti di lavoro - un piccolo numero di 140 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti. Egli stima che 700.000 nuovi posti di lavoro per esportare in Messico sarebbero risultati se la politica monetaria e fiscale fosse rimasta invariata. DeLong rileva inoltre che il Messico ha beneficiato di un aumento di 1, 5 milioni di posti di lavoro che indirettamente aiuta l'America. In ogni caso, la Camera di commercio degli Stati Uniti sostiene che il commercio con il Canada e il Messico sostiene quasi 14 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti, tra cui quasi cinque milioni di nuovi posti di lavoro.

Entrambe le parti riconoscono che le perdite di posti di lavoro si sono verificate dal passaggio del NAFTA, ma non sono d'accordo sulla sua causa. Molti sulla sinistra incolpano gli accordi commerciali o le commissioni e gli ufficiali aziendali che esternalizzano i lavori all'estero. Secondo James Moreland di Economy in Crisis, "Il mercato capitalista negli Stati Uniti rende quasi impossibile per qualsiasi azienda di successo evitare il richiamo di tagliare i posti di lavoro industriali americani e spedire il lavoro all'estero".

Trans-Pacific Partnership (TPP)

Nonostante la crescente opposizione al NAFTA per il suo contributo alla perdita di posti di lavoro americani, i colloqui sono iniziati sotto il presidente George W. Bush nel febbraio 2008 per partecipare ai colloqui sugli accordi commerciali di Pacific Four (Nuova Zelanda, Cile, Singapore e Brunei). Il presidente Obama ha continuato lo sforzo che successivamente ha coinvolto Australia, Perù, Vietnam, Malesia, membri del NAFTA, Canada e Messico e Giappone. Il partenariato transpacifico, l'accordo commerciale negoziato tra i 12 paesi del Pacifico, è stato firmato dalle parti all'inizio del 2016. La Cina è decisamente assente dall'alleanza. L'accordo non è ancora in vigore, dovendo passare prima il Congresso e gli organi legislativi degli altri paesi.

Come il NAFTA, l'accordo include la riduzione e l'eliminazione delle tariffe tra i firmatari (i paesi membri dell'accordo). L'accordo mira a proteggere la proprietà intellettuale, stabilire nuovi diritti sul lavoro, proteggere l'ambiente e ridurre la disparità di reddito tra le nazioni. Ricordando il controverso passaggio del NAFTA, gli oppositori e i fautori hanno fatto argomenti simili per il TPP che ha accompagnato il precedente accordo commerciale.

I firmatari dell'accordo in aggiunta agli Stati Uniti (e ai rispettivi volumi commerciali con gli Stati Uniti nel 2015) secondo i dati del censimento degli Stati Uniti sono i seguenti:

Benefici economici

I benefici derivanti dal passaggio di TPP proiettati dall'Office of the US Representative Trade includono:

  • L'eliminazione di 18.000 tariffe ora influisce sulle esportazioni statunitensi verso altri paesi nel partenariato
  • Nuovi posti di lavoro con una media di 5.800 per miliardi di dollari di esportazioni con un aumento del 18% rispetto ai posti di lavoro non di esportazione
  • Tutela del lavoro e tutela ambientale, requisiti per le imprese governative di proprietà straniera per competere in modo equo e regole per mantenere Internet libera e aperta

Proponenti di TPP

In The Diplomat, William William Watson, analista politico presso il Cato Institute, afferma che "il libero scambio è universalmente valido. Il valore degli accordi di libero scambio è il modo in cui riducono le barriere protezionistiche commerciali che deviano i guadagni degli scambi economici a un ristretto gruppo di cercatori di affitto politicamente connessi [coloro che cercano guadagno economico attraverso il processo politico senza beneficio per gli altri]. "Secondo il Ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti, oltre la metà degli amministratori delegati americani assumerebbe più lavoratori statunitensi se potessero vendere più esportazioni.

I sostenitori dell'accordo comprendono la coalizione statunitense per TPP. Descritto come un ampio gruppo di società e associazioni statunitensi che rappresentano i principali settori dell'economia statunitense, il gruppo lavora a stretto contatto con la Camera di commercio statunitense. Altri gruppi di imprese che sostengono il passaggio di TPP includono l'Associazione nazionale dei produttori, Business Roundtable, National Small Business Association e American Farm Bureau Federation.

Secondo Techdirt, Big Pharma, Hollywood e Wall Street (tre delle maggiori industrie di lobbying a Washington, DC) sono sostenitori della partnership perché riceveranno un'ulteriore protezione dalla concorrenza dei concorrenti stranieri.

Opposizione all'accordo

Il vincitore del premio Nobel Paul Krugman, in genere per il libero scambio, ha scritto sul New York Times che il TPP aumenta la capacità di alcune società di affermare il controllo sulla proprietà intellettuale, creando "monopoli legali". Inoltre afferma: "Ciò che è positivo per Big Pharma è non è affatto buono per l'America ". Mentre il governo federale si riferisce al TPP come un nuovo accordo commerciale di alto livello che livella il campo d'azione per i lavoratori americani e le imprese americane, l'opposizione al suo passaggio è molto diffusa:

  • Electronic Frontier Foundation . Il FEP, un'organizzazione senza fini di lucro che difende le libertà civili nel mondo digitale, afferma che TPP è "un accordo commerciale segreto e multinazionale che minaccia di estendere le leggi restrittive sulla proprietà intellettuale in tutto il mondo".
  • Pubblico cittadino Un'organizzazione non-profit, apartitica fondata nel 1971, Public Citizen sostiene che l'accordo soddisfa 500 consulenti commerciali ufficiali che rappresentano interessi aziendali a scapito dell'interesse pubblico e che il patto "promuoverà l'offshoring del lavoro e farà cadere le retribuzioni degli Stati Uniti".
  • AFL-CIO . La federazione di 56 sindacati che rappresentano 12, 5 milioni di lavoratori afferma che il TPP è modellato sulla base del NAFTA, "un accordo di libero scambio che aumenta i profitti aziendali globali lasciando alle spalle le famiglie che lavorano".
  • Membri del Congresso democratico . Secondo The Economist, l'opposizione del Congresso al passaggio di TPP si è irrigidita. "I nostri elettori non ci hanno mandato a Washington per fare il loro lavoro all'estero", hanno dichiarato tre democratici della Camera: George Miller della California, Louise Slaughter di New York e Rosa DeLauro del Connecticut.

Il Cato Institute, un think tank conservatore, osserva che gli economisti di spicco sono divisi sul TPP, anche se sono sostenitori del libero scambio. Mentre favorisce il libero scambio, Daniel T. Griswold del Cato Institute si oppone al lavoro di collegamento e alle restrizioni ambientali sui partner. Osserva che i repubblicani hanno respinto l'uso delle sanzioni negli accordi commerciali, mentre i democratici hanno avvertito che non voteranno per i trattati senza tali sanzioni.

Probabilità di passaggio TPP

Mentre l'ambiente politico è diventato più populista, la probabilità di un passaggio TPP si attenua, almeno durante il mandato del presidente Obama. I due presunti candidati presidenziali del 2016 - Donald Trump e Hillary Clinton - si sono opposti pubblicamente al passaggio dell'accordo, riflettendo la sfiducia del pubblico nei confronti delle conseguenze dell'accordo.

Secondo Bloomberg Politics, "L'opposizione al libero commercio è un concetto unificante anche in un elettorato profondamente diviso, con due terzi degli americani che preferiscono più restrizioni alle merci importate invece che meno." L'articolo definisce il risultato "un rifiuto sbalorditivo di ciò che era un la pietra miliare del dopoguerra [WWII] delle politiche economiche ed estere americane ".

In un'intervista con Agri-Pulse, il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell ha dichiarato: "L'ambiente politico per approvare un disegno di legge è peggiore di qualsiasi altra volta nel periodo in cui sono stato al Senato ... Sembra triste per quest'anno [avere un voto ].”

In un'intervista a The Hill, il presidente della Camera di Commercio degli Stati Uniti, Tom Donohue, ha dichiarato: "In un'economia difficile, in un anno elettorale, nessuno è favorevole al commercio". Secondo Donohue, "Ci sono quattro o cinque persone che sono correre che sono nel caucus repubblicano che sarebbe a rischio, forse, se lo hanno votato in questo momento, oggi. "

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP)

Anche i colloqui per un accordo commerciale formale sono attivi tra gli Stati Uniti e l'Unione europea. Hanno iniziato ufficialmente a febbraio 2013 dopo anni di conversazioni preliminari. Insieme, gli Stati Uniti e l'UE sono i maggiori partner commerciali della maggior parte degli altri paesi e rappresentano un terzo del commercio mondiale. Se approvato, l'accordo sarebbe il più ampio accordo commerciale regionale della storia.

I negoziatori dovevano concludere l'accordo entro il 2019 o il 2020, seguito da un'approvazione da parte del Parlamento europeo e successiva ratifica da parte di ciascuno dei 28 membri dell'Unione. Tuttavia, il ritiro del Regno Unito ha minacciato il futuro dell'UE con conseguenze sconosciute per tutte le parti. Secondo Reuters, i colloqui continueranno come da programma, ma è improbabile che qualcosa possa essere realizzato prima del 2018.

China Bilateral Investment Treaty (BIT)

Il 9 ottobre 2000, il presidente Bill Clinton concesse alla Cina relazioni commerciali permanenti e regolari con gli Stati Uniti, accogliendo così l'ingresso della Cina nell'OMC. Nel suo discorso del 9 marzo 2000 alla Johns Hopkins University, il presidente Clinton ha detto: "E naturalmente, [l'ingresso nel WTO] farà avanzare i nostri interessi economici. Economicamente, questo accordo è l'equivalente di una strada a senso unico. Richiede che la Cina apra i suoi mercati - con un quinto della popolazione mondiale, potenzialmente i più grandi mercati del mondo - sia per i nostri prodotti sia per i servizi in nuovi modi senza precedenti ... Per la prima volta, le nostre aziende saranno in grado di vendere e distribuire prodotti in Cina fatti da lavoratori qui in America senza essere costretti a trasferire la produzione in Cina, vendere tramite il governo cinese o trasferire preziose tecnologie - per la prima volta. Saremo in grado di esportare prodotti senza esportare lavori. "

Clinton non era l'unico sostenitore della strategia. Secondo Manufacturing & Technology News, gruppi aziendali come il Business Council USA-Cina e la Business Coalition per il commercio USA-Cina (così come think tank come il Cato Institute) erano sostenitori vocali dell'ammissione della Cina all'OMC.

L'ex rappresentante commerciale Robert Lighthizer ha detto che gli Stati Uniti hanno giudicato male la Cina, affermando: "Ritenevano che l'adesione all'OMC avrebbe indotto la Cina a diventare sempre più occidentale nel suo comportamento". Invece, la Cina considerò l'OMC come "un veicolo per fare ciò che voglio fare e avere accesso ai mercati di altre persone ".

Uno studio apparso sul Journal of Labor Economics ha rilevato che le perdite di posti di lavoro americani direttamente attribuibili alla concorrenza delle importazioni cinesi erano comprese tra 2 milioni e 2, 4 milioni dal 1999 al 2011. Inoltre, una perdita indeterminata di altre perdite indirette di posti di lavoro ha portato alla perdita di lavoratori manifatturieri posti di lavoro e significativo potere d'acquisto.

Con l'incapacità dell'OMC di aprire i mercati cinesi, nel 2008 sono iniziate le discussioni tra gli Stati Uniti e la Cina per un accordo commerciale. Il BIT fornirà l'accesso agli investimenti per ogni paese - investimenti cinesi in America e investimenti americani in Cina - se superato. Secondo Marney Cheek, un partner specializzato nel commercio internazionale nello studio legale Covington & Burling, un accordo equo andrebbe bene per entrambe le parti se contenga protezioni contro l'esproprio senza compensazione, discriminazione o altri trattamenti arbitrari e libera circolazione degli investimenti- capitale relativo in entrata e in uscita dal paese in cui è stato effettuato l'investimento. Mentre sia l'America che la Cina hanno indicato il desiderio di andare avanti, l'incertezza che circonda il commercio mondiale rischia di ritardare qualsiasi accordo finale fino al 2020 o oltre.

Parola finale

Mentre il libero scambio è teoricamente positivo per l'economia di un paese, i suoi presunti benefici - nuovi posti di lavoro e salari più alti - sono stati elusivi. Scrivendo nella Scholars Strategy Network, l'economista John Miller contesta i vantaggi del libero commercio e afferma che "durante l'ascesa al potere economico, ognuno dei paesi sviluppati di oggi contava pesantemente sulle politiche del governo [mercantilismo] che gestivano e controllavano il suo coinvolgimento nel commercio internazionale". Egli cita l'uso della Gran Bretagna delle restrizioni commerciali prima del 1900 e l'uso di tariffe elevate da parte degli Stati Uniti dopo la guerra civile, nonché l'esempio moderno della Cina. È difficile trovare un unico accordo commerciale americano che abbia portato i benefici del lavoro agli americani come promesso dai loro sponsor.

Dirigenti aziendali, accademici e politici si concentrano su problemi come il crescente debito americano, la diffusa perdita di posti di lavoro manifatturieri ben pagati alla concorrenza offshore e l'aumento della disparità di reddito degli abbienti e dei non abbienti. Fino a quando non sarà compresa la relazione tra libero scambio e occupazione, gli accordi commerciali rimarranno controversi.

Sei stato colpito dal NAFTA? Il leader americano dovrebbe perseguire nuovi accordi commerciali?


Come vendere la tua auto in una transazione privata

Come vendere la tua auto in una transazione privata

Sei nel mercato per una macchina nuova o usata? Potresti voler eliminare prima quello vecchio.Certo, è bello fare un giro di sicurezza sul vialetto, ma le auto più vecchie sono noti pozzi di denaro: le tasse di rinnovo della registrazione, le tasse sulle ruote, i pagamenti dei prestiti e la manutenzione ordinaria si sommano, per non parlare degli esborsi sempre più onerosi per riparazioni inaspettate. A

(Soldi e affari)

RV Living: come scegliere un camper e dove campeggiare

RV Living: come scegliere un camper e dove campeggiare

Due delle più grandi decisioni che farai come RVer sono la scelta del camper e la selezione dei campeggi.C'è una serie infinita di opzioni, e ci sono vantaggi e svantaggi per ciascuno. Vuoi essere un minimalista e vivere in un camper che soddisfa solo le tue esigenze di spazio e comfort? Ti inclini di più allo stile "glamping" del campeggio e hai bisogno di una doccia calda e di un bucato in casa per sentirti a tuo agio? O

(Soldi e affari)